QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
alì65
Messaggi: 11252
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda alì65 » 12 feb 2019 16:06

gbaenergiaeco10 ha scritto:
alì65 ha scritto:
lafillossera ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:Qualche nebbiolo del 2004 a confronto.

Le Piane - Boca 2004
Profondo nel colore, rubino scuro con appena un'unghia granato. Naso di rosa macerata, china, ferro, grafite. Bocca di rara finezza, colpisce davvero. Il miglior le Piane mai bevuto. Ancora molto giovane, ma non so se potrà dare più di questo. Delizioso.
:D :D :D :D +



Bevuto di recente. Stesse impressioni felici


bevuto una settimana fa; non riesco a farmi piacere questo genere che io chiamo autunnale
manca di slancio, di profondità e di bevibilità; solo stile e stop
è un vino cupo, triste e poco divertente, non invoglia a berlo; in 4 rimasta mezza bt, il resto finito e strizzato
vino che non trovo ancora giovane, anzi, solo perchè ha ancora tannino non vuol dire che sia ancora indietro; il frutto è troppo avanti, in retronasale è molto avanti, quasi in ossidazione
non è una bt tenuta male e il tappo era perfetto


perdonami claudio, ma ti riferisci alla 2004 o al boca di le piane in generale? io la 2004 non l'ho mai bevuta, ho testato le annate più recenti, dalla 2007 in avanti..e potrei dire qualsiasi cosa, ma mai che non ci sia profondità, beva, e via dicendo..l'ultima 2007 bevuta risale a qualche mese fa ma ricordo un vino veramente straordinario..tranquillamente in grado di tenere testa a nebbioloni langaroli di razza


si parlava della bt bevuta 04 e di quello mi riferivo perchè bevuta la scorsa settimana
non ricordo fin dove ho assaggi di Boca Le Piane ma non credo oltre la 04; nei banchetti ho provato varie volte in annate diverse ma sempre uguale era il risultato
il fatto che nelle ultime annate le cose siano cambiate ci credo assolutamente perchè sono cambiate ovunque; il mercato ha certe richieste e se vuoi vendere il vino deve avere quelle caratteristiche altrimenti gli importatori ti salutan...
ne ho dedotto che sicuramente non è un vino per me; per fortuna ci sono estimatori altrimenti che lo farebbero a fare
se mi dovesse capitare proverò ultime annate, visto mai....
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Alessio
Messaggi: 133
Iscritto il: 03 gen 2008 16:55

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Alessio » 13 feb 2019 02:12

Stasera al ristorante Lume a Milano
BdB Bruno Paillard 1996, bellissima bolla ancora freschissima fiori, miele, nocciola, acidità gradevolissima e fantastica persistenza.
Auslese di Prum 2009... e che lo scrivo a fare da bere con il secchio altro che bicchiere
Charmes Chambertin Domaine l’Arlot 2011, in annata scarsina bella bottiglia, balsamica, cesellata, tannino già gradevolissimo e con un didascalico frutti rosso ad incorniciare il tutto.
Ça d Gal vecchie vigne 2013... un bella bottiglia piemontese ci voleva e questa è sempre una garanzia, delicatezza, profumi, fuori, dolcezza sussurrata con bevibilita assassina.
Bella serata con un’eccellente cucina con un suberbo twist acido. Alcuni piatti memorabili, in particolare la rivisitazione del saltimbocca alla romana e il fegato grasso con verza e riduzione di casseula. I dolci non dolci non sono al livello delle pietanze salate, mancano davvero di tecnica e di gourmandise.
ciscuz500r
Messaggi: 208
Iscritto il: 23 mag 2016 12:05

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda ciscuz500r » 13 feb 2019 16:54

Cena (in casa) tra amici (12).
Cavalleri Bdb: piaciuto a tutti a me meno.
Bellavista Teatro la Scala 2013: lo preferisco a sopra.
Fleury Rosè Brut: proprio non riesco a farmelo piacere, sempre parecchio amarognolo…mah!!
Fallet Prevostat brut: che buono!! La comitiva ha strabuzzato gli occhi sapendo il prezzo (forum) ed ha rivisto il giudizio specialmente sul primo.
Gonet Philippe bdb 1995 magnum: bottiglia dimenticata per circa 12/13 anni in un armadio di un deposito (35 gradi in estate e 8 gradi in inverno)… bolla leggermente presente, limpido, ramato, cognaccoso, ancora fresco, direi bevibile… mi ha sorpreso, pensavo peggio.
Pacher Hof Kerner 2017: piacevolissimo.
Massolino Vigna Rionda 2007 riserva Magnum: tannino vellutato e ben integrato, beva facile ed assassina, piaciuto tantissimo.
Cheval des Andes 2008: definito “dai molti” marmellatoso, artificiale, ruffiano, costruito… a me è piaciuto
Cheval des Andes 2011: Vedi 2008 ma con una punta di freschezza in più che mancava in precedenza… piaciuto.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6999
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda zampaflex » 14 feb 2019 13:54

Guiberteau - Saumur Brézé 2012

Il nipote dei Foucault dimostra di avere studiato da loro e applica la lezione imparata. Ma non ha le stesse vigne e non ancora lo stesso manico: è un buon vino, ancora segnato dal legno, con amalgama in corso tesa ad addomesticare la consueta furiosa acidità del luogo, non esponendo però una aromaticità all'altezza.

:D :D :D :)
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
merlotto85
Messaggi: 109
Iscritto il: 07 mar 2017 15:18
Località: Firenze

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda merlotto85 » 14 feb 2019 15:49

Amerigi syrah 2015

Naso di frutta di bosco e spezie , bocca morbida polposa ma con buona acidita dove ritorna il frutto e cenni di spezie...buono anche se giovane
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1911
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda gianni femminella » 14 feb 2019 22:23

Selvapiana chianti Rufina 2016
Sentori di china, ematico, floreale. Acidità giovanile, esuberanza, tannino graffiante, anche una punta di dolcezza, tra una staffilata e l'altra. La complessità non è il suo forte, ma è ovvio. Si fa bere per altri motivi, e si fa bere bene. Un po' di bottiglia lo migliorerà ancora.

Amato Giannoni Fabbri syrah 2014
Frutto carnoso, ma nel contempo acerbo, freschezza e fondo amaro vanno ognuno per conto proprio. Anche qui una nota ematica rilevante, ma slegata da tutto il resto. Sarà l'annata grama, spero; vino senza capo né coda, per me.
Alla stessa tavola non tutti bevono lo stesso vino
Mike76
Messaggi: 970
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Mike76 » 16 feb 2019 12:09

Immagine

Tenuta di Fessina - Etna Musmeci Bianco 2012
Complice una buonissima tegamata di piccoli calamaretti, stappiamo questo Musmeci.
Subito si apre su profumi non usuali, tipo melone bianco e fiori di rosmarino.
Bocca minerale e fresca, ma soprattutto salmastra, che invoglia la beva.
Piaciuto proprio, specie in abbinamento con questo piatto.
Ultimamente questi bianchi dell'Etna mi stanno dando belle soddisfazioni a tavola.
Luca90
Messaggi: 96
Iscritto il: 10 mag 2018 17:39
Località: Novarese

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Luca90 » 16 feb 2019 13:10

Amato Giannoni Fabbri syrah 2014
Frutto carnoso, ma nel contempo acerbo, freschezza e fondo amaro vanno ognuno per conto proprio. Anche qui una nota ematica rilevante, ma slegata da tutto il resto. Sarà l'annata grama, spero; vino senza capo né coda, per me.[/quote]

In realtà la 2014 è stata una grande annata in quel di Cortona, non a caso Amerighi ha dichiarato che il suo apice 14 è il miglior vino da lui fatto finora.

Ad ogni modo ho anch'io a casa una bottiglia di amato 2014, non sapevo cosa aspettarmi, dici che possa migliorare con uno o due anni di vetro oppure taglio la testa al toro e la provo subito?
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 26595
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda vinotec » 16 feb 2019 15:38

Oggi con Claudio bevutina defatigante per accompagnare due meravigliose beccacce cucinate magistralmente dallo chef Pierluigi:
- CHAMPAGNE TARLANT CUVEE LUISE SBOCC. 2015: Colore giallo carico che sembrava un'yquem, naso suadente e alla bocca crosta di pane a gò gò, perlage finissimo ed acidità tagliente: :D :D :D :D
- BRUNELLO DI MONTALCINO BIONDI SANTI RISERVA 1985: sinceramente credevo di meglio...subito mi ha lasciato un po' perplesso, ma appena si è arrivato a distendere ha rivelato una finezza da gran vino; in bocca un'acidità troppo elevata con tannini ancora presenti...dopo un'ora in discesa: :D :D :D
- SOLAIA 2004: subito appena aperta era chiusa a riccio ,ma dopo qualche decina di minuti si è dimostrata di un livello veramente super, con tannini morbidi, naso suadente (tabacco, more e perfino polvere da sparo): :D :D :D :D :)

Immagine
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
teo777full
Messaggi: 111
Iscritto il: 05 gen 2018 22:38

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda teo777full » 17 feb 2019 10:07

Ieri sera a cena:
Jacques Selosse Substance sboccatura 12/2008
Parte al naso con amaretto e una infinitá di agrumi
E tutto questo lo si ritrovava in bocca accompagnata da un’aciditá ancora bella presente
L’unica cosa é che sul finale andava verso l’amaricante
Non amare tipo medicina sia chiaro ma appunto da agrume quale il pomplelmo per fare un esempio
Vi torna anche a voi?

Tutto sommato piaciuto ma forse le aspettative erano piú alte, ma appunto non vorrei criticare delle cose che poi si rivelano essere le caratteristiche del vino
fabrizio leone
Messaggi: 634
Iscritto il: 06 giu 2012 15:00
Località: san Colombano al lambro ( MI )

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda fabrizio leone » 17 feb 2019 11:31

Gratiot Delugny champagne millésimé 2004 :D :D :D :D
chardonnay in purezza, un bellissimo naso: pasticceria, frutta matura e semi tostati
colore limpido e brillante, un ottimo aperitivo

Domaine Leflaive Macon Verzé 2012 :D :D :D :D
naso forte ed intenso: polvere da sparo
in bocca fresco e sapido
veramente un buon vino rapporto qualità/prezzo

Méo-Camuzet Bourgogne Rouge 2014 :D
naso delicato, forse troppo
in bocca lieve ed inconsistente, nulla di che
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1911
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda gianni femminella » 17 feb 2019 12:56

fabrizio leone ha scritto:Gratiot Delugny champagne millésimé 2004 :D :D :D :D
chardonnay in purezza, un bellissimo naso: pasticceria, frutta matura e semi tostati
colore limpido e brillante, un ottimo aperitivo



Ne ho stappata una anche io. Era ossidata :(
Alla stessa tavola non tutti bevono lo stesso vino
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2690
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Ludi » 17 feb 2019 13:21

vinotec ha scritto:- BRUNELLO DI MONTALCINO BIONDI SANTI RISERVA 1985: sinceramente credevo di meglio...subito mi ha lasciato un po' perplesso, ma appena si è arrivato a distendere ha rivelato una finezza da gran vino; in bocca un'acidità troppo elevata con tannini ancora presenti...dopo un'ora in discesa: :D :D :D


bevuto tre anni fa, lo trovai un vino fantastico....può essere una bottiglia sfortunata? Conoscendo la cura maniacale con la quale conservi forse no....
ale1984
Messaggi: 134
Iscritto il: 10 gen 2018 15:40

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda ale1984 » 17 feb 2019 13:27

Champagne ignoto NV base 2010 :D :D :D :D
indizi: oro carico, Pinot meunier 85%, Pinot nero 15%
Naso di frutta matura e una leggera ossidazione, perlage finissimo, bocca piena, di quelle che ti soddisfano come una forchettata di lasagne, di certo non uno chablis con le bolle (cit. qualcuno del forum, chiedo scusa ma non ricordo chi).
Costo in quell’enoteca, circa 50 euro, sospetto qualcosa meno altrove. Come un pollo non mi son segnato il nome sicuro che lo avrei ricordato.
Appunto.
Una parola unica, forse con l’articolo. Dovessi sbilanciarmi direi iniziasse per A o I.
Qualche idea su cosa potesse essere?
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 26595
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda vinotec » 17 feb 2019 15:07

Ludi ha scritto:
vinotec ha scritto:- BRUNELLO DI MONTALCINO BIONDI SANTI RISERVA 1985: sinceramente credevo di meglio...subito mi ha lasciato un po' perplesso, ma appena si è arrivato a distendere ha rivelato una finezza da gran vino; in bocca un'acidità troppo elevata con tannini ancora presenti...dopo un'ora in discesa: :D :D :D


bevuto tre anni fa, lo trovai un vino fantastico....può essere una bottiglia sfortunata? Conoscendo la cura maniacale con la quale conservi forse no....


I vini li aveva portati il mio amico ed io avevo messo le beccacce; la bottiglia di Biondi Santi gliel'aveva regalata il padrone dell'industria dove lui è direttore degli acquisti. Sicuramente l'aveva acquistata in un'enoteca; il tappo era umido e si è rotto in più parti ed il livello era un po' sotto la base del collo....penso anche io ad una bottiglia conservata male.
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
Mike76
Messaggi: 970
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Mike76 » 17 feb 2019 15:35

La Fornace - Brunello di Montalcino 2010
Granato nel colore e antico nei profumi, in senso buono, in senso classico.
Vino che profuma di buon sangiovese:  prugna matura, pepe nero, violetta con una bellissima speziatura. In bocca il tannino è levigato, acidità in equilibrio con  il corpo, e rimane il sale finale a richiamare un altro sorso.
Sarà che oggi mi andava particolarmente il Brunello, saranno stati i pici e l'anatra in abbinamento, ma mi è piaciuto particolarmente.
cesmic
Messaggi: 3920
Iscritto il: 06 giu 2007 11:15
Località: Ho deciso di dare a de Hades la "paghetta" di 1 euro al giorno per fare: "up"..

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda cesmic » 18 feb 2019 00:29

Luca90 ha scritto:
In realtà la 2014 è stata una grande annata in quel di Cortona

Certo. Annata di merda in tutta la toscana e proprio lì invece...
E poi, che barbarie, brodo vegetale ad un bambino dell'asilo... vuoi mettere con un paio di tubi di Pringles??? (Un amico)
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2690
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Ludi » 18 feb 2019 08:22

Diemersfountain, Viognier Carpe Diem 2014: corretto anche se banalotto, certo più affine ad un Viognier toscano che ad un Condrieu.
Foradori, Granato 2006: inizialmente segnato da note di surmaturità, migliora decisamente con l'ossigenazione, tirando fuori una natura speziata davvero niente male.
Germano, Herzù 2012: inconfondibilmente Riesling, con il corredo di acidità e di idrocarburo che ci si aspetta, e con invidiabile lunghezza. Solo una nota amarognola nel finale ne pregiudica l'eccellenza.
Domaine Saparale, Casteddu 2016: sfacciatamente fruttato e beverino, vino di disimpegno per chi ama, per una volta, rilassarsi e bere pensando solo al cibo.
Muffato della Sala 2008: sempre ottimo, anche se non la miglior versione; acidità leggermente carente.
A. Beaufort, Brut Grand Cru: acquistato da Jacques cinque anni fa, è splendido nelle note biscottate, e passa indenne attraverso la mia evoluzione del gusto verso i pas dosé (8 gr/l si sentono, ma non danno assolutamente fastidio). Bottiglia scolata senza ritegno.
Bea, Arboreus 2009: straordinario nell'eleganza cartesiana che decisamente rimanda a Gravner. Trebbiano Spoletino is the new Ribolla Gialla.
Dom. Piaugier, Sablet Reserve de Maude 2008: ottimo al naso, ma l'annata sfortunata si sente nella estrema diluizione in bocca.
Biondi Santi Annata 1997: non ho avuto ancora il coraggio di aprire una bottiglia di Soldera, ma per ricordarlo in qualche modo ho stappato questa, appartenente ad un'epoca in cui lui, che certo non era prodigo di elogi verso i produttori, considerava Franco Biondi Santi un grande della denominazione. La nota terziaria di fungo e terriccio smosso non pregiudica l'integrità del frutto e la soavità del sorso, acuita dalla vena acida (in una 1997!). Vino di riferimento.
Mr. K Semillon The Straw Man 2002: 480 grammi di residuo zuccherino in una bevanda che non è vino, ma qualcosa di diverso. Manca l'acidità di un Eszencia, ma berlo è davvero divertente, ancorchè comprensibilmente impegnativo. Forse non vale quello che costa.
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1416
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 18 feb 2019 10:55

Trebbiano d'Abruzzo Valentini 2007
giallo oro nel calice, il colore non tradisce gli anni di bottiglia, ma maschera meravigliosamente una giovinezza ancora scalpitante..inizialmente coperto da sentori di fieno, con i minuti viene fuori un naso di pinoli tostati, fiori bianchi, frutta gialla candita, foglie di tè essiccate, battuto di olive nere..non si ferma mai, dinamico, cangiante, spuntano timide note di torrefazione, e un ricordo di rosmarino e menta pestata..bocca coerente, agile ma costantemente retta da un'acidità ben presente e perfettamente incastrata con la parte alcolica..
la persistenza non è da campione del mondo, e la chiusura fa emergere al palato sensazioni vagamente verdognole (ma che non credo possano definirsi amare)..nel bene e nel male, se di male si può parlare, è stata una bevuta per me stratosferica
Lorenzo
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1911
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda gianni femminella » 18 feb 2019 12:55

gianni femminella ha scritto:Amato Giannoni Fabbri syrah 2014
Frutto carnoso, ma nel contempo acerbo, freschezza e fondo amaro vanno ognuno per conto proprio. Anche qui una nota ematica rilevante, ma slegata da tutto il resto. Sarà l'annata grama, spero; vino senza capo né coda, per me.


Luca90 ha scritto:In realtà la 2014 è stata una grande annata in quel di Cortona, non a caso Amerighi ha dichiarato che il suo apice 14 è il miglior vino da lui fatto finora.

Ad ogni modo ho anch'io a casa una bottiglia di amato 2014, non sapevo cosa aspettarmi, dici che possa migliorare con uno o due anni di vetro oppure taglio la testa al toro e la provo subito?


Prova a lasciarla lì un annetto, male non gli fa, anche se non è detto che migliori.
Amerighi forse ha avuto un ottimo risultato, ma la 2014 è stata una annata difficile per tutti, che io sappia.
Alla stessa tavola non tutti bevono lo stesso vino
Tambo636
Messaggi: 56
Iscritto il: 02 lug 2018 08:37
Località: Parma

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Tambo636 » 18 feb 2019 13:13

Pranzo (in casa) tra amici (6).
Andrè Clouet Un Jour de 1911 :D :D :D :D
Agrapart Mineral 2011 :D :D :D
Dom Perignon 2008 :D :D :D :D :D
Dom Perignon 1996 :D :D :D :D :D +
Dom Perignon P2 2000 :D :D :D :D :D :shock:
Charles Heidsieck Blanc des Millenaires 1995 :D :D :D :D :D +
Ultima modifica di Tambo636 il 18 feb 2019 15:23, modificato 1 volta in totale.
Luca90
Messaggi: 96
Iscritto il: 10 mag 2018 17:39
Località: Novarese

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Luca90 » 18 feb 2019 13:33

cesmic ha scritto:
Luca90 ha scritto:
In realtà la 2014 è stata una grande annata in quel di Cortona

Certo. Annata di merda in tutta la toscana e proprio lì invece...


https://www.adnkronos.com/soldi/economi ... refresh_ce

Lo conferma anche il diretto interessato nonché presidente del consorzio..
cesmic
Messaggi: 3920
Iscritto il: 06 giu 2007 11:15
Località: Ho deciso di dare a de Hades la "paghetta" di 1 euro al giorno per fare: "up"..

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda cesmic » 18 feb 2019 13:59

Luca90 ha scritto:
cesmic ha scritto:
Luca90 ha scritto:
In realtà la 2014 è stata una grande annata in quel di Cortona

Certo. Annata di merda in tutta la toscana e proprio lì invece...


https://www.adnkronos.com/soldi/economi ... refresh_ce

Lo conferma anche il diretto interessato nonché presidente del consorzio..

Ma davvero pensavi che dicesse il contrario? Dire che nel 2014 ci siano stati produttori capaci di interpretare bene l'annata ci può stare, ma leggere che un intero territorio abbia giovato di un clima diverso (guarda caso miracolosamente migliore) da quello di praticamente tutta l'Italia non si può sentire...
E poi, che barbarie, brodo vegetale ad un bambino dell'asilo... vuoi mettere con un paio di tubi di Pringles??? (Un amico)
teo777full
Messaggi: 111
Iscritto il: 05 gen 2018 22:38

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda teo777full » 18 feb 2019 14:01

teo777full ha scritto:Ieri sera a cena:
Jacques Selosse Substance sboccatura 12/2008
Parte al naso con amaretto e una infinitá di agrumi
E tutto questo lo si ritrovava in bocca accompagnata da un’aciditá ancora bella presente
L’unica cosa é che sul finale andava verso l’amaricante
Non amare tipo medicina sia chiaro ma appunto da agrume quale il pomplelmo per fare un esempio
Vi torna anche a voi?

Tutto sommato piaciuto ma forse le aspettative erano piú alte, ma appunto non vorrei criticare delle cose che poi si rivelano essere le caratteristiche del vino


Nessuno ha assaggi recenti per confermare o smentire le mie impressioni?
Messner
Messaggi: 582
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: QUANTO SI BEVVE A FEBBRAIO 2019

Messaggioda Messner » 18 feb 2019 14:29

cesmic ha scritto:
Luca90 ha scritto:
cesmic ha scritto:
Luca90 ha scritto:
In realtà la 2014 è stata una grande annata in quel di Cortona

Certo. Annata di merda in tutta la toscana e proprio lì invece...


https://www.adnkronos.com/soldi/economi ... refresh_ce

Lo conferma anche il diretto interessato nonché presidente del consorzio..

Ma davvero pensavi che dicesse il contrario? Dire che nel 2014 ci siano stati produttori capaci di interpretare bene l'annata ci può stare, ma leggere che un intero territorio abbia giovato di un clima diverso (guarda caso miracolosamente migliore) da quello di praticamente tutta l'Italia non si può sentire...


Questa generalizzazione non mi piace tanto. Hai ragione, un po' ovunque la situazione é quella che tutti hanno delineato, ma l'Etna ha avuto l'annata migliore degli ultimi 20 anni. Forse la migliore che si ricordasse, a detta loro.. Ma le centinaia di assaggi che ho fatto mi fanno propendere al loro giudizio
Quindi sì, sull'Etna un annata che viene ritenuta del cazzo un po' ovunque é stata non solo ottima, ma probabilmente una delle migliori in assoluto.
Anche in alcune zone della Sardegna é stata eccellente, in controtendenza... Insomma dipende

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti