Chianti

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
giodiui
Messaggi: 215
Iscritto il: 14 set 2018 10:30
Località: Romagna

Re: Chianti

Messaggioda giodiui » 03 mar 2020 20:41

Postino ha scritto:
giodiui ha scritto:
emigrato ha scritto:
giodiui ha scritto:Ieri a Terre di Toscana. Qui alcune brevi ( :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: ) note di degustazione. Quasi tutti produttori di Radda, solo vini a base sangiovese. Fatto qualche brunello a seguire (Potazzine, Ragnaie, Argiano...) ma dopo i raddesi non mi hanno per nulla appassionato.

Bibbiano, CC 18 fattura classica, abbastanza elegante e fresco, notevole anche la riserva 16
Caparsa: produttore che riesce bene nelle annate fresche, molto minerale, quasi salato il Caparsino 2014, frutto in evidenza, ricco, intenso il 2016, davvero molto buono. le riserve 2015 un po’ cotte, danno iil segno di cosa aspettarsi dal 17, non in degustazione.
Castell’in villa CC 2015: grande classe ed eleganza, non sente il caldo dell’annata, unico 2015 assaggiato così fine ed elegante.
Castello di Albola. non male il CC base, segnati dal legno e pesanti tutti gli altri
Castello di Monsanto: elegante, molto (troppo) morbido il CC, la riserva e il Poggio. Più austero il Sangioveto Scanni 2016, mio preferito, di cui c'era in degustazione anche uno stratosferico 2006. Presente anche un Poggio 1968 per me largamente scollinato.
Volpaia: classico e ben fatto il CC d’annata, 2018, non assaggiato altro.
Corzano e Paterno, non piaciuti
Fèlsina: classici e ben fatti sia l’annata che Rancia e Fontalloro (leggermente più complesso quest’ultimo)
Fontodi: un gradino sopra Fèlsina, notevole il Sorbo 16, Flaccianello simile ma con più materia
Istine: molto piaciuto Vigna Istine 17, un po’ più in sofferenza da caldo gli altri
L’erta di radda: 2017 riuscitissima, CC e 2di2 freschissimi grazie a cambio radicale nella vinificazione. CCriserva 2016 frutto rosso intenso ma bella tensione che lo sostiene.
Montevertine: Pian del Ciampolo 18 spremuta di ciliegie, buonissimo. Montevertine 17 elegante e teso, non pesante, Pergole Torte 17 ancora troppo chiuso e concentrato.
Monteraponi: un gradino sotto Montevertine, più difficoltà a gestire il caldo, infatti spettacolare solo il Baron’Ugo 2016, e ancora meglio il 2013
Riecine: molto buono il CC 18, notevole anche la riserva 17, anche se in leggera difficoltà per il calore
San giusto: Baroncole 17 elegante e fine, non ha risentito del caldo. Percarlo 16 frutto rosso molto concentrato, ancora chiusissimo, simile al Pergole 17.
Tenuta di Carlone: troppo morbidi, non piaciuto nessuno
Vignamaggio: CC 17 abbastanza ben fatto, tradizionale. gli altri pesanti e segnati dal legno, non piaciuti.

Hai sentito il base 18 di San Giusto? Leggevo essere molot buono. Castell'in Villa chiama una visita quest'anno :mrgreen:

Base no ero verso il limite delle mie possibilità e selezionavo, ma se tanto mi dà tanto sarà ottimo. Da quanto ho sentito (bevuto e udito) la 18 è venuta bene, senza le difficoltà climatiche della 17, che poi S. Giusto ha gestito egregiamente. Castell'in villa, se ricordo bene, mi hanno detto che la 16n sarà in commercio da maggio. Lì avevano solo il CC 15, nient'altro.

Il base a me è piaciuto tanto, già molto beverino, comunque con una certa struttura, bella freschezza, fruttato giusto, un bell'equilibrio di tutte le componenti, davvero il "vinello" che vorrei.
Piaciuto di più della 17 bevuta pochi giorni fa. Annata sicuramente più facile da gestire. Ma ad esempio per non cambiare cantina, mi sembra abbiano fatto un bel lavoro con Le Baroncole 17. Tra cose già bevute e diversi assaggi fatti ieri, alla fine questa 17 mi sta regalando più piacevoli sorprese che spiacevoli conferme dei timori.
Produttori, a parte i soliti noti e le aziende più grosse, plauso particolare tra quelli assaggiati, a L' Erta di Radda che non conoscevo. Piaciute parecchio tutte e tre le referenze presentate, dal Due & Due ( piccolo OT) all' annata 17 alla riserva 16.
Bravo, bene, bis

MI associo al commento positivo su Erta. Il due & due è una vera chicca, freschissimo, bellissima tensione, frutto croccante. c'è il 30% di vitigni a bacca bianca. Come il Pian del Ciampolo non lo compri perché cerchi un sangiovese filologico, ma perché è buono, buono, buono. Diego poi è persona squisita. Giovane produttore con un gusto molto orientato alla finezza e alla freschezza, che con la 17 ha imparato a convivere con il caldo. E in prospettiva è una gran cosa. Se Val delle corti e Castell'in villa sono vini austeri, un po' di altri tempi (devo dire lo stile che preferisco), Erta di Radda cerca una cifra più fresca,, tannini presenti ma non invasivi, frutto rosso presente al naso ma senza troppa concentrazione. Un vino che richiede un po' di attenzione per essere compreso, ma poi dà grandi soddisfazioni, e a prezzi ancora molto ragionevoli.
Avatar utente
emigrato
Messaggi: 532
Iscritto il: 12 apr 2014 10:28
Località: Gdansk (Polonia)

Re: Chianti

Messaggioda emigrato » 13 mar 2020 10:44

Di recente ho stappato piu' di qualche bottiglia di Chianti ma fra Tenuta di Carleone base 2016 (piaciuto ma un po' atipico, molto sul floreale) e Querciabella 2015 (questo piu' classico) a spuntarla e' stata il Villa Pomona Riserva 2012, veramente una bella bevuta. Malgrado l'annata non fortunatissima la bottiglia era quello che mi aspetto da un Chianti Classico.

Lamponi, more, ciliegia e cuoio al naso, in bocca e' abbastanza ruspante senza essere aggressivo, con una bella acidita' che sostiene un tannino forse ancora da levigare ma non eccessivo. Finisce abbastanza lungo (direi oltre la media per la categoria). Col senno di poi si poteva aspettare ancora qualche anno per avere un tannino perfetto, ma la soddisfazione e' stata tanta, certamente sopra le aspettative generate dai base che ho bevuto negli anni e mi sono sempre sembrati un po' debolucci.
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12669
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: Chianti

Messaggioda l'oste » 14 mar 2020 02:18

giodiui ha scritto:MI associo al commento positivo su Erta. Il due & due è una vera chicca, freschissimo, bellissima tensione, frutto croccante. c'è il 30% di vitigni a bacca bianca. Come il Pian del Ciampolo non lo compri perché cerchi un sangiovese filologico, ma perché è buono, buono, buono. Diego poi è persona squisita. Giovane produttore con un gusto molto orientato alla finezza e alla freschezza, che con la 17 ha imparato a convivere con il caldo. E in prospettiva è una gran cosa. Se Val delle corti e Castell'in villa sono vini austeri, un po' di altri tempi (devo dire lo stile che preferisco), Erta di Radda cerca una cifra più fresca,, tannini presenti ma non invasivi, frutto rosso presente al naso ma senza troppa concentrazione. Un vino che richiede un po' di attenzione per essere compreso, ma poi dà grandi soddisfazioni, e a prezzi ancora molto ragionevoli.

Concordo su Erta, davvero una bella novità. Pulizia e freschezza, il paragone col Ciampolo è un gran complimento, se continuano così ci sta tutto.
Personalmente non metto Valdellecorti tra i Chianti "d'altri tempi" e austeri come Castell'in Villa, ma mi piacciono entrambi per motivi diversi, quindi non è importante.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Mike76
Messaggi: 1065
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: Chianti

Messaggioda Mike76 » 15 mar 2020 02:36

Az. Agr. Montefioralle - Chianti Classico Riserva 2012
Luogo e vino poco [email protected] qui, e un po' ovunque.
Colpevolmente potevo esserci anch'io, tra i non conoscenti, e invece il caso ha voluto che qualche anno fa partecipassi, pieno di entusiasmo, al Montefioralle Wine Festival.
In pochi eravamo, e anche per quello mi piacque, ma soprattutto per il delizioso borgo e i suoi ristorantini affacciati sulle colline sottostanti.
Con i pochi produttori potei scambiare opinioni e perfino assaggiare l'uva che avevano portato dalla recente vendemmia (se non sbaglio era il settembre del '16).
Butto un paio di foto che recupero ora dal cloud...


Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Tornando al vino, direi che è molto bello da bere adesso...

Immagine

...un po' differente dai vini di Greve, dal quale dista poco più di 1 km...più agile e snello...direi che sa di carne alla griglia e pepe nero, non il solito ematico e terra dei Chianti profondi, né la ciliegiona matura di quelli più a sud.
Anche lui vive, ignoto e divertito, tra queste terre pietrose e vitate.
Avatar utente
emigrato
Messaggi: 532
Iscritto il: 12 apr 2014 10:28
Località: Gdansk (Polonia)

Re: Chianti

Messaggioda emigrato » 15 mar 2020 08:39

Mike76 ha scritto:Az. Agr. Montefioralle - Chianti Classico Riserva 2012
Luogo e vino poco [email protected] qui, e un po' ovunque.
Colpevolmente potevo esserci anch'io, tra i non conoscenti, e invece il caso ha voluto che qualche anno fa partecipassi, pieno di entusiasmo, al Montefioralle Wine Festival.
In pochi eravamo, e anche per quello mi piacque, ma soprattutto per il delizioso borgo e i suoi ristorantini affacciati sulle colline sottostanti.
Con i pochi produttori potei scambiare opinioni e perfino assaggiare l'uva che avevano portato dalla recente vendemmia (se non sbaglio era il settembre del '16).
Butto un paio di foto che recupero ora dal cloud...

Tornando al vino, direi che è molto bello da bere adesso...

...un po' differente dai vini di Greve, dal quale dista poco più di 1 km...più agile e snello...direi che sa di carne alla griglia e pepe nero, non il solito ematico e terra dei Chianti profondi, né la ciliegiona matura di quelli più a sud.
Anche lui vive, ignoto e divertito, tra queste terre pietrose e vitate.

Grazie della segnalazione :) effettivamente ne ho letto fuori ma non qui, e mi chiedevo che valore effettivo avessero i vini di Montefioralle.

Aggiungerei che ci sono Riserve 2012 molto buona da bere ora, vista la tua e la mia nota 8)
cesmic
Messaggi: 3979
Iscritto il: 06 giu 2007 11:15
Località: Ho deciso di dare a de Hades la "paghetta" di 1 euro al giorno per fare: "up"..

Re: Chianti

Messaggioda cesmic » 02 apr 2020 10:50

Qualcuno ha assaggi recenti dei vini di Castello di Monterinaldi?
E poi, che barbarie, brodo vegetale ad un bambino dell'asilo... vuoi mettere con un paio di tubi di Pringles??? (Un amico)
Avatar utente
emigrato
Messaggi: 532
Iscritto il: 12 apr 2014 10:28
Località: Gdansk (Polonia)

Re: Chianti

Messaggioda emigrato » 02 mag 2020 19:41

Interessante chiacchierata fra Galloni, Giovanni Manetti e Masnaghetti:

https://www.youtube.com/watch?v=33uuFQnqKJc

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: lloyd142, quellocheaspetta e 1 ospite