BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Un invito a cena, un menu improvvisato, un ingrediente difficile: i dubbi e le curiosità sugli abbinamenti canonici o più insoliti sono sempre tanti!

motoiccio
Messaggi: 38
Iscritto il: 27 ago 2013 13:19

BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda motoiccio » 05 ott 2017 15:08

Ciao a tutti,
ringrazio innanzi tutto chi mi legge e mi risponde.

Visto l'avvicinarsi dell'autunno, ci sono diverse pietanze che ci ritornano in tavola e in particolare:

baccalà alla Vicentina e seppie in umido.

La zona da cui vi scrivo è il Veneto e nello specifico nel Trevigiano.

Ah prima che mi dimentichi..... le caldarroste con cosa le accompagnamo?

Un saluto.

Fabrizio
Avatar utente
davidef
Messaggi: 7573
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda davidef » 05 ott 2017 22:59

motoiccio ha scritto:Ciao a tutti,
ringrazio innanzi tutto chi mi legge e mi risponde.

Visto l'avvicinarsi dell'autunno, ci sono diverse pietanze che ci ritornano in tavola e in particolare:

baccalà alla Vicentina e seppie in umido.

La zona da cui vi scrivo è il Veneto e nello specifico nel Trevigiano.

Ah prima che mi dimentichi..... le caldarroste con cosa le accompagnamo?

Un saluto.

Fabrizio


Un vino unico per tutto, o un Tocai rosso dei Colli Berici ma di buoni ne trovi pochini o un Morgon in annata tipo 2012 tenuto a 16° o un Lago di Caldaro oppure un Terralba di Lispida ultima annata
motoiccio
Messaggi: 38
Iscritto il: 27 ago 2013 13:19

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda motoiccio » 06 ott 2017 07:51

davidef ha scritto:
motoiccio ha scritto:Ciao a tutti,
ringrazio innanzi tutto chi mi legge e mi risponde.

Visto l'avvicinarsi dell'autunno, ci sono diverse pietanze che ci ritornano in tavola e in particolare:

baccalà alla Vicentina e seppie in umido.

La zona da cui vi scrivo è il Veneto e nello specifico nel Trevigiano.

Ah prima che mi dimentichi..... le caldarroste con cosa le accompagnamo?

Un saluto.

Fabrizio


Un vino unico per tutto, o un Tocai rosso dei Colli Berici ma di buoni ne trovi pochini o un Morgon in annata tipo 2012 tenuto a 16° o un Lago di Caldaro oppure un Terralba di Lispida ultima annata



Ciao Davide,
grazie per l'attenzione, sono incuriosito dal Tocai rosso dei Colli Berici, mi metterò alla ricerca....
Comunque li proverò tutti, visto che il baccalà e le seppie nelle nostre tavole non mancano..... :mrgreen:

Doppio lampeggio :wink:

Fabrizio
maxer
Messaggi: 849
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda maxer » 09 ott 2017 18:07

PINOT NOIR tutta la vita per entrambi i piatti !
Italia: Elisabetta Dalzocchio 2010 e 2011 (roveretana che non tradisce mai)
Francia : Domaine Antonin Guyon Beaune Clos de la Chaume Gaufriot Monopole 2005 (bevuto ieri con grande gioia ...)
carpe diem 8)
alì65
Messaggi: 10343
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda alì65 » 10 ott 2017 14:35

maxer ha scritto:PINOT NOIR tutta la vita per entrambi i piatti !
Italia: Elisabetta Dalzocchio 2010 e 2011 (roveretana che non tradisce mai)
Francia : Domaine Antonin Guyon Beaune Clos de la Chaume Gaufriot Monopole 2005 (bevuto ieri con grande gioia ...)


ma con gli ingredienti presenti nei due piatti mi spieghi perchè dovrei abbinarci un rosso???
per che sia un PN, perchè?
è un mondo difficile....futuro incerto...
maxer
Messaggi: 849
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda maxer » 10 ott 2017 16:25

Ma dove è scritto che con il pesce si DEVE bere vino BIANCO ? Nella Bibbia ?
Con certe preparazioni di pesce è normale abbinare vini rossi : ad esempio con baccalà, pesce grigliato grasso, pesce arrosto con pomodorini e/o patate, le tue seppie in umido, pesce fritto.
Poi per la scelta del vino ti ho consigliato un Pinot Noir (decidi tu quale) perché non è un vino pesante e ciccioso, ma solitamente con una buona acidità che ti pulisce la bocca, con tannini fini ed eleganti che possono tranquillamente abbinarsi a certi tipi di pesce e a certe cotture.
Forza, un po' di coraggio e soprattutto esci dai vecchi schemi enogastronomici. Provare per credere. Anch'io ero legato a certe talebane e intransigenti teorie, ma poi ho aperto la mente e non sono un pentito, anzi, le mie papille ancora mi ringraziano riconoscenti ... :D :D :D
carpe diem 8)
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1224
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 10 ott 2017 16:36

caldarroste = radikon :lol: :lol: :lol:
Lorenzo
maxer
Messaggi: 849
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda maxer » 10 ott 2017 20:33

:mrgreen: :? :mrgreen:
carpe diem 8)
Fabio.battistin
Messaggi: 21
Iscritto il: 13 ott 2016 12:46

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda Fabio.battistin » 11 ott 2017 06:54

Io ti consiglio il tokai thovara della cantina spiovente porto godi
Ottimo rapporto qualità prezzo
Io sono di Vicenza e ne ho bevuti parecchi ma il thovara mi è proprio piaciuto
alì65
Messaggi: 10343
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda alì65 » 16 ott 2017 20:07

maxer ha scritto:Ma dove è scritto che con il pesce si DEVE bere vino BIANCO ? Nella Bibbia ?


assolutamente si; trasformò l'acqua in vino e ci fu la moltiplicazione dei pani e dei pesci.....il vino era bianco (vedi ultima cena)...anzi, rosè.. :wink:
è un mondo difficile....futuro incerto...
Avatar utente
beluga
Messaggi: 8253
Iscritto il: 07 giu 2007 11:21
Località: roma

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda beluga » 06 dic 2017 23:30

alì65 ha scritto:
maxer ha scritto:Ma dove è scritto che con il pesce si DEVE bere vino BIANCO ? Nella Bibbia ?


assolutamente si; trasformò l'acqua in vino e ci fu la moltiplicazione dei pani e dei pesci.....il vino era bianco (vedi ultima cena)...anzi, rosè.. :wink:


Nell'ultima cena non avevano bevuto Sangue di Giuda?
Me ne importo
maxer
Messaggi: 849
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: BACCALA' VICENTINA E SEPPIE IN UMIDO

Messaggioda maxer » 07 dic 2017 01:48

beluga ha scritto:
alì65 ha scritto:
maxer ha scritto:Ma dove è scritto che con il pesce si DEVE bere vino BIANCO ? Nella Bibbia ?


assolutamente si; trasformò l'acqua in vino e ci fu la moltiplicazione dei pani e dei pesci.....il vino era bianco (vedi ultima cena)...anzi, rosè.. :wink:


Nell'ultima cena non avevano bevuto Sangue di Giuda?

Della Bibbia sono state scritte nella storia molte versioni (che ora vengono erroneamente tacciate di essere apocrife !)
Io mi baso solamente sui 73 libri ante Concilio di Nicea (325 d.C.), letti faticosamente (sia chiaro non tutti assieme ma a piccoli brani) ogni sera prima di addormentarmi, dopo averne tradotto ogni volta qualche pagina dal greco-aramaico con uno sforzo massacrante.
Posso così confermare, al di là di ogni ragionevole dubbio, che in Palestina, dalle prime alle ultime cene, il vino che andava più di moda era un rosso frizzantino macerato, molto acidulo, color viola mammola, un po' puzzettoso al naso con sentori di cavolo nero, incenso, mirra, peperoncino habanerolis , in bocca una buona struttura con strani e duri tannini, poco elegante nella sua estrema e inspiegabile complessità, con un alto grado alcolico e una volatile molto marcata, sapori di sughero del Getsemani, formaggioso di fossa, prugna cotta, spremuta di pompelmo rosa, colatura di alici e estrema mineralità derivante da una piccola rosa del deserto immersa in ogni anfora per 9 mesi e mezzo prima di una conservazione per sessanta giorni in una fossa con del formaggio di capra molto erborinato (da cui il nome "Fossa Riserva" - metodo biodinamico). Unico produttore di questo unico vino allora venduto in Palestina (ecco perché andava tanto di moda ...) era un tal Joannidis Tzoninakis, per gli amici Giannidis, che sempre seppe confondere le sue due principali attività di produttore del Fossa Riserva e di furbo 'prestatore di denaro' riservato (...) soprattutto a se stesso, oltre che al giro ristretto dei suoi amici (una volta li chiamavano così, oggi bravi e seri 'banchieri').
200.000 le anfore di quello splendido vino (?) distribuite ogni anno alla folla di popolani che lo reclamavano per poterlo degustare in grandi quantità durante ogni cena, prima settima o ultima, spesso accompagnandolo con una notevole abbuffata di baccalà alla Betlemme e
usandolo anche come digestivo a fine pasto con il magnifico dessert di seppie in umido dolci, creato nella famosa trattoria di Nazareth "All' Arcangelo" dalla brigata di chef Matteo, Marco, Luca e Giovanni.
carpe diem 8)

Torna a “Abbinamento cibo/vino”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti