NEBBIOLO STORY 2013

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5277
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda Andyele » 26 nov 2013 01:16

davidef ha scritto:
Andyele ha scritto:Ma il Sori Tildin 1995 e del Ca d'Morissio 1995 hanno messo su un tannino fine e vellutato tutto quest'anno? Si sono così distesi dall'anno scorso?


Tildin 1995 è in beva da un po' ormai e problemi di tannini aggressivi non li ha mai avuti


Visto che sei così sicuro allora vorrà dire che è un problema mio (sempre trovato con tannini un po' astringenti, sgraziati e non integrati)
davidef
Messaggi: 7791
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda davidef » 26 nov 2013 01:29

Andyele ha scritto:
davidef ha scritto:
Andyele ha scritto:Ma il Sori Tildin 1995 e del Ca d'Morissio 1995 hanno messo su un tannino fine e vellutato tutto quest'anno? Si sono così distesi dall'anno scorso?


Tildin 1995 è in beva da un po' ormai e problemi di tannini aggressivi non li ha mai avuti


Visto che sei così sicuro allora vorrà dire che è un problema mio (sempre trovato con tannini un po' astringenti, sgraziati e non integrati)


confesso che io amo i vini di Gaja (non è la prima volta che lo dichiaro :lol: ), non in modo aprioristico come Vigna ma mi piacciono parecchio, negi anni scorsi ne prendevo un po' di più e quindi di '95 ne ho bevuti diversi, in linea di massima la cifra stilistica di Gaja improntata sull'eleganza è sempre stata ben evidente, ovvio che nei primi anni ci possa essere un filo più di irruenza considerando anche, inoltre, che la 1995 non fu annata da ciccia molto elevata, però parlare di tannini astringenti, sgraziati e non integrati su questo vino proprio no, dai :D

ad esempio adesso a me sta piacendo molto la 1993 come annata sui Cru di Gaja mentre la 1996 preferisco lasciarla dove sta passando alla 1998 (si, proprio quella che piace a Palma...)
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5277
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda Andyele » 26 nov 2013 08:29

davidef ha scritto:
Andyele ha scritto:
davidef ha scritto:
Andyele ha scritto:Ma il Sori Tildin 1995 e del Ca d'Morissio 1995 hanno messo su un tannino fine e vellutato tutto quest'anno? Si sono così distesi dall'anno scorso?


Tildin 1995 è in beva da un po' ormai e problemi di tannini aggressivi non li ha mai avuti


Visto che sei così sicuro allora vorrà dire che è un problema mio (sempre trovato con tannini un po' astringenti, sgraziati e non integrati)


confesso che io amo i vini di Gaja (non è la prima volta che lo dichiaro :lol: ), non in modo aprioristico come Vigna ma mi piacciono parecchio, negi anni scorsi ne prendevo un po' di più e quindi di '95 ne ho bevuti diversi, in linea di massima la cifra stilistica di Gaja improntata sull'eleganza è sempre stata ben evidente, ovvio che nei primi anni ci possa essere un filo più di irruenza considerando anche, inoltre, che la 1995 non fu annata da ciccia molto elevata, però parlare di tannini astringenti, sgraziati e non integrati su questo vino proprio no, dai :D

ad esempio adesso a me sta piacendo molto la 1993 come annata sui Cru di Gaja mentre la 1996 preferisco lasciarla dove sta passando alla 1998 (si, proprio quella che piace a Palma...)


Intendiamoci trovo in genere in tutti i 1995 i tannini non tanto scalpitanti quanto comunque poco eleganti e non ben inseriti nel contesto del vino quidi poco integrati. Questo l'ho riscontrato in quasi tutti i 1995 assaggiati ad esclusione del Monfortino. Per quanto riguarda Gaja ad esempio concordo che nella 1998 non ho mai riscontrato problemi simili.
paperofranco
Messaggi: 5967
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda paperofranco » 26 nov 2013 09:34

Andyele ha scritto:
davidef ha scritto:
Andyele ha scritto:
davidef ha scritto:
Andyele ha scritto:Ma il Sori Tildin 1995 e del Ca d'Morissio 1995 hanno messo su un tannino fine e vellutato tutto quest'anno? Si sono così distesi dall'anno scorso?


Tildin 1995 è in beva da un po' ormai e problemi di tannini aggressivi non li ha mai avuti


Visto che sei così sicuro allora vorrà dire che è un problema mio (sempre trovato con tannini un po' astringenti, sgraziati e non integrati)


confesso che io amo i vini di Gaja (non è la prima volta che lo dichiaro :lol: ), non in modo aprioristico come Vigna ma mi piacciono parecchio, negi anni scorsi ne prendevo un po' di più e quindi di '95 ne ho bevuti diversi, in linea di massima la cifra stilistica di Gaja improntata sull'eleganza è sempre stata ben evidente, ovvio che nei primi anni ci possa essere un filo più di irruenza considerando anche, inoltre, che la 1995 non fu annata da ciccia molto elevata, però parlare di tannini astringenti, sgraziati e non integrati su questo vino proprio no, dai :D

ad esempio adesso a me sta piacendo molto la 1993 come annata sui Cru di Gaja mentre la 1996 preferisco lasciarla dove sta passando alla 1998 (si, proprio quella che piace a Palma...)


Intendiamoci trovo in genere in tutti i 1995 i tannini non tanto scalpitanti quanto comunque poco eleganti e non ben inseriti nel contesto del vino quidi poco integrati. Questo l'ho riscontrato in quasi tutti i 1995 assaggiati ad esclusione del Monfortino. Per quanto riguarda Gaja ad esempio concordo che nella 1998 non ho mai riscontrato problemi simili.


Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.
vinogodi
Messaggi: 29472
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda vinogodi » 26 nov 2013 09:45

paperofranco ha scritto:...Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile...
..ci può stare, ho letto di peggio... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
Unodimille
Messaggi: 987
Iscritto il: 13 gen 2013 18:48
Località: Rapallo

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda Unodimille » 26 nov 2013 09:54

paperofranco ha scritto:Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.


Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?
paperofranco
Messaggi: 5967
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda paperofranco » 26 nov 2013 10:05

Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.


Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?


Chiaramente, era in senso provocatorio, ma spero che non si sia offeso nessuno :D . La provocazione nasce dal fatto che ho bevuto questo vino giusto quest'anno, in mezzo ad altri di langa e, a mio modesto parere, ha un'impronta decisamente "bordoleggiante", sia a livello aromatico per una chiara nota fumé, sia a livello gustativo per una certa vellutatezza.
Avatar utente
Unodimille
Messaggi: 987
Iscritto il: 13 gen 2013 18:48
Località: Rapallo

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda Unodimille » 26 nov 2013 10:24

paperofranco ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.


Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?


Chiaramente, era in senso provocatorio, ma spero che non si sia offeso nessuno :D . La provocazione nasce dal fatto che ho bevuto questo vino giusto quest'anno, in mezzo ad altri di langa e, a mio modesto parere, ha un'impronta decisamente "bordoleggiante", sia a livello aromatico per una chiara nota fumé, sia a livello gustativo per una certa vellutatezza.


Scusa Papero se te lo dico ma non sono molto d'accordo (ora però non ti incazzare eh :) )
Il discorso del fumè è dovuto, come tu ben sai, al fatto che Gaja si fa' le barrique e adotta una tostatura bella tosta che Lui stesso definisce medio-alta.
Se poi penso ad un bordolese, o taglio bordolese, più che il velluto mi viene in mente potenza e aggressività.
Anzi, direi che il velluto è proprio la caretteristica principe del Barbaresco
paperofranco
Messaggi: 5967
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda paperofranco » 26 nov 2013 10:46

Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.


Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?


Chiaramente, era in senso provocatorio, ma spero che non si sia offeso nessuno :D . La provocazione nasce dal fatto che ho bevuto questo vino giusto quest'anno, in mezzo ad altri di langa e, a mio modesto parere, ha un'impronta decisamente "bordoleggiante", sia a livello aromatico per una chiara nota fumé, sia a livello gustativo per una certa vellutatezza.


Scusa Papero se te lo dico ma non sono molto d'accordo (ora però non ti incazzare eh :) )
Il discorso del fumè è dovuto, come tu ben sai, al fatto che Gaja si fa' le barrique e adotta una tostatura bella tosta che Lui stesso definisce medio-alta.
Se poi penso ad un bordolese, o taglio bordolese, più che il velluto mi viene in mente potenza e aggressività.
Anzi, direi che il velluto è proprio la caretteristica principe del Barbaresco


Figurati se m'incazzo :D .
A parte la nota, per me si tratta di una visione d'insieme di questo vino, e secondo me il suo autore ha cercato proprio un'idea bordoleggiante. A livello gustativo, a mio avviso, il velluto è un tratto distintivo dei bei Bordeaux.
Avatar utente
gabriele succi
Messaggi: 1904
Iscritto il: 04 apr 2009 15:13
Località: Chateau de Bologne

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda gabriele succi » 26 nov 2013 10:55

Papero, cazzo, imparare a quotare no, eh?
Anche un orologio rotto, due volte al giorno segna l'ora precisa (Anonimo)
Adosss, se gli chiedi il prestige, ti sbatte fuori (pippuz)
Uno vorrebbe anche discutere seriamente, ma come si fa? (il comandante)
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda vittoxx » 26 nov 2013 12:43

davidef ha scritto:ma il Granbussia 1999 non doveva essere una bottiglia che fa cacare ? strasmaltata, acetonica, vanigliata, coprente, distruttiva del nebbiolo buono, una di quelle in cui Aldo Conterno ha rovinato l'ottima materia di cui dispone ecc. ecc. ? :roll: :roll:

Beh, devi averne bevute diverse: l'hai descritta perfettamente :mrgreen:
Avatar utente
Sydney
Messaggi: 5926
Iscritto il: 06 giu 2007 11:28
Località: Venezia

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda Sydney » 26 nov 2013 12:55

paperofranco ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.


Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?


Chiaramente, era in senso provocatorio, ma spero che non si sia offeso nessuno :D . La provocazione nasce dal fatto che ho bevuto questo vino giusto quest'anno, in mezzo ad altri di langa e, a mio modesto parere, ha un'impronta decisamente "bordoleggiante", sia a livello aromatico per una chiara nota fumé, sia a livello gustativo per una certa vellutatezza.


Scusa Papero se te lo dico ma non sono molto d'accordo (ora però non ti incazzare eh :) )
Il discorso del fumè è dovuto, come tu ben sai, al fatto che Gaja si fa' le barrique e adotta una tostatura bella tosta che Lui stesso definisce medio-alta.
Se poi penso ad un bordolese, o taglio bordolese, più che il velluto mi viene in mente potenza e aggressività.
Anzi, direi che il velluto è proprio la caretteristica principe del Barbaresco


Figurati se m'incazzo :D .
A parte la nota, per me si tratta di una visione d'insieme di questo vino, e secondo me il suo autore ha cercato proprio un'idea bordoleggiante. A livello gustativo, a mio avviso, il velluto è un tratto distintivo dei bei Bordeaux.
vinogodi
Messaggi: 29472
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda vinogodi » 26 nov 2013 13:00

vittoxx ha scritto:
davidef ha scritto:ma il Granbussia 1999 non doveva essere una bottiglia che fa cacare ? strasmaltata, acetonica, vanigliata, coprente, distruttiva del nebbiolo buono, una di quelle in cui Aldo Conterno ha rovinato l'ottima materia di cui dispone ecc. ecc. ? :roll: :roll:

Beh, devi averne bevute diverse: l'hai descritta perfettamente :mrgreen:
...come spesso capita da queste parti, puoi descrivercela tu, quella bevuta da noi l'altro ieri... :lol:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda vittoxx » 26 nov 2013 13:05

vinogodi ha scritto:
vittoxx ha scritto:
davidef ha scritto:ma il Granbussia 1999 non doveva essere una bottiglia che fa cacare ? strasmaltata, acetonica, vanigliata, coprente, distruttiva del nebbiolo buono, una di quelle in cui Aldo Conterno ha rovinato l'ottima materia di cui dispone ecc. ecc. ? :roll: :roll:

Beh, devi averne bevute diverse: l'hai descritta perfettamente :mrgreen:
...come spesso capita da queste parti, puoi descrivercela tu, quella bevuta da noi l'altro ieri... :lol:

Non mi permetterei mai... Ho capito tutto dalle eccellenti descrizioni: mi torna perfettamente :mrgreen:
paolo7505
Messaggi: 1634
Iscritto il: 14 giu 2007 12:33
Località: parma

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda paolo7505 » 26 nov 2013 15:30

Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.


Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?


Chiaramente, era in senso provocatorio, ma spero che non si sia offeso nessuno :D . La provocazione nasce dal fatto che ho bevuto questo vino giusto quest'anno, in mezzo ad altri di langa e, a mio modesto parere, ha un'impronta decisamente "bordoleggiante", sia a livello aromatico per una chiara nota fumé, sia a livello gustativo per una certa vellutatezza.



...... Gaja si fa' le barrique.............


Qui non ho capito io cosa intendi, me lo spiaghi per piacere? Grazie :D
Quindici contro quindici, e una palla ovale. Non c'è bisogno d'altro, neanche dell'arbitro.

Ci arrabbiamo se vinciamo senza stile. E non prendiamo neppure in considerazione l'eventualità di perdere.
Josh Kronfeld (All Black)
alì65
Messaggi: 12430
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda alì65 » 26 nov 2013 15:36

paolo7505 ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:Per me, il Tildin '95, preso come nebbiolo o vino di Langa è abbastanza inutile, come taglio bordolese invece si difende abbastanza bene, soprattutto per il tratto setoso a livello gustativo e la buona eleganza complessiva.


Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?


Chiaramente, era in senso provocatorio, ma spero che non si sia offeso nessuno :D . La provocazione nasce dal fatto che ho bevuto questo vino giusto quest'anno, in mezzo ad altri di langa e, a mio modesto parere, ha un'impronta decisamente "bordoleggiante", sia a livello aromatico per una chiara nota fumé, sia a livello gustativo per una certa vellutatezza.



...... Gaja si fa' le barrique.............


Qui non ho capito io cosa intendi, me lo spiaghi per piacere? Grazie :D


Paolo, non ti ricordi che la figlioccia m'aveva offerto un posto di lavoro?!! rifiutai solo per amicizia verso Matteo.... :D :D
futuro incerto...2020 di merda!!!
paolo7505
Messaggi: 1634
Iscritto il: 14 giu 2007 12:33
Località: parma

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda paolo7505 » 26 nov 2013 15:40

alì65 ha scritto:
paolo7505 ha scritto:
Unodimille ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Unodimille ha scritto:
Scusa Papero se mi intrometto, ma cosa intendi esattamente quando parli di "taglio bordolese" nei confronti del Sori Tildin?


Chiaramente, era in senso provocatorio, ma spero che non si sia offeso nessuno :D . La provocazione nasce dal fatto che ho bevuto questo vino giusto quest'anno, in mezzo ad altri di langa e, a mio modesto parere, ha un'impronta decisamente "bordoleggiante", sia a livello aromatico per una chiara nota fumé, sia a livello gustativo per una certa vellutatezza.



...... Gaja si fa' le barrique.............


Qui non ho capito io cosa intendi, me lo spiaghi per piacere? Grazie :D


Paolo, non ti ricordi che la figlioccia m'aveva offerto un posto di lavoro?!! rifiutai solo per amicizia verso Matteo.... :D :D



E invece per amicizia a Matteo dovevi accettare e creargli il giusto aggancio! 8) :mrgreen:
Quindici contro quindici, e una palla ovale. Non c'è bisogno d'altro, neanche dell'arbitro.



Ci arrabbiamo se vinciamo senza stile. E non prendiamo neppure in considerazione l'eventualità di perdere.

Josh Kronfeld (All Black)
alì65
Messaggi: 12430
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda alì65 » 26 nov 2013 16:00

paolo7505 ha scritto:
alì65 ha scritto:
paolo7505 ha scritto:
Unodimille ha scritto:

...... Gaja si fa' le barrique.............


Qui non ho capito io cosa intendi, me lo spiaghi per piacere? Grazie :D


Paolo, non ti ricordi che la figlioccia m'aveva offerto un posto di lavoro?!! rifiutai solo per amicizia verso Matteo.... :D :D



E invece per amicizia a Matteo dovevi accettare e creargli il giusto aggancio! 8) :mrgreen:


anche ma sai com'è, la carne è debole... :)
futuro incerto...2020 di merda!!!
apa
Messaggi: 102
Iscritto il: 14 set 2011 12:00

Re: NEBBIOLO STORY 2013

Messaggioda apa » 02 dic 2013 00:11

Non sono riuscito a rispondere prima d'ora all'invito di scrivere qualche riga rivolto ai partecipanti da Patatasd e Symbolic, me ne dispiace. Ogni volta che prendo una giornata per me, ne devo affrontare le conseguenze in quelle successive. Prima di tutto voglio ringraziare i partecipanti all'incontro di domenica scorsa per il clima di tranquilla e piacevole condivisione che si è creato e che, per quanto mi riguarda, è iniziato già dal tragitto tra Bologna a Viadana, con Tiziano, Nicola e Marco. Con Tiziano, poi, stiamo costruendo una fraterna amicizia e siamo arrivati al punto di progettare epiche bevute (che in linea di massima lui fa comunque ed io no..). Ritrovo il fotografo dei nostri incontri, gentile e discreto, scopro di non aver mai adeguatamente valorizzato le sue notevoli doti di riconoscitore di vini alla cieca (Sauzet, Giacosa e Monfortino riconosciuti immediatamente). Marco, infine, era in ottima forma, non solo ha organizzato tutto con la solita perfezione ma era più loquace e tecnico, portato a spiegare e divulgare le esperienze enologiche acquisite con un percorso personale non comune. Il padrone di casa è un maestro nell'arte di far star bene i suoi ospiti e nell'elaborare percorsi unici di degustazione (accompagnati da vivande preparate con eccellenti materie prime ed in adeguato abbinamento) come quello quì sotto delineato:

Pol Roger Winston Churchill 1999
Giallo scarico, elegante, con acidità e mineralità in evidenza a rivestire un cuore di fiori gialli,sentori agrumati, roccia bagnata, crosta di pane. In bocca è di un'acidità che rinfresca la bocca e la prepara ad una lunga persistenza sapida. Per gli stoici che riescono a farlo permanere nel bicchiere un tempo sufficientemente lungo, mostra una buona evoluzione con un arricchimento del corredo floreale (fiori di campo e lilla) e minerale (gesso).
Degna introduzione ad una giornata memorabile.

Bonneau du Martray Corton Charlemagne 1999
All'esame visivo esibisce una tonalità giallo oro, luminoso; al naso rivela molte sfaccettature, da quella fruttata espressa con sentori di pompelmo giallo e buccia di limone grattato, all'evidente florealità orientata verso la ginestra ed i fiori bianchi, con una percepibile componente balsamica che richiama l'eucalipto, inoltre si avverte il rafano ed il tartufo bianco. Assaggio meno riuscito che altri precedenti, la ricchezza olfattiva non è particolarmente equilibrata ed anche in bocca non trova una perfetta integrazione, con un'acidità evidente e ritorni di elementi che richiamano il tartufo ed una mineralità quasi marina che gli conferiscono un buona persistenza. Il vino continua ad evolvere nel bicchiere, migliorando con il passare del tempo, anche se permane l'impressione di un insieme che deve ancora trovare una migliore connessione.

Etienne Sauzet Chevalier Montrachet 2006
Giallo oro con tonalità verdastre. Bel naso di grande espessività e complessità, dopo la rapida scompara di una leggera nota solforosa, si apprezzano fiori bianchi, gardenia, agrume ed un tocco speziato cui si accompagna un sentore di crema pasticcera ed una mineralità calcarea. In bocca è minerale e si apprezza il ritorno di una nota di crema di nocciola, la struttura è potente con una lunga persistenza. Un rappresentante emblematico della denominazione in questa annata. E' piaciuto anche al nostro fotografo, noto amante dei bianchi ma fortemente critico verso l'annata in questione. Tale apprezzamento conferma la riuscita di questa bottiglia.

Prima Batteria

Bruno Giacosa Barolo "Le Rocche del Falletto" 2001
Colore Rubino chiaro, luminoso. Ci comunica subito una nota fruttata tipica di fragoline di bosco in gelatina, un più lontano richiamo ai petali di rosa, ai fiori secchi, alle spezie dolci, balsamico con un sentore mentolato. In bocca è armonico, entra lieve e si espande nel cavo orale con buona corrispondenza con l'olfatto, lascia in bocca un'acidità ed una mineralità fresche e persistenti. Non ha un grande sviluppo nel bicchiere e dopo più di un'ora tende a ridurre la sua espressività.

Aldo Conterno Barolo Riserva “GranBussia” 1999
Rubino concentrato. Fruttato con sentori di lampone maturo, lieve balsamicità mentolata che diventa più evidente con il tempo trascorso nel bicchiere, insieme a china, terra bagnata, radice di liquirizia, cenere. In bocca è potente, l'estratto è notevole e si fa sentire, avvolge il cavo orale in una lunga persistenza in cui si alternano note sapide e minerali. Finora, le mie esperienze con il Granbussia nella decade in oggetto, non sono mai state memorabili, ma questa bottiglia mi ha fornito il miglior assaggio di Granbussia 1999 fatto finora. Per me e per diversi altri partecipanti è stata una sorpresa degna di nota.

Perrot Minot Charmes Chambertin 1999
Rubino chiaro, luminoso. Subito riconosciuto per la sua particolarità rispetto agli altri assaggi, con le sue note dolci di frutti scuri di sottobosco maturi, rosa appassita, legna bagnata, bacche. In bocca si avverte un diverso peso specifico rispetto ai suoi compagni di batteria, di consistenza più lieve lascia una nota di noce di cola in una persistenza non memorabile.

Roagna Barbaresco Crichet-Pajè 1999
Un fazzoletto di terra a Barbaresco, viti così vecchie che costituiscono un esempio ed una memoria storica per tutte le Langhe, piante vecchissime con una resa bassissima (che rende onore al produttore) danno un vino di un rubino tenue e luminoso, un naso che tende a chiudersi ed a rimanere meno espressivo rispetto ad altri assaggi precedenti, ma i sentori che riescono a liberarsi e ad essere percepiti sono cristallini: viola, tabacco dolce, agrumi a polpa rossa, con mineralità in evidenza (che non riesce ad essere trattenuta dal carbonato di calcio presente nel terreno ed invade la vite) con lontani sentori di ruggine e ferro, sorprendenti in un contesto in cui il frutto e gli aromi floreali sono ugualmente percepibili e definiti. La bocca è conquistata da tannini finissimi ed una sapidità ferrosa unita ad un'acidità esuberante e rinfrescante. E' un vino che può lasciare perplessi ed essere non semplice da comprendere, sopratutto in questa fase espressiva, ma è di grande interesse.

Gaja Langhe Nebbiolo Sorì Tildin 1995
Rubino concentrato, cupo. All'inizio si percepisce un po' di volatile che scompare quasi subito, lasciando il posto ad un corredo aromatico composto da piccoli frutti scuri in confettura, spezie dolci, tabacco dolce, china, muschio, radice di liquirizia. Al gusto è corrispondente, se ne avverte la morbidezza ed il calore, unità ad una sapida nota minerale e speziata che permane a lungo. Bottiglia ancora più riuscita di quella assaggiata lo scorso anno nella stessa occasione, è una giornata fortunata.

Giuseppe Mascarello Barolo Monprivato Riserva "Ca Morissio" 1995
Rubino concentrato con nuances granato, frutti di bosco, mirtilli, more, lampone maturo, poi, rabarbaro, china, muschio, bastoncino di liquirizia, balsamicità con note mentolate ed un sentore di anice di sottofondo. In bocca il sorso è inizialmente vellutato per poi espandersi rivelando la complessa trama tannica di cui è composto il vino con strati di tannini che si sovrappongono nel determinare una lunga persistenza in cui prevale un ritorno sapido e piacevole. Prima annata del Ca Morisso e bella bottiglia, anche migliore di quella dello scorso anno bevuta nella stessa occasione.

Giacomo Conterno Monfortino 1999
Il colore rubino con riflessi luminosi introduce ad una dimensione diversa (per me) da quella in cui ci siamo mossi finora, la profondità del corredo aromatico si muove su un registro più ampio, all'inizio è molto discreto nella sua espressione olfattiva, per poi aprirsi con sentori di petali di rosa appassiti, fragoline di bosco, ribes, ciliegia matura, viola ed una speziatura costituita da foglie di menta lasciate essiccare e bacche. In bocca è elegante, riflette l'equilibrio olfattivo in una trama di tannini la cui finezza non ha rivali e che racchiude un accenno di miele e cera. La mineralità è pronunciata ed altrettanto fine con richiami alla roccia bagnata ed alla pietra focaia. Persistenza lunghissima. Grande annata, grandissimo vino.

Seconda batteria

Giacomo Conterno Monfortino 2006
Rubino chiaro di grande luminosità, ritroso all'inizio a liberare i suoi profumi di un'ampiezza ed una purezza espressiva notevoli, con i suoi sentori di di viola e fiori di campo, i suoi richiami olfattivi al ribes ed al mirtillo, alla liquirizia fresca, alla pietra, alla roccia riscaldata dal sole. In bocca ha un tannino serrato, di una finezza da manuale, chiude con una persistenza enorme, espressione emblematica di un'annata felice. Vino dal grande futuro.

Cereto Barolo “Bricco Rocche” ’85
TCA, peccato.

Giacomo Conterno Monfortino 1974
Rubino cupo con riflessi granato. Quadro aromatico dominato da percezioni di fiori secchi, poi viola, giacinto, bacche, sentori di liquirizia, iodio ad impreziosire un insieme impressionante per varietà e profondità. Al sorso si percepisce equilibrio e calore che invade il cavo orale in un ritorno della viola unita al cacao amaro, con una sapidità minerale che pulisce la bocca e le imprime il suo timbro in una persistenza impressionante

Giacomo Conterno Monfortino 1961
Granato con riflessi luminosi, vino che già al naso si presenta di un'integrità ed una ricchezza che lasciano sconcertati, comunica declinazioni di profumi agrumati, uniti ad ananas, pesca, note di pasticceria e ad una rinfrescante balsamicità con un tocco iodato ben definito. Anche in bocca fa sentire una sinfonia di elementi accordati in un equilibrio sublime e sostenuti da un'acidità ancora particolarmente viva, si avvertono toni esotici di dattero ed albicocca matura, in una trama tannica ancora fittissima che lascia trapelare una salinità definita con una persistenza fuori dal comune. Grande vino e grande bottiglia.

Giacomo Conterno Monfortino 1952
Granato. Il vino comunica la sua vitalità all'olfatto con i suoi aromi fungini, i suoi nobili toni terziari in cui il dolce e l'amaro si alternano, insieme ai toni ematici, ale radici, alla terra umida, alle componenti saline. In bocca entra con la sua piena integrità, in un morbido abbraccio conquista il palato e tutto il cavo orale, con la sua grande struttura, il suo potente estratto e tornano gli elementi dolci e sapidi, di tabacco e iodio. Bellissima prova per questo vino, stella che brilla di luce propria in una batteria che sarà difficile da dimenticare.

Giacomo Conterno Monfortino 1926
I miei compagni della degustazione odierna mi devono perdonare perchè pur condividendo pienamente la valutazione che il 1961 è stato il Monfortino che oggi si è rivelato il migliore, nella mia mente torna insistente, prepotente, invincibile, per quanto cerchi di controllarla, l'immagine di un vino: ha un colore granato rischiarato da riflessi luminosi (come immortalato con felice intuizione da Kalos), al naso è vivo comunica aromi di foglie d'autunno cadute e l'odore della terra su cui si poggiano, c'è anche una nota dolce di petali di rosa lasciati appassire, di tè nero, di torrone, alternati a sangue rappreso e note fungine. In bocca è avvolgente, conserva una sua acidità che sostiene un corpo in cui i tannini risolti consentono di percepire un'alternanza di note dolci e speziate che unite ad elementi nobili di terziarizzazione conferiscono al vino una leggerezza, una piacevolezza ed una persistenza veramente notevoli. Questo vino, anche grazie ad un tappo che ne ha garantito una perfetta chiusura e ad una conservazione incomparabile, ha vinto la sua battaglia contro l'ossidazione ed il tempo. Rimarrà per sempre impresso nella mia memoria. Dovrebbe essere la prima annata del Monfortino messa in commercio, anche se esistono delle prove di produzione precedenti. Una di queste è un cimelio unico, non presente nemmeno nella cantina del produttore, rischierebbe di essere un'immagine onirica se non fosse stata immortalata da Kalos (ed in immagini precedenti comparse sul forum). Tale immagine è costituita da un sacchetto di una plastica trasparente che lascia intravedere al suo interno una bottiglia dal livello e dal colore perfetti, come la 1926 descritta in queste note, una sola cosa sembra distinguerla, l'ultima cifra dell'anno, in cui compare un 4...tale cimelio è in cima ai desideri di molti appassionati (ed io sono tra questi)..

Domaine Zind-Humbrecht Alsace Grand Cru Riesling Vendage Tardive “Brand” ’06
Con il mio bagaglio di emozioni esaurito dall'ultima batteria mi avvicino a questo grande vino dal colore giallo carico, di bella luminosità e dal profilo olfattivo di una ricchezza mirabile: si avverte il tocco della botrytis cinerea, insieme al miele, al confetto alla mandorla, alla scorza d'arancia amara candita e ad una speziatura esotica su un sottofondo di mineralità marcata. In bocca è profondo e complesso, il miele si appropria del centro del palato per poi espandersi in tutto il cavo orale con le percezioni di buccia d'arancia e di pesche candite, di cardamomo e spezie dolci che emergono da una fine struttura in cui la crema di cioccolato bianco è perfettamente sostenuta da una piacevole acidità. La piccola quantità di vino che il bicchiere conteneva si volatilizza tra le mani di un degustatore che vorrebbe fermare per sempre l'intenso bilanciamento tra tutte le sue componenti.

Rinnovo i miei ringraziameni a tutti i partecipanti a questa degustazione difficilmente ripetibile ed, in particolare, al padrone di casa, maestro nell'arte di creare sogni e memorie enologiche

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Andyele, rn_andre, tenente Drogo e 1 ospite