ALSAZIA

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
biodinamico
Messaggi: 766
Iscritto il: 02 ago 2008 12:21

ALSAZIA

Messaggioda biodinamico » 04 dic 2018 23:18

É una regione che frequento poco...
C'é qualche azienda interessante da visitare escludendo i soliti noti e Albert Boxler/Albert Mann che ho già visitato?
endamb
Messaggi: 141
Iscritto il: 16 lug 2009 00:36
Località: Bruxelles/Roma

Re: ALSAZIA

Messaggioda endamb » 05 dic 2018 00:01

biodinamico ha scritto:É una regione che frequento poco...
C'é qualche azienda interessante da visitare escludendo i soliti noti e Albert Boxler/Albert Mann che ho già visitato?


Bruno Schueller
littlewood
Messaggi: 1545
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: ALSAZIA

Messaggioda littlewood » 05 dic 2018 00:24

Aghate bursin
Michelasso
Messaggi: 133
Iscritto il: 04 ott 2018 00:29

Re: ALSAZIA

Messaggioda Michelasso » 05 dic 2018 00:41

A me non erano dispiaciuti i vini di Schoenheitz assaggiati recentemente ad una manifestazione enologica.
"Fra le poche cose che so fare con piacere e che ho sicuramente meglio saputo fare, è bere. Ho scritto molto meno della maggior parte degli scrittori, ma ho certamente bevuto di più della maggior parte di coloro che bevono."
(G. Debord)
Mike76
Messaggi: 924
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: ALSAZIA

Messaggioda Mike76 » 05 dic 2018 03:14

Assolutamente Marcel Deiss.
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12628
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: ALSAZIA

Messaggioda Kalosartipos » 05 dic 2018 08:00

Sono stato da OSTERTAG lo scorso agosto.. bella visita, bei vini.
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
pstrada75
Messaggi: 586
Iscritto il: 13 gen 2011 23:44
Località: Losanna - Svizzera

Re: ALSAZIA

Messaggioda pstrada75 » 05 dic 2018 09:26

Beh, anche se rientra tra i soliti noti Zind-Humbrecht è una delle visite più belle e complete che abbia mai fatto.

Concordo con Agathe Bursin, aggiungerei Rietsch, Kreydenweiss e perché no il vecchio Seppi Landmann...
biodinamico
Messaggi: 766
Iscritto il: 02 ago 2008 12:21

Re: ALSAZIA

Messaggioda biodinamico » 05 dic 2018 10:30

Grazie a tutti,ottimi consigli...
Farò una visita e forse due,avete anche qualche consiglio mangereccio per un pranzo veloce a Colmar?
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2682
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: ALSAZIA

Messaggioda Ludi » 05 dic 2018 10:37

Weinbach, Zind-Humbrecht, Deiss, Ostertag.....l'elenco e' davvero lungo
Avatar utente
birrachiara
Messaggi: 3067
Iscritto il: 30 ott 2007 13:19
Località: Roma

Re: ALSAZIA

Messaggioda birrachiara » 05 dic 2018 10:58

biodinamico ha scritto:É una regione che frequento poco...
C'é qualche azienda interessante da visitare escludendo i soliti noti e Albert Boxler/Albert Mann che ho già visitato?

Vicino Colmar Meyer Fonnè..fatto recentemente deg a Roma. Interessante utilizzo del Pinot Grigio...
paolo
L'ottimismo della volontà
Il pessimismo della ragione
Volli, sempre volli, fortissimamente volli
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12628
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: ALSAZIA

Messaggioda Kalosartipos » 05 dic 2018 11:26

biodinamico ha scritto:avete anche qualche consiglio mangereccio per un pranzo veloce a Colmar?

A Kaysersberg, mi sono trovato bene alla Winstub dello Chambard.. ho postato la recensione nella sezione ristoranti.
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6934
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: ALSAZIA

Messaggioda zampaflex » 05 dic 2018 12:01

Mike76 ha scritto:Assolutamente Marcel Deiss.


Sottoscrivo. Ha una mano sufficientemente leggera per mediare con un terroir che spesso dà vini pesantucci o con troppo residuo.
Ho pochi assaggi tutto sommato, ma anche poco feeling con la zona. Deiss è il produttore che, per il mio gusto, ha centrato un giusto punto di media.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2682
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: ALSAZIA

Messaggioda Ludi » 05 dic 2018 18:09

zampaflex ha scritto:
Mike76 ha scritto:Assolutamente Marcel Deiss.


Sottoscrivo. Ha una mano sufficientemente leggera per mediare con un terroir che spesso dà vini pesantucci o con troppo residuo.
Ho pochi assaggi tutto sommato, ma anche poco feeling con la zona. Deiss è il produttore che, per il mio gusto, ha centrato un giusto punto di media.


per me Ostertag fa vini ancora piu' giocati sull'eleganza.... :wink:
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6934
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: ALSAZIA

Messaggioda zampaflex » 05 dic 2018 18:43

Ludi ha scritto:
zampaflex ha scritto:
Mike76 ha scritto:Assolutamente Marcel Deiss.


Sottoscrivo. Ha una mano sufficientemente leggera per mediare con un terroir che spesso dà vini pesantucci o con troppo residuo.
Ho pochi assaggi tutto sommato, ma anche poco feeling con la zona. Deiss è il produttore che, per il mio gusto, ha centrato un giusto punto di media.


per me Ostertag fa vini ancora piu' giocati sull'eleganza.... :wink:


Proverò, Giuliano. E' tra quelli che mi mancano.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Mike76
Messaggi: 924
Iscritto il: 23 nov 2011 09:53
Località: Pontedera (PI)

Re: ALSAZIA

Messaggioda Mike76 » 05 dic 2018 18:46

zampaflex ha scritto:
Mike76 ha scritto:Assolutamente Marcel Deiss.


Sottoscrivo. Ha una mano sufficientemente leggera per mediare con un terroir che spesso dà vini pesantucci o con troppo residuo.
Ho pochi assaggi tutto sommato, ma anche poco feeling con la zona. Deiss è il produttore che, per il mio gusto, ha centrato un giusto punto di media.


Noto anche come l'eretico di Alsazia che fa i "mescoloni" di vitigni che fanno alzare il sopracciglio ai puristi... :mrgreen:
Avatar utente
Wineduck
Messaggi: 4044
Iscritto il: 06 giu 2007 15:16

Re: ALSAZIA

Messaggioda Wineduck » 05 dic 2018 19:15

zampaflex ha scritto:
Mike76 ha scritto:Assolutamente Marcel Deiss.


Sottoscrivo. Ha una mano sufficientemente leggera per mediare con un terroir che spesso dà vini pesantucci o con troppo residuo.
Ho pochi assaggi tutto sommato, ma anche poco feeling con la zona. Deiss è il produttore che, per il mio gusto, ha centrato un giusto punto di media.


Luciano permettimi di dirti che non hai bevuto abbastanza o non hai bevuto il meglio. Se provassi Weinbach-Colette Faller (pace all'anima sua), Freyburger (molti vigneti in comune con Deiss), Hugel o Trimbach non parleresti di "vini pesantucci"!
Ti posso assicurare che è esatttamente il contrario: l'Alsazia stacca nettamente la Germania nell'uso "leggero" del riesling. I crucchi hanno necessità di residuo zuccherino per dare struttura ai loro vini mentre il microclima dell'Alsazia (particolarissimo ed unico al mondo) produce vini che hanno una loro autonoma profondità, complessità e mineralità. Non tutti i manici riescono a produrre lo stesso risultato, ovviamente, ma questo vale d'ovunque.
Vedo che ti piace Deiss: buonissimo, per carità, ma è già uno che si è dovuto inventare una particolare strategia (complantantion) ed i risultati sono sicuramente ottimi senza però che possa essere classificato come "manina leggera"... :wink:
"People call me rude, I wish we all were nude, I wish there was no black and white, I wish there were no rules" [Controversy]

follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/wineleaner/
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6934
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: ALSAZIA

Messaggioda zampaflex » 05 dic 2018 20:44

Wineduck ha scritto:
zampaflex ha scritto:
Mike76 ha scritto:Assolutamente Marcel Deiss.


Sottoscrivo. Ha una mano sufficientemente leggera per mediare con un terroir che spesso dà vini pesantucci o con troppo residuo.
Ho pochi assaggi tutto sommato, ma anche poco feeling con la zona. Deiss è il produttore che, per il mio gusto, ha centrato un giusto punto di media.


Luciano permettimi di dirti che non hai bevuto abbastanza o non hai bevuto il meglio. Se provassi Weinbach-Colette Faller (pace all'anima sua), Freyburger (molti vigneti in comune con Deiss), Hugel o Trimbach non parleresti di "vini pesantucci"!
Ti posso assicurare che è esatttamente il contrario: l'Alsazia stacca nettamente la Germania nell'uso "leggero" del riesling. I crucchi hanno necessità di residuo zuccherino per dare struttura ai loro vini mentre il microclima dell'Alsazia (particolarissimo ed unico al mondo) produce vini che hanno una loro autonoma profondità, complessità e mineralità. Non tutti i manici riescono a produrre lo stesso risultato, ovviamente, ma questo vale d'ovunque.
Vedo che ti piace Deiss: buonissimo, per carità, ma è già uno che si è dovuto inventare una particolare strategia (complantantion) ed i risultati sono sicuramente ottimi senza però che possa essere classificato come "manina leggera"... :wink:


Ciao Ale. Si, ho bevuto molto più in Germania o in Austria rispetto all'Alsazia, ma quelle volte che mi sono avventurato, anche con Weinbach o Trimbach non ho mai visto la luce. Mai provati gli altri due.
Anche su Deiss ho avuto sensazioni altalenanti; una volta pesante, un'altra lieve, così come Mann. Per il momento però è quello che mi lascia il ricordo migliore, di una maggiore leggerezza pur gestendo un bel corpo.
La complantation toglie leggibilità, checché ne dica, ma visto che raramente tutti i vitigni alsaziani escono bene dalla stessa annata permette un risultato mediamente migliore, forse.

In fin dei conti, vuol dire che ho ancora spazi di conoscenza inesplorati, che non siano il Tazzelenghe o il Bourboulenc :mrgreen:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Iwan56
Messaggi: 1933
Iscritto il: 13 nov 2010 00:14

Re: ALSAZIA

Messaggioda Iwan56 » 05 dic 2018 21:50

Degno di nota anche Schoffit.
Messner
Messaggi: 569
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: ALSAZIA

Messaggioda Messner » 05 dic 2018 22:53

Weinbach per me uno dei migliori, senza se e senza ma
Avatar utente
picenum
Messaggi: 857
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: ALSAZIA

Messaggioda picenum » 06 dic 2018 10:01

se non l'hai già letto...esperienze di altri forumisti.

viewtopic.php?f=13&t=106581&hilit=alsazia&start=350
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 10948
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: ALSAZIA

Messaggioda Alberto » 06 dic 2018 18:41

Wineduck ha scritto:Ti posso assicurare che è esatttamente il contrario: l'Alsazia stacca nettamente la Germania nell'uso "leggero" del riesling. I crucchi hanno necessità di residuo zuccherino per dare struttura ai loro vini mentre il microclima dell'Alsazia (particolarissimo ed unico al mondo) produce vini che hanno una loro autonoma profondità, complessità e mineralità.

Eh, mi sa che stiamo parlando di Germania vagamente usando l'ascia bipenne... :roll:
Il vigneti del Palatinato sebbene più a Nord sul medesimo asse non credo riportino valori climatici medi più freddi rispetto all'Alsazia, complici le quote altimetriche inferiori. Ed infatti i vini secchi (non solo riesling) hanno struttura (e ultimamente pure alcol) da vendere, anche troppa.
Poi c'è anche la Saar che è (o meglio era prima del riscaldamento globale) quasi al limite climatico per la viticoltura...ma ripeto la Germania è grandicella...
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
biodinamico
Messaggi: 766
Iscritto il: 02 ago 2008 12:21

Re: ALSAZIA

Messaggioda biodinamico » 05 gen 2019 17:32

Qualche giorno fa mi sono recato in Alsazia,un paio di visite e un giretto a Colmar.
Parecchi produttori ancora chiusi per le feste natalizie ma qualcuno disposto a ricevermi l'ho trovato...
Alle 10 in punto siamo nel cortile del Domaine Weimbach,ci accoglie il gentile Theo che parla pure un discreto italiano,ci fa assaggiare in successione i vini che sono disponibil,parecchi purtroppo finiti soprattutto i riesling.

SYLVANER 2017
Agrumato e con una bella nota floreale,fresco e semplice ma non banale.
PINOT BLANC 2017
Frutta bianca e fiori di campo,più grasso rispetto al precedente,bilanciato da una bella acidità.
RIESLING CUVEE THEO 2016
Agrumi e mineralitá,bocca dritta e sapida,per essere il loro riesling d'ingresso il livello é già molto buono.
RIESLING GRAND CRU SCHLOSSBERG 2017
Qui si cambia registro,naso tropicale,salsedine,buccia di cedro,più intenso e profondo rispetto al precedente,chiude con una lunga scia sapida,grande.
PINOT GRIS CUVEE LAURENCE 2017
Naso tropicale e di pietra focaia,qualche punto in più in grassezza rispetto ai riesling ma anche qui bella tensione in bocca a stemperare un corpo comunque non esile.
TOKAY PINOT GRIS CUVEE LAURENCE 2002
Veste dorata,frutta secca,cera d'api,albicocca e zenzero,bocca piena,intensa,pare abbia 10 anni in meno...davvero grande!
GEWURTZTRAMINER CUVEE THEO 2017
Frutta tropicale,soprattutto litchi e papaya,equilibrato e piacevole anche se non sono un'amante del genere.
GEWURTZTRAMINER GRAND CRU MAMBOURG 2016
Qui lo stacco é notevole,sulla falsa riga del precedente ma con maggior intensità,si aggiungono note minerali di pietra spaccata,persistenza degna di nota.
PINOT GRIS ALTENBOURG SGN 2009
Dorato,naso di mela golden,miele,fiori d'arancia,mandorla fresca,bocca in perfetto equilibrio tra acidità e residuo,chiude lunghissimo e complesso.

Continua.....
biodinamico
Messaggi: 766
Iscritto il: 02 ago 2008 12:21

Re: ALSAZIA

Messaggioda biodinamico » 09 gen 2019 22:23

Il nostro tour procede in direzione Katzenthal dal Domaine Meyer-Fonné.

RIESLING RESERVE 2016
Agrumato,abbastanza timido,semplice e senza sussulti.
RIESLING VIGNOBLE DE KATZENTHAL 2016
Pompelmo,lime,mineralitá,bocca di medio corpo ma di bella freschezza e sapidità,iniziamo a ragionare :D
RIESLING GRAND CRU WINECK SCHLOSSBERG 2016
Frutta a polpa bianca e parecchio minerale con note di pietra focaia e salsedine,intenso,sapido e di buona complessità.
RIESLING PFOELLER 2016
Pera,mela golden,più fruttato rispetto al precedente,anche in bocca risulta più grasso che fresco...
RIESLING GRAND CRU SCHOENENBOURG 2016
Ananas,passion fruit,mineralitá scura,sorso pieno,teso e molto complesso,quello che ho preferito.
RIESLING GRAND CRU KAEFFERKOPF 2016
Anche qui frutta tropicale e mineralitá,bocca più tonda e grassa,manca un po' di freschezza.
PINOT GRIS GRAND CRU KAEFFERKOPF 2016
Frutta secca,mela golden e spezie dolci,potente,di buona grassezza ma bilanciato da una giusta acidità.
GEWURTZTRAMINER RESERVE 2017
Tropicale,litchi e papaya,bocca semplice e buon equilibrio,non lascia il segno.
GEWURZTRAMINER GRAND CRU FURSTENTUM 2014
Frutta gialla,tropicale miele e gradevolmente speziato,potente,pieno anche se leggermente alcolico.
GEWURTZTRAMINER GRAND CRU WINECK-SCHLOSSBERG 2015
Frutta gialla e fiori,più intenso e morbido rispetto al precedente,chiude con buona intensità.
Avatar utente
birrachiara
Messaggi: 3067
Iscritto il: 30 ott 2007 13:19
Località: Roma

Re: ALSAZIA

Messaggioda birrachiara » 10 gen 2019 09:54

biodinamico ha scritto:Il nostro tour procede in direzione Katzenthal dal Domaine Meyer-Fonné.

RIESLING RESERVE 2016
Agrumato,abbastanza timido,semplice e senza sussulti.
RIESLING VIGNOBLE DE KATZENTHAL 2016
Pompelmo,lime,mineralitá,bocca di medio corpo ma di bella freschezza e sapidità,iniziamo a ragionare :D
RIESLING GRAND CRU WINECK SCHLOSSBERG 2016
Frutta a polpa bianca e parecchio minerale con note di pietra focaia e salsedine,intenso,sapido e di buona complessità.
RIESLING PFOELLER 2016
Pera,mela golden,più fruttato rispetto al precedente,anche in bocca risulta più grasso che fresco...
RIESLING GRAND CRU SCHOENENBOURG 2016
Ananas,passion fruit,mineralitá scura,sorso pieno,teso e molto complesso,quello che ho preferito.
RIESLING GRAND CRU KAEFFERKOPF 2016
Anche qui frutta tropicale e mineralitá,bocca più tonda e grassa,manca un po' di freschezza.
PINOT GRIS GRAND CRU KAEFFERKOPF 2016
Frutta secca,mela golden e spezie dolci,potente,di buona grassezza ma bilanciato da una giusta acidità.
GEWURTZTRAMINER RESERVE 2017
Tropicale,litchi e papaya,bocca semplice e buon equilibrio,non lascia il segno.
GEWURZTRAMINER GRAND CRU FURSTENTUM 2014
Frutta gialla,tropicale miele e gradevolmente speziato,potente,pieno anche se leggermente alcolico.
GEWURTZTRAMINER GRAND CRU WINECK-SCHLOSSBERG 2015
Frutta gialla e fiori,più intenso e morbido rispetto al precedente,chiude con buona intensità.


Fatta degustazione con lui e la moglie a Roma da Comptoir de France.....lo scorso dicembre....a parte i Riesling mi piacque molto il Pinot gris, produttore interessante.
paolo
L'ottimismo della volontà
Il pessimismo della ragione
Volli, sempre volli, fortissimamente volli

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: alemusci, Fedevarius, giandriolo, gpetrus, la_crota1925, lucastoner, ryanc82, seeionoou2, stefanor, Tuscany e 24 ospiti