Giretto in Toscana

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
alì65
Messaggi: 10913
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda alì65 » 04 lug 2018 18:02

"Nuovo packaging, apertura al pubblico e al consumo al calice, tempi più lunghi di invecchiamento prima di uscire sul mercato, presenza social mirata e attenta. Ecco quali sono le strategie future per Biondi Santi"

Le cose sembra stiano cambiando
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Ziliovino
Messaggi: 3029
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Ziliovino » 04 lug 2018 18:08

littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 04 lug 2018 18:46

Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 04 lug 2018 18:47

Di conseguenza credo che anche la qualita' dei vini possa averne beneficio
BarbarEdo
Messaggi: 454
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda BarbarEdo » 04 lug 2018 22:08

littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!

Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?
Primum bibere deinde philosophari
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 04 lug 2018 22:20

BarbarEdo ha scritto:
littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!

Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?

Pian dell' orino usa quel sistema anche se nn li ha come consulenti. Intendo nn impianti piu' fitti ma il rispetto del doppio canale della linfa con il doppio sperone nel guyot posizionando i tagli sopra all' inserzione dei tralci evitando i coni di disseccamento. Sembra una banalita' ma l' uso dei "tagli di. ritorno,, e' purtroppo una pratica ancora moolto diffusa
BarbarEdo
Messaggi: 454
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda BarbarEdo » 05 lug 2018 08:48

littlewood ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?

Pian dell' orino usa quel sistema anche se nn li ha come consulenti. Intendo nn impianti piu' fitti ma il rispetto del doppio canale della linfa con il doppio sperone nel guyot posizionando i tagli sopra all' inserzione dei tralci evitando i coni di disseccamento.

Sì, certo. Intendevo dire che le aziende che hanno scelto di piantare le viti a 80/70/60... Qualcuno (a La Morra) anche a 50 :roll: cm di distanza, non hanno spazio per far ramificare lateralmente i due canali linfatici come prevederebbe il metodo S&S, quindi la testa di salice è un po' una soluzione obbligata.
littlewood ha scritto: Sembra una banalita' ma l' uso dei "tagli di. ritorno,, e' purtroppo una pratica ancora moolto diffusa

Un'azienda molto nota ( di prima fascia) di Langa ha messo sul suo sito alcuni video di potatura in cui vengono fatti tagli di ritorno col seghetto su legno a occhio di 7-8 anni... vigne vecchie, tra l'altro, che con quel che costa fare un reimpianto, io un pensiero alla salute della vite ce lo farei.
Primum bibere deinde philosophari
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 05 lug 2018 09:15

BarbarEdo ha scritto:
littlewood ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?

Pian dell' orino usa quel sistema anche se nn li ha come consulenti. Intendo nn impianti piu' fitti ma il rispetto del doppio canale della linfa con il doppio sperone nel guyot posizionando i tagli sopra all' inserzione dei tralci evitando i coni di disseccamento.

Sì, certo. Intendevo dire che le aziende che hanno scelto di piantare le viti a 80/70/60... Qualcuno (a La Morra) anche a 50 :roll: cm di distanza, non hanno spazio per far ramificare lateralmente i due canali linfatici come prevederebbe il metodo S&S, quindi la testa di salice è un po' una soluzione obbligata.
littlewood ha scritto: Sembra una banalita' ma l' uso dei "tagli di. ritorno,, e' purtroppo una pratica ancora moolto diffusa

Un'azienda molto nota ( di prima fascia) di Langa ha messo sul suo sito alcuni video di potatura in cui vengono fatti tagli di ritorno col seghetto su legno a occhio di 7-8 anni... vigne vecchie, tra l'altro, che con quel che costa fare un reimpianto, io un pensiero alla salute della vite ce lo farei.

Essere noti nn vuol dire essere bravi in vigna! Uno che fa' quelle cose e' un' asino x me!
spatangide
Messaggi: 34
Iscritto il: 05 ott 2017 23:10

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda spatangide » 07 lug 2018 12:30

Dibendf ha scritto:Dopo pranzo, avendo voglia di trovare qualcosa di nuovo, mi imbatto casualmente nella più piccola cantina del Chianti classico. Suoniamo e ci riceve un anziano signore di 81 anni.. la cantina è molto vicina a Montevertine... i vini mi sono sembrati ben fatti, grande sorpresa... prezzi commoventi... mi sono preso un assaggio di tutte le annate dal 2007 alla 2014... qualcuno di voi conosce la cantina Della Villa?


Qualche indicazione in più per trovarla?

Mi hai fatto venire voglia di andarci.
Dibendf
Messaggi: 37
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 07 lug 2018 15:48

spatangide ha scritto:
Dibendf ha scritto:Dopo pranzo, avendo voglia di trovare qualcosa di nuovo, mi imbatto casualmente nella più piccola cantina del Chianti classico. Suoniamo e ci riceve un anziano signore di 81 anni.. la cantina è molto vicina a Montevertine... i vini mi sono sembrati ben fatti, grande sorpresa... prezzi commoventi... mi sono preso un assaggio di tutte le annate dal 2007 alla 2014... qualcuno di voi conosce la cantina Della Villa?


Qualche indicazione in più per trovarla?

Mi hai fatto venire voglia di andarci.


Non è difficile trovarla... da Radda paese vai in direzione di Montevertine. Prima di arrivare a Montevertine trovi località Campaccio. Logicamente è una casa ... il nome è Della Villa..
Se vai fammi sapere... a me non sono sembrati male ... prezzi intorno ai 7 euro
pudepu
Messaggi: 1167
Iscritto il: 06 giu 2007 18:09

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda pudepu » 09 lug 2018 17:08

littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!


mah , la gestione delle vigne non sara' stata esemplare :roll:
Le riserve 99 01 04 06 08 10 sono dei vini immensi. Saranno venuti buoni per caso, sicuramente con Simonit e Sirch arrivera' la qualita'
patetico valutatore di etichette
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 09 lug 2018 17:49

pudepu ha scritto:
littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!


mah , la gestione delle vigne non sara' stata esemplare :roll:
Le riserve 99 01 04 06 08 10 sono dei vini immensi. Saranno venuti buoni per caso, sicuramente con Simonit e Sirch arrivera' la qualita'

Nn ho detto questo riccardo altrimenti avrei bestemmiato! Dico solo che per quel che ho potuto vedere in vigna potevano far meglio il che la dice lunga sul valore di quelle vigne....
Dibendf
Messaggi: 37
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 16 lug 2018 20:16

A proposito di giretti... ho fatto una veloce capatina in Irpinia sabato pomeriggio. Tutto molto improvvisato.. qualche telefonata veloce ma in zona Fiano (Summonte, Montefredane) tutti chiusi. Giustamente hanno preferito il mare... di conseguenza mi butto in zona Taurasi ed arrivo a Castelfranci subito dopo pranzo obiettivo Perillo.
Vista l'ora mi fermo nell'osteria vicino la cantina Perillo per mangiare un boccone.. tutto molto trascurabile ad eccezione del prezzo sicuramente competitivo.
Arrivo davanti l'nsegna Perillo e faccio la salitella che mi porta dopo pochi metri a casa Perillo. Mi riceve la mamma è subito dopo il figlio... Michele non c'è... pazienza... la mia esperienza con i loro vini è abbastanza limitata, qualche annata di Taurasi e Taurasi riserva ma sempre grandi bevute...
Visita abbastanza veloce.. assaggiato il taurasi riserva 2012 da botte sinceramente ingiudicabile... voglia di aprire bottiglie per fare assaggiare qualcosa non l'ho vista... vini disponibili alla vendita pochi... gli unici vini disponibili erano Taurasi riserva 2007 e la Coda di Volpe 2014. La 2008 non ancora vendibile e comunque non etichettata.. prezzi a mio avviso molto competitivi rispetto agli ultimi prezzi visti nelle enoteche di Roma...
Porto via qualche boccia ma comunque mi aspettavo qualcosa di più nella visita. Proviamo a chiamare Colle di Castelfranci ma anche lì tutti via....
Allora qualche centinaio di metri e arrivo da Boccella. Anche qui nessun assaggio... ma non si usa in Campania far assaggiare i vini? Lui sicuramente gentile e mi ha mostrato un po' tutti i locali della cantina. Rispetto a Perillo erano disponibili quasi tutte le annate di Taurasi (06-07-08-09-10) il loro Rasot ed il Fiano Casefatte.. anche qui porto via qualche boccia, prezzi sicuramente competitivi...
In linea generale vado via senza entusiasmi... forse meglio tornare con più calma durante la settimana e testare la zona culla del Fiano
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8428
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda arnaldo » 16 lug 2018 20:47

E magari se chiami qualche giorno prima..forse e' meglio....siamo a luglio..se speri che tutti siano li ad aspettarti ..soprattutto in aziende a livello famigliare...la vedo dura..,. 8) :wink:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Dibendf
Messaggi: 37
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 16 lug 2018 21:50

arnaldo ha scritto:E magari se chiami qualche giorno prima..forse e' meglio....siamo a luglio..se speri che tutti siano li ad aspettarti ..soprattutto in aziende a livello famigliare...la vedo dura..,. 8) :wink:

SincerAmente chiamare molto prima non sempre funziona... le mie visite migliori sempre improvvisate... dici che se chiamavo una settimana prima mi facevano trovare una bella verticale da stappare?
maxer
Messaggi: 1760
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda maxer » 16 lug 2018 23:39

Dibendf ha scritto:
arnaldo ha scritto:E magari se chiami qualche giorno prima..forse e' meglio....siamo a luglio..se speri che tutti siano li ad aspettarti ..soprattutto in aziende a livello famigliare...la vedo dura..,. 8) :wink:

Sinceramente chiamare molto prima non sempre funziona... le mie visite migliori sempre improvvisate... dici che se chiamavo una settimana prima mi facevano trovare una bella verticale da stappare?

Se in una giornata di luglio, a casa tua, 32,5 gradi sll' ombra, magari hai le palle girate o stai dormendo della grossa o non hai voglia di fate un c..zo o non vuoi vedere nessuno o stai avendo una accesa discussione con moglie (o figlio-a, amante, parente stretto-a) e improvvisamente ti suonano il campanello e si palesa dal nulla, non dico uno sconosciuto, ma un amico, che ti chiede di fargli bere alcuni vini della tua cantina, tu, che fai ?
1) lo mandi affanculo di getto e, se è un vero amico, capisce lui di aver fatto una caz..ta nei tuoi confronti a presentarsi all' improvviso
2) se non vuoi rompere l' amicizia con un amico permaloso, ti scusi ma lo saluti e mentre se ne va gli dici che la prossima volta ti telefoni per organizzare una bella bevuta assieme
3) se sei un buono, ma proprio buono e sai restare molto calmo, gli fai visitare la tua cantina (che magari almeno è sicuramente più fresca, sotto i 32,5 gradi), ma non di più e non vedi l' ora che se ne vada : ci sarà sempre una prossima occssione migliore

P.S. : Io ho SEMPRE telefonato prima, per fissare la visita. Mai nessuna sorpresa negativa, tutto è filato liscio, degustazioni comprese, se non con due-tre produttori che in ogni caso si sarebbero dimostrati inospitali per predisposizione genetica
carpe diem 8)
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10507
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda alexer3b » 17 lug 2018 00:15

Dibendf ha scritto:A proposito di giretti... ho fatto una veloce capatina in Irpinia sabato pomeriggio. Tutto molto improvvisato.. qualche telefonata veloce ma in zona Fiano (Summonte, Montefredane) tutti chiusi. Giustamente hanno preferito il mare... di conseguenza mi butto in zona Taurasi ed arrivo a Castelfranci subito dopo pranzo obiettivo Perillo.
Vista l'ora mi fermo nell'osteria vicino la cantina Perillo per mangiare un boccone.. tutto molto trascurabile ad eccezione del prezzo sicuramente competitivo.
Arrivo davanti l'nsegna Perillo e faccio la salitella che mi porta dopo pochi metri a casa Perillo. Mi riceve la mamma è subito dopo il figlio... Michele non c'è... pazienza... la mia esperienza con i loro vini è abbastanza limitata, qualche annata di Taurasi e Taurasi riserva ma sempre grandi bevute...
Visita abbastanza veloce.. assaggiato il taurasi riserva 2012 da botte sinceramente ingiudicabile... voglia di aprire bottiglie per fare assaggiare qualcosa non l'ho vista... vini disponibili alla vendita pochi... gli unici vini disponibili erano Taurasi riserva 2007 e la Coda di Volpe 2014. La 2008 non ancora vendibile e comunque non etichettata.. prezzi a mio avviso molto competitivi rispetto agli ultimi prezzi visti nelle enoteche di Roma...
Porto via qualche boccia ma comunque mi aspettavo qualcosa di più nella visita. Proviamo a chiamare Colle di Castelfranci ma anche lì tutti via....
Allora qualche centinaio di metri e arrivo da Boccella. Anche qui nessun assaggio... ma non si usa in Campania far assaggiare i vini? Lui sicuramente gentile e mi ha mostrato un po' tutti i locali della cantina. Rispetto a Perillo erano disponibili quasi tutte le annate di Taurasi (06-07-08-09-10) il loro Rasot ed il Fiano Casefatte.. anche qui porto via qualche boccia, prezzi sicuramente competitivi...
In linea generale vado via senza entusiasmi... forse meglio tornare con più calma durante la settimana e testare la zona culla del Fiano

Diciamo che l'Irpinia in generale non è il posto più ospitale, dimentica la Toscana.
Lo dimostra anche il fatto che solo adesso alcune aziende si stanno muovendo per creare un minimo di ospitalità (per esempio Cantina del Barone e i Favati a Cesinali) e gli episodi da Perillo e Boccella, gente contadina vera, ti descrivono il ritratto di un territorio che dal punto di vista della "malizia" e del saper coinvolgere l'appassionato ha ancora troppo da imparare.
Certo è che ti consiglio anche io di chiamare preventivamente, diciamo che almeno li predispone in maniera diversa nei tuoi confronti. L'ho provato sulla mia pelle in anni di frequentazioni. :wink:

Alex

PS: se vai in cerca di Fiano un salto a Lapio devi farlo. Come venire a Roma la prima volta e non vedere il Colosseo. :mrgreen:
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 17 lug 2018 14:21

Dibendf ha scritto:A proposito di giretti... ho fatto una veloce capatina in Irpinia sabato pomeriggio. Tutto molto improvvisato.. qualche telefonata veloce ma in zona Fiano (Summonte, Montefredane) tutti chiusi. Giustamente hanno preferito il mare... di conseguenza mi butto in zona Taurasi ed arrivo a Castelfranci subito dopo pranzo obiettivo Perillo.
Vista l'ora mi fermo nell'osteria vicino la cantina Perillo per mangiare un boccone.. tutto molto trascurabile ad eccezione del prezzo sicuramente competitivo.
Arrivo davanti l'nsegna Perillo e faccio la salitella che mi porta dopo pochi metri a casa Perillo. Mi riceve la mamma è subito dopo il figlio... Michele non c'è... pazienza... la mia esperienza con i loro vini è abbastanza limitata, qualche annata di Taurasi e Taurasi riserva ma sempre grandi bevute...
Visita abbastanza veloce.. assaggiato il taurasi riserva 2012 da botte sinceramente ingiudicabile... voglia di aprire bottiglie per fare assaggiare qualcosa non l'ho vista... vini disponibili alla vendita pochi... gli unici vini disponibili erano Taurasi riserva 2007 e la Coda di Volpe 2014. La 2008 non ancora vendibile e comunque non etichettata.. prezzi a mio avviso molto competitivi rispetto agli ultimi prezzi visti nelle enoteche di Roma...
Porto via qualche boccia ma comunque mi aspettavo qualcosa di più nella visita. Proviamo a chiamare Colle di Castelfranci ma anche lì tutti via....
Allora qualche centinaio di metri e arrivo da Boccella. Anche qui nessun assaggio... ma non si usa in Campania far assaggiare i vini? Lui sicuramente gentile e mi ha mostrato un po' tutti i locali della cantina. Rispetto a Perillo erano disponibili quasi tutte le annate di Taurasi (06-07-08-09-10) il loro Rasot ed il Fiano Casefatte.. anche qui porto via qualche boccia, prezzi sicuramente competitivi...
In linea generale vado via senza entusiasmi... forse meglio tornare con più calma durante la settimana e testare la zona culla del Fiano

Scusami ma per es da Perillo credo ti abbia accolto Felice che da come lo conosco e' una delle persone piu' gentili e disponibili ci siano ! Ora dove sta' scritto che uno ti deve accogliere SEMPRE senza preavviso ( in questo periodo poi che in vigna....) e ti deve pure aprire un' ampia verticale di annate storiche???? Es da noi la visita nn si paga ma se arrivi senza preavviso e' sto' trattando NN ti ricevo. Se sto' imbottigliando NN ti ricevo. In degustazione ci sono le annate correnti e le verticali in genere si fanno eccezionalmente x i professionali su richiesta preventiva fatta giorni prima e a pagamento. A meno che uno per motivi commerciali nn abbia piu' annate in vendita.Poi ke eccezioni succedono come l' anno scorso da thierry allemand che senza neanche chiedere ci ha aperto una verticale di Reynard da paura!! Ma era gennaio pioveva e avevamo un appuntamento fissato 15 gg prima! Siamo vignaioli nn enotecari!!!
maxer
Messaggi: 1760
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda maxer » 17 lug 2018 14:52

littlewood ha scritto:Siamo vignaioli non enotecari !!!

Ma molti non lo capiscono (e mi sa che non arriveranno mai a capirlo, purtroppo ..... :? )
carpe diem 8)
Dibendf
Messaggi: 37
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 17 lug 2018 15:17

maxer ha scritto:
littlewood ha scritto:Siamo vignaioli non enotecari !!!

Ma molti non lo capiscono (e mi sa che non arriveranno mai a capirlo, purtroppo ..... :? )


Scusate ma mi sembra che voi state fraintendendo quello che ho scritto.
Innanzitutto ho sottolineato la gentilezza nell'ospitalità delle visite e della cortesai della persone. Sul fatto di non aver aperto bottiglie posso anche capire che non siamo in Toscana e in Piemonte e che non ci siano visite costanti tutti i giorni Perciò posso capire anche una certa reticenza nell'aprire bottiglie.
Il fatto di non avere offerto una vertical era solamente una battuta.
Dico solo che mi sarebbe piaciuto poter assaggiare qualcosa. Tutto qui e proprio perchè amo quei vini....
Dibendf
Messaggi: 37
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 11 ago 2018 19:51

littlewood ha scritto:
Messner ha scritto:
littlewood ha scritto:
Messner ha scritto:
littlewood ha scritto:Nn ho detto che tutto il resto e' meglio. Tiezzi costa 20 € e vale quei soldi. Scusa ma vuoi forse confrontarlo con baricci?? I vini di francesco sono di un' altra categoria!! Bevuto un vigna soccorso ris 06 poco piu' che decoroso. I vini si giudicano credo anche sul medio periodo


Ne avevo già parlato qualche tempo fa in occasione di Benvenuto Brunello 2018. L'annata 2013 del Vigna Soccorso è molto interessante ed è un vino molto buono, uno dei più buoni che abbia assaggiato negli ultimi anni di Tiezzi. Siamo molto lontani dall'eccellenza sicuramente, nulla a che vedere con Salvioni e Biondi Santi. Il vino è rustico quanto basta, una rusticità molto elegante, perchè se Tiezzi è rustico Il Paradiso di Manfredi cos'è? Aceto di vino? Comunque sia ho sempre sostenuto che la soggettività sia molto importante nella valutazione di un etichetta di livello non eccelso, dato che il proprio gusto influisce molto soprattutto quando non si hanno dei mostri sacri davanti (in questo caso è difficile dire che il vino non sia molto buono, al massimo si può dire che non è il proprio vino preferito per la tipologia in esame). Il rapporto qualità prezzo sul prodotto di Tiezzi è straordinario, e non vale affatto 25 euro quell'etichetta, così come alcuni brunelli venduti a 60 euro ne valgono metà a volte.
Considerazione in aggiunta: Baricci fa un grande brunello, veramente molto buono, uno dei pochi brunelli versante Nord bassa quota che apprezzo in tutte le annate, anche in quelle calde dove è svantaggiato. Ma paragonare Baricci a Tiezzi è come paragonare un Barolo Monvigliero ad un Barolo Bussia: non lo si può fare! Sono due vini diversi, base sangiovese grosso ma completamente diversi. Non piace Tiezzi? nessun problema, ci sta, ma dire che valga 25 euro il Vigna Soccorso e hce sia un prodotto mediocre ci vuole del coraggio. Ma comunque accetto la posizione drastica, il mondo è bello perchè vario ed è giusto confrontarsi e discutere

Ma se tu avessi s disposizione una giornata andresti da tiezzi se dovessi scegliere??se vuoi spendere poco ok allora fine della discussione. Ma se devo imparare qualcosa o provare cos' e' un gran brunello no! Guarda qualche anno fa ti avrei risposto pure io tiezzi perche' lui e' veramente una bella persona, ma dopo aver vissuto e lavorato li e aver cobosciuto piu' in profondita' quel territorio beh no! Andrei da altri senza se e ma!


Beh su questo sono d'accordo con te: se voglio provare un grande brunello non passo da Tiezzi, ma ahimè per provare un grande Brunello bisogna girare attorno quei 5-6 soliti noti che oramai hanno dei prezzi considerevolmente alti che per molti bevitori sono uno scoglio troppo alto da superare. Comunque sia hai ragione, gran brunello non si parla di Tiezzi, ma in quella fascia di prezzo lì e anche spendendo il doppio rimane comunque un gran bel prodotto, lungi dalla essere un riferimento della denominazione ma comunque gran bel prodotto. Il 13 è molto buono, sicuramente l'avrai bevuto e difficile dire che non lo sia dai.. Poi se mi dici che ci sono Gianni Brunelli, Le Chiuse, Fuligni, Marroneto, Biondi Santi, Lisini, Baricci, Ragnaie, and so on allora va bene, sicuramente gran bel bere e superiori, ma a parte i soliti noti non sono superiore per distacco cosi come si pensa, e poi prevale sempre la componente soggettiva in questo caso. Se ti piace il profilo nordico del brunello non può non piacerti il Vigna Soccorso, come le Ragnaie VV (non li sto paragonando, molto meglio le Ragnaie, ma è un esempio)

Ti diro' i mie preferiti oltre a oian dell' orino( ma i vini di jan nn fanno testo x me x ovvi conflitti di interesse....)sono valdicava le chiuse( ha un prezzo ridicolo x quello che e'!) baricci salicutti stella salvioni mastrojanni pietroso fornace le origini no gli altri fuligni lisini e sesti( phenomena). Ecco con salvioni orino soldera e valdicava in prima fascia e il resto un po' sotto



Forse riesco a farmi un altra giornata a Montalcino la prossima settimana
Sicuramente volevo passare da Fattoi. Conosco già i loro vini ma mi farebbe piacere fare una visita
Qualche parola in più su Fattoria del Pino? Stile vini etc.
Valdicava sinceramente l'ho sempre un po' snobbato. Volendo fare visita? Sono a pagamento se non sbaglio. Conveniente acquistare in azienda?
Altre idee...

Grazie
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 12 ago 2018 19:16

Dibendf ha scritto:
littlewood ha scritto:
Messner ha scritto:
littlewood ha scritto:
Messner ha scritto:
Ne avevo già parlato qualche tempo fa in occasione di Benvenuto Brunello 2018. L'annata 2013 del Vigna Soccorso è molto interessante ed è un vino molto buono, uno dei più buoni che abbia assaggiato negli ultimi anni di Tiezzi. Siamo molto lontani dall'eccellenza sicuramente, nulla a che vedere con Salvioni e Biondi Santi. Il vino è rustico quanto basta, una rusticità molto elegante, perchè se Tiezzi è rustico Il Paradiso di Manfredi cos'è? Aceto di vino? Comunque sia ho sempre sostenuto che la soggettività sia molto importante nella valutazione di un etichetta di livello non eccelso, dato che il proprio gusto influisce molto soprattutto quando non si hanno dei mostri sacri davanti (in questo caso è difficile dire che il vino non sia molto buono, al massimo si può dire che non è il proprio vino preferito per la tipologia in esame). Il rapporto qualità prezzo sul prodotto di Tiezzi è straordinario, e non vale affatto 25 euro quell'etichetta, così come alcuni brunelli venduti a 60 euro ne valgono metà a volte.
Considerazione in aggiunta: Baricci fa un grande brunello, veramente molto buono, uno dei pochi brunelli versante Nord bassa quota che apprezzo in tutte le annate, anche in quelle calde dove è svantaggiato. Ma paragonare Baricci a Tiezzi è come paragonare un Barolo Monvigliero ad un Barolo Bussia: non lo si può fare! Sono due vini diversi, base sangiovese grosso ma completamente diversi. Non piace Tiezzi? nessun problema, ci sta, ma dire che valga 25 euro il Vigna Soccorso e hce sia un prodotto mediocre ci vuole del coraggio. Ma comunque accetto la posizione drastica, il mondo è bello perchè vario ed è giusto confrontarsi e discutere

Ma se tu avessi s disposizione una giornata andresti da tiezzi se dovessi scegliere??se vuoi spendere poco ok allora fine della discussione. Ma se devo imparare qualcosa o provare cos' e' un gran brunello no! Guarda qualche anno fa ti avrei risposto pure io tiezzi perche' lui e' veramente una bella persona, ma dopo aver vissuto e lavorato li e aver cobosciuto piu' in profondita' quel territorio beh no! Andrei da altri senza se e ma!


Beh su questo sono d'accordo con te: se voglio provare un grande brunello non passo da Tiezzi, ma ahimè per provare un grande Brunello bisogna girare attorno quei 5-6 soliti noti che oramai hanno dei prezzi considerevolmente alti che per molti bevitori sono uno scoglio troppo alto da superare. Comunque sia hai ragione, gran brunello non si parla di Tiezzi, ma in quella fascia di prezzo lì e anche spendendo il doppio rimane comunque un gran bel prodotto, lungi dalla essere un riferimento della denominazione ma comunque gran bel prodotto. Il 13 è molto buono, sicuramente l'avrai bevuto e difficile dire che non lo sia dai.. Poi se mi dici che ci sono Gianni Brunelli, Le Chiuse, Fuligni, Marroneto, Biondi Santi, Lisini, Baricci, Ragnaie, and so on allora va bene, sicuramente gran bel bere e superiori, ma a parte i soliti noti non sono superiore per distacco cosi come si pensa, e poi prevale sempre la componente soggettiva in questo caso. Se ti piace il profilo nordico del brunello non può non piacerti il Vigna Soccorso, come le Ragnaie VV (non li sto paragonando, molto meglio le Ragnaie, ma è un esempio)

Ti diro' i mie preferiti oltre a oian dell' orino( ma i vini di jan nn fanno testo x me x ovvi conflitti di interesse....)sono valdicava le chiuse( ha un prezzo ridicolo x quello che e'!) baricci salicutti stella salvioni mastrojanni pietroso fornace le origini no gli altri fuligni lisini e sesti( phenomena). Ecco con salvioni orino soldera e valdicava in prima fascia e il resto un po' sotto



Forse riesco a farmi un altra giornata a Montalcino la prossima settimana
Sicuramente volevo passare da Fattoi. Conosco già i loro vini ma mi farebbe piacere fare una visita
Qualche parola in più su Fattoria del Pino? Stile vini etc.
Valdicava sinceramente l'ho sempre un po' snobbato. Volendo fare visita? Sono a pagamento se non sbaglio. Conveniente acquistare in azienda?
Altre idee...

Grazie

Allora sino al 09 il papa' di jessica vendeva le uve . Dal 010 l' azienda l' ha presa in mano lei e vista la passione che si ritrova sta' facendo ottime cose! Le vigne ce le ha nel posto giusto cioe' zona montosoli. Azienda piccola e molto curata con prezzi umani. Se ti servono i cpntatti fammi un fischio. Capitolo Valdicava. Vincenzo di solito nn fa visite , ma se ti riceve ne' vale assolutamente la pena! Vini profondi potenti sangiovese purosangue sino al midollo! E il madonna del piano e' x me ( e nn solo...) nettamemte nella top five. Se poi vuoi fare una bellissima visita vai a pian dell' orino. Oltre a essere nell' olimpo del brunello jan ti fara' fare un viaggio nel mondo della biodinamica con la rigorpaita' pero' di un ricercatore! E costo della visita 0! Ma devi mettere in conto almeno 1 ora e mezza! E aperare che sia a casa.....
Dibendf
Messaggi: 37
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 12 ago 2018 19:58

littlewood ha scritto:
Dibendf ha scritto:
littlewood ha scritto:
Messner ha scritto:
littlewood ha scritto:Ma se tu avessi s disposizione una giornata andresti da tiezzi se dovessi scegliere??se vuoi spendere poco ok allora fine della discussione. Ma se devo imparare qualcosa o provare cos' e' un gran brunello no! Guarda qualche anno fa ti avrei risposto pure io tiezzi perche' lui e' veramente una bella persona, ma dopo aver vissuto e lavorato li e aver cobosciuto piu' in profondita' quel territorio beh no! Andrei da altri senza se e ma!


Beh su questo sono d'accordo con te: se voglio provare un grande brunello non passo da Tiezzi, ma ahimè per provare un grande Brunello bisogna girare attorno quei 5-6 soliti noti che oramai hanno dei prezzi considerevolmente alti che per molti bevitori sono uno scoglio troppo alto da superare. Comunque sia hai ragione, gran brunello non si parla di Tiezzi, ma in quella fascia di prezzo lì e anche spendendo il doppio rimane comunque un gran bel prodotto, lungi dalla essere un riferimento della denominazione ma comunque gran bel prodotto. Il 13 è molto buono, sicuramente l'avrai bevuto e difficile dire che non lo sia dai.. Poi se mi dici che ci sono Gianni Brunelli, Le Chiuse, Fuligni, Marroneto, Biondi Santi, Lisini, Baricci, Ragnaie, and so on allora va bene, sicuramente gran bel bere e superiori, ma a parte i soliti noti non sono superiore per distacco cosi come si pensa, e poi prevale sempre la componente soggettiva in questo caso. Se ti piace il profilo nordico del brunello non può non piacerti il Vigna Soccorso, come le Ragnaie VV (non li sto paragonando, molto meglio le Ragnaie, ma è un esempio)

Ti diro' i mie preferiti oltre a oian dell' orino( ma i vini di jan nn fanno testo x me x ovvi conflitti di interesse....)sono valdicava le chiuse( ha un prezzo ridicolo x quello che e'!) baricci salicutti stella salvioni mastrojanni pietroso fornace le origini no gli altri fuligni lisini e sesti( phenomena). Ecco con salvioni orino soldera e valdicava in prima fascia e il resto un po' sotto



Forse riesco a farmi un altra giornata a Montalcino la prossima settimana
Sicuramente volevo passare da Fattoi. Conosco già i loro vini ma mi farebbe piacere fare una visita
Qualche parola in più su Fattoria del Pino? Stile vini etc.
Valdicava sinceramente l'ho sempre un po' snobbato. Volendo fare visita? Sono a pagamento se non sbaglio. Conveniente acquistare in azienda?
Altre idee...

Grazie

Allora sino al 09 il papa' di jessica vendeva le uve . Dal 010 l' azienda l' ha presa in mano lei e vista la passione che si ritrova sta' facendo ottime cose! Le vigne ce le ha nel posto giusto cioe' zona montosoli. Azienda piccola e molto curata con prezzi umani. Se ti servono i cpntatti fammi un fischio. Capitolo Valdicava. Vincenzo di solito nn fa visite , ma se ti riceve ne' vale assolutamente la pena! Vini profondi potenti sangiovese purosangue sino al midollo! E il madonna del piano e' x me ( e nn solo...) nettamemte nella top five. Se poi vuoi fare una bellissima visita vai a pian dell' orino. Oltre a essere nell' olimpo del brunello jan ti fara' fare un viaggio nel mondo della biodinamica con la rigorpaita' pero' di un ricercatore! E costo della visita 0! Ma devi mettere in conto almeno 1 ora e mezza! E aperare che sia a casa.....


Provo a fare una scappata domani... ho fissato solo Fattoi in tarda mattinsta e poi pranzo.. dalle recensioni ero intenzionato per il Leccio o il Giglio..
Ho chiamato Jessica ma aveva qualche problemino familiare.. la richiamerò domani in giornata sperando di incontrarci
CapitoLo Valdicava.. hanno almeno punti vendita con possibilità di degustazioni?
Altre opzioni Le chiuse.. domani ci dovrebbe essere solo il suocero.. proverò a fare uno squillo in giornata
I Cortonesi invece?
Pian dell'orino come sono i prezzi in cantina? Mi sembra siano saliti tanto nelle ultime annate
Alla fine farò una scappata veloce perciò deve ottimizzare i tempi... da visitare ce ne sarebbe...
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 12 ago 2018 20:13

Dibendf ha scritto:
littlewood ha scritto:
Dibendf ha scritto:
littlewood ha scritto:
Messner ha scritto:
Beh su questo sono d'accordo con te: se voglio provare un grande brunello non passo da Tiezzi, ma ahimè per provare un grande Brunello bisogna girare attorno quei 5-6 soliti noti che oramai hanno dei prezzi considerevolmente alti che per molti bevitori sono uno scoglio troppo alto da superare. Comunque sia hai ragione, gran brunello non si parla di Tiezzi, ma in quella fascia di prezzo lì e anche spendendo il doppio rimane comunque un gran bel prodotto, lungi dalla essere un riferimento della denominazione ma comunque gran bel prodotto. Il 13 è molto buono, sicuramente l'avrai bevuto e difficile dire che non lo sia dai.. Poi se mi dici che ci sono Gianni Brunelli, Le Chiuse, Fuligni, Marroneto, Biondi Santi, Lisini, Baricci, Ragnaie, and so on allora va bene, sicuramente gran bel bere e superiori, ma a parte i soliti noti non sono superiore per distacco cosi come si pensa, e poi prevale sempre la componente soggettiva in questo caso. Se ti piace il profilo nordico del brunello non può non piacerti il Vigna Soccorso, come le Ragnaie VV (non li sto paragonando, molto meglio le Ragnaie, ma è un esempio)

Ti diro' i mie preferiti oltre a oian dell' orino( ma i vini di jan nn fanno testo x me x ovvi conflitti di interesse....)sono valdicava le chiuse( ha un prezzo ridicolo x quello che e'!) baricci salicutti stella salvioni mastrojanni pietroso fornace le origini no gli altri fuligni lisini e sesti( phenomena). Ecco con salvioni orino soldera e valdicava in prima fascia e il resto un po' sotto



Forse riesco a farmi un altra giornata a Montalcino la prossima settimana
Sicuramente volevo passare da Fattoi. Conosco già i loro vini ma mi farebbe piacere fare una visita
Qualche parola in più su Fattoria del Pino? Stile vini etc.
Valdicava sinceramente l'ho sempre un po' snobbato. Volendo fare visita? