Pagina 3 di 4

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 13:51
da bobbisolo
pstrada75 ha scritto:
maxer ha scritto:Insisto.
Ma che ca@@o ci mettono in questo vino ?


Se sei cosi' curioso e questo quesito ti tormenta notte e giorno non facendoti dormire allora perche' non alzi il telefono e lo chiedi all'unico che ti puo' rispondere..........il produttore di questo vino.....

Guarda che gentile ti facilito anche il compito:

Imola
Via Lola, 3,
40026 Imola BO
Tel: 0542 657116
Indirizzo email: david@tremonti.it


Tranquilli, gli ho scritto io (non con i toni che mi avete appiccicato di "signora maria" o "complottaro").
Ma ancora nessuna risposta... (nessuna allusione alla "furbizia" del produttore... giuro no!)

Gabriele, trovo che tu sia stato molto maleducato(eufemismo) e persistente :)

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 13:54
da bobbisolo
bobbisolo ha scritto:Tranquilli, gli ho scritto io...


... come peraltro avevo già riportato a pagina uno... ma si sa, quello da rileggere è sempre Succi, che è molto chiaro e comprensibile, non qualunquista...

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 14:26
da vinogodi
...indipendentemente dal caso specifico (e due ) che non conosco , conosco assai bene parecchi produttori "non interventisti" , bio - bio - biodinamici - "naturali" - "artigianali" , si , insomma , della concimazione esclusivamente con stallatico , inerbimento quasi forestale, passaggio in vigna solo con le manine e il bue di supporto , fermentazione spontanee con lieviti indigeni e i coadiuvanti messi al rogo e non solo al bando ... che in annata sfigatissima intervengono eccome , pena raccolto a puttane ,al massimo uve intrasformabili con conseguente vino il più delle volte indecente ... perché noi si fa bene ad essere eno radical chic , ma dove è possibile e con mezzi leciti (o legislativamente ammessi) l'impresa ha da funzionare e il vino da vendere , perché la pagnotta s'ha da portare a casa, gli operai pagarli così come i fornitori, rispettandone il sacrosanto diritto di pagamento delle forniture (anche energetiche e dei rimanenti costi variabili) ...

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 15:05
da maxer
pstrada75 ha scritto:
maxer ha scritto:Insisto.
Ma che ca@@o ci mettono in questo vino ?


Se sei cosi' curioso e questo quesito ti tormenta notte e giorno non facendoti dormire allora perche' non alzi il telefono e lo chiedi all'unico che ti puo' rispondere..........il produttore di questo vino.....

Guarda che gentile ti facilito anche il compito:

Imola
Via Lola, 3,
40026 Imola BO
Tel: 0542 657116
Indirizzo email: david@tremonti.it

Grazie :D
Non mi funzionava più la ricerca sul web.
Sei sempre così simpatico e comprensivo ..... :wink:

Ci proverò io, ma son sicuro che presto arriverà la risposta del buon Succi, sempre gentile e disponibile con tutti.

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 15:30
da ZEL WINE
Questo thread e’ lo specchio di come sia ridotto questo forum ultimamente: una manciata di anni fa personaggi amorfi e disturbatori, saccenti su ogni cosa e in ogni dove, sempre off topic con battutine del cazzo, erano banditi e lasciati fermentare nel proprio oblio. Purtroppo il forum non ha più le proprie dinamiche di autoregolamentazione.

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 15:48
da bobbisolo
sgombriamo il campo... a me sta bene si utilizzino questi prodotti... credo però che qui si siano messe le mani avanti per scongiurare qualsiasi intervento della signora maria, che è ancora nella sua maisonette di Voghera, impegnata a fare il bucato.

Konkordo non si debba fare di tutta l'erba un fascio, ci mancherebbe e l'ho detto.
Così come konkordo sul fatto che una cantina debba non solo sopravvivere, ma anche e possibilmente ricavarci qualcosa anche in annate sfigate.
Konkordo anche sulla parificazione degli obblighi di trasparenza verso consumatore tra vino e alimentare. Per esempio però... lo dici perchè ci sono più obblighi di trasparenza verso consumatore nelle mele o nel vino?

Mi chiedo, siccome gli esempi personali lasciano il tempo che trovano, se abbia senso fare un po' di "metadent"(prevenire è meglio che curare) sul consumatore: che so, ha senso comunicare che utilizzo additivi per necessità? Ha senso comunicare preventivamente che quando ho sfiga, ma voglio garantirti il prodotto, lo faccio lo stesso con componenti chimici che altro non sono ciò che già esiste in natura? Non ha senso comunicarlo perchè son concetti troppo tecnici e non è quello che desidera sapere il cliente?

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 15:52
da bobbisolo
Comunque a me il thread sembra ancora bello vivo!

Certo è difficile non interiorizzare e non prendersela... quando i commenti sono accuse velate e mica tanto

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 16:53
da zampaflex
bobbisolo ha scritto:
pstrada75 ha scritto:
maxer ha scritto:Insisto.
Ma che ca@@o ci mettono in questo vino ?


Se sei cosi' curioso e questo quesito ti tormenta notte e giorno non facendoti dormire allora perche' non alzi il telefono e lo chiedi all'unico che ti puo' rispondere..........il produttore di questo vino.....

Guarda che gentile ti facilito anche il compito:

Imola
Via Lola, 3,
40026 Imola BO
Tel: 0542 657116
Indirizzo email: david@tremonti.it


Tranquilli, gli ho scritto io (non con i toni che mi avete appiccicato di "signora maria" o "complottaro").
Ma ancora nessuna risposta... (nessuna allusione alla "furbizia" del produttore... giuro no!)

Gabriele, trovo che tu sia stato molto maleducato(eufemismo) e persistente :)


Bobbi e Massimo, lasciatemi stare per favore il Succi che è una degnissima persona. lo state tacciando di un pieno di nefandezze conto terzi e non merita minimamente tali accuse, o una simile mancanza di considerazione.
Grazie.

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 16:58
da Kalosartipos
zampaflex ha scritto:Bobbi e Massimo, lasciatemi stare per favore il Succi che è una degnissima persona. lo state tacciando di un pieno di nefandezze conto terzi e non merita minimamente tali accuse, o una simile mancanza di considerazione.
Grazie.

Quotissimo.

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 17:04
da bobbisolo
Caro Zampaflex, ricevuto e preventivamente chiesto scusa per le imprecisioni.
Di quali nefandezze sto tacciando il succi, non me ne rendo conto(capisco più quello che subisco)... comunque, guardiamo avanti per cortesia.
Io ci sto provando

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 19:11
da alì65
bobbisolo ha scritto:Comunque a me il thread sembra ancora bello vivo!

Certo è difficile non interiorizzare e non prendersela... quando i commenti sono accuse velate e mica tanto


molto vivo e molto interessante; cambierei il titolo con "enologia offensiva; tutto sul niente"
uno dei 3ad più interessanti mai visti qui... :shock:

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 19:24
da Francesco M
alì65 ha scritto:
bobbisolo ha scritto:Comunque a me il thread sembra ancora bello vivo!

Certo è difficile non interiorizzare e non prendersela... quando i commenti sono accuse velate e mica tanto


molto vivo e molto interessante; cambierei il titolo con "enologia offensiva; tutto sul niente"
uno dei 3ad più interessanti mai visti qui... :shock:

:lol:
è un po' complicato discorrere in maniera approfondita delle fasi di produzione di un vino basandosi solo su sensazioni, supposizioni, olfazioni, insinuazioni.
senza il produttore presente poi...

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 19:30
da alì65
Francesco M ha scritto:
alì65 ha scritto:
bobbisolo ha scritto:Comunque a me il thread sembra ancora bello vivo!

Certo è difficile non interiorizzare e non prendersela... quando i commenti sono accuse velate e mica tanto


molto vivo e molto interessante; cambierei il titolo con "enologia offensiva; tutto sul niente"
uno dei 3ad più interessanti mai visti qui... :shock:

:lol:
è un po' complicato discorrere in maniera approfondita delle fasi di produzione di un vino basandosi solo su sensazioni, supposizioni, olfazioni.
senza il produttore presente poi...


per quale motivo, poi, un produttore dovrebbe perdere tempo a discutere con noi pecoroni su cose talmente tecniche che manco ci interessano; buono o no buono, questo importa
è come se io, al momento di prendere le misure per costruire un mobile, spiego al cliente da dove proviene il materiale, perchè quello, le fasi di taglio, stagionatura, lavorazioni varie in laboratorio e poi, finalmente, il mobile finito.....daiii!!!

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 19:38
da maxer
zampaflex ha scritto:Bobbi e Massimo, lasciatemi stare per favore il Succi che è una degnissima persona. lo state tacciando di un pieno di nefandezze conto terzi e non merita minimamente tali accuse, o una simile mancanza di considerazione.
Grazie.

Luciano, nessuna accusa di nefandezze (quali ? :shock: ) o mancanza di considerazione verso Succi da parte mia (e mi sembra anche da parte di Bobbi, ma ti ha già risposto lui).

Non sono abituato in generale ad usare termini offensivi, men che meno verso persone che non conosco.

Se qualche volta fosse successo, è stato solo, e molto raramente, in legittima risposta ad offese personali ricevute da certi soloni che si erigono a storiche divinità ed unici possessori della verità enoica.

E non è certo il caso di Succi (a cui, per inciso, in un altro blog, mesi fa avevo promesso una mia visita alla sua azienda per assaggiare i suoi vini, visita che prima o poi farò sempre volentieri).

Solito P.S. : se trovi qualche mia frase scritta in cui lo taccio di nefandezze o gli manco di considerazione, riportamela. Io non l' trovata.
Grazie :wink:

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 19:49
da gabriele succi
zampaflex ha scritto:Bobbi e Massimo, lasciatemi stare per favore il Succi che è una degnissima persona. lo state tacciando di un pieno di nefandezze conto terzi e non merita minimamente tali accuse, o una simile mancanza di considerazione.
Grazie.

Grazie Luciano; mi preme puntualizzare una cosa, poi davvero non scrivo più e Zel nel suo commento più sopra ha pienamente centrato il punto.
Io frequento il forum da 11 anni (2 di letture) e gli altri 9 da iscritto. La cosa bella era ed è sempre stata la precisione, ognuno scriveva, ma c'era sempre un riscontro. L'approssimazione non esisteva, anche perchè venivi sgamato subito.
Purtroppo l'andazzo è quello che ha riscontrato ed evidenziato Zel Wine e infatti i forumisti più attivi, i più preparati gliela hanno data su ed hanno smesso di scrivere perchè si sono resi conto di cosa stava diventando questa piattaforma.
Io in tutti questi anni credo di aver dato un contributo sia come bevute ma soprattutto come produttore che IN PRIMA PERSONA svolge tutte le operazioni in vigna e in cantina.
Quindi se scrivo una cosa è perchè so come si svolge senza tanti giri di parole etc etc.
Le trollate non le accetto e manco rispondo. Quando certi "personaggi amorfi e disturbatori, saccenti su ogni cosa e in ogni dove, sempre off topic con battutine del cazzo", per citare Zel, avranno dato il contributo che ha lasciato il sottoscritto in questo forum, meriteranno considerazione. Per adesso dovrebbero limitarsi a leggere, cercare di capire e nel caso del mancato capimento chiedere, non fare battute idiote.
Con questo vi saluto. Sul serio.
Chi mi vuole contattare sa come trovarmi.

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 20:34
da bobbisolo
.

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 20:36
da bobbisolo
gabriele succi ha scritto:
zampaflex ha scritto:Bobbi e Massimo, lasciatemi stare per favore il Succi che è una degnissima persona. lo state tacciando di un pieno di nefandezze conto terzi e non merita minimamente tali accuse, o una simile mancanza di considerazione.
Grazie.

Grazie Luciano; mi preme puntualizzare una cosa, poi davvero non scrivo più e Zel nel suo commento più sopra ha pienamente centrato il punto.
Io frequento il forum da 11 anni (2 di letture) e gli altri 9 da iscritto. La cosa bella era ed è sempre stata la precisione, ognuno scriveva, ma c'era sempre un riscontro. L'approssimazione non esisteva, anche perchè venivi sgamato subito.
Purtroppo l'andazzo è quello che ha riscontrato ed evidenziato Zel Wine e infatti i forumisti più attivi, i più preparati gliela hanno data su ed hanno smesso di scrivere perchè si sono resi conto di cosa stava diventando questa piattaforma.
Io in tutti questi anni credo di aver dato un contributo sia come bevute ma soprattutto come produttore che IN PRIMA PERSONA svolge tutte le operazioni in vigna e in cantina.
Quindi se scrivo una cosa è perchè so come si svolge senza tanti giri di parole etc etc.
Le trollate non le accetto e manco rispondo. Quando certi "personaggi amorfi e disturbatori, saccenti su ogni cosa e in ogni dove, sempre off topic con battutine del cazzo", per citare Zel, avranno dato il contributo che ha lasciato il sottoscritto in questo forum, meriteranno considerazione. Per adesso dovrebbero limitarsi a leggere, cercare di capire e nel caso del mancato capimento chiedere, non fare battute idiote.
Con questo vi saluto. Sul serio.
Chi mi vuole contattare sa come trovarmi.


Boh, va bene... Io son qui da neanche 1 anno e ho 27 anni, sono molto inesperto...

Però ho tutto il diritto di 'farmi le ossa' anche scontrandomi, sbagliare e prendendo palate nei denti.
Offese e supposizioni sinceramente non speravo di prenderne.
Siete un gruppo chiuso e di conservatori(la maggior parte)... Infatti le vostre frasi partono o usano il 'una volta...' molto spesso.
un vino dichiarato solo acciaio a caratteri cubitali in etichetta e dal sapore di legno, per quanto sia soggettivo, mi lascia il dubbio che 'wow, un vino che fa solo acciaio può anche avere sapori del legno, quindi il vitigno è magico o forse esiste una tecnica apposita'... Non vorrei partire dalle basi sbagliate

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 21:44
da vinogodi
bobbisolo ha scritto:[
Boh, va bene... Io son qui da neanche 1 anno e ho 27 anni, sono molto inesperto...

...vai tranquillo : di imbecilli , presupponenti, esperti in gamba tesa dialettica, ecc ecc ce ne sono sempre stati e sempre ce ne saranno , anche se di qualcuno … qualcuno ha nostalgia... 8) ...guardiamo avanti , il contributo di ognuno , a questo punto del discorso, ribadisco che è importante . Quando sento operazioni nostalgia , mi viene la pelle d'oca e mi prude la tastiera, come se nel passato fossero stati tutti Aramis, Giama, Cheers oppure alexer3b ...suvvia … di certi tangheri per un certo periodo addirittura autoghettizzatisi come sottoinsieme del forum che se la cantavano e se la contavano , se ne sta facendo abbastanza a meno.
PS: Ribadisco : Gabriele , senza menarla, in tanti sono nuovi che non ti conoscono . Penso ti possano conoscere meglio discutendo e se con spirito di servizio metti a disposizione la tua indubbia bravura e conoscenza (per chi non lo conoscesse , Gabriele Succi è uno dei più bravi, in assoluto, produttori di Romagna , titolare dell'Azienda Agricola Costa Archi) . Però , scusatemi, ora basta ! Siamo tutti adulti e vaccinati, chi vuol stare e discutere , confrontarsi e passare qualche minuto giornaliero approfondendo ,ben venga , ma senza menarla troppo : personalmente, mi diverto , scherzo ma mi metto disponibile , come sempre, volentieri soprattutto ad imparare ma anche a confrontarmi , mettendo in conto anche qualche contrasto di vedute … poi ognuno per la propria strada con le proprie seghe mentali e le proprie aspirazioni letterarie... 8)

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 21:49
da hansen
gabriele succi ha scritto:allora si va sempre a finire come Burioni vs la mammina no vax.


Quindi tu saresti il Burioni?.. Se fosse così Che brutto paragone

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 21:53
da vinogodi
hansen ha scritto:
gabriele succi ha scritto:allora si va sempre a finire come Burioni vs la mammina no vax.


Quindi tu saresti il Burioni?.. Se fosse così Che brutto paragone
...ehi tu, vecchio forumista rincoglionito, cosa ci stai a fare ancora in questo forum di checche isteriche enoincompetenti? ... 8)

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 22:02
da gianni femminella
bobbisolo ha scritto:
gabriele succi ha scritto:
zampaflex ha scritto:.

.


Boh, va bene... Io son qui da neanche 1 anno e ho 27 anni, sono molto inesperto...

Però ho tutto il diritto di 'farmi le ossa' anche scontrandomi, sbagliare e prendendo palate nei denti.
Offese e supposizioni sinceramente non speravo di prenderne.
Siete un gruppo chiuso e di conservatori(la maggior parte)... Infatti le vostre frasi partono o usano il 'una volta...' molto spesso.



Bravo, mi permetto di dire che quando ci si guarda dall'esterno è un momento positivo. Con questo non dico che hai sbagliato, non voglio far il giudice di questo post, anche se una mia idea ce l'ho. Diciamo che il dubbio è un ingrediente sano, che collego a una tua osservazione sul "gruppo chiuso e di conservatori". In realtà l'apertura ai giovani c'è, ma la tua percezione credo abbia un fondamento, che si basa sul fatto che qui spesso si ostenta una sicurezza nella quale, personalmente, non mi riconosco, e che può far sentire alcuni "fuori dai giochi".
Ci sarebbe da riflettere a lungo su questo aspetto.
Il rischio in generale è di divenire una specie di dinosauri, o di Salon del 1863.

La mia provocazione l'ho fatta.

P.s. Gabriele stava cercando di tecnicizzare l'argomento, io l'avrei ascoltato con più attenzione.

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 22:10
da hansen
vinogodi ha scritto:
hansen ha scritto:
gabriele succi ha scritto:allora si va sempre a finire come Burioni vs la mammina no vax.


Quindi tu saresti il Burioni?.. Se fosse così Che brutto paragone
...ehi tu, vecchio forumista rincoglionito, cosa ci stai a fare ancora in questo forum di checche isteriche enoincompetenti? ... 8)


:lol: ogni tanto butto un occhio e il paragone del buon Succi mi ha fatto andar di traverso la mela..anche xchè il Burioni rifiuta i faccia a faccia non con le mammine ma con colleghi dottori che gli hanno gli chiesto più volte un incontro in pubblico dove non si è mai presentato mentre fa il paladino della scienza solo su fb o in interviste senza confronti

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 22:57
da ilvinaio
hansen ha scritto:
vinogodi ha scritto:
hansen ha scritto:
gabriele succi ha scritto:allora si va sempre a finire come Burioni vs la mammina no vax.


Quindi tu saresti il Burioni?.. Se fosse così Che brutto paragone
...ehi tu, vecchio forumista rincoglionito, cosa ci stai a fare ancora in questo forum di checche isteriche enoincompetenti? ... 8)


:lol: ogni tanto butto un occhio e il paragone del buon Succi mi ha fatto andar di traverso la mela..anche xchè il Burioni rifiuta i faccia a faccia non con le mammine ma con colleghi dottori che gli hanno gli chiesto più volte un incontro in pubblico dove non si è mai presentato mentre fa il paladino della scienza solo su fb o in interviste senza confronti


Mi sa che sei un attimino disinformato :wink: comunque siamo ot e mi scuso

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 08 nov 2018 23:41
da hansen
Sono molto informato invece...ma stiamo andando ot e già dai toni inizia a prendere una brutta piega e per forza non si scrive più su un forum dove ci sono sempre professori dottori o scienziati e che pensavo di custodire la verità assoluta..beati loro

Re: Enologia moderna: aiuto o stortura?

Inviato: 09 nov 2018 00:56
da Bordolese78
Io non l'ho ancora trovato...Ma sto vino, qualcuno è poi riuscito ad assaggiarlo?. Il tanto evidente legno (che non dovrebbe esserci) è davvero così evidente? Sapete....mi chiedo: perchè un'azienda che produce (e dichiara!!) un Sangiovese affinato in acciaio, dovrebbe poi usare qualsivoglia metodo (chimico, truciolare, stregonerie :D ) per "snaturarlo" spostando aromi e gusto su sentori che uno che legge appunto "affinato in acciaio" non si aspetterebbe?.

Mistero...e da qui, la domanda, mi è sorta spontanea.

Ciao.