PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Dove discutere, confrontarsi o scherzare sempre in modo civile su argomenti attinenti al mondo del food&wine e non solo.

Avatar utente
tenente Drogo 2
Messaggi: 500
Iscritto il: 24 nov 2017 18:03

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda tenente Drogo 2 » 04 set 2018 14:48

ah, Maxer, Maxer, in fondo la pensiamo allo stesso modo (e con Zampa ancor di più)
ma tu devi fare sempre il bastian contrario

ti aspetto a piazza del Popolo il 29 settembre
saremo "pochi intimi"
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")
maxer
Messaggi: 1767
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda maxer » 04 set 2018 18:16

:P
tenente Drogo 2 ha scritto:ah, Maxer, Maxer, in fondo la pensiamo allo stesso modo (e con Zampa ancor di più)
ma tu devi fare sempre il bastian contrario

ti aspetto a piazza del Popolo il 29 settembre
saremo "pochi intimi"

:wink: :wink: :wink:

Se il 29 venissi a Roma, andrei al derby .... 8)
carpe diem 8)
Avatar utente
beluga
Messaggi: 8496
Iscritto il: 07 giu 2007 11:21
Località: roma

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda beluga » 04 set 2018 19:47

maxer ha scritto::P
tenente Drogo 2 ha scritto:ah, Maxer, Maxer, in fondo la pensiamo allo stesso modo (e con Zampa ancor di più)
ma tu devi fare sempre il bastian contrario

ti aspetto a piazza del Popolo il 29 settembre
saremo "pochi intimi"

:wink: :wink: :wink:

Se il 29 venissi a Roma, andrei al derby .... 8)


La manifestazione è alle 14, la partita alle 18.
Da piazza del Popolo allo stadio vai in pochi munuti.
Se ti organizzi bene non devi sacrificare niente a patto di non condonderti e andare alle 14 alla partita e alle 18 alla manifestazione :D
Me ne importo
maxer
Messaggi: 1767
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda maxer » 04 set 2018 22:02

beluga ha scritto:
maxer ha scritto::P
tenente Drogo 2 ha scritto:ah, Maxer, Maxer, in fondo la pensiamo allo stesso modo (e con Zampa ancor di più)
ma tu devi fare sempre il bastian contrario

ti aspetto a piazza del Popolo il 29 settembre
saremo "pochi intimi"

:wink: :wink: :wink:

Se il 29 venissi a Roma, andrei al derby .... 8)


La manifestazione è alle 14, la partita alle 18.
Da piazza del Popolo allo stadio vai in pochi munuti.
Se ti organizzi bene non devi sacrificare niente a patto di non condonderti e andare alle 14 alla partita e alle 18 alla manifestazione :D

Grazie della precisazione :wink:

Vorrà dire che, per evitare probabili confusioni, verrei alle 14 in Piazza del Popolo alla manifestazione e poi, per arrivare all' Olimpico per il derby, mi farei accompagnare in tutta sicurezza solo dai compagni Renzi (con i genitori), Calenda, Bentivogli e Zingaretti e il loro nutrito servizio d' ordine del partito, che ci difenderebbe dalla calda ( :shock: ) accoglienza delle due tifoserie.

Per l' uscita dallo stadio dovrei ancora organizzarmi : ora sarei un po' conf###
carpe diem 8)
Avatar utente
Dedalus
Messaggi: 12916
Iscritto il: 07 giu 2007 10:57

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda Dedalus » 05 set 2018 01:32

zampaflex ha scritto:PS: il capitalismo ha vinto. Magari, marxianamente, crollerà sotto il peso del suo successo, ma non ne sarei così sicuro. E parafraserei Churchill...


Il problema non è il capitalismo, ad un'attenta osservazione e prendendo la questione seriamente da un punto di vista sia teorico sia pratico, si vedrà che anche l'Unione Sovietica adottava un sistema capitalista, seppur radicalmente di stato quindi non di mercato.

Il problema, all'interno del paradigma capitalista in ambito economico, è capire che succede in ambito politico, dove si decidono le finalità con cui si utilizzano i vari strumenti economici e normativi. Si parla di dimensione teleologica. Le finalità sono inquadrate attraverso le ideologie, fra le quali nella cultura occidentale siamo di fronte negli ultimi due secoli allo scontro fra il liberalismo e il socialismo. Entrambe tali ideologie possono essere totalitarie, oppure moderate da istituti di mediazione. Socialdemocrazia e liberaldemocrazia sono due sistemi misti, mentre l'Unione Sovietica fu un totalitarismo, all'insegna del socialismo reale, e l'Unione Europea minaccia di evolvere anch'essa in totalitarismo, essendo già a buon punto sulla strada dell'ordoliberismo.

Il punto è che il liberalismo tendente al totalitario, quello che si afferma attraverso la finanziarizzazione dell'economia e attraverso la globalizzazione delle società, crea tali squilibri da ridurre il mondo in cenere, come è successo dopo la prima globalizzazione conclusa solo dopo due guerre mondiali e il sorgere dei tre totalitarismi peggiori degli ultimi due secoli in occidente, fascismo, nazismo e comunismo. Per questo le Costituzioni post-belliche e quella italiana più di tutte hanno stabilito che c'è una sola forma di regime politico ed istituzionale legittimo. Sono vietati i totalitarismi, ed è vietata anche la liberaldemocrazia, poiché rivelatasi una democrazia solo formale, quindi falsa: è consentita (cioè deve essere attuata) solo la democrazia sostanziale, ovvero la socialdemocrazia descritta nei 139 Articoli e XVIII Disposizioni Finali.

DI conseguenza viviamo da 26 anni in un regime incostituzionale, illegittimo. I danni che abbiamo davanti a noi, quello che chiamiamo crisi, sono gli effetti prevedibili e previsti dell'adozione di misure e sistemi schiettamente liberali, che furono appunto vietati dalla Costituzione. Non si chiama crisi, si chiama rivoluzione liberale.

Non ha vinto il capitalismo, che nessuno mette davvero in discussione. Ha vinto il liberalismo, un liberalismo che dopo aver sconfitto il nemico russo e aver abbattuto con la globalizzazione i muri simboleggiati da quello di Berlino, non vuole fare e non sta facendo più prigionieri, e si avvia a diventare un totalitarismo. E' per questo che va tutto in merda, è per questo che bisogna tornare ad una forma istituzionale mediata, quella che ha potuto dispiegare i suoi effetti benefici nei primi 30 anni dopo la fine della guerra mondiale. E' per questo che bisogna ritornare alla socialdemocrazia, in Italia ad attuare la Costituzione della Repubblica Italiana del 1948.
“La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere la propria funzione nella vita, i propri diritti e i propri doveri.”
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6664
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda zampaflex » 05 set 2018 09:47

Dedalus ha scritto:
zampaflex ha scritto:PS: il capitalismo ha vinto. Magari, marxianamente, crollerà sotto il peso del suo successo, ma non ne sarei così sicuro. E parafraserei Churchill...


Il problema non è il capitalismo, ad un'attenta osservazione e prendendo la questione seriamente da un punto di vista sia teorico sia pratico, si vedrà che anche l'Unione Sovietica adottava un sistema capitalista, seppur radicalmente di stato quindi non di mercato.

Il problema, all'interno del paradigma capitalista in ambito economico, è capire che succede in ambito politico, dove si decidono le finalità con cui si utilizzano i vari strumenti economici e normativi. Si parla di dimensione teleologica. Le finalità sono inquadrate attraverso le ideologie, fra le quali nella cultura occidentale siamo di fronte negli ultimi due secoli allo scontro fra il liberalismo e il socialismo. Entrambe tali ideologie possono essere totalitarie, oppure moderate da istituti di mediazione. Socialdemocrazia e liberaldemocrazia sono due sistemi misti, mentre l'Unione Sovietica fu un totalitarismo, all'insegna del socialismo reale, e l'Unione Europea minaccia di evolvere anch'essa in totalitarismo, essendo già a buon punto sulla strada dell'ordoliberismo.

Il punto è che il liberalismo tendente al totalitario, quello che si afferma attraverso la finanziarizzazione dell'economia e attraverso la globalizzazione delle società, crea tali squilibri da ridurre il mondo in cenere, come è successo dopo la prima globalizzazione conclusa solo dopo due guerre mondiali e il sorgere dei tre totalitarismi peggiori degli ultimi due secoli in occidente, fascismo, nazismo e comunismo. Per questo le Costituzioni post-belliche e quella italiana più di tutte hanno stabilito che c'è una sola forma di regime politico ed istituzionale legittimo. Sono vietati i totalitarismi, ed è vietata anche la liberaldemocrazia, poiché rivelatasi una democrazia solo formale, quindi falsa: è consentita (cioè deve essere attuata) solo la democrazia sostanziale, ovvero la socialdemocrazia descritta nei 139 Articoli e XVIII Disposizioni Finali.

DI conseguenza viviamo da 26 anni in un regime incostituzionale, illegittimo. I danni che abbiamo davanti a noi, quello che chiamiamo crisi, sono gli effetti prevedibili e previsti dell'adozione di misure e sistemi schiettamente liberali, che furono appunto vietati dalla Costituzione. Non si chiama crisi, si chiama rivoluzione liberale.

Non ha vinto il capitalismo, che nessuno mette davvero in discussione. Ha vinto il liberalismo, un liberalismo che dopo aver sconfitto il nemico russo e aver abbattuto con la globalizzazione i muri simboleggiati da quello di Berlino, non vuole fare e non sta facendo più prigionieri, e si avvia a diventare un totalitarismo. E' per questo che va tutto in merda, è per questo che bisogna tornare ad una forma istituzionale mediata, quella che ha potuto dispiegare i suoi effetti benefici nei primi 30 anni dopo la fine della guerra mondiale. E' per questo che bisogna ritornare alla socialdemocrazia, in Italia ad attuare la Costituzione della Repubblica Italiana del 1948.


