Pagina 4 di 4

Re: giro Alto Adige

Inviato: 26 ago 2018 21:18
da littlewood
BarbarEdo ha scritto:
zampaflex ha scritto:
Andyele ha scritto:
zampaflex ha scritto:
Andyele ha scritto:Nusserhof a me piace molto però in effetti parlare di biodinamico e vedere dove ha gran parte delle vigne è abbastanza un controsenso.

Dai datemi qualche dritta giusta che domani parto anche io per l'Alto Adige (zona Merano).


Visto che Franco ti ha nominato Arunda ti posso dire dove si riesce a trovare ancora del Phineas :wink:
Alla peggio ti consolerai con litrate di Birra Forst


Cosa è questo Phineas??


http://www.angelocarrillo.it/phineas-genio-e-maestria-in-uno-spumante-irripetibile/


Dal link citato:
"Un metodo classico di enorme spessore, cremoso per non dire anche pastoso...."
"...E così tanto per concludere e lasciarvi una immagine concreta: prendete un grande Riesling Renano, aggiungeteci uno Chablis di minimo 40 anni, ravvivate il tutto con la Co2 e avrete il Phineas."
:shock:

Io l' ho bevuto questo vino...e' si particolare ma anche pesante pachidermico di difficile beva x le note assidative che si porta appresso... Ecco! Anche no!

Re: giro Alto Adige

Inviato: 26 ago 2018 21:47
da BarbarEdo
littlewood ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
zampaflex ha scritto:
Andyele ha scritto:
zampaflex ha scritto:
Visto che Franco ti ha nominato Arunda ti posso dire dove si riesce a trovare ancora del Phineas :wink:
Alla peggio ti consolerai con litrate di Birra Forst


Cosa è questo Phineas??


http://www.angelocarrillo.it/phineas-genio-e-maestria-in-uno-spumante-irripetibile/


Dal link citato:
"Un metodo classico di enorme spessore, cremoso per non dire anche pastoso...."
"...E così tanto per concludere e lasciarvi una immagine concreta: prendete un grande Riesling Renano, aggiungeteci uno Chablis di minimo 40 anni, ravvivate il tutto con la Co2 e avrete il Phineas."
:shock:

Io l' ho bevuto questo vino...e' si particolare ma anche pesante pachidermico di difficile beva x le note assidative che si porta appresso... Ecco! Anche no!

Già... Persistenza di venti minuti... (Che è anche il tempo che impiega una bollicina a salire dal fondo del calice alla superficie).

Re: giro Alto Adige

Inviato: 26 ago 2018 22:26
da zampaflex
BarbarEdo ha scritto:
littlewood ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
zampaflex ha scritto:
Andyele ha scritto:
Cosa è questo Phineas??


http://www.angelocarrillo.it/phineas-genio-e-maestria-in-uno-spumante-irripetibile/


Dal link citato:
"Un metodo classico di enorme spessore, cremoso per non dire anche pastoso...."
"...E così tanto per concludere e lasciarvi una immagine concreta: prendete un grande Riesling Renano, aggiungeteci uno Chablis di minimo 40 anni, ravvivate il tutto con la Co2 e avrete il Phineas."
:shock:

Io l' ho bevuto questo vino...e' si particolare ma anche pesante pachidermico di difficile beva x le note assidative che si porta appresso... Ecco! Anche no!

Già... Persistenza di venti minuti... (Che è anche il tempo che impiega una bollicina a salire dal fondo del calice alla superficie).


:lol: :lol: :lol:
E vabbé, vedremo cosa troverò nella bottiglia quando la aprirò!
:wink:

Re: giro Alto Adige

Inviato: 11 set 2018 10:53
da zampaflex
zampaflex ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:
littlewood ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:


Dal link citato:
"Un metodo classico di enorme spessore, cremoso per non dire anche pastoso...."
"...E così tanto per concludere e lasciarvi una immagine concreta: prendete un grande Riesling Renano, aggiungeteci uno Chablis di minimo 40 anni, ravvivate il tutto con la Co2 e avrete il Phineas."
:shock:

Io l' ho bevuto questo vino...e' si particolare ma anche pesante pachidermico di difficile beva x le note ossidative che si porta appresso... Ecco! Anche no!

Già... Persistenza di venti minuti... (Che è anche il tempo che impiega una bollicina a salire dal fondo del calice alla superficie).


:lol: :lol: :lol:
E vabbé, vedremo cosa troverò nella bottiglia quando la aprirò!
:wink:


Arunda - Brut Phineas s.a. (sboccatura 2011)

Aperto ieri sera. Non è per niente così bolso e denso come paventavate :wink:
Non è comunque di certo un peso leggero, l'alcool (13,5%) si sente, ma è contrastato efficacemente da una grande sapidità. Acidità buona ma non a livello francese, d'altronde non è quello che ci si aspetta da uno spumante italiano.
Colore oro molto carico, profumi ossidativi e di frutta matura, da chardonnay (banana e cedro). Pieno, voluminoso, agitato da un perlage piuttosto ruvido. Non è agilissimo ma non stanca. La sapidità dà volume alla chiusura, bella lunga.
Con le sardine affumicate del Baltico ci stava a meraviglia.

Molto particolare ma sono contento di averlo provato, ed ha una sua collocazione gastronomica.