mascarello e i tappi

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Sydney
Messaggi: 5926
Iscritto il: 06 giu 2007 11:28
Località: Venezia

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda Sydney » 05 dic 2013 19:01

meursault ha scritto:
paperofranco ha scritto:E' sicuro che sia l'enoteca ad accollarsi l'onere del cambio, rimettendoci i soldi?


Guarda papero, su questo aspetto le chiacchere stanno a zero.
Siamo tutti grandi e vaccinati e sulla sostituzione delle bottiglie le cose stanno in un certo modo, che è conosciuta da privati, intermediari e ristoratori.
Possiamo parlare di paritte di tappi difettose, di percentuali o esperienze personali, che legittimamente sono per alcuni positive per altri negative ma l'aspetto "sostituzione delle bottiglie", lasciamolo stare. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


Ma allora mi chiedo: se il problema è così diffuso e il loro comportamento acclarato, coma fanto a vendere ogni anno tutta la produzione?
vinogodi
Messaggi: 28521
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda vinogodi » 05 dic 2013 19:08

Sydney ha scritto:
Ma allora mi chiedo: se il problema è così diffuso e il loro comportamento acclarato, coma fanto a vendere ogni anno tutta la produzione?
...la simpatia gioca un ruolo importante, nel commercio... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
meursault
Messaggi: 5612
Iscritto il: 06 giu 2007 11:55

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda meursault » 05 dic 2013 19:30

Sydney ha scritto:Ma allora mi chiedo: se il problema è così diffuso e il loro comportamento acclarato, coma fanto a vendere ogni anno tutta la produzione?


I fattori sono tanti da considerare, comunque, direi:

1) La diffusione del problema non è di facile stima visto che ci sono più annate interessate non tutte in egual misura e probabilmente ci saranno anche diverse partite di sugheri e magari anche differenti imbottigliamenti. Quindi la percezione della difettosità cambia molto a seconda della propria esperienza e non è appunto facile stimare quante siano effettivamente le bottiglie che presentano problemi.
2) Molti consumatori non sono in grado di riconoscere questi problemi. Il tappo nettissimo magari sì ma la gamma dei difetti che noi abbiamo riscontrato, di cui diversi probabilmente riconducibili al tappo, è molto ampia. Si va dall'ossidazione leggera/più spinta, al vino rachitico e svuotato, al limone marcio, al tappettino subdolo ecc ecc......
Quindi se ti capita una bottiglia così così al ristorante o a casa ad una cena, e l'hai pure pagata pure un centone, te la bevi e te la fai anche piacere..
Quindi, di fatto, secondo me, le bottiglie che vengono riportate indietro sono solo una piccola parte di quelle realmente difettate.
3) Monprivato rimane uno dei più famosi e buoni vini che ci sono al mondo e tutto sommato il suo prezzo è ancora basso rispetto al livello qualitativo che ha quando la bottiglia è OK, quindi per alcuni forintori che possono aver riscontrato questo problema ed hanno interrotto i rapporti ce ne sono altri che magari sono in coda per acquistare questo vino.

Comunque, a prescidere dalla discussione sull'entità di questi problemi la cosa a mio avviso inaccettabile è che una azienda seria non può vendere un prodotto e poi lavarsi le mani in caso di problemi alla stessa. Oltre che una cosa palesemente scorretta mi sembra un comportamente che va a ledere in primo luogo l'azienda stessa.
...non può superare un certo delta, altrimenti, scusassero, uno dei due non ci ha capito un cazzo di quel vino(vinogodi)
La valutazione è oggettiva a meno di un delta (limitato, diciamo circa 5 punti) dovuto alla inevitabile componente soggettiva(fufluns)
Avatar utente
marwine
Messaggi: 2768
Iscritto il: 06 giu 2007 15:24
Località: Verona nel cuore

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda marwine » 05 dic 2013 19:30

vinogodi ha scritto:
Sydney ha scritto:
Ma allora mi chiedo: se il problema è così diffuso e il loro comportamento acclarato, coma fanto a vendere ogni anno tutta la produzione?
...la simpatia gioca un ruolo importante, nel commercio... 8)


Ahahah...ho sputazzato il monitor ... :lol: 8) :lol:
I'm a Veronese man in Bassan

I VOSTRI ETILOMETRI NON FERMERANNO LA NOSTRA SETE (N/≡\V)

Nondum matura est, nolo acerbam sumere
vinogodi
Messaggi: 28521
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda vinogodi » 05 dic 2013 21:11

meursault ha scritto:
Comunque, a prescidere dalla discussione sull'entità di questi problemi la cosa a mio avviso inaccettabile è che una azienda seria non può vendere un prodotto e poi lavarsi le mani in caso di problemi alla stessa. Oltre che una cosa palesemente scorretta mi sembra un comportamente che va a ledere in primo luogo l'azienda stessa.
...un succo del discorso ineccepibile...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda paperofranco » 05 dic 2013 21:14

meursault ha scritto:
paperofranco ha scritto:E' sicuro che sia l'enoteca ad accollarsi l'onere del cambio, rimettendoci i soldi?


Guarda papero, su questo aspetto le chiacchere stanno a zero.
Siamo tutti grandi e vaccinati e sulla sostituzione delle bottiglie le cose stanno in un certo modo, ed è noto a privati, intermediari e ristoratori.
Possiamo parlare di paritte di tappi difettose, di percentuali o esperienze personali, che legittimamente sono per alcuni positive per altri negative ma l'aspetto "sostituzione delle bottiglie", lasciamolo stare. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:


Guarda Matteo, invece io ti dico che le cose stanno anche in un altro modo. Non posso parlare per esperienza diretta perché non sono un venditore professionale, ma ti assicuro che quando si sono verificati dalle mie parti casi di bottiglie tappate/difettate(tutto il mondo è paese :mrgreen: ) comprate in enoteca, e la bottiglia è stata riportata con il tappo alla medesima, questa si è rivolta a chi di dovere e l'azienda ha sostituito la bottiglia, magari non della stessa annata perché non più disponibile, ma l'ha sostituita, con soddisfazione finale del cliente e dell'enoteca. Mi sono appena informato e ti assicuro che la mia è una fonte attendibile.
Avatar utente
gabriele succi
Messaggi: 1903
Iscritto il: 04 apr 2009 15:13
Località: Chateau de Bologne

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda gabriele succi » 05 dic 2013 22:35

Proprio oggi sono stato in una nota enoteca a Faenza a fare una consegna... caso volle che ci fosse da sostituire una boccia di Assiolo 2010 in quanto tappata in maniera mostruosa... il tipo mi fa:"non c'è fretta, quando passi di qua portane un'altra"... E io gli ho risposto che provvederò alla prima occasione...
Mi è venuto in mente il thread e ho detto:"mica faccio come i M. che non cambiano le bottiglie tappate!!!"
L'enotecario mi ha risposto che ha litigato più volte con il rappresentante della suddetta azienda, ma non c'è niente da fare... le bottiglie non si cambiano...
Poi ognuno ha la propria esperienza eh...
Anche un orologio rotto, due volte al giorno segna l'ora precisa (Anonimo)
Adosss, se gli chiedi il prestige, ti sbatte fuori (pippuz)
Uno vorrebbe anche discutere seriamente, ma come si fa? (il comandante)
docfa0332
Messaggi: 4693
Iscritto il: 20 apr 2009 18:00
Località: cittiglio

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda docfa0332 » 05 dic 2013 22:56

a me sono capitati due casi, uno con barolo granbussia 1996 di Conterno tre bt di cui una aperta da me a casa , ho chiamato l'azienda la quale mi ha proposto di riportagli le bt , visto che sono relativamente vicino mi sono recato da loro e me le hanno sostituite tutte e tre con l'ultima annata a disposizione oltre avrermi offerto una bella degustazione. Stessa cosa con Scavino 18 bt annata 98 , alcune le avevo aperte e le ho riconsegnate in azienda insieme alla altre ancora chiuse, ne abbiamo aperte diverse dal produttore e tutte avevano lo stesso problema , il tappo si spezzava e sbriciolava durante l'apertura, sostituite tutte e 18 con annate 2006 e 2009.
Dimostrazione della serietà di alcuni GRANDI produttori.
Nebbiolino
Messaggi: 6732
Iscritto il: 06 feb 2008 21:53

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda Nebbiolino » 05 dic 2013 22:56

paperofranco ha scritto:Io dico semplicemente questo.
Se uno non ha grande esperienza del vino in oggetto, quindi si trova in una posizione neutra non avendo abbastanza elementi per valutare da che parte posizionarsi sulla questione "tappi e bottiglie difettose", a parer mio non dovrebbe neanche porsi il problema, se acquistare o no una o più bottiglie. E' un vino importante, con una storia e un fascino indiscutibili; poi ognuno deciderà per conto proprio se è un gran vino, se non lo è, se è un vino normale. Ma non si può scansare a prescindere per paura del tappo.


Che nobiltà! :D

Peccato si parli di un vino da 65 euro/70 euro, ormai.
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda paperofranco » 05 dic 2013 23:03

Nebbiolino ha scritto:
paperofranco ha scritto:Io dico semplicemente questo.
Se uno non ha grande esperienza del vino in oggetto, quindi si trova in una posizione neutra non avendo abbastanza elementi per valutare da che parte posizionarsi sulla questione "tappi e bottiglie difettose", a parer mio non dovrebbe neanche porsi il problema, se acquistare o no una o più bottiglie. E' un vino importante, con una storia e un fascino indiscutibili; poi ognuno deciderà per conto proprio se è un gran vino, se non lo è, se è un vino normale. Ma non si può scansare a prescindere per paura del tappo.


Che nobiltà! :D

Peccato si parli di un vino da 65 euro/70 euro, ormai.


Non so se mi vuoi sfottere(mi riferisco al primo rigo), nel caso sto al gioco senza problemi :wink: .
Riguardo al secondo rigo, per me il Monprivato vale ogni euro del suo prezzo, che poi sarei più contento se costasse di meno penso sia inutile dirlo, no?
Avatar utente
gabriele succi
Messaggi: 1903
Iscritto il: 04 apr 2009 15:13
Località: Chateau de Bologne

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda gabriele succi » 05 dic 2013 23:34

Nebbiolino ha scritto:Peccato si parli di un vino da 65 euro/70 euro, ormai.

Ok, il Mp quando è ok è uno dei migliori vini del mondo...e la cosa fa incazzare ancora di più...
Comunque, non è un problema solo di quel vino...tant'è che ad es. Palma ha scritto che sul Villero 2001 il difetto è la bottiglia a posto...

:shock: :roll: :?
Anche un orologio rotto, due volte al giorno segna l'ora precisa (Anonimo)
Adosss, se gli chiedi il prestige, ti sbatte fuori (pippuz)
Uno vorrebbe anche discutere seriamente, ma come si fa? (il comandante)
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 13150
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda Kalosartipos » 06 dic 2013 09:20

gabriele succi ha scritto:Comunque, non è un problema solo di quel vino...tant'è che ad es. Palma ha scritto che sul Villero 2001 il difetto è la bottiglia a posto...

:shock: :roll: :?

Villero '01: aperta una bottiglia lo scorso mese...TCA... sarà sfiga :roll:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
gpetrus
Messaggi: 2523
Iscritto il: 21 ott 2009 17:41
Località: Trieste

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda gpetrus » 06 dic 2013 09:35

dopo aver letto i vostri interventi dico che ho sollevato la questione perche' dalle mie parti il Monprivato non si trova , sembra che a Trieste nebbiolo ( Barolo e Barbaresco ) lo beviamo in veramente in pochi :mrgreen: :mrgreen: .
Percio' io cerco di comprarli in Langa, molto spesso direttamente in cantina.....pero' fino ad ora quelle poche ( pochissime ) bt sfigate ( di altri produttori ) mi sono state cambiate sempre......da qui ecco la perplessita' di comprare o meno il Monprivato......ammesso che lo compri in enoteca in Langa ... faccio 600 km per farmi cambiare la bt ??
mi piacerebbe sapere , come detto da qualcuno di voi se Roland le cambia , visto che le vende....
resta un grande Barolo , che nelle bt perfette e' uno dei miei vini di riferimento :)
per correttezza devo dire che ho rotto in cantina un Brunate 99 di Rinaldi , l'anno successivo Beppe mi ha regalato una delle sue , sempre stessa annata, un grande :lol:
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda vittoxx » 06 dic 2013 14:25

gpetrus ha scritto:dopo aver letto i vostri interventi dico che ho sollevato la questione perche' dalle mie parti il Monprivato non si trova , sembra che a Trieste nebbiolo ( Barolo e Barbaresco ) lo beviamo in veramente in pochi :mrgreen: :mrgreen: .
Percio' io cerco di comprarli in Langa, molto spesso direttamente in cantina.....pero' fino ad ora quelle poche ( pochissime ) bt sfigate ( di altri produttori ) mi sono state cambiate sempre......da qui ecco la perplessita' di comprare o meno il Monprivato......ammesso che lo compri in enoteca in Langa ... faccio 600 km per farmi cambiare la bt ??
mi piacerebbe sapere , come detto da qualcuno di voi se Roland le cambia , visto che le vende....
resta un grande Barolo , che nelle bt perfette e' uno dei miei vini di riferimento :)
per correttezza devo dire che ho rotto in cantina un Brunate 99 di Rinaldi , l'anno successivo Beppe mi ha regalato una delle sue , sempre stessa annata, un grande :lol:

Roland è un signore e un professionista e risponde della sua merce. In questo caso mi risulta di tasca sua
Avatar utente
meursault
Messaggi: 5612
Iscritto il: 06 giu 2007 11:55

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda meursault » 06 dic 2013 14:34

vittoxx ha scritto:
gpetrus ha scritto:dopo aver letto i vostri interventi dico che ho sollevato la questione perche' dalle mie parti il Monprivato non si trova , sembra che a Trieste nebbiolo ( Barolo e Barbaresco ) lo beviamo in veramente in pochi :mrgreen: :mrgreen: .
Percio' io cerco di comprarli in Langa, molto spesso direttamente in cantina.....pero' fino ad ora quelle poche ( pochissime ) bt sfigate ( di altri produttori ) mi sono state cambiate sempre......da qui ecco la perplessita' di comprare o meno il Monprivato......ammesso che lo compri in enoteca in Langa ... faccio 600 km per farmi cambiare la bt ??
mi piacerebbe sapere , come detto da qualcuno di voi se Roland le cambia , visto che le vende....
resta un grande Barolo , che nelle bt perfette e' uno dei miei vini di riferimento :)
per correttezza devo dire che ho rotto in cantina un Brunate 99 di Rinaldi , l'anno successivo Beppe mi ha regalato una delle sue , sempre stessa annata, un grande :lol:

Roland è un signore e un professionista e risponde della sua merce. In questo caso mi risulta di tasca sua


Come di tasca sua?
Ma Mascarello almeno ad intermediari e ristoranti non risponde di bottiglie problematiche?
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
...non può superare un certo delta, altrimenti, scusassero, uno dei due non ci ha capito un cazzo di quel vino(vinogodi)
La valutazione è oggettiva a meno di un delta (limitato, diciamo circa 5 punti) dovuto alla inevitabile componente soggettiva(fufluns)
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda vittoxx » 06 dic 2013 14:45

meursault ha scritto:
vittoxx ha scritto:
gpetrus ha scritto:dopo aver letto i vostri interventi dico che ho sollevato la questione perche' dalle mie parti il Monprivato non si trova , sembra che a Trieste nebbiolo ( Barolo e Barbaresco ) lo beviamo in veramente in pochi :mrgreen: :mrgreen: .
Percio' io cerco di comprarli in Langa, molto spesso direttamente in cantina.....pero' fino ad ora quelle poche ( pochissime ) bt sfigate ( di altri produttori ) mi sono state cambiate sempre......da qui ecco la perplessita' di comprare o meno il Monprivato......ammesso che lo compri in enoteca in Langa ... faccio 600 km per farmi cambiare la bt ??
mi piacerebbe sapere , come detto da qualcuno di voi se Roland le cambia , visto che le vende....
resta un grande Barolo , che nelle bt perfette e' uno dei miei vini di riferimento :)
per correttezza devo dire che ho rotto in cantina un Brunate 99 di Rinaldi , l'anno successivo Beppe mi ha regalato una delle sue , sempre stessa annata, un grande :lol:

Roland è un signore e un professionista e risponde della sua merce. In questo caso mi risulta di tasca sua


Come di tasca sua?
Ma Mascarello almeno ad intermediari e ristoranti non risponde di bottiglie problematiche?
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Come no
ZEL WINE
Messaggi: 7187
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda ZEL WINE » 06 dic 2013 15:12

In teoria sarebbe obbligato dal c.c.
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 20252
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda pippuz » 06 dic 2013 15:48

gabriele succi ha scritto:
Nebbiolino ha scritto:Peccato si parli di un vino da 65 euro/70 euro, ormai.

Ok, il Mp quando è ok è uno dei migliori vini del mondo...e la cosa fa incazzare ancora di più...
Comunque, non è un problema solo di quel vino...tant'è che ad es. Palma ha scritto che sul Villero 2001 il difetto è la bottiglia a posto...

:shock: :roll: :?

Infatti il Villero è l'unico che sostituisce, se gli mandi una boccia a posto te ne manda una tappata. :mrgreen:
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
gpetrus
Messaggi: 2523
Iscritto il: 21 ott 2009 17:41
Località: Trieste

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda gpetrus » 06 dic 2013 16:34

vabbe', alla fine mi sa che conviene orientarsi sul Cascina Francia :D :D :D :D :D
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 20252
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda pippuz » 06 dic 2013 16:39

gpetrus ha scritto:vabbe', alla fine mi sa che conviene orientarsi sul Cascina Francia :D :D :D :D :D

Mah ... :roll:
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
Avatar utente
gabriele succi
Messaggi: 1903
Iscritto il: 04 apr 2009 15:13
Località: Chateau de Bologne

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda gabriele succi » 06 dic 2013 20:23

gpetrus ha scritto:vabbe', alla fine mi sa che conviene orientarsi sul Cascina Francia :D :D :D :D :D

Che poi anche lì non è che sia un mostro di costanza da bottiglia a bottiglia...
Anche un orologio rotto, due volte al giorno segna l'ora precisa (Anonimo)
Adosss, se gli chiedi il prestige, ti sbatte fuori (pippuz)
Uno vorrebbe anche discutere seriamente, ma come si fa? (il comandante)
gpetrus
Messaggi: 2523
Iscritto il: 21 ott 2009 17:41
Località: Trieste

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda gpetrus » 06 dic 2013 20:51

gabriele succi ha scritto:
gpetrus ha scritto:vabbe', alla fine mi sa che conviene orientarsi sul Cascina Francia :D :D :D :D :D

Che poi anche lì non è che sia un mostro di costanza da bottiglia a bottiglia...


non mi dirai che anche Conterno soffre di tappite !!!!!
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda paperofranco » 06 dic 2013 20:58

vittoxx ha scritto:
meursault ha scritto:
vittoxx ha scritto:
gpetrus ha scritto:dopo aver letto i vostri interventi dico che ho sollevato la questione perche' dalle mie parti il Monprivato non si trova , sembra che a Trieste nebbiolo ( Barolo e Barbaresco ) lo beviamo in veramente in pochi :mrgreen: :mrgreen: .
Percio' io cerco di comprarli in Langa, molto spesso direttamente in cantina.....pero' fino ad ora quelle poche ( pochissime ) bt sfigate ( di altri produttori ) mi sono state cambiate sempre......da qui ecco la perplessita' di comprare o meno il Monprivato......ammesso che lo compri in enoteca in Langa ... faccio 600 km per farmi cambiare la bt ??
mi piacerebbe sapere , come detto da qualcuno di voi se Roland le cambia , visto che le vende....
resta un grande Barolo , che nelle bt perfette e' uno dei miei vini di riferimento :)
per correttezza devo dire che ho rotto in cantina un Brunate 99 di Rinaldi , l'anno successivo Beppe mi ha regalato una delle sue , sempre stessa annata, un grande :lol:

Roland è un signore e un professionista e risponde della sua merce. In questo caso mi risulta di tasca sua


Come di tasca sua?
Ma Mascarello almeno ad intermediari e ristoranti non risponde di bottiglie problematiche?
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Come no


Ragazzi, va bene la chioccolata, tanto poi ognuno rimarrà sulle proprie posizioni, ma se vi dico seriamente che le cose stanno "anche" in altro modo, un pochino forse potreste fidarvi, no?
Avatar utente
Pigigres
Messaggi: 3757
Iscritto il: 10 feb 2010 20:17
Località: Mediolanum

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda Pigigres » 06 dic 2013 21:38

Franco, il problema è che quando tiri fuori 60/70 euro per una bottiglia e poi ti trovi una bottiglia rovinata dal brett ti fa girare davvero i maroni a elicottero. Io adoro i vini di Mascarello, come penso tutti qua dentro, ma se poi compro un Monprivato 2004, aspettandomi meraviglie visto l'assaggio precedente, e poi mi trovo un vino ultra-brettato che sa di limone marcio e null'altro, eh beh un pochettino mi girano i maroni. Non c'è nulla di male nell'ammettere che i vini di questa cantina spesso presentino una serie innumerevole di problemi che vanno dal TCA netto, al brett, alla muffa o all'ossidazione precoce. Lo si sa in anticipo. Come si sa in anticipo che quando sono buoni sono dei vini magnifici. Io personalmente, pur amando alla follia i vini buoni di questa cantina, non penso di comprarne ancora in futuro perché per me sessanta/settanta euro sono un grosso sacrificio.
In this land
There shall be one cigarette to two men,
To two women one half pint of bitter
Ale. In this land
No man has hired us.
Our life is unwelcome, our death
Unmentioned in "The Times."
Nebbiolino
Messaggi: 6732
Iscritto il: 06 feb 2008 21:53

Re: mascarello e i tappi

Messaggioda Nebbiolino » 06 dic 2013 21:44

paperofranco ha scritto:, per me il Monprivato vale ogni euro del suo prezzo,


Sarei pienamente d'accordo, se spesso non ci fosse l'incul@t@ dietro l'angolo.

Te la faccio breve: da un vino situato in una certa fascia di prezzo, mi attendo sempre qualità.
A 360°, il che significa anche serietà da parte del produttore.
Non è un problema insormontabile che a volte le bottiglie abbiano difetti più o meno pesanti; che invece tali problemi vengano lasciati sul gobbone al cliente, lo è.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alain baviera, Biavo, Michelasso, mikmanc, samuele77 e 18 ospiti