Intervento interessante Rossano, ma la tua soluzione si avvicina pericolosamente al capitalismo di Stato inaugurato proprio da un regime (l'IRI è del 1933) e figlio delle sue tendenze corporative di matrice altomedievale e socialisteggianti.
Per quanto mi riguarda abbiamo già visto come questo tipo di capitalismo pesantemente influenzato dalle scelte politiche sia, in Italia, fallimentare perché incapace di governare i fenomeni economici senza cedere al clientelismo, e inefficace nella allocazione delle risorse (quanti anni ci abbiamo messo a liberarci dei "panettoni di Stato"?).

Per quanto criticabile, soprattutto con l'accelerazione dagli anni '80 in poi, il capitalismo di matrice anglosassone è il sistema economico che raggiunge il massimo livello di efficacia e di efficienza.
In Asia ne sono state adottate versioni dirigiste, dove lo Stato accompagna lo sviluppo della libera impresa e ne fissa in alcuni casi gli obiettivi, ma la gestione poi è puramente privatistica (e i risultati si vedono).

In Europa ex-UK non c'è un modello univoco. L'ordoliberismo, tanto caro al prof. Sapelli, non è l'unica via (gli olandesi, forti alleati dei tedeschi, hanno già un modello ben diverso).
Ma il problema vero, sullo sfondo, non è quale modello adottiamo in Italia. E' come competere con gli altri continenti; salvaguardando quanto possibile dello stato sociale.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
tenente Drogo 2
Messaggi: 500
Iscritto il: 24 nov 2017 18:03

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda tenente Drogo 2 » 05 set 2018 11:00

maxer ha scritto:
beluga ha scritto:
maxer ha scritto::P
tenente Drogo 2 ha scritto:ah, Maxer, Maxer, in fondo la pensiamo allo stesso modo (e con Zampa ancor di più)
ma tu devi fare sempre il bastian contrario

ti aspetto a piazza del Popolo il 29 settembre
saremo "pochi intimi"

:wink: :wink: :wink:

Se il 29 venissi a Roma, andrei al derby .... 8)


La manifestazione è alle 14, la partita alle 18.
Da piazza del Popolo allo stadio vai in pochi munuti.
Se ti organizzi bene non devi sacrificare niente a patto di non condonderti e andare alle 14 alla partita e alle 18 alla manifestazione :D

Grazie della precisazione :wink:

Vorrà dire che, per evitare probabili confusioni, verrei alle 14 in Piazza del Popolo alla manifestazione e poi, per arrivare all' Olimpico per il derby, mi farei accompagnare in tutta sicurezza solo dai compagni Renzi (con i genitori), Calenda, Bentivogli e Zingaretti e il loro nutrito servizio d' ordine del partito, che ci difenderebbe dalla calda ( :shock: ) accoglienza delle due tifoserie.

Per l' uscita dallo stadio dovrei ancora organizzarmi : ora sarei un po' conf###




Immagine
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5296
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda harmattan » 05 set 2018 12:42

tenente Drogo 2 ha scritto:e neanche tutti i voti al PCI erano di elettori che condividevano i valori di sinistra: solidarietà, antirazzismo, senso civico ...

quanti elettori del PCI avete conosciuto che nella vita privata magari erano maschilisti, evasori fiscali e un po' razzisti?



Il solito grande, enorme, gigantesco errore del popolo de sinistra, che ha portato all'inevitabile fallimento politico di tutti i tempi, ossia emarginare i problemi e le questioni de panza (homo economicus), peraltro acuiti dalla crisi post Lehman, a vantaggio dei diritti fuffa. Alla maggioranza del paese, analfabeta funzionale e con un reddito medio basso, non importa nulla della solidarietà e dei negri, del senso civico e della differenziata, vuole ciccia da mettere sotto i denti e basta.
Quando qualcuno in questo forum scrive che mai e poi mai si piegherà a questa deriva ideologica medievale, pur con tutta la mia comprensione, dico che non ha capito un catzo, e che dimostra poca pragmaticità con i tempi che corrono.
Chi paga una carbonara 20 euro e fa le vacanze in barca a vela non può capire cosa è l'indigenza, il precariato, vivere in una periferia e il non potere sognare. Il PD ha sbagliato comunicazione, ignorando il fatto che diritti fuffa e diritti de panza potessero essere compatibili l'uno con l'altro. Non in questo paese purtroppo.
Avatar utente
beluga
Messaggi: 8496
Iscritto il: 07 giu 2007 11:21
Località: roma

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda beluga » 05 set 2018 13:30

harmattan ha scritto:
tenente Drogo 2 ha scritto:e neanche tutti i voti al PCI erano di elettori che condividevano i valori di sinistra: solidarietà, antirazzismo, senso civico ...

quanti elettori del PCI avete conosciuto che nella vita privata magari erano maschilisti, evasori fiscali e un po' razzisti?



Il solito grande, enorme, gigantesco errore del popolo de sinistra, che ha portato all'inevitabile fallimento politico di tutti i tempi, ossia emarginare i problemi e le questioni de panza (homo economicus), peraltro acuiti dalla crisi post Lehman, a vantaggio dei diritti fuffa. Alla maggioranza del paese, analfabeta funzionale e con un reddito medio basso, non importa nulla della solidarietà e dei negri, del senso civico e della differenziata, vuole ciccia da mettere sotto i denti e basta.
Quando qualcuno in questo forum scrive che mai e poi mai si piegherà a questa deriva ideologica medievale, pur con tutta la mia comprensione, dico che non ha capito un catzo, e che dimostra poca pragmaticità con i tempi che corrono.
Chi paga una carbonara 20 euro e fa le vacanze in barca a vela non può capire cosa è l'indigenza, il precariato, vivere in una periferia e il non potere sognare. Il PD ha sbagliato comunicazione, ignorando il fatto che diritti fuffa e diritti de panza potessero essere compatibili l'uno con l'altro. Non in questo paese purtroppo.


Questa è, per il prossimo futuro, un’analisi ottimista.
Questi qua le pance non le riempiranno mai e il popolino li scaricherà in favore del prossimo cazzaro che farà promesse più grosse.
L’analisi pessimista invece è legata al consenso crescente di un nazistoide alla matriciana come Salvini che non solo riceve applausi e voti ma istiga decine (o per il momento centinaia) di psicopatici ad aggredire il diverso, il vicino di casa, lo straniero o qualsiasi categoria l’immaginario della propaganda all’odio individui come un bersaglio causa delle proprie miserie.
Non si tratta allora solo di indigenza o precariato ma del fatto che in Italia ci sono almeno un terzo dei votanti pronti a sposare il fascismo alle vongole (ma non per questo meno pericoloso) in quanto intimamente in sintonia con questa roba qua.
Me ne importo
Avatar utente
Dedalus
Messaggi: 12916
Iscritto il: 07 giu 2007 10:57

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda Dedalus » 05 set 2018 14:40

zampaflex ha scritto:Intervento interessante Rossano, ma la tua soluzione si avvicina pericolosamente al capitalismo di Stato inaugurato proprio da un regime (l'IRI è del 1933) e figlio delle sue tendenze corporative di matrice altomedievale e socialisteggianti.
Per quanto mi riguarda abbiamo già visto come questo tipo di capitalismo pesantemente influenzato dalle scelte politiche sia, in Italia, fallimentare perché incapace di governare i fenomeni economici senza cedere al clientelismo, e inefficace nella allocazione delle risorse (quanti anni ci abbiamo messo a liberarci dei "panettoni di Stato"?)


Mi chiedo se ti rendi conto che continui a ripetere la favola con cui le élite finanziare ci hanno rifilato il liberalismo incostituzionale con cui ci hanno tuffati nella merda in cui siamo immersi fino alle ginocchia.

Deve essere come dice harmattan, fino a che il piatto è più pieno di quelli poveri va tutto bene. Si può continuare a ripetere quello che si è detto fino ad oggi, senza verificare se i riscontri con la realtà ci siano o meno, nemmeno a posteriori, nemmeno con 26 anni di verifiche disastrose da poter interpellare facilmente.
“La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere la propria funzione nella vita, i propri diritti e i propri doveri.”
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6664
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda zampaflex » 05 set 2018 16:08

Dedalus ha scritto:
zampaflex ha scritto:Intervento interessante Rossano, ma la tua soluzione si avvicina pericolosamente al capitalismo di Stato inaugurato proprio da un regime (l'IRI è del 1933) e figlio delle sue tendenze corporative di matrice altomedievale e socialisteggianti.
Per quanto mi riguarda abbiamo già visto come questo tipo di capitalismo pesantemente influenzato dalle scelte politiche sia, in Italia, fallimentare perché incapace di governare i fenomeni economici senza cedere al clientelismo, e inefficace nella allocazione delle risorse (quanti anni ci abbiamo messo a liberarci dei "panettoni di Stato"?)


Mi chiedo se ti rendi conto che continui a ripetere la favola con cui le élite finanziare ci hanno rifilato il liberalismo incostituzionale con cui ci hanno tuffati nella merda in cui siamo immersi fino alle ginocchia.

Deve essere come dice harmattan, fino a che il piatto è più pieno di quelli poveri va tutto bene. Si può continuare a ripetere quello che si è detto fino ad oggi, senza verificare se i riscontri con la realtà ci siano o meno, nemmeno a posteriori, nemmeno con 26 anni di verifiche disastrose da poter interpellare facilmente.


Il tuo errore, e stavolta sarò più tranchant, è di limitarti a pensare che i problemi derivino SOLO dagli ultimi ventisei anni di vita della miserabile democrazia italiana. No, assolutamente. Hanno radici più profonde e quindi cause più potenti che non siano la banale disponibilità di credito. Partono da un tessuto industriale viziato dal nanismo, coccolato da decenni di bassa tassazione e alta evasione, figlio di prime generazioni incapaci di trasmettere sapere e potere e non disposte a cedere fette di comando associandosi per reggere meglio necessità di investimento e concorrenza.
E' come pretendere di mettere cerotti su una frattura.

E poi vorrei capire perché la ricetta capitalistica dei nostri vicini funziona presso tutti i nostri vicini ma non a casa nostra, e solo da noi.

Non è che il problema sia l'Italia? O meglio, del modo in cui pretende di fare la diversa ancora oggi?
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
Dedalus
Messaggi: 12916
Iscritto il: 07 giu 2007 10:57

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda Dedalus » 05 set 2018 20:45

Mi sembra di avere preso la macchina del tempo e di essere tornato a prima del 2011.

Ormai le domande che fai sono superate anche da chi continua a pensarla più o meno come te.

Sei indietro di quasi dieci anni, zampa. Io sinceramente non ho voglia di farti da CEPU della politica, visto che peraltro non vuoi saperne di considerare qualcosa di diverso da quello che dici già. Evidentemente ti sta bene quello e non hai voglia di cambiare, perché altrimenti lo avresti già fatto, non avresti certo aspettato che io tornassi da queste parti.
“La cultura è organizzazione, disciplina del proprio io interiore; è presa di possesso della propria personalità, e conquista di coscienza superiore, per la quale si riesce a comprendere la propria funzione nella vita, i propri diritti e i propri doveri.”
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7544
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda Tex Willer » 06 set 2018 08:37

Intanto la manifestazione è stata spostata al 30 settembre e NON a causa della scarsa presenza prevista per la concomitanza del derby ma per condivisibili motivi di ordine pubblico. 8)
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.
Woody Allen
maxer
Messaggi: 1767
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda maxer » 06 set 2018 09:31

Tex Willer ha scritto:Intanto la manifestazione è stata spostata al 30 settembre e NON a causa della scarsa presenza prevista per la concomitanza del derby ma per condivisibili motivi di ordine pubblico. 8)

:? :? :? :? :?
La lungimiranza, la capacità di previsione del futuro e la famosa "presenza sul territorio" da parte del Pd si dimostrano ancora una volta fantastiche, anche in questi ' piccoli' particolari. Ma chi aveva proposto la data del 29 ?
Gli arguti Rosato e Guerini ? :mrgreen:
carpe diem 8)
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7544
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda Tex Willer » 06 set 2018 09:34

maxer ha scritto:
Tex Willer ha scritto:Intanto la manifestazione è stata spostata al 30 settembre e NON a causa della scarsa presenza prevista per la concomitanza del derby ma per condivisibili motivi di ordine pubblico. 8)

:? :? :? :? :?
La lungimiranza, la capacità di previsione del futuro e la famosa "presenza sul territorio" da parte del Pd si dimostrano ancora una volta fantastiche, anche in questi ' piccoli' particolari. Ma chi aveva proposto la data del 29 ?
Gli arguti Rosato e Guerini ? :mrgreen:

Leghisti della Juve :lol:
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.

Woody Allen
Avatar utente
tenente Drogo 2
Messaggi: 500
Iscritto il: 24 nov 2017 18:03

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda tenente Drogo 2 » 06 set 2018 10:43

Tex Willer ha scritto:Intanto la manifestazione è stata spostata al 30 settembre e NON a causa della scarsa presenza prevista per la concomitanza del derby ma per condivisibili motivi di ordine pubblico. 8)


vediamo se saranno davvero pochi

dovresti venire anche tu, i bagni di folla stile "duce" di Salvini continuano a essere inquietanti e non sarebbe male evidenziare l'esistenza di un'altra Italia

che ti credi che io muoio dalla voglia di partecipare alla manifestazione di quelli che hanno invitato Pepe Mujica alla loro festa? quelli che l'hanno Boccia ed Emiliano?

ma non è il momento di fare gli schizzinosi
I comunisti mi trattavano da fascista, i fascisti da comunista.
Tutto questo ha aiutato il film.
(Sam Fuller, a proposito di "The Steel Helmet")
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6664
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda zampaflex » 06 set 2018 12:48

Dedalus ha scritto:Mi sembra di avere preso la macchina del tempo e di essere tornato a prima del 2011.

Ormai le domande che fai sono superate anche da chi continua a pensarla più o meno come te.

Sei indietro di quasi dieci anni, zampa. Io sinceramente non ho voglia di farti da CEPU della politica, visto che peraltro non vuoi saperne di considerare qualcosa di diverso da quello che dici già. Evidentemente ti sta bene quello e non hai voglia di cambiare, perché altrimenti lo avresti già fatto, non avresti certo aspettato che io tornassi da queste parti.


Il fatto che il 60% dei votanti insista a ritenere corrette le politiche del duo pentaleghista non le rende per questo giuste.
Per me sono profondamente sbagliate, vogliamo tornare allo strapaese degli anni 50, contenti loro. Io sono contrario.
Non mi svendo per il consenso ( e fortunatamente non ne ho neanche bisogno, giacché la famosa bandiera di Longanesi col "tengo famiglia" non è mai stata di casa da me).
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6664
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda zampaflex » 06 set 2018 12:59

Adesso però vorrei sollevare un tema.

Renzi ha impegnato dieci miliardi all'anno per gli 80 euro, che sono una forma mascherata di riduzione delle tasse per i meno abbienti, e lo hanno preso per il qulo. Ha introdotto il reddito di inclusione per una spesa di 1,5 miliardi, e non se l'è filato nessuno.

Tom & Jerry pensano di cominciare a postare dai due ai quattro miliardi per le spese sociali, di cui parte recuperata dagli stanziamenti di cui sopra, e sono dei benefattori dell'umanità.

A me sembrano due pesi e due misure.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
harmattan
Messaggi: 5296
Iscritto il: 13 apr 2008 13:56
Località: Roma San Giovanni

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda harmattan » 06 set 2018 14:17

zampaflex ha scritto:Adesso però vorrei sollevare un tema.

Renzi ha impegnato dieci miliardi all'anno per gli 80 euro, che sono una forma mascherata di riduzione delle tasse per i meno abbienti, e lo hanno preso per il qulo. Ha introdotto il reddito di inclusione per una spesa di 1,5 miliardi, e non se l'è filato nessuno.

Tom & Jerry pensano di cominciare a postare dai due ai quattro miliardi per le spese sociali, di cui parte recuperata dagli stanziamenti di cui sopra, e sono dei benefattori dell'umanità.

A me sembrano due pesi e due misure.


Dimentichi che l'analfabetismo funzionale (e non) della popolazione di questo paese può fare miracoli. Se la massa, ossia la maggioranza, vede in te il radical chic che pensa alla solidarietà e ai diritti civili e dimentica il popolino precario che si arrabatta per arrivare a fine mese ecco spiegato il due pesi e due misure. Antropologicamente il successo del duo al governo ricalca l'enfasi comunicativa del Berlusconi con il famoso milione di posti di lavoro. La gente ha bisogno di un pifferaio che la faccia sognare. E' questione di dna, non ci sono spiegazioni alternative.
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7544
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda Tex Willer » 06 set 2018 14:47

tenente Drogo 2 ha scritto:
Tex Willer ha scritto:Intanto la manifestazione è stata spostata al 30 settembre e NON a causa della scarsa presenza prevista per la concomitanza del derby ma per condivisibili motivi di ordine pubblico. 8)


vediamo se saranno davvero pochi

dovresti venire anche tu,

Non ho l'età 8)
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.

Woody Allen
maxer
Messaggi: 1767
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda maxer » 06 set 2018 14:57

zampaflex ha scritto:
Dedalus ha scritto:Mi sembra di avere preso la macchina del tempo e di essere tornato a prima del 2011.

Ormai le domande che fai sono superate anche da chi continua a pensarla più o meno come te.

Sei indietro di quasi dieci anni, zampa. Io sinceramente non ho voglia di farti da CEPU della politica, visto che peraltro non vuoi saperne di considerare qualcosa di diverso da quello che dici già. Evidentemente ti sta bene quello e non hai voglia di cambiare, perché altrimenti lo avresti già fatto, non avresti certo aspettato che io tornassi da queste parti.


Il fatto che il 60% dei votanti insista a ritenere corrette le politiche del duo pentaleghista non le rende per questo giuste.
Per me sono profondamente sbagliate, vogliamo tornare allo strapaese degli anni 50, contenti loro. Io sono contrario.
Non mi svendo per il consenso ( e fortunatamente non ne ho neanche bisogno, giacché la famosa bandiera di Longanesi col "tengo famiglia" non è mai stata di casa da me).

Ma che senso ha questa tua risposta ?

Che tu sia contro Lega e M5S è assodato, non occorre che lo ripeta.
Che il tuo cervello non sia in vendita è assodato, nessuno l' mai neanche pensato.

D' altronde, da quello che scrive, mi sembra che
nemmeno Dedalus (Rossano ?), come il sopra/sotto/scritto peraltro, sia un fan dell' attuale governo, per niente, solo perché critichiamo in forme anche diverse, ma non troppo, io magari più politico e meno preparato in teorie finanziarie, le scelte politico-economiche pregresse.
Certo, bisogna leggerci senza preconcetti e granitiche convinzioni inscalfibili nemmeno con l' antica dinamite. Ma questo, anche con me, non l' hai mai voluto o saputo fare.

E poi, cos' è l' ultimo richiamo alla frase longanesiana : una VELATISSIMA (diciamo ipocrita che è meglio) accusa ad altri di tenere famiglia e quindi di vendere il proprio di cervello al potere per interessi non ben specificati ?
Qui ti accosto adirittura a Toninelli, pensa un po', che butta una sassata e nasconde la manina ..... :shock:
carpe diem 8)
Avatar utente
Tex Willer
Messaggi: 7544
Iscritto il: 18 mag 2008 17:52

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda Tex Willer » 06 set 2018 15:09

zampaflex ha scritto:Adesso però vorrei sollevare un tema.

Renzi ha impegnato dieci miliardi all'anno per gli 80 euro, che sono una forma mascherata di riduzione delle tasse per i meno abbienti, e lo hanno preso per il qulo. Ha introdotto il reddito di inclusione per una spesa di 1,5 miliardi, e non se l'è filato nessuno.

Tom & Jerry pensano di cominciare a postare dai due ai quattro miliardi per le spese sociali, di cui parte recuperata dagli stanziamenti di cui sopra, e sono dei benefattori dell'umanità.

A me sembrano due pesi e due misure.

Sia Renzi che Di Maio/Salvini hanno usato questa leva per ottenere voti. Quindi paragoniamo il governo Renzi,fatto da professionisti della politica ed il governo di quelli delle scie chimiche?
Da un governo ci si attende uno sguardo verso il futuro del Paese,investmenti in infrastrutture,servizi,10 miliardi possono iniziare un percorso che genera occupazione nel territorio e rimetta in moto il meccanismo che si traduce in maggiore capacità di spesa delle famiglie.
Ma che si pensa davvero che 80 euro in più in busta paga possano incrementare i consumi??
Quando ero piccolo i miei genitori hanno cambiato casa una decina di volte,ma io sono sempre riuscito a trovarli.

Woody Allen
maxer
Messaggi: 1767
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda maxer » 06 set 2018 15:46

tenente Drogo 2 ha scritto:che ti credi che io muoia dalla voglia di partecipare alla manifestazione di quelli che hanno invitato Pepe Mujica alla loro festa? quelli che l'hanno Boccia ed Emiliano?

ma non è il momento di fare gli schizzinosi

Ma perché, Pepe Mujica chi sarebbe, un pericoloso terrorista ? Un rivoluzionario anarco-individualista ? Un terribile bolscevico ? Un appestato che può contagiare i militanti Pd ? Un assassino ?
carpe diem 8)
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6664
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda zampaflex » 06 set 2018 17:06

Tex Willer ha scritto:
zampaflex ha scritto:Adesso però vorrei sollevare un tema.

Renzi ha impegnato dieci miliardi all'anno per gli 80 euro, che sono una forma mascherata di riduzione delle tasse per i meno abbienti, e lo hanno preso per il qulo. Ha introdotto il reddito di inclusione per una spesa di 1,5 miliardi, e non se l'è filato nessuno.

Tom & Jerry pensano di cominciare a postare dai due ai quattro miliardi per le spese sociali, di cui parte recuperata dagli stanziamenti di cui sopra, e sono dei benefattori dell'umanità.

A me sembrano due pesi e due misure.

Sia Renzi che Di Maio/Salvini hanno usato questa leva per ottenere voti. Quindi paragoniamo il governo Renzi,fatto da professionisti della politica ed il governo di quelli delle scie chimiche?
Da un governo ci si attende uno sguardo verso il futuro del Paese,investmenti in infrastrutture,servizi,10 miliardi possono iniziare un percorso che genera occupazione nel territorio e rimetta in moto il meccanismo che si traduce in maggiore capacità di spesa delle famiglie.
Ma che si pensa davvero che 80 euro in più in busta paga possano incrementare i consumi??


Non paragonavo l'attività dei due governi quanto il diverso trattamento riservato da media e opinione pubblica: uno vituperato, l'altro salvatore della patria. Per aver fatto (nel secondo caso, per pensare di farlo), sostanzialmente, la stessa cosa in termini quantitativi simili.
Riguardo agli 80 euro, la frase con cui quella cretina della sottosegretaria Castelli ha cianciato recentemente di moltiplicatore fiscale. Bene, esso aumenta, nel caso di taglio delle tasse, in maniera direttamente proporzionale al minore reddito. E' intuibile, chi più ha bisogno è più portato a spendere quei pochi soldi in più che gli arrivino. Per cui anche 960 euro all'anno fanno brodo. Nel momento in cui la priorità era fare ripartire i consumi interni, e le fasce più deboli della popolazione hanno la tendenza a consumare beni prodotti internamente, l'idea aveva senso e validità.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6664
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: PD : ANALISI DI UN TRACOLLO - DAL 40 % AL 19 %. PERCHÉ ?

Messaggioda zampaflex » 06 set 2018 17:28

maxer ha scritto:Ma che senso ha questa tua risposta ?

Che tu sia contro Lega e M5S è assodato, non occorre che lo ripeta.
Che il tuo cervello non sia in vendita è assodato, nessuno l' mai neanche pensato.

D' altronde, da quello che scrive, mi sembra che
nemmeno Dedalus (Rossano ?), come il sopra/sotto/scritto peraltro, sia un fan dell' attuale governo, per niente, solo perché critichiamo in forme anche diverse, ma non troppo, io magari più politico e meno preparato in teorie finanziarie, le scelte politico-economiche pregresse.
Certo, bisogna leggerci senza preconcetti e granitiche convinzioni inscalfibili nemmeno con l' antica dinamite. Ma questo, anche con me, non l' hai mai voluto o saputo fare.

E poi, cos' è l' ultimo richiamo alla frase longanesiana : una VELATISSIMA (diciamo ipocrita che è meglio) accusa ad altri di tenere famiglia e quindi di vendere il proprio di cervello al potere per interessi non ben specificati ?
Qui ti accosto adirittura a Toninelli, pensa un po', che butta una sassata e nasconde la manina ..... :shock:


La mia risposta ha il senso che deve avere nel momento in cui Rossano sostiene:
"Il punto è che il liberalismo tendente al totalitario, quello che si afferma attraverso la finanziarizzazione dell'economia e attraverso la globalizzazione delle società, crea tali squilibri da ridurre il mondo in cenere, come è successo dopo la prima globalizzazione conclusa solo dopo due guerre mondiali e il sorgere dei tre totalitarismi peggiori degli ultimi due secoli in occidente, fascismo, nazismo e comunismo. Per questo le Costituzioni post-belliche e quella italiana più di tutte hanno stabilito che c'è una sola forma di regime politico ed istituzionale legittimo. Sono vietati i totalitarismi, ed è vietata anche la liberaldemocrazia, poiché rivelatasi una democrazia solo formale, quindi falsa: è consentita (cioè deve essere attuata) solo la democrazia sostanziale, ovvero la socialdemocrazia descritta nei 139 Articoli e XVIII Disposizioni Finali.

DI conseguenza viviamo da 26 anni in un regime incostituzionale, illegittimo. I danni che abbiamo davanti a noi, quello che chiamiamo crisi, sono gli effetti prevedibili e previsti dell'adozione di misure e sistemi schiettamente liberali, che furono appunto vietati dalla Costituzione. Non si chiama crisi, si chiama rivoluzione liberale.

Non ha vinto il capitalismo, che nessuno mette davvero in discussione. Ha vinto il liberalismo, un liberalismo che dopo aver sconfitto il nemico russo e aver abbattuto con la globalizzazione i muri simboleggiati da quello di Berlino, non vuole fare e non sta facendo più prigionieri, e si avvia a diventare un totalitarismo. E' per questo che va tutto in merda, è per questo che bisogna tornare ad una forma istituzionale mediata, quella che ha potuto dispiegare i suoi effetti benefici nei primi 30 anni dopo la fine della guerra mondiale. E' per questo che bisogna ritornare alla socialdemocrazia, in Italia ad attuare la Costituzione della Repubblica Italiana del 1948."

...e a queste affermazioni io rispondo che, per quanto mi riguarda, per me questo è ancora il migliore dei mondi possibili, quantomeno in Italia, per tutta una serie di cause, in primis l'assoluta incapacità dell'italiano medio di pianificare e regolare.
Da noi tutto è ammuina, vivere alla giornata, restare nel brodo di parenti e amici.
Chiedo dai tempi di tangentopoli, situazione che ha aperto gli occhi a molti, che lo Stato italiano si ritiri il più possibile dalla gestione dei fenomeni economici (perché da noi fonte solo di tangenti, clientelismo e sprechi) e si dedichi esclusivamente a regolare, arbitrare eventualmente, e gestire i servizi non disponibili. E in quest'ultimo caso, vedi scuola e sanità, con criteri ampiamente privatistici. Deve essere così perché in un paese dove si cerca sempre la scorciatoia, il politico, che non può essere tanto migliore dei suoi elettori, sempre la scorciatoia sarà tentato di cercare, invece di fare vera politica.
E invece vediamo che nel Paese c'è, intercettata dal dinamico duo al potere, una voglia smodata di tornare indietro, a quei tempi magici in cui vivevamo felici e spensierati...
Quindi, stocazzo della distruzione creativa di Schumpeter. Qui si vuole solo la camomilla.
E' a questo desiderio, questa mancanza di forza per affrontare le sfide che la nostra insipienza ci ha posto davanti in questi ultimi anni, che mi rivolgo.
Ogni ricetta che non preveda una sana presa d'atto del fatto che abbiamo davanti a noi altri vent'anni di maniche rimboccate non può che essere errata, un brodino, un'aspirina per passare la nottata in perfetto stile eduardiano.
Kick the can down the road, dicono gli americani.

Quindi io e Dedalus, su questo argomento, ci contrapponiamo frontalmente. Lui convinto della necessità di una presenza forte dello Stato, io assertore della tesi opposta, per liberare gli spiriti animali, recuperare competitività e aumentare gli sforzi sociali solo compatibilmente con quanto a poco a poco ci viene in tasca.
Perché per me il liberismo, pur in presenza di abusi da parte delle società più grosse, resta il modello di riferimento. E basta uno Stato efficace, efficace e non invadente, per farlo funzionare bene.

PS: sul tengo famiglia spero bene che tu abbia capito che non mi riferissi a Dedalus, suvvia, ma al sentimento collettivo della nazione.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “La piazza dei forumisti”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti