DA PAG 113...C.G.T: ...auguri di Natale al Marilena

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Becho
Messaggi: 1914
Iscritto il: 05 feb 2010 01:47
Località: Granducato di Toscana

Re: C. G. T. da pag 15: chi bastona il pergole?....

Messaggioda Becho » 14 dic 2012 20:00

Andyele ha scritto:Domani una rappresentativa della "confraternita" in gemellaggio con altri toscani e forse qualche "esterno" proveranno a vedere chi bastonerà questa volta il Pergole.
Anche se questa volta a sensazione mi sa che sarà duro da bastonare...ma mai dire mai :lol:

Vedremo se gli UFO prima di andare a cena in Friuli passeranno prima a pranzo da Firenze... 8) :mrgreen:


più che UFO parlerei di "astronave madre"! :mrgreen:
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5183
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: C. G. T. da pag 15: chi bastona il pergole?....

Messaggioda Andyele » 16 dic 2012 12:35

Pergole Torte Riserva 1990 DoppioMagnum

Biondi Santi Rosso di Montalcino fascia rossa 1989

Fontalloro 1990

Lambardi Brunello 1990

Barbaresco Giacosa 1990

Col d’Orcia Brunello Poggio al Vento 1990

I Sodi di Niccolò 1990

Avignonesi Toro Desiderio 1988 MG

Villa Cafaggio Solatio Basilica 1990

Montevertine Sodaccio 1983

Henriot Cuvee des Enchanteleurs 1995

Riesling Spatlese Erdener Treppchen Reinold Oster 1986

Vin Santo Avignonesi 1998

Chi l’avrebbe mai detto che… :shock:
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: C. G. T. da pag 15: chi bastona il pergole?....

Messaggioda de magistris » 16 dic 2012 15:55

Andyele ha scritto:Pergole Torte Riserva 1990 DoppioMagnum

Biondi Santi Rosso di Montalcino fascia rossa 1989

Fontalloro 1990

Lambardi Brunello 1990

Barbaresco Giacosa 1990

Col d’Orcia Brunello Poggio al Vento 1990

I Sodi di Niccolò 1990

Avignonesi Toro Desiderio 1988 MG

Villa Cafaggio Solatio Basilica 1990

Montevertine Sodaccio 1983

Henriot Cuvee des Enchanteleurs 1995

Riesling Spatlese Erdener Treppchen Reinold Oster 1986

Vin Santo Avignonesi 1998

Chi l’avrebbe mai detto che… :shock:


very very interesting... :shock:
salvo problemi di conservazione, un bel po' di bottiglie sarebbero vini discretamente della nostra Signora se presi da soli (ma ovviamente la "gara" fianco a fianco poi rischia di togliere qualcosa a qualcuno)

Gara nella quale immagino abbia fatto sport a sé il Pergole Ris. '90 da bastonare, dopo di che Fontalloro. Sodi, Toro Desiderio e Sodaccio me li ricordo notevolissimi, Poggio al Vento molto diverso da boccia a boccia (di tendenza nebbiolesca "cupa", comunque), mentre sono sempre stato sfortunato col Solatio. Sull'Enchanteleurs '95, poi, si va sul sicuro...

Quante fesserie ho detto? :D
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5183
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda Andyele » 16 dic 2012 17:10

de magistris ha scritto:very very interesting...
salvo problemi di conservazione, un bel po' di bottiglie sarebbero vini discretamente della nostra Signora se presi da soli (ma ovviamente la "gara" fianco a fianco poi rischia di togliere qualcosa a qualcuno)

Gara nella quale immagino abbia fatto sport a sé il Pergole Ris. '90 da bastonare, dopo di che Fontalloro. Sodi, Toro Desiderio e Sodaccio me li ricordo notevolissimi, Poggio al Vento molto diverso da boccia a boccia (di tendenza nebbiolesca "cupa", comunque), mentre sono sempre stato sfortunato col Solatio. Sull'Enchanteleurs '95, poi, si va sul sicuro...

Quante fesserie ho detto?


Guarda, anche qualora tu avessi detto delle fesserie mai mi sognerei di dirlo pubblicamente. Mi guardo bene dal non pestare i piedi ai nobili :mrgreen:

Comunque due dei possibili outsider si sono autoesclusi: uno coltivando una colonia di tca nel tappo (il Toro Desiderio 1988) ed uno invece suicidandosi evidentemente qualche anno fa (forse era interista e si è ucciso quando Mourinho ha lasciato la squadra allo sbando...) ovvero i Sodi di Niccolò 1990 arrivato cadavere.

Di Enchanteleurs 95 avevamo 2 bottiglie: la prima, per me, era ben avviata sul viale del tramonto, la seconda invece molto più vispa e briosa era un bel vino.

p.s. chiaramente il papero l'abbiamo lasciato a casa per almeno un paio di motivi: primo perchè notoriamente di sangiovese non ci capisce 'na mazza, secondo perchè non volevamo correre il rischio ci portasse una bottiglia di ES :mrgreen:
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda paperofranco » 16 dic 2012 20:47

Andyele ha scritto:
de magistris ha scritto:very very interesting...
salvo problemi di conservazione, un bel po' di bottiglie sarebbero vini discretamente della nostra Signora se presi da soli (ma ovviamente la "gara" fianco a fianco poi rischia di togliere qualcosa a qualcuno)

Gara nella quale immagino abbia fatto sport a sé il Pergole Ris. '90 da bastonare, dopo di che Fontalloro. Sodi, Toro Desiderio e Sodaccio me li ricordo notevolissimi, Poggio al Vento molto diverso da boccia a boccia (di tendenza nebbiolesca "cupa", comunque), mentre sono sempre stato sfortunato col Solatio. Sull'Enchanteleurs '95, poi, si va sul sicuro...

Quante fesserie ho detto?


Guarda, anche qualora tu avessi detto delle fesserie mai mi sognerei di dirlo pubblicamente. Mi guardo bene dal non pestare i piedi ai nobili :mrgreen:

Comunque due dei possibili outsider si sono autoesclusi: uno coltivando una colonia di tca nel tappo (il Toro Desiderio 1988) ed uno invece suicidandosi evidentemente qualche anno fa (forse era interista e si è ucciso quando Mourinho ha lasciato la squadra allo sbando...) ovvero i Sodi di Niccolò 1990 arrivato cadavere.

Di Enchanteleurs 95 avevamo 2 bottiglie: la prima, per me, era ben avviata sul viale del tramonto, la seconda invece molto più vispa e briosa era un bel vino.

p.s. chiaramente il papero l'abbiamo lasciato a casa per almeno un paio di motivi: primo perchè notoriamente di sangiovese non ci capisce 'na mazza, secondo perchè non volevamo correre il rischio ci portasse una bottiglia di ES :mrgreen:


Beh, mi sembra che avete bevuto quasi tutta robetta, secondo me avrebbe fatto la sua porca figura.... :mrgreen:
Becho
Messaggi: 1914
Iscritto il: 05 feb 2010 01:47
Località: Granducato di Toscana

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda Becho » 16 dic 2012 22:08

Bella bevutina direi :mrgreen: il Pergolone è stato ovviamente fantastico ( Ringraziamento d'obbligo a Riccardo ), ma io son rimasto "flashato" dal Vin Santo Avignonesi :shock: 'mmazza che buono!
Belli anche il Barbaresco di Giacosa, Poggio al Vento e Fontalloro.
diamonddave
Messaggi: 1170
Iscritto il: 06 dic 2010 15:42
Località: Terronialand

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda diamonddave » 16 dic 2012 23:45

paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:
de magistris ha scritto:very very interesting...
salvo problemi di conservazione, un bel po' di bottiglie sarebbero vini discretamente della nostra Signora se presi da soli (ma ovviamente la "gara" fianco a fianco poi rischia di togliere qualcosa a qualcuno)

Gara nella quale immagino abbia fatto sport a sé il Pergole Ris. '90 da bastonare, dopo di che Fontalloro. Sodi, Toro Desiderio e Sodaccio me li ricordo notevolissimi, Poggio al Vento molto diverso da boccia a boccia (di tendenza nebbiolesca "cupa", comunque), mentre sono sempre stato sfortunato col Solatio. Sull'Enchanteleurs '95, poi, si va sul sicuro...

Quante fesserie ho detto?


Guarda, anche qualora tu avessi detto delle fesserie mai mi sognerei di dirlo pubblicamente. Mi guardo bene dal non pestare i piedi ai nobili :mrgreen:

Comunque due dei possibili outsider si sono autoesclusi: uno coltivando una colonia di tca nel tappo (il Toro Desiderio 1988) ed uno invece suicidandosi evidentemente qualche anno fa (forse era interista e si è ucciso quando Mourinho ha lasciato la squadra allo sbando...) ovvero i Sodi di Niccolò 1990 arrivato cadavere.

Di Enchanteleurs 95 avevamo 2 bottiglie: la prima, per me, era ben avviata sul viale del tramonto, la seconda invece molto più vispa e briosa era un bel vino.

p.s. chiaramente il papero l'abbiamo lasciato a casa per almeno un paio di motivi: primo perchè notoriamente di sangiovese non ci capisce 'na mazza, secondo perchè non volevamo correre il rischio ci portasse una bottiglia di ES :mrgreen:


Beh, mi sembra che avete bevuto quasi tutta robetta, secondo me avrebbe fatto la sua porca figura.... :mrgreen:

Siamo seri, a parte due o tre nomi, che sulla carta avrebbero retto botta, agli altri avrebbe fatto il culo come quello dei babbuini... 8)
... per intenderci: la differenza fra me ed un sommelier è la stessa che passa fra un porno attore ed un ginecologo. © diamonddave 8)
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5183
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda Andyele » 17 dic 2012 13:11

diamonddave ha scritto:Siamo seri, a parte due o tre nomi, che sulla carta avrebbero retto botta, agli altri avrebbe fatto il culo come quello dei babbuini...


In effetti è vero, nessun vino è arrivato a 98 punti, forse nemmeno 97. :mrgreen:

A parte le battute quando ho due minuti scrivo due note.

Il Pergole ris. 90 è comunque un vino monumentale, poche volte come questa ho avuto la sensazione di essere davanti ad un vino assoluto. Sicuramente non sarò in grado di spiegarlo bene in quanto mi manca la necessaria abilità narrativa e poetica.

Negli altri vini ci sono state due-tre belle prestazioni mentre alcuni non erano effettivamente così in forma.
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda de magistris » 17 dic 2012 13:16

Andyele ha scritto:Il Pergole ris. 90 è comunque un vino monumentale, poche volte come questa ho avuto la sensazione di essere davanti ad un vino assoluto. Sicuramente non sarò in grado di spiegarlo bene in quanto mi manca la necessaria abilità narrativa e poetica.


non ce n'è bisogno: è uno di quei pochssimi vini total-dimensionali, ecumenici direi, capaci di mettere d'accordo cervello, cuore, stomaco, fegato, reni, e un'altra settantina di organi interni. ma soprattutto capace di far sentire appartenenti allo stesso genere animale vittoxx, palma, meursault, vinogodi, vignadelmar, dedalus, pigigres, paperofranco, andyele, alì, pippuz, gremul. No, gremul no: troppo strutturato per lui. :mrgreen:
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
Deruj
Messaggi: 4145
Iscritto il: 06 giu 2007 11:15

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda Deruj » 17 dic 2012 13:46

de magistris ha scritto:
Andyele ha scritto:Il Pergole ris. 90 è comunque un vino monumentale, poche volte come questa ho avuto la sensazione di essere davanti ad un vino assoluto. Sicuramente non sarò in grado di spiegarlo bene in quanto mi manca la necessaria abilità narrativa e poetica.


non ce n'è bisogno: è uno di quei pochssimi vini total-dimensionali, ecumenici direi, capaci di mettere d'accordo cervello, cuore, stomaco, fegato, reni, e un'altra settantina di organi interni. ma soprattutto capace di far sentire appartenenti allo stesso genere animale vittoxx, palma, meursault, vinogodi, vignadelmar, dedalus, pigigres, paperofranco, andyele, alì, pippuz, gremul. No, gremul no: troppo strutturato per lui. :mrgreen:

marzo 2009, la gaiezza era ancora di là da venire...

"di gremul il 09 mar 2009 11:32

Butto li un paio di sciocchezze

Salon 85 grandissimo sicuramente ma non aveva l'incredibile polpa e la tensione minerale del 90 bevuto l'anno scorso a Parma, mi aspettavo di più sinceramente o forse me l'aspettavo diverso, non lo so neanch'io...

Emozioni vere della serata: quando è uscito il pompelmo incredibile e freschissimo sul Fiorano, la mineralità bianca entusiasmante e la gommapane sul Pergole, il cassis e l'acidità splendida del Biondi Santi (che buono ragazzi, ripensandoci a mente fredda forse forse potrebbe anche essere stato il numero uno l'altra sera, tra i rossi...), il pinot nero perfetto ed assoluto del village (ma gli altri cosa sono???!!!) di Roumier, il naso borgognone ed elegantissimo del Tondonia 81 (se la Spagna fosse sempre così...), la gioventù e la durezza di Highlander Lafite 88..."
Jadis, si je me souviens bien, ma vie était un festin où s’ouvraient tous les cœurs, où tous les vins coulaient.Un soir, j’ai assis la Beauté sur mes genoux. — Et je l’ai trouvée amère. — Et je l’ai injuriée...
...Et j’ai joué de bons tours à la folie.
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda paperofranco » 17 dic 2012 14:01

Andyele ha scritto:
diamonddave ha scritto:Siamo seri, a parte due o tre nomi, che sulla carta avrebbero retto botta, agli altri avrebbe fatto il culo come quello dei babbuini...


In effetti è vero, nessun vino è arrivato a 98 punti, forse nemmeno 97. :mrgreen:

A parte le battute quando ho due minuti scrivo due note.

Il Pergole ris. 90 è comunque un vino monumentale, poche volte come questa ho avuto la sensazione di essere davanti ad un vino assoluto. Sicuramente non sarò in grado di spiegarlo bene in quanto mi manca la necessaria abilità narrativa e poetica.

Negli altri vini ci sono state due-tre belle prestazioni mentre alcuni non erano effettivamente così in forma.


No, dai, ti prego, non fare così, non riesco a sopportarlo...... :mrgreen:
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5183
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda Andyele » 17 dic 2012 14:54

paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:
diamonddave ha scritto:Siamo seri, a parte due o tre nomi, che sulla carta avrebbero retto botta, agli altri avrebbe fatto il culo come quello dei babbuini...


In effetti è vero, nessun vino è arrivato a 98 punti, forse nemmeno 97. :mrgreen:

A parte le battute quando ho due minuti scrivo due note.

Il Pergole ris. 90 è comunque un vino monumentale, poche volte come questa ho avuto la sensazione di essere davanti ad un vino assoluto. Sicuramente non sarò in grado di spiegarlo bene in quanto mi manca la necessaria abilità narrativa e poetica.

Negli altri vini ci sono state due-tre belle prestazioni mentre alcuni non erano effettivamente così in forma.


No, dai, ti prego, non fare così, non riesco a sopportarlo...... :mrgreen:


Lo penso seriamente.

e d'altronde perchè altrimenti mi hai abbandonato per il castoro? :mrgreen:
Avatar utente
Andyele
Messaggi: 5183
Iscritto il: 06 feb 2009 17:21
Località: Massa

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda Andyele » 17 dic 2012 15:55

Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda de magistris » 17 dic 2012 16:07

Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


e io che pensavo fosse "abbastanza persistente"... :oops: :oops:
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda paperofranco » 17 dic 2012 16:17

Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


Porca puttana Andrea, mi hai fatto venire la pelle d'oca..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, te la invidio veramente questa bevuta, mi manca e forse non mi ricapita, vista la rarità della boccia.

p.s. bella nota, se volevi rendere l'idea di un grande vino per me ci sei riuscito in pieno, forse già che c'eri ti potevi sbilanciare un pochino di più sulla persistenza, ho come la sensazione che arrivato in fondo tu abbia avuto paura di esagerare, non dovevi :wink: .
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda vittoxx » 17 dic 2012 16:24

paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


Porca puttana Andrea, mi hai fatto venire la pelle d'oca..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, te la invidio veramente questa bevuta, mi manca e forse non mi ricapita, vista la rarità della boccia.

p.s. bella nota, se volevi rendere l'idea di un grande vino per me ci sei riuscito in pieno, forse già che c'eri ti potevi sbilanciare un pochino di più sulla persistenza, ho come la sensazione che arrivato in fondo tu abbia avuto paura di esagerare, non dovevi :wink: .

Paperuccio, vieni su da me venerdì che ce l'abbiamo in programma
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda de magistris » 17 dic 2012 16:26

vittoxx ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


Porca puttana Andrea, mi hai fatto venire la pelle d'oca..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, te la invidio veramente questa bevuta, mi manca e forse non mi ricapita, vista la rarità della boccia.

p.s. bella nota, se volevi rendere l'idea di un grande vino per me ci sei riuscito in pieno, forse già che c'eri ti potevi sbilanciare un pochino di più sulla persistenza, ho come la sensazione che arrivato in fondo tu abbia avuto paura di esagerare, non dovevi :wink: .

Paperuccio, vieni su da me venerdì che ce l'abbiamo in programma


ma se mi travesto da papero, posso venire io?
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda vittoxx » 17 dic 2012 16:29

de magistris ha scritto:
vittoxx ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


Porca puttana Andrea, mi hai fatto venire la pelle d'oca..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, te la invidio veramente questa bevuta, mi manca e forse non mi ricapita, vista la rarità della boccia.

p.s. bella nota, se volevi rendere l'idea di un grande vino per me ci sei riuscito in pieno, forse già che c'eri ti potevi sbilanciare un pochino di più sulla persistenza, ho come la sensazione che arrivato in fondo tu abbia avuto paura di esagerare, non dovevi :wink: .

Paperuccio, vieni su da me venerdì che ce l'abbiamo in programma


ma se mi travesto da papero, posso venire io?

Non hai bisogno del travestimento... no, cioè, non capire male, volevo dire che sei il benvenuto comunque :mrgreen:
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda de magistris » 17 dic 2012 16:31

vittoxx ha scritto:
de magistris ha scritto:
vittoxx ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


Porca puttana Andrea, mi hai fatto venire la pelle d'oca..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, te la invidio veramente questa bevuta, mi manca e forse non mi ricapita, vista la rarità della boccia.

p.s. bella nota, se volevi rendere l'idea di un grande vino per me ci sei riuscito in pieno, forse già che c'eri ti potevi sbilanciare un pochino di più sulla persistenza, ho come la sensazione che arrivato in fondo tu abbia avuto paura di esagerare, non dovevi :wink: .

Paperuccio, vieni su da me venerdì che ce l'abbiamo in programma


ma se mi travesto da papero, posso venire io?

Non hai bisogno del travestimento... no, cioè, non capire male, volevo dire che sei il benvenuto comunque :mrgreen:


sai che il Pergole è solo una scusa, vero? :mrgreen:
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
vittoxx
Messaggi: 3696
Iscritto il: 22 gen 2009 13:04

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda vittoxx » 17 dic 2012 16:37

Ovverosia: verresti munito di tirapugni o devo stare terga alla parete ben stretto?
Avatar utente
miogo
Messaggi: 336
Iscritto il: 06 giu 2007 11:27

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda miogo » 17 dic 2012 16:39

Un castoro e un papero: due cuori sotto una pergola...
Avatar utente
de magistris
Messaggi: 4495
Iscritto il: 14 lug 2007 13:33

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda de magistris » 17 dic 2012 16:52

miogo ha scritto:Un castoro e un papero: due cuori sotto una pergola...


http://www.youtube.com/watch?v=PpcZl3OUJyk
Paolo De Cristofaro

http://www.tipicamente.it/

Ci si può divertire anche senza alcool. Ma perché correre il rischio? (Roy Hodgson)

Auspico una guida che non metta i vini DRC al vertice. Sarà la migliore. (Edoardo Francvino)
Avatar utente
miogo
Messaggi: 336
Iscritto il: 06 giu 2007 11:27

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda miogo » 17 dic 2012 17:00

de magistris ha scritto:
miogo ha scritto:Un castoro e un papero: due cuori sotto una pergola...


http://www.youtube.com/watch?v=PpcZl3OUJyk

:lol: già lì con boccetta al seguito pronta a bastonare il Pergole :wink:
paperofranco
Messaggi: 5966
Iscritto il: 20 gen 2010 19:16
Località: Poggibonsi

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda paperofranco » 17 dic 2012 17:40

vittoxx ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


Porca puttana Andrea, mi hai fatto venire la pelle d'oca..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, te la invidio veramente questa bevuta, mi manca e forse non mi ricapita, vista la rarità della boccia.

p.s. bella nota, se volevi rendere l'idea di un grande vino per me ci sei riuscito in pieno, forse già che c'eri ti potevi sbilanciare un pochino di più sulla persistenza, ho come la sensazione che arrivato in fondo tu abbia avuto paura di esagerare, non dovevi :wink: .

Paperuccio, vieni su da me venerdì che ce l'abbiamo in programma


E porca miseria se mi garberebbe, ma mi sa che sei un po' troppo fuori mano.

Così tanto per cazzeggiare, voi che avete bevuto di tutto e di più, che è meglio fra il Pergole ris. 90 e il Soldera ris. 90(quest'ultimo l'ho bevuto anch'io poco tempo fa, stratosferico)?
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6704
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: C. G. T. da pag 15: chi ha bastonato il pergole?....

Messaggioda Palma » 17 dic 2012 17:49

paperofranco ha scritto:
vittoxx ha scritto:
paperofranco ha scritto:
Andyele ha scritto:Pergole Ris. 1990: come dicevo, nonostante l’abbia avuto nel bicchiere per circa 4 o 5 ore ed anche in quantità sufficiente per capirlo adeguatamente (quasi una mezza bottiglia), sono certo che non riuscirò con le parole a rendere l’idea di questo vino.
Già dal colore limpido e luminoso ti mette di buon umore, annusandolo poi ti colpisce subito per l’intensità ed il frutto rosso ciliegioso nella giusta maturazione. C’è anche una leggerissima volatile che esalta il boquet aromatico. Non cede mai alla distanza anche se a mio avviso il meglio lo da tra la mezz’ora e l’ora che stava nel bicchiere. C’è una sensazione di grande avvolgenza, i profumi netti, nitidi e puliti quasi ti stordiscono ovattandoti quasi tutti i sensi, è rotondo e rassicurante.
In bocca è rigoroso, sobrio, con una gran bella tensione. Quello che mi ha più colpito è la magistralità del tannino, ficcante ma elegante sostiene il sorso con agilità. C’è una placida armonia che fa da filo conduttore e l’equilibrio fra le componenti dure e morbide è ottimale. La bocca viene ripulita dopo ogni sorso dalla grande acidità ed il retrogusto ti far venire la nostalgia del gusto appena provato. La persistenza mi è parsa notevole. 96/97 punti.


Porca puttana Andrea, mi hai fatto venire la pelle d'oca..... :mrgreen:

A parte gli scherzi, te la invidio veramente questa bevuta, mi manca e forse non mi ricapita, vista la rarità della boccia.

p.s. bella nota, se volevi rendere l'idea di un grande vino per me ci sei riuscito in pieno, forse già che c'eri ti potevi sbilanciare un pochino di più sulla persistenza, ho come la sensazione che arrivato in fondo tu abbia avuto paura di esagerare, non dovevi :wink: .

Paperuccio, vieni su da me venerdì che ce l'abbiamo in programma


E porca miseria se mi garberebbe, ma mi sa che sei un po' troppo fuori mano.

Così tanto per cazzeggiare, voi che avete bevuto di tutto e di più, che è meglio fra il Pergole ris. 90 e il Soldera ris. 90(quest'ultimo l'ho bevuto anch'io poco tempo fa, stratosferico)?

Pergole :!:
Forse :?:
ex Victor
Extreme fighet du chateau

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Gavedano82, gianni femminella, quellocheaspetta, Roland e 14 ospiti