Champagne, il thread definitivo

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
RussianMind
Messaggi: 89
Iscritto il: 03 ago 2018 12:13

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda RussianMind » 02 gen 2019 13:23

io a San Silvestro ho bevuto:

Extra Brut Pinot Noir Les Bauchetes di Nowack
Champagne La Bonne Nouvelle Rosé di Philippe Gilbert

Entrambi sui 60 euro prezzo enoteca. Rivelatisi ottimi acquisti davvero.
Nitrox
Messaggi: 259
Iscritto il: 21 mar 2014 21:45

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Nitrox » 02 gen 2019 21:43

ilvinaio ha scritto:Il vino è buono anche adesso e col tempo cambierà ma sempre buono sarà :D
Bevilo quando hai desiderio :wink:


Finalmente bevuto sto Iniziale di Selosse la cui sboccatura non era poi così recente come mi ricordavo, 2014 . Che dire , me lo sono goduto tutto fino all’ultima goccia , è in quella categoria che se vuoi bere così si deve spendere tot si può bere bene anche spendendo parecchio meno ma non così lo ricomprerò no , ho il rose’ e il substance per finire la mia Selosse experience
dopodiché attaccherò altro , se succederà mai che da anziano le mie risorse mi permetteranno di acquistare bottiglie carissime mi ricorderò di Selosse :-)
cru
Messaggi: 300
Iscritto il: 24 mag 2010 21:45
Località: varese

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda cru » 03 gen 2019 11:56

ilvinaio ha scritto:
GabrieleB. ha scritto:
egio ha scritto:
ilvinaio ha scritto:Un vostro parere sui vini di Fallet Prevostat visto che in molti lo stanno comprando e penso a breve berranno, io lo seguo da una decina di anni ed ultimamente lo trovo molto diverso :roll:


Mi interessa molto, visto che lo compero abbastanza, ma le ultime bottiglie aperte son sboccature di almeno 3/4 anni fa, quindi non posso rispondere. Tu cosa intendi per ultimamente? E in cosa ti pare cambiato? Grazie.

Carissimo Lorenzo le tue parole potrebbero essere le mie,visto che sono nella tua stessa situazione.Seguo con molto interesse :wink: Grazie Vinaio :D



Per ultimamente intendo sboccature da 2017 in poi, io ed altri compagni di bevute champagnine abbiamo riscontrato soprattutto nel pa dosè un invecchiamento precoce, perdita rapida della freschezza ed evoluzione precoce, un po' meno nel brut e nell'extra brut che col dosaggio riescono a nascondere più facilmente i difetti, come se purtroppo il passaggio di mano avesse inciso negativamente :(

Vorrei intervenire lasciando una mia opinione in quanto è dal 2002 che bevo prevostat.
Le dovute premesse sono del tutto personali, il cambiamento vero
Si chiama non dosé molto diverso dal passato , come dice Francesco sembra un vino ( già invecchiato ) all'uscita, mentre trovo non ci sia stato cambiamento per extra brut e brut, una nota particolare per il brut che invecchia benissimo , bevuta qualche giorno fa una 2008 e solo una piccolissima nota di ossidazione era presente , in fondo è risaputo che il dosaggio piu elevato aiuta l'invecchiamento. Extra brut sempre molto piacevole ed equilibrato.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6922
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda zampaflex » 04 gen 2019 18:13

Nitrox ha scritto:
ilvinaio ha scritto:Il vino è buono anche adesso e col tempo cambierà ma sempre buono sarà :D
Bevilo quando hai desiderio :wink:


Finalmente bevuto sto Iniziale di Selosse la cui sboccatura non era poi così recente come mi ricordavo, 2014 . Che dire , me lo sono goduto tutto fino all’ultima goccia , è in quella categoria che se vuoi bere così si deve spendere tot si può bere bene anche spendendo parecchio meno ma non così lo ricomprerò no , ho il rose’ e il substance per finire la mia Selosse experience
dopodiché attaccherò altro , se succederà mai che da anziano le mie risorse mi permetteranno di acquistare bottiglie carissime mi ricorderò di Selosse :-)


Il rosé è una gran boccia
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Michelasso
Messaggi: 133
Iscritto il: 04 ott 2018 00:29

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Michelasso » 14 gen 2019 23:55

Visto che questo è il thread definitivo, datemi un parere definitivo su questo tappo versatore per lo champagne:

https://idearegalodesign.com/wine-tools ... u-vin.html

Mantiene davvero la CO2 per due settimane (a me basterebbe durasse fino al giorno successivo...)? :shock:

O è meglio cercare qualcosa di più classico?
"Fra le poche cose che so fare con piacere e che ho sicuramente meglio saputo fare, è bere. Ho scritto molto meno della maggior parte degli scrittori, ma ho certamente bevuto di più della maggior parte di coloro che bevono."
(G. Debord)
win_67
Messaggi: 84
Iscritto il: 29 mar 2009 17:21

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda win_67 » 15 gen 2019 21:51

Ieri sera sono andato in un negozio/enoteca, prima era di lusso poi per vari motivi tra cui la crisi e una grossa rapina è caduto un po' in disgrazia, ma qualche buon affare credo, perchè non me ne intendo, se ne possa fare ancora.
Devo cominciare a bere qualcosa, soprattutto champagne dove la mia esperienza è pressocchè nulla, quindi nell'attesa che dal mercatino sbuchi qualche offerta dai soliti nomi che mi avete consigliato, mi sono comprato un Paul Bara riserva e un Aubry Brut Champagne Premier Cru, il tutto per poco più di 60 euro dire abbastanza in linea con i prezzi che girano qui.
Il Paul Bara non aveva sboccatura, a detta del commesso è perchè i francesi sono meno precisi e quindi la mettono solo sui millesimati, mentre noi italiani la mettiamo un po' dappertutto :D.
Mentre Aubry ha sboccatura 11/2017.
Avevo puntato un Selosse Initial in un'altra enoteca a 135 (direi che avesse il 20%) credo non sia male come prezzo, ma poi sono ripassato ed era finito, mi hanno detto che se ne riparla a Febbraio minimo.
In tre enoteche nessuno conosceva il Tarlant zero......
Piccolo ot, ho visto anche uno Chateaux Margaux a 1700 euro messo quasi a soffitto su casse di legno sopra altri scaffali pieni di vino, direi conservazione non eccellente......
Vedremo come saranno le mie esperienze enoiche nel berli anche se non ho amici che bevano molto :lol:
Vincenzo
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12625
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Kalosartipos » 16 gen 2019 07:09

win_67 ha scritto:a detta del commesso è perchè i francesi sono meno precisi e quindi la mettono solo sui millesimati

Una fesseria.. :roll:
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
bobbisolo
Messaggi: 152
Iscritto il: 08 set 2017 10:31
Località: Campagnola Emilia
Contatta:

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda bobbisolo » 21 gen 2019 12:05

R&L Legras Presidence Vielles Vignes 2007:
Solo acciaio per questo produttore della cote de blanc, oro splendido, ridottino iniziale e quindi ventata di aria salmastra, poi mela e agrumi che emergono al crescere della temperatura. Naso fresco e teso così in bocca, secco ed equilibrato, ha un bel grip sulla lingua e chiude con una lunga persistenza.

R&L Legras Presidece Vielles Vignes 2012:
parente del 2007, ridotto assente, più fruttato che minerale rispetto al primo. Sempre un bel colore dorato, in bocca è più rotondo del 2007 e sul frutto, sembra anche più pronto e morbido. Piaciuto un filino meno dell'altro.

R.Pouillon Terres froides, base 2015:
Uve di Tauxieres, Montagne de Reims, scrive il produttore che le vigne sono esposte a nord.
Più simile a un pinot nero che a uno chardonnay per via di un naso fresco e teso, mai burroso o morbido, libero dalla vaniglia, rispetto ad uno chardonnay ad esempio di De Sousa... sensazioni di scoglio e pietra bagnata e mandarino a seguire, bella bocca sapida e gustosa. Piaciuto molto e da ribere con spensieratezza(cit.)

Applauso per la quantità di info in contro-etichetta a differenza di zero per Legras
Nitrox
Messaggi: 259
Iscritto il: 21 mar 2014 21:45

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Nitrox » 27 gen 2019 01:23

Tarlant Zero base vendemmia 2008 deg 2016
Che dire , l’avevo bevuto pochi mesi fa e mi era piaciuto molto questa sera ne ho bevuto uno della mia cantina che a differenza dell’altro è ancora indietro nella fase evolutiva (quello bevuto prima non era stato conservato nei parametri ottimali ma comunque è evoluto prima e per niente male anzi) invece il mio denuncia ancora una acidità importante mitigata solo dopo parecchi minuti nel bicchiere buon naso minerale con note agrumate , perlate fine ma non persistente e ahimè poca complessità ( tutto non si può avere ) ma cosa gli manca ancora ora è la beva che non tira .
La vendemmia 2008 in Champagne per ora mi sta creando più grattacapi che soddisfazioni, quello che ho lo sotterro e provo fra dieci anni......
Nitrox
Messaggi: 259
Iscritto il: 21 mar 2014 21:45

Re: Champagne, il thread definitivo

Messaggioda Nitrox » 10 feb 2019 15:56

Dom Ruinart Rose’ 1996 , avevo paura di trovarmi davanti un vino spento invece le mie paure erano infondate .
Oddio non che sprizzasse energia da tutti i pori denunciando ancora una lunghissima carriera ma direi al punto giusto per essere bevuto con tutto al posto giusto tecnicamente ineccepibile quasi perfetto forse anche troppo, un colore ambrato con riflessi arancioni mai visto prima in un vino al naso senti un mix fra la Borgognona dello Chardonnay ripulita da tutta l’acidità di gioventù è quella del Pinot Noir , te li ritrovi insieme nel gusto in un mix in continua evoluzione più passa il tempo nel bicchiere con gli ultimi assaggi un ora dopo l’apertura della bottiglia con ancora cose da dire e dare ma purtroppo bottiglia finita , la bolla ben presente ma finissima ed elegante come i migliori anzi fra i migliori.
Non sono amante dei rose’ ma questo è hors categorie.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Biavo, lucastoner, slowhand, Smarco e 26 ospiti