Champagne, il thread definitivo

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
venicka
Messaggi: 384
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda venicka » 20 dic 2017 14:52

pstrada75 ha scritto:
venicka ha scritto:io quando parlo di prezzi non parlo mai di prezzi all'uscita, prezzi franco cantina o prezzi prendendo un aereo e prenotando un albergo ma di prezzi attuali su wine searcher.


Io 180 li ho visti in un enoteca in Francia.....quindi niente franco cantina, aereo o albergo ma semplice spedizione ad un'amica che vive in Francia e che lavora in Svizzera con me ..... conveniente no?? :lol:


Oddio, conveniente non è la prima parola che mi viene in mente, alla fine metà boccia sono i vini di riserva che trovi anche nella cuvèe base solo con più tempo sui lieviti ergo dovrebbe costare meno dello chetillons invece visto che gli champenois se non te lo mettono al cu... ehm non fanno i maestri del marketing :mrgreen: non sono contenti costa di più.
Detto questo realisticamente oggi è un buon prezzo e difficilmente a breve lo troverai a meno.
Oppure ti prendi una boccia di chetillons una di oubliee te le mischi così c'hai due bocce di monsier al prezzo di una :mrgreen:
pstrada75
Messaggi: 559
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda pstrada75 » 20 dic 2017 16:24

venicka ha scritto:Oddio, conveniente non è la prima parola che mi viene in mente, alla fine metà boccia sono i vini di riserva che trovi anche nella cuvèe base solo con più tempo sui lieviti ergo dovrebbe costare meno dello chetillons invece visto che gli champenois se non te lo mettono al cu... ehm non fanno i maestri del marketing non sono contenti costa di più.Detto questo realisticamente oggi è un buon prezzo e difficilmente a breve lo troverai a meno.Oppure ti prendi una boccia di chetillons una di oubliee te le mischi così c'hai due bocce di monsier al prezzo di una


Cosi' pero' mi smonti....prima mi parli di visioni orgasmiche, adesso mi dici che se faccio un cocktail con le due altre bocce e' la stessa cosa........ci pensero' su mi sa e forse a sto giro passo.......me li investo in un bel Winston Churchill cosi' sto sul sicuro.....
Avatar utente
venicka
Messaggi: 384
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda venicka » 20 dic 2017 18:14

pstrada75 ha scritto:
venicka ha scritto:Oddio, conveniente non è la prima parola che mi viene in mente, alla fine metà boccia sono i vini di riserva che trovi anche nella cuvèe base solo con più tempo sui lieviti ergo dovrebbe costare meno dello chetillons invece visto che gli champenois se non te lo mettono al cu... ehm non fanno i maestri del marketing non sono contenti costa di più.Detto questo realisticamente oggi è un buon prezzo e difficilmente a breve lo troverai a meno.Oppure ti prendi una boccia di chetillons una di oubliee te le mischi così c'hai due bocce di monsier al prezzo di una


Cosi' pero' mi smonti....prima mi parli di visioni orgasmiche, adesso mi dici che se faccio un cocktail con le due altre bocce e' la stessa cosa........ci pensero' su mi sa e forse a sto giro passo.......me li investo in un bel Winston Churchill cosi' sto sul sicuro.....


ma non volevo smontarti, il vino per me è buonissimo ed espressivo da subito senza bisogno di secoli di cantina stile chetillons però il prezzo è quello che è ergo non vorrei consigliarti una boccia, poi magari non ti fa impazzire e ti ritrovo sotto casa mia armato di mazza ferrata, tutto qui :mrgreen:
Smarco
Messaggi: 3086
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 21 dic 2017 10:32

pstrada75 ha scritto:
venicka ha scritto:Oddio, conveniente non è la prima parola che mi viene in mente, alla fine metà boccia sono i vini di riserva che trovi anche nella cuvèe base solo con più tempo sui lieviti ergo dovrebbe costare meno dello chetillons invece visto che gli champenois se non te lo mettono al cu... ehm non fanno i maestri del marketing non sono contenti costa di più.Detto questo realisticamente oggi è un buon prezzo e difficilmente a breve lo troverai a meno.Oppure ti prendi una boccia di chetillons una di oubliee te le mischi così c'hai due bocce di monsier al prezzo di una


Cosi' pero' mi smonti....prima mi parli di visioni orgasmiche, adesso mi dici che se faccio un cocktail con le due altre bocce e' la stessa cosa........ci pensero' su mi sa e forse a sto giro passo.......me li investo in un bel Winston Churchill cosi' sto sul sicuro.....

Prenditi Nowack, in Francia viaggia sui 40 e i lieux dit sui 60 e sono belle bottiglie ad un prezzo ancora basso
pstrada75
Messaggi: 559
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda pstrada75 » 21 dic 2017 11:59

Smarco ha scritto:Prenditi Nowack, in Francia viaggia sui 40 e i lieux dit sui 60 e sono belle bottiglie ad un prezzo ancora basso


Grazie a tutti per i consigli carissimi, mi muovero' di conseguenze.

Tutte ste discussioni sullo Champagne ieri mi hanno spinto ad aprire un classicone. Pol Roger Millesime' 2002.
Non siamo a i livelli di complessita' del Winston ma e' veramente un gran bel bere. A questo prezzo (io preso in Svizzera intorno a i 50 euro) assolutamente una meraviglia ed ancora in grandissima forma.....
maxer
Messaggi: 1888
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda maxer » 21 dic 2017 14:49

pstrada75 ha scritto:
Smarco ha scritto:Prenditi Nowack, in Francia viaggia sui 40 e i lieux dit sui 60 e sono belle bottiglie ad un prezzo ancora basso


Grazie a tutti per i consigli carissimi, mi muovero' di conseguenze.

Tutte ste discussioni sullo Champagne ieri mi hanno spinto ad aprire un classicone. Pol Roger Millesime' 2002.
Non siamo a i livelli di complessita' del Winston ma e' veramente un gran bel bere. A questo prezzo (io preso in Svizzera intorno a i 50 euro) assolutamente una meraviglia ed ancora in grandissima forma.....

Questa Svizzera ...
Ma QUANDO acquistato ? Recentemente ?
carpe diem 8)
pstrada75
Messaggi: 559
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda pstrada75 » 21 dic 2017 15:09

maxer ha scritto:Questa Svizzera ... Ma QUANDO acquistato ? Recentemente ?


Preso due anni fa. Per curiosita' sono andato sul sito dove l'ho preso a vederne se ne hanno ancora.....c'e' ma il prezzo e' gia' lievitato su i 75 franchi (quindi piu' o meno 63-65 euro)...... :?
maxer
Messaggi: 1888
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda maxer » 21 dic 2017 18:38

pstrada75 ha scritto:
maxer ha scritto:Questa Svizzera ... Ma QUANDO acquistato ? Recentemente ?


Preso due anni fa. Per curiosita' sono andato sul sito dove l'ho preso a vederne se ne hanno ancora.....c'e' ma il prezzo e' gia' lievitato su i 75 franchi (quindi piu' o meno 63-65 euro)...... :?

Ri-questa Svizzera ...
Inflazione al 30 % in due anni ! :shock: :D :shock:
Basta con questi francesi insaziabili :mrgreen:
carpe diem 8)
Nitrox
Messaggi: 246
Iscritto il: 21 mar 2014 21:45

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Nitrox » 26 dic 2017 23:31

pstrada75 ha scritto:
Smarco ha scritto:Prenditi Nowack, in Francia viaggia sui 40 e i lieux dit sui 60 e sono belle bottiglie ad un prezzo ancora basso


Grazie a tutti per i consigli carissimi, mi muovero' di conseguenze.

Tutte ste discussioni sullo Champagne ieri mi hanno spinto ad aprire un classicone. Pol Roger Millesime' 2002.
Non siamo a i livelli di complessita' del Winston ma e' veramente un gran bel bere. A questo prezzo (io preso in Svizzera intorno a i 50 euro) assolutamente una meraviglia ed ancora in grandissima forma.....


Come non quotare , bevuto in magnum due mesi fa e se non fosse che oramai mi sono sposato ai pas dose’ veramente bella bevuta di gran classe. Mi rimangono un paio di bdb del 2002 di Pol Roger
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1334
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 27 dic 2017 14:50

Nitrox ha scritto:
pstrada75 ha scritto:
Smarco ha scritto:Prenditi Nowack, in Francia viaggia sui 40 e i lieux dit sui 60 e sono belle bottiglie ad un prezzo ancora basso


Grazie a tutti per i consigli carissimi, mi muovero' di conseguenze.

Tutte ste discussioni sullo Champagne ieri mi hanno spinto ad aprire un classicone. Pol Roger Millesime' 2002.
Non siamo a i livelli di complessita' del Winston ma e' veramente un gran bel bere. A questo prezzo (io preso in Svizzera intorno a i 50 euro) assolutamente una meraviglia ed ancora in grandissima forma.....


Come non quotare , bevuto in magnum due mesi fa e se non fosse che oramai mi sono sposato ai pas dose’ veramente bella bevuta di gran classe. Mi rimangono un paio di bdb del 2002 di Pol Roger


da neofita del vino e in particolare dello champagne, di pol roger ho apprezzato parecchio la riserva..grande bevuta a un grande prezzo imo
Lorenzo
Avatar utente
venicka
Messaggi: 384
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda venicka » 21 gen 2018 14:23

Nun se po' lasciare morire un thread simile, ergo vai con un po' di bolle bevute recentemente

NV Cuvée Prestige - Guy Mea
Terza boccia che bevo di questa giovane produttrice di origini bergamasche(!!!) e terza boccia che mi colpisce per eleganza: bel naso tutto su toni bianchi, fiori bianchi, talco, gesso, quasi zucchero a velo, pasticceria, bocca cremosissima e morbida ma senza ruffianerie, la freschezza accompagna ma non sovrasta, una retro di polpa di pesca bianca conclude il tutto in bellezza.
Vino tutto giocato sulla grazia, misurato, piacevolissimo da bere, urge approfondire domaine.

2007 1522 - Philipponnat
Mela golden tagliata e lasciata all'aperto, gesso a chili, croccante e pietroso, sensazione di frutti rossi maturi, succosi, scuri, si arriva quasi a sentori di prugna, legno e lievi note ossidative, bocca grassa e potente, gastronomica, lunga, con bolle di gran finezza.
Buono ma deve piacere il genere, bevuto con un risotto allo zafferano c'è stato alla grandissima (si lo so che ho sempre scritto che col risotto borgogna e timorasso o muerte ma io sono una persona completamente incoerente e poi ogni scusa per bere champi a tutto pasto è buona :mrgreen: )

NV Les Perrieres - Ulysse Collin
Annata 2009 con sboccatura 2013: vino che ha completamente diviso il tavolo.
"un puligny con le bolle" è stata la definizione più usata, e non a torto.
Naso potentissimo e molto espressivo, ossidativo, con pirica sparata che più sparata non si può, poi agrume candito, anacardo, fiori gialli, una sensazione farinosa quasi di gomma pane, sigaro spento e pietra nera, incazzoso, bocca compressa da paura, indietrissimo, molto lunga con bolle grossolane e un po' aggressive.
E' stato servito, cannando alla grande, come aperitivo con grissini burro e prosciutto crudo, e, al di là dell'accoppiata sempre goduriosa lardo/bolla, non è cosa, questo attualmente è vino da pasto, e pasto serio pure.
Detto questo per il mio gusto è troppo estremo, troppo pesante il naso tutto sul minerale scuro quasi coprente(boccia aperta 5 ore prima di servirla ergo non è questione di riduzione), e troppo aggressiva la bocca.
Obiettivamente è una gran bolla eh, ma io l'ho trovata al momento priva di armonia e un po' sgraziata.
Me ne sono rimaste due bocce, ho intenzione di dimenticarle in cantina per un po', curioso di vedere cosa spunta fuori tra qualche annetto.

NV Grande Cuvée - Krug
(annata base 2005 con sboccatura 2012)Poi arriva lui e prende a cazzi in faccia come il rocco siffredi dei tempi d'oro tutto ciò che hai bevuto prima, dopo e durante: naso magmatico con nocciole buttate su piastra rovente, cotognata, zenzero, scorza di mele rosse, gesso, affumicatura, mandarino e susina gialla; bocca che l'unica parola che riesco a trovare per definirla è "krugghiana."
Grossa, cremosissima, freschezza alle stelle, retro di pane tostato caffe' e quasi torroncino, potente da paura senza mai essere minimamente stucchevole o pesante, fresca che te la berresti dopo una maratona per dissetarti ma gastronomica che ci mangeresti un elefante brasato.
È stata bevuta con una pizza con stracciatella, nocciole tostate e porcini trifolati e mai abbinamento fu più azzeccato.
Era da un po' che mi sconfinferava questa idea e che dire, abbinamento non perfetto ma di più, per continuare col porno diciamo che ho goduto come rocco in polonia.
Concludo dicendo che trovo semplicemente vergognoso che nessun politico italiano si adoperi per permettermi di bere krug ogni giorno a colazione, pranzo e cena, perché fosse per me ci morirei annegato e sarei pure felice :mrgreen:
alì65
Messaggi: 11040
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda alì65 » 21 gen 2018 18:29

venicka ha scritto:Nun se po' lasciare morire un thread simile, ergo vai con un po' di bolle bevute recentemente

NV Cuvée Prestige - Guy Mea
Terza boccia che bevo di questa giovane produttrice di origini bergamasche(!!!) e terza boccia che mi colpisce per eleganza: bel naso tutto su toni bianchi, fiori bianchi, talco, gesso, quasi zucchero a velo, pasticceria, bocca cremosissima e morbida ma senza ruffianerie, la freschezza accompagna ma non sovrasta, una retro di polpa di pesca bianca conclude il tutto in bellezza.
Vino tutto giocato sulla grazia, misurato, piacevolissimo da bere, urge approfondire domaine.

2007 1522 - Philipponnat
Mela golden tagliata e lasciata all'aperto, gesso a chili, croccante e pietroso, sensazione di frutti rossi maturi, succosi, scuri, si arriva quasi a sentori di prugna, legno e lievi note ossidative, bocca grassa e potente, gastronomica, lunga, con bolle di gran finezza.
Buono ma deve piacere il genere, bevuto con un risotto allo zafferano c'è stato alla grandissima (si lo so che ho sempre scritto che col risotto borgogna e timorasso o muerte ma io sono una persona completamente incoerente e poi ogni scusa per bere champi a tutto pasto è buona :mrgreen: )

NV Les Perrieres - Ulysse Collin
Annata 2009 con sboccatura 2013: vino che ha completamente diviso il tavolo.
"un puligny con le bolle" è stata la definizione più usata, e non a torto.
Naso potentissimo e molto espressivo, ossidativo, con pirica sparata che più sparata non si può, poi agrume candito, anacardo, fiori gialli, una sensazione farinosa quasi di gomma pane, sigaro spento e pietra nera, incazzoso, bocca compressa da paura, indietrissimo, molto lunga con bolle grossolane e un po' aggressive.
E' stato servito, cannando alla grande, come aperitivo con grissini burro e prosciutto crudo, e, al di là dell'accoppiata sempre goduriosa lardo/bolla, non è cosa, questo attualmente è vino da pasto, e pasto serio pure.
Detto questo per il mio gusto è troppo estremo, troppo pesante il naso tutto sul minerale scuro quasi coprente(boccia aperta 5 ore prima di servirla ergo non è questione di riduzione), e troppo aggressiva la bocca.
Obiettivamente è una gran bolla eh, ma io l'ho trovata al momento priva di armonia e un po' sgraziata.
Me ne sono rimaste due bocce, ho intenzione di dimenticarle in cantina per un po', curioso di vedere cosa spunta fuori tra qualche annetto.

NV Grande Cuvée - Krug
(annata base 2005 con sboccatura 2012)Poi arriva lui e prende a cazzi in faccia come il rocco siffredi dei tempi d'oro tutto ciò che hai bevuto prima, dopo e durante: naso magmatico con nocciole buttate su piastra rovente, cotognata, zenzero, scorza di mele rosse, gesso, affumicatura, mandarino e susina gialla; bocca che l'unica parola che riesco a trovare per definirla è "krugghiana."
Grossa, cremosissima, freschezza alle stelle, retro di pane tostato caffe' e quasi torroncino, potente da paura senza mai essere minimamente stucchevole o pesante, fresca che te la berresti dopo una maratona per dissetarti ma gastronomica che ci mangeresti un elefante brasato.
È stata bevuta con una pizza con stracciatella, nocciole tostate e porcini trifolati e mai abbinamento fu più azzeccato.
Era da un po' che mi sconfinferava questa idea e che dire, abbinamento non perfetto ma di più, per continuare col porno diciamo che ho goduto come rocco in polonia.
Concludo dicendo che trovo semplicemente vergognoso che nessun politico italiano si adoperi per permettermi di bere krug ogni giorno a colazione, pranzo e cena, perché fosse per me ci morirei annegato e sarei pure felice :mrgreen:


va bene, G.C. sicuramente meglio delle ultime versioni ma per paragonarlo a bolle dello stesso rango ti sei impegnato poco....si può fare molto di meglio e il discorso cambierebbe....e non di poco
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
venicka
Messaggi: 384
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda venicka » 21 gen 2018 20:15

alì65 ha scritto:va bene, G.C. sicuramente meglio delle ultime versioni ma per paragonarlo a bolle dello stesso rango ti sei impegnato poco....si può fare molto di meglio e il discorso cambierebbe....e non di poco


ciao, devo essermi espresso molto male e di questo mi scuso, tuttavia l'obiettivo del mio post non era raccontare di una degustazione del top del top del top o dire quante bottiglie da trentamila euro mi diverto a usare per fare il bide' mentre piscio al volo su un cesso ricoperto di diamanti dando il caviale al gatto, ma solo raccontare una serie di bocce bevute negli ultimi giorni le cui uniche cose in comune sono la presenza delle bolle e la provenienza champagnista.
Addirittura le bocce sono state bevute in giorni diversi, con persone diverse e con cibi diversi.
Tutto qui.
Nessuna sboronata, niente il meglio del meglio del top del top, niente di tutto cio', solo un po' di bolle che mi andava di raccontare.
Smarco
Messaggi: 3086
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 21 gen 2018 20:31

venicka ha scritto:

NV Les Perrieres - Ulysse Collin
Annata 2009 con sboccatura 2013: vino che ha completamente diviso il tavolo.
"un puligny con le bolle" è stata la definizione più usata, e non a torto.
Naso potentissimo e molto espressivo, ossidativo, con pirica sparata che più sparata non si può, poi agrume candito, anacardo, fiori gialli, una sensazione farinosa quasi di gomma pane, sigaro spento e pietra nera, incazzoso, bocca compressa da paura, indietrissimo, molto lunga con bolle grossolane e un po' aggressive.
E' stato servito, cannando alla grande, come aperitivo con grissini burro e prosciutto crudo, e, al di là dell'accoppiata sempre goduriosa lardo/bolla, non è cosa, questo attualmente è vino da pasto, e pasto serio pure.
Detto questo per il mio gusto è troppo estremo, troppo pesante il naso tutto sul minerale scuro quasi coprente(boccia aperta 5 ore prima di servirla ergo non è questione di riduzione), e troppo aggressiva la bocca.
Obiettivamente è una gran bolla eh, ma io l'ho trovata al momento priva di armonia e un po' sgraziata.
Me ne sono rimaste due bocce, ho intenzione di dimenticarle in cantina per un po', curioso di vedere cosa spunta fuori tra qualche annetto.



tempo fa ho bevuto Le Magnum, non so se sia prodotto con il roises, il perrieres, o un altra cosa che non c entra niente con le due cose, anzi credo che non lo faccia nemmeno più, comunque, era sboccatura 2010... lo metterei tranquillamente nella top 3 degli champagne bevuti a oggi; quindi tienilo ancora che ne vale veramente la pena.
Sul fatto di essere "ESTREMO", non saprei... certo se paragonato allo stile grande maison... se però lo paragoniamo a un Selosse o a un Taillet io tutte queste differenze non le vedo, forse Collin soffre un pò di più la presenza del legno
Avatar utente
venicka
Messaggi: 384
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda venicka » 21 gen 2018 22:34

Smarco ha scritto:
tempo fa ho bevuto Le Magnum, non so se sia prodotto con il roises, il perrieres, o un altra cosa che non c entra niente con le due cose, anzi credo che non lo faccia nemmeno più, comunque, era sboccatura 2010... lo metterei tranquillamente nella top 3 degli champagne bevuti a oggi; quindi tienilo ancora che ne vale veramente la pena.
Sul fatto di essere "ESTREMO", non saprei... certo se paragonato allo stile grande maison... se però lo paragoniamo a un Selosse o a un Taillet io tutte queste differenze non le vedo, forse Collin soffre un pò di più la presenza del legno


ma infatti lo tengo in cantina, non ho intenzione di venderlo, è sicuramente un vino molto interessante.
Però boh, nonostante la materia innegabile e la potenza olfattiva la scintilla non è scoccata per niente, mentre le altre persone con cui l'ho bevuto hanno visto le madonne.
Credo che sia questione di gusti alla fine.
Sul concetto di estremo: selosse è estremo ma un estremo barocco, quasi ruffiano, in più si parla di territori davvero diversi, ergo boh, per me non c'è paragone, i vini di selosse cambiano sempre nel bicchiere, hanno un frutto esplosivo, zabaionano alla grande, la boccia di perrieres da me bevuta è stata totalmente monolitica e monodimensionale.
Su taillet non sono obiettivo perché adoro i suoi vini ed è uno dei miei recoltants del cuore, però cercando di essere obiettivi i suoi base per me sono da nobel, vini che nella categoria "pronti subito" non hanno quasi rivali; nei monovigna lui ama sperimentare (legno, acciaio, cemento, affina ovunque) con grande curiosità e a volte gli riesce bene altre volte tira fuori cagate pazzesche.
Ma lo perdono perché ha una gran mano e tra un paio d'anni i suoi vini non me li potrò più permettere.
In ogni caso indipendentemente dal perrieres 2009 per me collin e taillet come stile c'entrano poco, il primo trovo sempre che si caratterizzi per vini molto estroversi, grossi, potenti ai limiti dell'invasivo, taillet quando non sbaglia le bottiglie produce vini che sono la rappresentazione della finezza, understatement, complessità sussurrata, equilibrio su tutto.
In ogni caso w lo champagne e fanculo alla franciacorta, non c'entrava nulla col discorso serio fatto finora ma un insulto gratuito a erbusco e compagnia ci sta sempre :mrgreen:
Ziliovino
Messaggi: 3047
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Ziliovino » 21 gen 2018 23:26

Smarco ha scritto:
venicka ha scritto:

NV Les Perrieres - Ulysse Collin
Annata 2009 con sboccatura 2013: vino che ha completamente diviso il tavolo.
"un puligny con le bolle" è stata la definizione più usata, e non a torto.
Naso potentissimo e molto espressivo, ossidativo, con pirica sparata che più sparata non si può, poi agrume candito, anacardo, fiori gialli, una sensazione farinosa quasi di gomma pane, sigaro spento e pietra nera, incazzoso, bocca compressa da paura, indietrissimo, molto lunga con bolle grossolane e un po' aggressive.
E' stato servito, cannando alla grande, come aperitivo con grissini burro e prosciutto crudo, e, al di là dell'accoppiata sempre goduriosa lardo/bolla, non è cosa, questo attualmente è vino da pasto, e pasto serio pure.
Detto questo per il mio gusto è troppo estremo, troppo pesante il naso tutto sul minerale scuro quasi coprente(boccia aperta 5 ore prima di servirla ergo non è questione di riduzione), e troppo aggressiva la bocca.
Obiettivamente è una gran bolla eh, ma io l'ho trovata al momento priva di armonia e un po' sgraziata.
Me ne sono rimaste due bocce, ho intenzione di dimenticarle in cantina per un po', curioso di vedere cosa spunta fuori tra qualche annetto.



tempo fa ho bevuto Le Magnum, non so se sia prodotto con il roises, il perrieres, o un altra cosa che non c entra niente con le due cose, anzi credo che non lo faccia nemmeno più, comunque, era sboccatura 2010... lo metterei tranquillamente nella top 3 degli champagne bevuti a oggi; quindi tienilo ancora che ne vale veramente la pena.
Sul fatto di essere "ESTREMO", non saprei... certo se paragonato allo stile grande maison... se però lo paragoniamo a un Selosse o a un Taillet io tutte queste differenze non le vedo, forse Collin soffre un pò di più la presenza del legno


Qualche anno fa ho beccato un perrieres come quello descritto e ne sono rimasto folgorato (stessa annata/sboccatura?). Riprovato un altro paio di volte con sboccature differenti e purtroppo non si è ripetuto... :roll:
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
gp
Messaggi: 2659
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gp » 22 gen 2018 13:10

So già che mi direte che me la sono cercata, ma ho acquistato dopo tempo immemorabile il Gambero Rosso di gennaio a causa dello specchietto delle allodole dei 90 Champagne 90. Ho pensato che qualche indicazione interessante ce la potevo trovare, non essendo un cultore della materia, ma nemmeno digiuno.

L'articolo sugli Champagne mi sembra meriti in pieno l'aggettivo "surreale". Il fatto è che viene applicato il principio della casa "un solo vino per azienda", che critichiamo in parecchi ogni anno a proposito dei YYY della guida GR, e di cui vorremmo tanto conoscere il geniale inventore (provo con le iniziali: DC?).
In questo caso il risultato è un listone da esaurimento che parte da grandi vini (facciamo a fidarci) a 94/100 e termina con vinini (idem) a 79/100, per un totale di 90 vini per 90 aziende -- poco meno di quante ne seleziona una nota guida specializzata del settore. Nel mezzo ci sarebbero verosimilmente gli altri Champagne dei produttori dei vini grandi e medi (due nomi tanto per limitarsi a quelli che iniziano con "La", in ordine di punteggio gamberoso: Larmandier-Bernier e Lahaye), ma... sono stati sbianchettati, in omaggio al dogma USVPA!!!
Non ci si crede... :shock: :roll:
gp
Smarco
Messaggi: 3086
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 22 gen 2018 13:50

venicka ha scritto:
Smarco ha scritto:
tempo fa ho bevuto Le Magnum, non so se sia prodotto con il roises, il perrieres, o un altra cosa che non c entra niente con le due cose, anzi credo che non lo faccia nemmeno più, comunque, era sboccatura 2010... lo metterei tranquillamente nella top 3 degli champagne bevuti a oggi; quindi tienilo ancora che ne vale veramente la pena.
Sul fatto di essere "ESTREMO", non saprei... certo se paragonato allo stile grande maison... se però lo paragoniamo a un Selosse o a un Taillet io tutte queste differenze non le vedo, forse Collin soffre un pò di più la presenza del legno


ma infatti lo tengo in cantina, non ho intenzione di venderlo, è sicuramente un vino molto interessante.
Però boh, nonostante la materia innegabile e la potenza olfattiva la scintilla non è scoccata per niente, mentre le altre persone con cui l'ho bevuto hanno visto le madonne.
Credo che sia questione di gusti alla fine.
Sul concetto di estremo: selosse è estremo ma un estremo barocco, quasi ruffiano, in più si parla di territori davvero diversi, ergo boh, per me non c'è paragone, i vini di selosse cambiano sempre nel bicchiere, hanno un frutto esplosivo, zabaionano alla grande, la boccia di perrieres da me bevuta è stata totalmente monolitica e monodimensionale.
Su taillet non sono obiettivo perché adoro i suoi vini ed è uno dei miei recoltants del cuore, però cercando di essere obiettivi i suoi base per me sono da nobel, vini che nella categoria "pronti subito" non hanno quasi rivali; nei monovigna lui ama sperimentare (legno, acciaio, cemento, affina ovunque) con grande curiosità e a volte gli riesce bene altre volte tira fuori cagate pazzesche.
Ma lo perdono perché ha una gran mano e tra un paio d'anni i suoi vini non me li potrò più permettere.
In ogni caso indipendentemente dal perrieres 2009 per me collin e taillet come stile c'entrano poco, il primo trovo sempre che si caratterizzi per vini molto estroversi, grossi, potenti ai limiti dell'invasivo, taillet quando non sbaglia le bottiglie produce vini che sono la rappresentazione della finezza, understatement, complessità sussurrata, equilibrio su tutto.
In ogni caso w lo champagne e fanculo alla franciacorta, non c'entrava nulla col discorso serio fatto finora ma un insulto gratuito a erbusco e compagnia ci sta sempre :mrgreen:

Riguardo Taillet: ho preso un cartone di Saint Anne, solo che queste 6 bottiglie sono millesimate e per di più 2002... io non sapevo dell esistenza di un S anne millesimato
se qualcuno lo ha bevuto si palesi
dc87
Messaggi: 407
Iscritto il: 28 feb 2012 16:47

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda dc87 » 22 gen 2018 13:56

venicka ha scritto:
alì65 ha scritto:va bene, G.C. sicuramente meglio delle ultime versioni ma per paragonarlo a bolle dello stesso rango ti sei impegnato poco....si può fare molto di meglio e il discorso cambierebbe....e non di poco


ciao, devo essermi espresso molto male e di questo mi scuso, tuttavia l'obiettivo del mio post non era raccontare di una degustazione del top del top del top o dire quante bottiglie da trentamila euro mi diverto a usare per fare il bide' mentre piscio al volo su un cesso ricoperto di diamanti dando il caviale al gatto, ma solo raccontare una serie di bocce bevute negli ultimi giorni le cui uniche cose in comune sono la presenza delle bolle e la provenienza champagnista.
Addirittura le bocce sono state bevute in giorni diversi, con persone diverse e con cibi diversi.
Tutto qui.
Nessuna sboronata, niente il meglio del meglio del top del top, niente di tutto cio', solo un po' di bolle che mi andava di raccontare.


E come sempre le racconti benissimo.
Continua per favore 8)
pstrada75
Messaggi: 559
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda pstrada75 » 22 gen 2018 14:30

venicka ha scritto:ciao, devo essermi espresso molto male e di questo mi scuso, tuttavia l'obiettivo del mio post non era raccontare di una degustazione del top del top del top o dire quante bottiglie da trentamila euro mi diverto a usare per fare il bide' mentre piscio al volo su un cesso ricoperto di diamanti dando il caviale al gatto, ma solo raccontare una serie di bocce bevute negli ultimi giorni le cui uniche cose in comune sono la presenza delle bolle e la provenienza champagnista.Addirittura le bocce sono state bevute in giorni diversi, con persone diverse e con cibi diversi.Tutto qui.Nessuna sboronata, niente il meglio del meglio del top del top, niente di tutto cio', solo un po' di bolle che mi andava di raccontare.


Ah ah ah......questo mi sembra potra' diventare il commento dell'anno.....
Meglio leggere commenti come i tuoi che "top dei top dei top top" che solo un numero limitatissimo di persone e' in grado di bersi..... :wink:
alì65
Messaggi: 11040
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda alì65 » 22 gen 2018 17:38

venicka ha scritto:
alì65 ha scritto:va bene, G.C. sicuramente meglio delle ultime versioni ma per paragonarlo a bolle dello stesso rango ti sei impegnato poco....si può fare molto di meglio e il discorso cambierebbe....e non di poco


ciao, devo essermi espresso molto male e di questo mi scuso, tuttavia l'obiettivo del mio post non era raccontare di una degustazione del top del top del top o dire quante bottiglie da trentamila euro mi diverto a usare per fare il bide' mentre piscio al volo su un cesso ricoperto di diamanti dando il caviale al gatto, ma solo raccontare una serie di bocce bevute negli ultimi giorni le cui uniche cose in comune sono la presenza delle bolle e la provenienza champagnista.
Addirittura le bocce sono state bevute in giorni diversi, con persone diverse e con cibi diversi.
Tutto qui.
Nessuna sboronata, niente il meglio del meglio del top del top, niente di tutto cio', solo un po' di bolle che mi andava di raccontare.


non era per sboronate, è che leggendo sembrava che le bt fossero in un'unica bevuta; per quello ho scritto queste due righe
mica c'è bisogno di spendere follie per bere bene...per me follia è acquistare le ultime annate di G.C. tranne, naturalmente, la base 2008
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
gp
Messaggi: 2659
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda gp » 23 gen 2018 13:17

gp ha scritto:So già che mi direte che me la sono cercata, ma ho acquistato dopo tempo immemorabile il Gambero Rosso di gennaio a causa dello specchietto delle allodole dei 90 Champagne 90. Ho pensato che qualche indicazione interessante ce la potevo trovare, non essendo un cultore della materia, ma nemmeno digiuno.

L'articolo sugli Champagne mi sembra meriti in pieno l'aggettivo "surreale". Il fatto è che viene applicato il principio della casa "un solo vino per azienda", che critichiamo in parecchi ogni anno a proposito dei YYY della guida GR, e di cui vorremmo tanto conoscere il geniale inventore (provo con le iniziali: DC?).
In questo caso il risultato è un listone da esaurimento che parte da grandi vini (facciamo a fidarci) a 94/100 e termina con vinini (idem) a 79/100, per un totale di 90 vini per 90 aziende -- poco meno di quante ne seleziona una nota guida specializzata del settore. Nel mezzo ci sarebbero verosimilmente gli altri Champagne dei produttori dei vini grandi e medi (due nomi tanto per limitarsi a quelli che iniziano con "La", in ordine di punteggio gamberoso: Larmandier-Bernier e Lahaye), ma... sono stati sbianchettati, in omaggio al dogma USVPA!!!
Non ci si crede... :shock: :roll:

Dal punto di vista della selezione di etichette, la versione ridotta dell’articolo sul sito del GR http://www.gamberorosso.it/it/vini/1046660 è di gran lunga migliore dell’articolo completo sul mensile. Del pletorico elenco di 90 etichette (al massimo una per azienda) pubblicato sul mensile, che spaziano dalle vette dei 94/100 agli abissi dei 78/100, qui sono citate solo le 19 che la commissione di assaggio ha valutato dai 90/100 in su. A questi livelli, gli omissis che derivano dal dogma “al massimo uno per azienda“ sono probabilmente pochi, e soprattutto ci viene risparmiato lo sberleffo della sostituzione di etichette meritevoli di segnalazione (non sapremo mai quali) con una lenzuolata di etichette di interesse medio o scarso -- nemmeno recuperabili in un’ottica di rapporto qualità-prezzo, dato che l’articolo non contiene alcuna indicazione sui prezzi :roll: .

Alla fine questo ecumenismo, evidentemente a favore della pletora di importatori presenti alla manifestazione in cui sono stati assaggiati i vini (51 importatori per 100 aziende) e alla faccia del lettore, risulta così estremo da essere controproducente: probabilmente per la Famiglia Cecchi sarebbe stato meglio non comparire, piuttosto che figurare al 90° posto (78/100) come maglia nera dell’assaggio con la maison che importa…
gp
egio
Messaggi: 1150
Iscritto il: 09 set 2009 12:15
Località: Bologna

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda egio » 23 gen 2018 14:29

Smarco ha scritto:Riguardo Taillet: ho preso un cartone di Saint Anne, solo che queste 6 bottiglie sono millesimate e per di più 2002... io non sapevo dell esistenza di un S anne millesimato
se qualcuno lo ha bevuto si palesi


Da quanto ne so, di questa versione millesimata non vi è traccia ufficiale, ma esiste e l'ho trovata solo in bottiglie importate da Moon, mai in Francia, quasi fosse una selezione fatta per l'importatore (ma nemmeno sul sito di Moon se ne fa cenno). Le tue invece le hai prese sul mercato estero?
Mai sentita la 2002, mi sono imbattuto in un paio di 2008 ma le ho ancora parcheggiate. Dai, tira il collo a una e facci sapere...
Smarco
Messaggi: 3086
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Smarco » 23 gen 2018 20:54

egio ha scritto:
Smarco ha scritto:Riguardo Taillet: ho preso un cartone di Saint Anne, solo che queste 6 bottiglie sono millesimate e per di più 2002... io non sapevo dell esistenza di un S anne millesimato
se qualcuno lo ha bevuto si palesi


Da quanto ne so, di questa versione millesimata non vi è traccia ufficiale, ma esiste e l'ho trovata solo in bottiglie importate da Moon, mai in Francia, quasi fosse una selezione fatta per l'importatore (ma nemmeno sul sito di Moon se ne fa cenno). Le tue invece le hai prese sul mercato estero?
Mai sentita la 2002, mi sono imbattuto in un paio di 2008 ma le ho ancora parcheggiate. Dai, tira il collo a una e facci sapere...

prese da moon, credo anche io sia un prodotto fatto per loro o per pochi importatori comunque, sulla retro etichetta c'è scritto "solo 90 bottiglie disponibili per l'Italia" e c'è scritto in grande Moon Import.
Cerco di stapparne una il prima possibile
landmax
Messaggi: 949
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda landmax » 24 gen 2018 09:35

egio ha scritto:
Smarco ha scritto:Riguardo Taillet: ho preso un cartone di Saint Anne, solo che queste 6 bottiglie sono millesimate e per di più 2002... io non sapevo dell esistenza di un S anne millesimato
se qualcuno lo ha bevuto si palesi


Da quanto ne so, di questa versione millesimata non vi è traccia ufficiale, ma esiste e l'ho trovata solo in bottiglie importate da Moon, mai in Francia, quasi fosse una selezione fatta per l'importatore (ma nemmeno sul sito di Moon se ne fa cenno). Le tue invece le hai prese sul mercato estero?
Mai sentita la 2002, mi sono imbattuto in un paio di 2008 ma le ho ancora parcheggiate. Dai, tira il collo a una e facci sapere...


Io ho bevuto la 2008, vino di grande finezza e droiture, misuratamente minerale. Mi è piaciuto molto, tra l'altro, preso al ristorante, credo di non averlo pagato più di 50/60 euro. Ancora giovane naturalmente, ma già molto godibile.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Biavo, ESwine, Jean de Lillet, Nitrox, paolo7505, Roland, stecca e 26 ospiti