Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Questo spazio è dedicato solo ai racconti delle vostre esperienze enogastronomiche nei ristoranti, pizzerie, trattorie, wine bar dove siete stati, che vi hanno soddisfatto molto, abbastanza o per niente. E' importante motivare sempre le critiche positive o negative.

Avatar utente
brifazio
Messaggi: 8392
Iscritto il: 06 giu 2007 13:20
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda brifazio » 05 lug 2017 06:41

xoan ha scritto:qualcuno è stato da Santopalato?

No, ma dice che l'ex bravo cameriere stia per aprire un altro paio di locali, tra un po' arriverà alla decina.
Crowfunding, overfunding o altro?
Timoteo
Messaggi: 1964
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Timoteo » 05 lug 2017 15:09

brifazio ha scritto:
xoan ha scritto:qualcuno è stato da Santopalato?

No, ma dice che l'ex bravo cameriere stia per aprire un altro paio di locali, tra un po' arriverà alla decina.
Crowfunding, overfunding o altro?


sarà diventato bravissimo.
Avatar utente
SixthOfMay
Messaggi: 75
Iscritto il: 18 dic 2008 23:23

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda SixthOfMay » 19 lug 2017 22:34

pippo65 ha scritto:Visto che sono stato citato approfitto per una rece veloce

Romeo (la sezione pizza del nuovo locale di Bowerman &co.)
locale molto bello, con i tavoli distanziati e sedute comode
proviamo la pizza napoletana (curata dai Salvo, quella romana da M. Lungo) ma prima un antipasto con crocchè, pasta fritta tipo montanara: buone ma non esaltano e costano un po' troppo...
Pizza margherita classica e capricicosa: impasto eccellente nella tipologia, sulla margherita si esaltano gli eccellenti ingredienti e il risultato è la migliore pizza napoletana mai mangiata fuori Napoli! La capricciosa è fin troppo ricca, cmq per sfamarsi ottima.
Con una bottiglia di Cerasuolo Tiberio (18€) scelto da una carta un poco asfittica e poco mirata alla pizza il conto dice 48€.
Passaggio a fine cena della cheffa!! :D
Ci si torna per provare il resto


Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.
Avatar utente
SixthOfMay
Messaggi: 75
Iscritto il: 18 dic 2008 23:23

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda SixthOfMay » 19 lug 2017 22:38

Nonna Betta è consigliato? Ho trovato una sola menzione da queste parti.
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25070
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda tenente Drogo » 20 lug 2017 11:10

SixthOfMay ha scritto:Nonna Betta è consigliato? Ho trovato una sola menzione da queste parti.


buonino, ma IMHO i migliori nell'antico ghetto sono Bellacarne (soprattutto) ottima la concia e l'agnello e Baghetto
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")

http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Timoteo
Messaggi: 1964
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Timoteo » 20 lug 2017 11:29

SixthOfMay ha scritto:
pippo65 ha scritto:Visto che sono stato citato approfitto per una rece veloce

Romeo (la sezione pizza del nuovo locale di Bowerman &co.)
locale molto bello, con i tavoli distanziati e sedute comode
proviamo la pizza napoletana (curata dai Salvo, quella romana da M. Lungo) ma prima un antipasto con crocchè, pasta fritta tipo montanara: buone ma non esaltano e costano un po' troppo...
Pizza margherita classica e capricicosa: impasto eccellente nella tipologia, sulla margherita si esaltano gli eccellenti ingredienti e il risultato è la migliore pizza napoletana mai mangiata fuori Napoli! La capricciosa è fin troppo ricca, cmq per sfamarsi ottima.
Con una bottiglia di Cerasuolo Tiberio (18€) scelto da una carta un poco asfittica e poco mirata alla pizza il conto dice 48€.
Passaggio a fine cena della cheffa!! :D
Ci si torna per provare il resto


Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.


siccome la nota è negativa e marco non appare su questo forum, bisogna precisare che lui non c'entra con questa pizza.
mi pare.
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25070
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda tenente Drogo » 21 lug 2017 01:08

SixthOfMay ha scritto:
pippo65 ha scritto:Visto che sono stato citato approfitto per una rece veloce

Romeo (la sezione pizza del nuovo locale di Bowerman &co.)
locale molto bello, con i tavoli distanziati e sedute comode
proviamo la pizza napoletana (curata dai Salvo, quella romana da M. Lungo) ma prima un antipasto con crocchè, pasta fritta tipo montanara: buone ma non esaltano e costano un po' troppo...
Pizza margherita classica e capricicosa: impasto eccellente nella tipologia, sulla margherita si esaltano gli eccellenti ingredienti e il risultato è la migliore pizza napoletana mai mangiata fuori Napoli! La capricciosa è fin troppo ricca, cmq per sfamarsi ottima.
Con una bottiglia di Cerasuolo Tiberio (18€) scelto da una carta un poco asfittica e poco mirata alla pizza il conto dice 48€.
Passaggio a fine cena della cheffa!! :D
Ci si torna per provare il resto


Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.


perché?
la volevi scrocchiarella?
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
brifazio
Messaggi: 8392
Iscritto il: 06 giu 2007 13:20
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda brifazio » 24 lug 2017 14:54

A Nicooo. Mbè, se se chiama alla maniera romana, così ha da esse, scrocchiarella eccome, sinnò lassa perde proprio.
A Cirooo. Dice che Marco Lungo dice che è er consulente di pizza bassa romana da Giulietta. Dice.
Si nun dice oo dicesse, o lui, o nantro.
Timoteo
Messaggi: 1964
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Timoteo » 24 lug 2017 15:13

[quote="brifazio"
A Cirooo. Dice che Marco Lungo dice che è er consulente di pizza bassa romana da Giulietta. Dice.
Si nun dice oo dicesse, o lui, o nantro.[/quote]

già qualche mese addietro avevo letto che si era ritirato.
ma magari gioca con cassano.....
Avatar utente
SixthOfMay
Messaggi: 75
Iscritto il: 18 dic 2008 23:23

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda SixthOfMay » 25 lug 2017 01:06

tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
pippo65 ha scritto:Visto che sono stato citato approfitto per una rece veloce

Romeo (la sezione pizza del nuovo locale di Bowerman &co.)
locale molto bello, con i tavoli distanziati e sedute comode
proviamo la pizza napoletana (curata dai Salvo, quella romana da M. Lungo) ma prima un antipasto con crocchè, pasta fritta tipo montanara: buone ma non esaltano e costano un po' troppo...
Pizza margherita classica e capricicosa: impasto eccellente nella tipologia, sulla margherita si esaltano gli eccellenti ingredienti e il risultato è la migliore pizza napoletana mai mangiata fuori Napoli! La capricciosa è fin troppo ricca, cmq per sfamarsi ottima.
Con una bottiglia di Cerasuolo Tiberio (18€) scelto da una carta un poco asfittica e poco mirata alla pizza il conto dice 48€.
Passaggio a fine cena della cheffa!! :D
Ci si torna per provare il resto


Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.


perché?
la volevi scrocchiarella?


"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25070
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda tenente Drogo » 30 lug 2017 23:25

SixthOfMay ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
pippo65 ha scritto:Visto che sono stato citato approfitto per una rece veloce

Romeo (la sezione pizza del nuovo locale di Bowerman &co.)
locale molto bello, con i tavoli distanziati e sedute comode
proviamo la pizza napoletana (curata dai Salvo, quella romana da M. Lungo) ma prima un antipasto con crocchè, pasta fritta tipo montanara: buone ma non esaltano e costano un po' troppo...
Pizza margherita classica e capricicosa: impasto eccellente nella tipologia, sulla margherita si esaltano gli eccellenti ingredienti e il risultato è la migliore pizza napoletana mai mangiata fuori Napoli! La capricciosa è fin troppo ricca, cmq per sfamarsi ottima.
Con una bottiglia di Cerasuolo Tiberio (18€) scelto da una carta un poco asfittica e poco mirata alla pizza il conto dice 48€.
Passaggio a fine cena della cheffa!! :D
Ci si torna per provare il resto


Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.


perché?
la volevi scrocchiarella?


"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.


ma allora perché non ti è piaciuta (se te lo ricordi ancora)?
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
beluga
Messaggi: 8414
Iscritto il: 07 giu 2007 11:21
Località: roma

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda beluga » 31 lug 2017 16:47

tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
pippo65 ha scritto:Visto che sono stato citato approfitto per una rece veloce

Romeo (la sezione pizza del nuovo locale di Bowerman &co.)
locale molto bello, con i tavoli distanziati e sedute comode
proviamo la pizza napoletana (curata dai Salvo, quella romana da M. Lungo) ma prima un antipasto con crocchè, pasta fritta tipo montanara: buone ma non esaltano e costano un po' troppo...
Pizza margherita classica e capricicosa: impasto eccellente nella tipologia, sulla margherita si esaltano gli eccellenti ingredienti e il risultato è la migliore pizza napoletana mai mangiata fuori Napoli! La capricciosa è fin troppo ricca, cmq per sfamarsi ottima.
Con una bottiglia di Cerasuolo Tiberio (18€) scelto da una carta un poco asfittica e poco mirata alla pizza il conto dice 48€.
Passaggio a fine cena della cheffa!! :D
Ci si torna per provare il resto


Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.


perché?
la volevi scrocchiarella?


"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.


ma allora perché non ti è piaciuta (se te lo ricordi ancora)?


Diciamo che se uno vuole mangiare una pizza a Roma va da Sforno, Tonda, alla Gatta e in qualche altro luogo con un numero congruo di coperti e una certa cura per il cliente.
Tutto questo interesse per questi pizzifici all'ingrosso mi sembra eccessivo.
Me ne importo
Avatar utente
SixthOfMay
Messaggi: 75
Iscritto il: 18 dic 2008 23:23

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda SixthOfMay » 02 ago 2017 12:18

tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
pippo65 ha scritto:Visto che sono stato citato approfitto per una rece veloce

Romeo (la sezione pizza del nuovo locale di Bowerman &co.)
locale molto bello, con i tavoli distanziati e sedute comode
proviamo la pizza napoletana (curata dai Salvo, quella romana da M. Lungo) ma prima un antipasto con crocchè, pasta fritta tipo montanara: buone ma non esaltano e costano un po' troppo...
Pizza margherita classica e capricicosa: impasto eccellente nella tipologia, sulla margherita si esaltano gli eccellenti ingredienti e il risultato è la migliore pizza napoletana mai mangiata fuori Napoli! La capricciosa è fin troppo ricca, cmq per sfamarsi ottima.
Con una bottiglia di Cerasuolo Tiberio (18€) scelto da una carta un poco asfittica e poco mirata alla pizza il conto dice 48€.
Passaggio a fine cena della cheffa!! :D
Ci si torna per provare il resto


Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.


perché?
la volevi scrocchiarella?


"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.


ma allora perché non ti è piaciuta (se te lo ricordi ancora)?


Perché non aveva le caratteristiche di cui sopra. Ho descritto come deve essere per piacermi, non come era. La superficie della pasta della romana di Giulietta non è "asciutta". E consistenza e sapore sono diversi da quelli della romana che piace a me.
Ultima modifica di SixthOfMay il 02 ago 2017 12:58, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
SixthOfMay
Messaggi: 75
Iscritto il: 18 dic 2008 23:23

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda SixthOfMay » 02 ago 2017 12:56

beluga ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
Credo che Romeo sia il ristorante, mentre la pizzeria è Giulietta.
Ci sono stata un paio di settimane fa, e ho preso la versione romana: be', proprio non ci siamo. Ingredienti del condimento buoni, ma non è una romana come si deve.


perché?
la volevi scrocchiarella?


"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.


ma allora perché non ti è piaciuta (se te lo ricordi ancora)?


Diciamo che se uno vuole mangiare una pizza a Roma va da Sforno, Tonda, alla Gatta e in qualche altro luogo con un numero congruo di coperti e una certa cura per il cliente.
Tutto questo interesse per questi pizzifici all'ingrosso mi sembra eccessivo.


Perché "pizzifici all'ingrosso"? Pensi che chi fa la pizza romana, e bene, faccia più coperti a settimana delle blasonate (ma non romane) da te citate? O sono "pizzifici all'ingrosso" perché hanno i prezzi troppo bassi?
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25070
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda tenente Drogo » 02 ago 2017 13:54

SixthOfMay ha scritto:
beluga ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
perché?
la volevi scrocchiarella?


"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.


ma allora perché non ti è piaciuta (se te lo ricordi ancora)?


Diciamo che se uno vuole mangiare una pizza a Roma va da Sforno, Tonda, alla Gatta e in qualche altro luogo con un numero congruo di coperti e una certa cura per il cliente.
Tutto questo interesse per questi pizzifici all'ingrosso mi sembra eccessivo.


Perché "pizzifici all'ingrosso"? Pensi che chi fa la pizza romana, e bene, faccia più coperti a settimana delle blasonate (ma non romane) da te citate? O sono "pizzifici all'ingrosso" perché hanno i prezzi troppo bassi?


no, perché è ancora arrabbiato che due anni fa, nel Romeo che era in Prati, arrivò alle 23.30 e gli dissero che non poteva mangiare perché la cucina era chiusa
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Timoteo
Messaggi: 1964
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Timoteo » 02 ago 2017 14:21

Lecca lecca rulez.
Avatar utente
SixthOfMay
Messaggi: 75
Iscritto il: 18 dic 2008 23:23

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda SixthOfMay » 02 ago 2017 15:00

tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
beluga ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.


ma allora perché non ti è piaciuta (se te lo ricordi ancora)?


Diciamo che se uno vuole mangiare una pizza a Roma va da Sforno, Tonda, alla Gatta e in qualche altro luogo con un numero congruo di coperti e una certa cura per il cliente.
Tutto questo interesse per questi pizzifici all'ingrosso mi sembra eccessivo.


Perché "pizzifici all'ingrosso"? Pensi che chi fa la pizza romana, e bene, faccia più coperti a settimana delle blasonate (ma non romane) da te citate? O sono "pizzifici all'ingrosso" perché hanno i prezzi troppo bassi?


no, perché è ancora arrabbiato che due anni fa, nel Romeo che era in Prati, arrivò alle 23.30 e gli dissero che non poteva mangiare perché la cucina era chiusa


Aaaaah, ok. Non avevo capito si riferisse a Romeo e Giulietta, pensavo ce l'avesse con gli spacciatori della pizza romana come piace a me.
Avatar utente
beluga
Messaggi: 8414
Iscritto il: 07 giu 2007 11:21
Località: roma

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda beluga » 03 ago 2017 18:35

tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
beluga ha scritto:
tenente Drogo ha scritto:
SixthOfMay ha scritto:
"Scrocchiarella" non mi sembra il termine adatto a definire la pizza romana: scrocchiarello, al più, può essere quel minimo di cornicione che ha. Nella pizza romana la pasta si fonde completamente con i condimenti, tanto che è impossibile individuarne la superficie (superficie che invece nella napoletana resta bagnaticcia e ben separata), e, non meno importante, il sapore della versione margherita è un sapore a sé, altro da quello dei singoli ingredienti ed esclusivo della romana.


ma allora perché non ti è piaciuta (se te lo ricordi ancora)?


Diciamo che se uno vuole mangiare una pizza a Roma va da Sforno, Tonda, alla Gatta e in qualche altro luogo con un numero congruo di coperti e una certa cura per il cliente.
Tutto questo interesse per questi pizzifici all'ingrosso mi sembra eccessivo.


Perché "pizzifici all'ingrosso"? Pensi che chi fa la pizza romana, e bene, faccia più coperti a settimana delle blasonate (ma non romane) da te citate? O sono "pizzifici all'ingrosso" perché hanno i prezzi troppo bassi?


no, perché è ancora arrabbiato che due anni fa, nel Romeo che era in Prati, arrivò alle 23.30 e gli dissero che non poteva mangiare perché la cucina era chiusa


Figurati questi sono peccati veniali facilmente perdonabili.
Quello inaccettabile è stato il commento sfottente di un gruppo di vecchi beoti che prendevano per il culo il cliente insoddisfatto e di uno dei gestori del localizzo alla moda che ironizzava di licenziare un cameriere troppo gentile che si era scusato (essendo arrivato prima di quello che i tuoi compari mettevano come orario di chiusura) per non poterci servire qualcosa di decente. Ricordo un tipo con supponenza che diceva che se proprio volevamo una cosa fredda si sarebbe degnato (parlava l'espressione) di ammansircela. Sono posti modaioli che quando hanno il vento in poppa diventano arroganti poi decadono e cavalcano la moda successiva.
Me ne importo
Jbg2
Messaggi: 6
Iscritto il: 31 ago 2016 23:23

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Jbg2 » 04 ago 2017 22:41

Timoteo ha scritto:Lecca lecca rulez.


Pensa Marco che il Tenente ha sempre usufruito dello stesso sconto di cui godevi tu anzi, non ti nascondo, che in virtù del fatto che con te cazzeggiavano con grande gusto (il tenente non me ne vorrà) sicuramente ci sono state serate in cui io e te ci siamo consentiti comportamenti e confidenze che andavano ben oltre il normale rapporto ristoratore cliente.
Poi invece un giorno, come un normale cliente devi aver deciso di non venire più, cosa assolutamente lecita per carità, ma di cui, pensa, io ancora mi dispiaccio.
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7531
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Tex Willer » 05 ago 2017 08:04

Jbg2 ha scritto:
Timoteo ha scritto:Lecca lecca rulez.


Pensa Marco che il Tenente ha sempre usufruito dello stesso sconto di cui godevi tu anzi, non ti nascondo, che in virtù del fatto che con te cazzeggiavano con grande gusto (il tenente non me ne vorrà) sicuramente ci sono state serate in cui io e te ci siamo consentiti comportamenti e confidenze che andavano ben oltre il normale rapporto ristoratore cliente.
Poi invece un giorno, come un normale cliente devi aver deciso di non venire più, cosa assolutamente lecita per carità, ma di cui, pensa, io ancora mi dispiaccio.

Ma guarda un pò...
Ed io,che da normale cliente,dopo un paio di cene non sono più tornato,e che mi domandavo la ragione di tanto entusiasmo ...
Tardi ma ho capito. Storia molto edificante, complimenti a tutti 8)
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.
Woody Allen
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25070
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda tenente Drogo » 05 ago 2017 10:14

Tex Willer ha scritto:
Jbg2 ha scritto:
Timoteo ha scritto:Lecca lecca rulez.


Pensa Marco che il Tenente ha sempre usufruito dello stesso sconto di cui godevi tu anzi, non ti nascondo, che in virtù del fatto che con te cazzeggiavano con grande gusto (il tenente non me ne vorrà) sicuramente ci sono state serate in cui io e te ci siamo consentiti comportamenti e confidenze che andavano ben oltre il normale rapporto ristoratore cliente.
Poi invece un giorno, come un normale cliente devi aver deciso di non venire più, cosa assolutamente lecita per carità, ma di cui, pensa, io ancora mi dispiaccio.

Ma guarda un pò...
Ed io,che da normale cliente,dopo un paio di cene non sono più tornato,e che mi domandavo la ragione di tanto entusiasmo ...
Tardi ma ho capito. Storia molto edificante, complimenti a tutti 8)



ma stai parlando di Romeo in Prati, Romeo a Testaccio, Glass o Giulietta?
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25070
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda tenente Drogo » 05 ago 2017 10:20

Tex Willer ha scritto:
Jbg2 ha scritto:
Timoteo ha scritto:Lecca lecca rulez.


Pensa Marco che il Tenente ha sempre usufruito dello stesso sconto di cui godevi tu anzi, non ti nascondo, che in virtù del fatto che con te cazzeggiavano con grande gusto (il tenente non me ne vorrà) sicuramente ci sono state serate in cui io e te ci siamo consentiti comportamenti e confidenze che andavano ben oltre il normale rapporto ristoratore cliente.
Poi invece un giorno, come un normale cliente devi aver deciso di non venire più, cosa assolutamente lecita per carità, ma di cui, pensa, io ancora mi dispiaccio.

Ma guarda un pò...
Ed io,che da normale cliente,dopo un paio di cene non sono più tornato,e che mi domandavo la ragione di tanto entusiasmo ...
Tardi ma ho capito. Storia molto edificante, complimenti a tutti 8)


comunque non posso credere che tu pensi che scrivo bene di un ristorante in cambio di uno sconto
o ti sei spiegato male?

se un posto mi piace ci torno, se no no
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Timoteo
Messaggi: 1964
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Timoteo » 05 ago 2017 10:40

Immagine
Avatar utente
tenente Drogo
Messaggi: 25070
Iscritto il: 06 giu 2007 11:23
Località: Roma
Contatta:

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda tenente Drogo » 05 ago 2017 10:55

Timoteo ha scritto:http://media.queerblog.it/R/Ric/RiccardoCuordileone-586x433.jpg


non hai capito niente, e non è la prima volta
si può scrivere una cosa impulsivamente e poi ripensarci e scriverla meglio

.... e neanche in cambio di una cena

buone vacanze
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.

Tutto questo ha aiutato il film.

(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")



http://fortezza-bastiani.blogspot.com
Timoteo
Messaggi: 1964
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Due parole su alcune mangiate romane ( no blasonati ) cap. 3

Messaggioda Timoteo » 05 ago 2017 10:56

con.

Torna a “Ristoranti: le vostre opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti