Tre Bicchieri 2018. Campania

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
gambero_parlante
Site Admin
Messaggi: 994
Iscritto il: 18 mag 2007 17:13

Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda gambero_parlante » 06 ott 2017 14:46

Caiatì ’15 - Alois

Campi Flegrei Falanghina Cruna deLago ’15 - La Sibilla

Campi Flegrei Piedirosso ’16 - Agnanum

Costa d'Amalfi Furore Bianco Fiorduva ’16 - Marisa Cuomo

Falanghina del Sannio Janare Senete ’16 - La Guardiense

Falanghina del Sannio Svelato ’16 - Terre Stregate

Falanghina del Sannio Taburno ’16 - Fontanavecchia

Falanghina del Sannio Taburno ’16 - Fattoria La Rivolta

Fiano di Avellino ’16 - Colli di Lapio

Fiano di Avellino ’16 - Fonzone

Fiano di Avellino Alessandra ’12 - Di Meo

Fiano di Avellino Alimata ’15 - Villa Raiano

Fiano di Avellino Pietramara ’16 - I Favati

Fiano di Avellino V. della Congregazione ’16 - Villa Diamante

Greco di Tufo ’16 - Cantine Di Marzo

Greco di Tufo ’16 - Donnachiara

Greco di Tufo ’16 - Pietracupa

Grecomusc' ’15 - Contrade di Taurasi

Il Fric ’16 - Casebianche

Sabbie di Sopra il Bosco ’15 - Nanni Copè

Sannio Sant'Agata dei Goti Piedirosso Artus ’15 - Mustilli

Taurasi ’13 - Feudi di San Gregorio

Trentenare ’16 - San Salvatore 1988
piergi
Messaggi: 2107
Iscritto il: 06 giu 2007 13:41
Località: corigliano calabro
Contatta:

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda piergi » 06 ott 2017 15:22

Le fric c'est chic!!!!!!
Strane luci di pioggia...splende il sole,fa' bel tempo...nell'era democratica.

http://igolosotopi.blogspot.com
http://timpadeilupi.blogspot.com/
http://www.timpadeilupi.it
Avatar utente
venicka
Messaggi: 313
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda venicka » 06 ott 2017 16:06

felicissimo per il fric, vino che con pizza alla marinara per me è droga, però con tutto il bene che voglio a greco e fiano UN SOLO aglianico in tutta la campania non si puo' sentire.
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 9900
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda Alberto » 06 ott 2017 16:16

:lol: :lol: :lol:
Bevitore, tra un raglio e l'altro...HI-HOOOOO...HI-HOOOOO...


Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 19840
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda pippuz » 06 ott 2017 16:39

Campania terra di grandi bianchi, sempre detto.

Però un aglianico solo (tra l'altro proprio quello) ...
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1023
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 06 ott 2017 16:54

Quintodecimo out? Eppure le ultime uscite mi sono sembrate delle bombe..bah, chi ci capisce è bravo
Lorenzo
Spectator
Messaggi: 3441
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda Spectator » 06 ott 2017 17:05

..E x l'ennesima volta il Fiorduva :shock: :( !
BarbarEdo
Messaggi: 95
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda BarbarEdo » 06 ott 2017 17:12

Spectator ha scritto:..E x l'ennesima volta il Fiorduva :shock: :( !

Mai assaggiato per via del prezzone... Non vale i tre bicchieri, secondo te?
mikmanc
Messaggi: 49
Iscritto il: 01 nov 2016 17:22

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda mikmanc » 06 ott 2017 17:30

A me è piaciuto molto il Fiorduva, bevuto un paio di volte... ma non ho mai assaggiato il il base!
Invece mi chiedevo, ma Picariello (base, senza neanche scomodare il 906) e Marsella, che berrei a secchiate, sono davvero inferiori a Colli di Lapio e agli altri premiati? Pura curiosità, nessuna polemica!
piergi
Messaggi: 2107
Iscritto il: 06 giu 2007 13:41
Località: corigliano calabro
Contatta:

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda piergi » 06 ott 2017 18:54

Smettendo per un attimo la veste di CT ,che in occasione delle lenzuolate annuali ognuno di noi indossa, trovo questa lista ben fatta anche se sbilanciata sui bianchi. Però fotografa abbastanza bene l'attuale equilibrio fra le varie zone della Campania, e fra le denominazioni, anzi la trovo anche troppo ecumenica.
Mi piace il premio a casebianche,quello a Di meo e quello a Mustilli.
Se proprio avessi dovuto aggiungere qualcosa avrei premiato il taurasi 2008 di Perillo, ma non so se lo ha inviato, e il Poliphemo di Tecce.
Una nota per gli statistici: questa è una delle rare edizioni della guida in cui non viene premiato il montevetrano.
Strane luci di pioggia...splende il sole,fa' bel tempo...nell'era democratica.

http://igolosotopi.blogspot.com
http://timpadeilupi.blogspot.com/
http://www.timpadeilupi.it
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8171
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda arnaldo » 06 ott 2017 21:13

Taurasi poco o niente...di questo passo non valorizzeremo mai il nebbiolo del sud....Contrade di Taurasi, Perrillo,Tecce......ma li avete assaggiati???
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Avatar utente
Bordolese78
Messaggi: 214
Iscritto il: 07 dic 2010 02:56

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda Bordolese78 » 06 ott 2017 22:47

Conferme anche per il Fiano Trentenare di San Salvatore :D
Francesco M
Messaggi: 98
Iscritto il: 12 apr 2017 12:03

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda Francesco M » 07 ott 2017 00:57

venicka ha scritto: con tutto il bene che voglio a greco e fiano UN SOLO aglianico in tutta la campania non si puo' sentire.

proprio no, davvero.

comunque bene grecomusc', un vino che ho trovato molto affascinante.
La ragione ha torto
ryanc82
Messaggi: 364
Iscritto il: 24 ago 2010 12:59

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda ryanc82 » 07 ott 2017 11:30

mikmanc ha scritto:A me è piaciuto molto il Fiorduva, bevuto un paio di volte... ma non ho mai assaggiato il il base!
Invece mi chiedevo, ma Picariello (base, senza neanche scomodare il 906) e Marsella, che berrei a secchiate, sono davvero inferiori a Colli di Lapio e agli altri premiati? Pura curiosità, nessuna polemica!
mikmanc ha scritto:A me è piaciuto molto il Fiorduva, bevuto un paio di volte... ma non ho mai assaggiato il il base!
Invece mi chiedevo, ma Picariello (base, senza neanche scomodare il 906) e Marsella, che berrei a secchiate, sono davvero inferiori a Colli di Lapio e agli altri premiati? Pura curiosità, nessuna polemica!


Più che altro mi chiederei se i Fiani da te citati siano inferiori a questi:

Falanghina del Sannio Janare Senete ’16 - La Guardiense
Falanghina del Sannio Svelato ’16 - Terre Stregate
Falanghina del Sannio Taburno ’16 - Fontanavecchia
Falanghina del Sannio Taburno ’16 - Fattoria La Rivolta
mikmanc
Messaggi: 49
Iscritto il: 01 nov 2016 17:22

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda mikmanc » 07 ott 2017 13:24

ryanc82 ha scritto:Più che altro mi chiederei se i Fiani da te citati siano inferiori a questi:

Falanghina del Sannio Janare Senete ’16 - La Guardiense
Falanghina del Sannio Svelato ’16 - Terre Stregate
Falanghina del Sannio Taburno ’16 - Fontanavecchia
Falanghina del Sannio Taburno ’16 - Fattoria La Rivolta


Non sono un amante della Falanghina, quindi facevo confronto tra Fiani e basta. La tesi del tuo intervento è che tutti i fiani citati sono meglio di questa tua lista, o ho capito male?
scrio
Messaggi: 9368
Iscritto il: 06 giu 2007 18:20

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda scrio » 07 ott 2017 17:57

piergi ha scritto:Smettendo per un attimo la veste di CT ,che in occasione delle lenzuolate annuali ognuno di noi indossa, trovo questa lista ben fatta anche se sbilanciata sui bianchi. Però fotografa abbastanza bene l'attuale equilibrio fra le varie zone della Campania, e fra le denominazioni, anzi la trovo anche troppo ecumenica.
Mi piace il premio a casebianche,quello a Di meo e quello a Mustilli.
Se proprio avessi dovuto aggiungere qualcosa avrei premiato il taurasi 2008 di Perillo, ma non so se lo ha inviato, e il Poliphemo di Tecce.
Una nota per gli statistici: questa è una delle rare edizioni della guida in cui non viene premiato il montevetrano.

e il terra di lavoro...
Tutti i pacchi che spedisco sono assicurati, prima di firmare, controllate ed annotate evnt anomalie sulla lettera di vettura. La merce parte subito dopo aver ricevuto il pagamento.
ryanc82
Messaggi: 364
Iscritto il: 24 ago 2010 12:59

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda ryanc82 » 08 ott 2017 09:37

Riporto un curioso articolo trovato su internet...

"Lo strano caso dei Tre bicchieri del Gambero Rosso in Irpinia

Dal 2004, data in cui abbiamo aperto il blog, non abbiamo mai commentato le scelte delle guide specializzate per una questione di stile. Collaborando prima per il Touring e poi dal primo anno con Slow Wine, è chiaro che ci sono altri modi per esprimere le proprie opinioni.

Ma stavolta non possiamo fare a meno di riprendere parzialmente una mail che sta girando tra i produttori irpini perché c’è un dato di fatto incredibile.

Tutti, ma proprio tutti, i Tre bicchieri sono state assegnati ad aziende che non fanno parte del Consorzio di Tutela dei Vini Irpini presieduto da Stefano Di Marzo che proprio la settimana scorsa ha ottenuto il riconoscimento ministeriale.

Facciamo i nostri complimenti a chi ha avuto I Tre bicchieri, ma non possiamo fare a meno di notare che dietro questo risultato c’è qualcosa di strano.
Molto strano

Nessuna delle aziende ha partecipato alla iniziativa del Consorzio a maggio e tutte avevano aderito a quello alternativo. Tutte.
Solo tre delle undici sono di recente rientrate (Feudi, Donnachiara e Di Marzo) ma dopo che le degustazioni erano ormai state fatte.

Come si spiega questa scelta di campo? Perché assumere un atteggiamento punitivo contro il Consorzio ufficialmente riconosciuto?

Ci sono altri meccanismi che noi non conosciamo che indirizzano i degustatori in modo così chiaro verso una politica di pulizia etnica a tutela di chi si è opposto al Consorzio?

Noi pensiamo che una guida, e un degustatore, pur nell’ambito del suo potere discrezionale si distingue per equilibrio, nella capacità cioé di rappresentare tutto il territorio e non solo una parte di esso a discapito degli altri. La guida, il degustatore, deve essere arbitro e non tifoso della Curva Sud.

E’ vero che in Irpinia la situazione è sempre stata complessa, ma quello che colpisce, appunto, è la scelta di campo netta, precisa. Noi nel corso di questo quarto di secolo abbiamo sempre cercato di rappresentare la realtà nel suo complesso rispondendo puntualmente ad ogni chiamata e nel caso dello scontro tra i due consorzi abbiamo dato spazio all’uno come all’altro.

Viene allora da chiedersi: cosa c’è nelle papille dei degustatori in grado di orientare politicamente prima che tecnicamente la scelta?

Eh si, ci pare questo un caso analogo a quello pugliese sollevato da Beniamino D’Agostino."
Brodsky
Messaggi: 8
Iscritto il: 18 gen 2017 15:59

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda Brodsky » 09 ott 2017 11:35

Contento per il Fric; curioso che i Feudi abbiano preso i tre bicchieri con l'aglianico anche in Basilicata (con Basilisco).
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10450
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda alexer3b » 09 ott 2017 13:20

ryanc82 ha scritto:Riporto un curioso articolo trovato su internet...

"Lo strano caso dei Tre bicchieri del Gambero Rosso in Irpinia

Dal 2004, data in cui abbiamo aperto il blog, non abbiamo mai commentato le scelte delle guide specializzate per una questione di stile. Collaborando prima per il Touring e poi dal primo anno con Slow Wine, è chiaro che ci sono altri modi per esprimere le proprie opinioni.

Ma stavolta non possiamo fare a meno di riprendere parzialmente una mail che sta girando tra i produttori irpini perché c’è un dato di fatto incredibile.

Tutti, ma proprio tutti, i Tre bicchieri sono state assegnati ad aziende che non fanno parte del Consorzio di Tutela dei Vini Irpini presieduto da Stefano Di Marzo che proprio la settimana scorsa ha ottenuto il riconoscimento ministeriale.

Facciamo i nostri complimenti a chi ha avuto I Tre bicchieri, ma non possiamo fare a meno di notare che dietro questo risultato c’è qualcosa di strano.
Molto strano

Nessuna delle aziende ha partecipato alla iniziativa del Consorzio a maggio e tutte avevano aderito a quello alternativo. Tutte.
Solo tre delle undici sono di recente rientrate (Feudi, Donnachiara e Di Marzo) ma dopo che le degustazioni erano ormai state fatte.

Come si spiega questa scelta di campo? Perché assumere un atteggiamento punitivo contro il Consorzio ufficialmente riconosciuto?

Ci sono altri meccanismi che noi non conosciamo che indirizzano i degustatori in modo così chiaro verso una politica di pulizia etnica a tutela di chi si è opposto al Consorzio?

Noi pensiamo che una guida, e un degustatore, pur nell’ambito del suo potere discrezionale si distingue per equilibrio, nella capacità cioé di rappresentare tutto il territorio e non solo una parte di esso a discapito degli altri. La guida, il degustatore, deve essere arbitro e non tifoso della Curva Sud.

E’ vero che in Irpinia la situazione è sempre stata complessa, ma quello che colpisce, appunto, è la scelta di campo netta, precisa. Noi nel corso di questo quarto di secolo abbiamo sempre cercato di rappresentare la realtà nel suo complesso rispondendo puntualmente ad ogni chiamata e nel caso dello scontro tra i due consorzi abbiamo dato spazio all’uno come all’altro.

Viene allora da chiedersi: cosa c’è nelle papille dei degustatori in grado di orientare politicamente prima che tecnicamente la scelta?

Eh si, ci pare questo un caso analogo a quello pugliese sollevato da Beniamino D’Agostino."

Come già ho avuto modo di spiegare all'illuminato estensore dell'articolo, quella descritta è una roba che le scie chimiche a confronto sono una scienza esatta.

Alex
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10450
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda alexer3b » 09 ott 2017 14:33

gbaenergiaeco10 ha scritto:ho letto articoli di recente sull'estromissione dei produttori del consorzio dei vini d'irpinia..quanto c'è di vero? complottismo da due soldi?

Estromissione da cosa?

Alex
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1023
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: Tre Bicchieri 2018. Campania

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 09 ott 2017 14:34

ho letto articoli di recente sull'estromissione dei produttori del consorzio dei vini d'irpinia..quanto c'è di vero? complottismo da due soldi?
Lorenzo

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 29 ospiti