Bere a bottiglia coperta

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10493
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda alexer3b » 24 lug 2018 20:06

Quando possibile si copre senza spirito competitivo ma per comprendere il vino.
Per esempio, settimana scorsa con amici, di fronte a uno Champagne ho detto: "Maggioranza Pinot Nero, sembra un Laval senza rusticità". Lo Champagne non era ovviamente quello, era però uno Starck 2009 di Roederer, 2/3 Pinot Nero proveniente da vigne di Cumières.
Può bastare per ritenersi soddisfatti di aver "capito" più di aver fatto nome e cognome. :wink:

Alex
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
BarbarEdo
Messaggi: 364
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda BarbarEdo » 25 lug 2018 09:59

puspo ha scritto:Personalmente adoro la degustazione a bottiglie coperte, e mi sono anche comprato delle eleganti calzine per non usare la stagnola (anche se alla fine sembrano dei preservativi neri :mrgreen:
Sicuramente toglie il "wow" al sorso di bottiglie spettacolari, ma mi aiuta a non farmi condizionare.
Mi rimane però sempre un dubbio: secondo voi assaggiare un vino "alla cieca", aiuta o rende più difficile l'associazione tra quello che si percepisce e il nome/tipologia di vino? Non so se mi sono spiegato, intendo dire che magari sapere in partenza cosa si sta assaggiando aiuta a focalizzare nella memoria quello che si percepisce.

Secondo me meno riferimenti hai, maggiore è la tua concentrazione sensoriale, e di conseguenza la memoria di ciò che hai sentito. Bere alla cieca è enormemente istruttivo, ma ancora di più se oltre a coprire la bottiglia si usano calici neri. È come assaggiare un piatto bendato, si fa molta più attenzione alle sfumature.
Primum bibere deinde philosophari
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12475
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda Kalosartipos » 25 lug 2018 10:08

BarbarEdo ha scritto:ma ancora di più se oltre a coprire la bottiglia si usano calici neri.

Per me, il colore fa parte dei piaceri del vino.. l'uso di calici neri lo lascio volentieri ai professionisti..
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
marcolanc
Messaggi: 623
Iscritto il: 19 nov 2007 17:40

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda marcolanc » 25 lug 2018 10:13

Kalosartipos ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:ma ancora di più se oltre a coprire la bottiglia si usano calici neri.

Per me, il colore fa parte dei piaceri del vino.. l'uso di calici neri lo lascio volentieri ai professionisti..

Assolutamente d’accordo. Che poi anche la maggior parte dei professionisti si guarda bene dall’usarli.
MARAUDER
Messaggi: 25
Iscritto il: 09 dic 2017 15:51

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda MARAUDER » 25 lug 2018 10:21

Lo stagnolato è divertente nel momento in cui si vuole indovinare il tipo di vino.. di vitigno.. L'anno o il produttore... Alcuni ci riescono... Ma personalmente preferisco affrontare la bottiglia scoperta senza troppa riverenza verso l'etichetta anche se mitologica... Giudico quello che c'è nel bicchiere... A volte già così si prendono delle trombate pazzesche... Con miti che non si evolvono nel bicchiere neanche pregando in aramaico ... A volte invece si fanno scoperte che possono emozionare davvero con una spesa anche accessibile... O quanto meno accessibili di tanto in tanto... Questo alimenta la mia curiosità per affrontare sempre nuove e anche sconosciute bevute... Miti o sconosciuti che siano....
vinogodi
Messaggi: 26796
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda vinogodi » 25 lug 2018 10:25

l'oste ha scritto:Coperta per qualche minuto poi nuda.
Come con una bella donna.
...idem ... a volte pochi secondi ... 8)
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
BarbarEdo
Messaggi: 364
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda BarbarEdo » 25 lug 2018 10:30

marcolanc ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:ma ancora di più se oltre a coprire la bottiglia si usano calici neri.

Per me, il colore fa parte dei piaceri del vino.. l'uso di calici neri lo lascio volentieri ai professionisti..

Assolutamente d’accordo. Che poi anche la maggior parte dei professionisti si guarda bene dall’usarli.

Infatti mi riferivo all'aspetto istruttivo, non al puro piacere di una bevuta. Ho fatto l'esempio del cibo assaggiato da bendato proprio per questo: è evidente che non mi sognerei di bendarmi al ristorante, primo perché passerei per matto, secondo perché mi proverei del piacere di un bell'impiattamento. Provate però a mangiare un piatto che non conoscete da bendati: vi accorgerete di quanta attenzione in più ci metterete nel riconoscere gli ingredienti.
Non so se i professionisti usino o meno i calici neri, evidentemente il colore di un vino, oltre che di piacere, è anche elemento di giudizio e valutazione. Ma, appunto, io non mi riferivo né al godimento né alla sola valutazione, quanto a un allenamento sensoriale.
Primum bibere deinde philosophari
lucastoner
Messaggi: 209
Iscritto il: 20 giu 2009 09:59

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda lucastoner » 25 lug 2018 10:59

Questo 3d è stato spunto di discussione ieri sera in una cena tra amici. Da lì è nata la voglia di provare sta cosa della bevuta alla cieca , con l'unico filo conduttore delle "Bolle Bianche".
Ognuno porta una bottiglia diversa e si tratterà solo di dare dei giudizi di gradimento , per il discorso che si faceva proprio qui, del non esser influenzati dall'etichetta..senza pippe dell'indovinare vitigni annate etcetc...

Senza star ad aprire un altro 3d : vorrei giocare sporco :twisted: ....mi date suggerimenti su qualche bolla bianca "insospettabile" che potrebbe lasciare spiazzati (lambruschi vinificati bianchi...o altro, ma che vi abbiano piacevolmente sorpreso...per capirci)?
marcolanc
Messaggi: 623
Iscritto il: 19 nov 2007 17:40

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda marcolanc » 25 lug 2018 11:02

BarbarEdo ha scritto:
marcolanc ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:ma ancora di più se oltre a coprire la bottiglia si usano calici neri.

Per me, il colore fa parte dei piaceri del vino.. l'uso di calici neri lo lascio volentieri ai professionisti..

Assolutamente d’accordo. Che poi anche la maggior parte dei professionisti si guarda bene dall’usarli.

Infatti mi riferivo all'aspetto istruttivo, non al puro piacere di una bevuta. Ho fatto l'esempio del cibo assaggiato da bendato proprio per questo: è evidente che non mi sognerei di bendarmi al ristorante, primo perché passerei per matto, secondo perché mi proverei del piacere di un bell'impiattamento. Provate però a mangiare un piatto che non conoscete da bendati: vi accorgerete di quanta attenzione in più ci metterete nel riconoscere gli ingredienti.
Non so se i professionisti usino o meno i calici neri, evidentemente il colore di un vino, oltre che di piacere, è anche elemento di giudizio e valutazione. Ma, appunto, io non mi riferivo né al godimento né alla sola valutazione, quanto a un allenamento sensoriale.

Come “esercizio” ci sta tutto: sicuramente, eliminando un senso, gli altri sono “costretti” a lavorare di più e meglio. Una tantum, può essere interessante: se faccio spesso strafalcioni nel tentativo di riconoscere un vino potendolo vedere, non oso immaginare cosa potrei dire non vedendolo neanche... :mrgreen:
MARAUDER
Messaggi: 25
Iscritto il: 09 dic 2017 15:51

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda MARAUDER » 25 lug 2018 11:03

lini metodo classico in vecchia annata... Li freghi tutti....
Avatar utente
george7179
Messaggi: 1756
Iscritto il: 05 feb 2011 21:32
Località: Reggio Emilia

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda george7179 » 25 lug 2018 11:37

lucastoner ha scritto:Senza star ad aprire un altro 3d : vorrei giocare sporco :twisted: ....mi date suggerimenti su qualche bolla bianca "insospettabile" che potrebbe lasciare spiazzati (lambruschi vinificati bianchi...o altro, ma che vi abbiano piacevolmente sorpreso...per capirci)?

La Scolca sia il millesimato che soprattuto il d'Antan, i franciacorta millesimati di Enrico Gatti (soprattutto dal 2005 indietro), il Valentino Zero di Rocche del Manzoni, la Riserva Nobile di D'Araprì e i millesimati di Monsupello. Confermo anche il Lini consigliato da Marauder.
#23# "The best there ever was, the best there ever will be" #23#
vinogodi
Messaggi: 26796
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda vinogodi » 25 lug 2018 12:25

george7179 ha scritto:
lucastoner ha scritto:Senza star ad aprire un altro 3d : vorrei giocare sporco :twisted: ....mi date suggerimenti su qualche bolla bianca "insospettabile" che potrebbe lasciare spiazzati (lambruschi vinificati bianchi...o altro, ma che vi abbiano piacevolmente sorpreso...per capirci)?

La Scolca sia il millesimato che soprattuto il d'Antan, i franciacorta millesimati di Enrico Gatti (soprattutto dal 2005 indietro), il Valentino Zero di Rocche del Manzoni, la Riserva Nobile di D'Araprì e i millesimati di Monsupello. Confermo anche il Lini consigliato da Marauder.
...aggiungo, con sorprese clamorose:
- Metodo Classico Lini millesimato Blanc de Noir (ieri sera una 2005 sboccatuta 2014 ha tenuto testa ad uno Champagne Dubois) e il metodo Classico di Francesco Bellei , oltre al Mattaglio Blanc de Noir millesimato di Cantine della Volta . Entrambi questi ultimi due bastonano il 63,48% dei Franciacorta pari fascia di prezzo
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
MARAUDER
Messaggi: 25
Iscritto il: 09 dic 2017 15:51

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda MARAUDER » 25 lug 2018 12:44

Confermo Marco... Bevute per nulla banali ieri sera anzi ... E diverse interessanti non nuove sorprese... Qualcuno al tavolo davanti ai meravigliosi colori dei metodo classico rossi ha anche scomodato la parola Borgogna... Wow.... :shock: :D
Avvinazzato1970
Messaggi: 79
Iscritto il: 01 feb 2018 22:50

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda Avvinazzato1970 » 25 lug 2018 19:08

lucastoner ha scritto:Questo 3d è stato spunto di discussione ieri sera in una cena tra amici. Da lì è nata la voglia di provare sta cosa della bevuta alla cieca , con l'unico filo conduttore delle "Bolle Bianche".
Ognuno porta una bottiglia diversa e si tratterà solo di dare dei giudizi di gradimento , per il discorso che si faceva proprio qui, del non esser influenzati dall'etichetta..senza pippe dell'indovinare vitigni annate etcetc...

Senza star ad aprire un altro 3d : vorrei giocare sporco :twisted: ....mi date suggerimenti su qualche bolla bianca "insospettabile" che potrebbe lasciare spiazzati (lambruschi vinificati bianchi...o altro, ma che vi abbiano piacevolmente sorpreso...per capirci)?


Potresti stupire ed inebetire tutti portando una bottiglia di Phineas di Arunda Vivaldi... Oltre a Lini e Cristian Bellei, ho trovato molta soddisfazione con Francesco Bellei (sia cuvée Francesco, sia cuvée Blanc de Noirs)
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12105
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda l'oste » 25 lug 2018 19:17

lucastoner ha scritto:
Senza star ad aprire un altro 3d : vorrei giocare sporco :twisted: ....mi date suggerimenti su qualche bolla bianca "insospettabile" che potrebbe lasciare spiazzati (lambruschi vinificati bianchi...o altro, ma che vi abbiano piacevolmente sorpreso...per capirci)?

Di italici se trovi una bottiglia di Sebastian Stocker lo stupore è probabile.
Di champagne secondo me il Brut d'Autrefois di Corbon puó fare arrossire nomi ben più famosi e costosi.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12475
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda Kalosartipos » 25 lug 2018 19:20

l'oste ha scritto:Di champagne secondo me il Brut d'Autrefois di Corbon puó fare arrossire nomi ben più famosi e costosi.

Anche se i prezzi sono aumentati non poco e costa una cifra già impegnativa..
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12105
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda l'oste » 25 lug 2018 19:23

Kalosartipos ha scritto:
l'oste ha scritto:Di champagne secondo me il Brut d'Autrefois di Corbon puó fare arrossire nomi ben più famosi e costosi.

Anche se i prezzi sono aumentati non poco e costa una cifra già impegnativa..

Ci vuole un verdone ma sempre meno di altri super top fighi e il risultato a volte....
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
george7179
Messaggi: 1756
Iscritto il: 05 feb 2011 21:32
Località: Reggio Emilia

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda george7179 » 25 lug 2018 20:07

l'oste ha scritto:Di italici se trovi una bottiglia di Sebastian Stocker lo stupore è probabile.

Verissimo mi ero dimenticato... ormai non ce ne saranno rimaste molte in circolazione ma davvero grande bolla dove si vede la mano di un grande maestro... extra brut in particolare.
#23# "The best there ever was, the best there ever will be" #23#
Avatar utente
picenum
Messaggi: 835
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda picenum » 26 lug 2018 19:41

a. bottiglia coperta, ma non per fare il gardini

b. terzavia di de bartoli
Timoteo
Messaggi: 1972
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda Timoteo » 26 lug 2018 19:47

picenum ha scritto:a. bottiglia coperta, ma non per fare il gardini

b. terzavia di de bartoli


Hai fatto rehab?
Avatar utente
picenum
Messaggi: 835
Iscritto il: 10 nov 2011 13:50
Località: Roma

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda picenum » 26 lug 2018 19:51

Timoteo ha scritto:
picenum ha scritto:a. bottiglia coperta, ma non per fare il gardini

b. terzavia di de bartoli


Hai fatto rehab?

non credo ... si beve? :shock: :mrgreen:
Timoteo
Messaggi: 1972
Iscritto il: 04 ott 2009 15:57

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda Timoteo » 26 lug 2018 20:32

picenum ha scritto:
Timoteo ha scritto:
picenum ha scritto:a. bottiglia coperta, ma non per fare il gardini

b. terzavia di de bartoli


Hai fatto rehab?

non credo ... si beve? :shock: :mrgreen:


Ah ah.
Comunque il 13.10, con titti , a chi piace la stagnola ci si può incartare sanosano
lucastoner
Messaggi: 209
Iscritto il: 20 giu 2009 09:59

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda lucastoner » 26 lug 2018 21:53

Ho recuperato due Brut (2013) di Stoker...mi avete incuriosito. Ho preso anche due weiss terlaner sempre di Stoker. Qualcuno ha già assaggiato?
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6195
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda il chiaro » 26 lug 2018 23:51

non so se sia già stato scritto, ma a me piace la cieca però sapendo la tipologia di vini che si assaggiano.
Per cui si organizzano serate "champagne" o Nebbiolo o chardonnay o vattelapesca. Da li si parte ad analizzare i vari vini nei bicchieri, si da un'opinione e un giudizio e alla fine di ogni batteria si destagnola e si scopre di non capirci un axxo
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1828
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: Bere a bottiglia coperta

Messaggioda gianni femminella » 27 lug 2018 17:31

Tiro le somme, l'argomento sembra essere giunto alla fine.

Parecchi di tanto in tanto, organizzano, o improvvisano, bevute a bottiglia coperta. Ad altri invece non interessa.

Qualcuno ha manifestato la volontà di bere bottiglie molto importanti a viso aperto per gustarle maggiormente. Anche questo è un piacere innegabile, un momento topico che ben si comprende.

Altro argomento condivisibile la scelta di una tipologia, sennò si rischia di generare confusione e anche troppa disparità tra una bottiglia e l'altra. Anche noi in genere scegliamo un tema; Brunello, Barolo, oppure per vitigno Pinot noir, Sangiovese etc.

Tra i tanti esempi, un caro amico, ben conosciuto da questa parti, quando organizza una bicchierata sceglie una sequenza sulla quale immagino rifletta a lungo, per poi godersi man mano le facce dei bevitori ( ciao Franco ). Devo dire che abbiamo fatto bevute memorabili in questo senso.

Con i miei compari abituali capita anche però di andare a scelta libera. Giusto per fare un esempio l'ultima volta abbiamo aperto un Vermentino di Monteverro ( uno voleva farcelo assaggiare, ma non l'abbiamo proprio gradito), Castel Juval riesling, Blazic sauvignon, Cantico della figura Felici, Polencic pinot bianco, Château Simone blanc, Les caillerets Marc Colin e Passerina del Frusinate de La Visciola che è andata abbastanza vicino :shock: ai valori dei due precedenti. Mi chiedo se a bottiglia visibile avremmo dato lo stesso giudizio. Forse sì, forse no, ma scoprirla è stata una sorpresa, e assicuro che al tavolo c'erano bevitori di buon livello.

A costo di ripetermi ribadisco che tirare a indovinare è del tutto marginale per me, il bello è dire se e quanto mi piace un vino senza sapere di cosa si tratta. Poi se, fra lazzi e frizzi uno indovina, o ci va vicino di interpretazione, come diceva Alex, tanto meglio, uno si toglie anche una soddisfazione. A me capita di rado a dire il vero.

Quello che non bevo mai alla cieca sono i miei amati Marsala e Porto vecchi di 50/60/70 anni e oltre. In quel caso il potere evocativo supera il piacere del palato. Riflettere sul tempo trascorso va oltre, va oltre.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Ziliovino e 17 ospiti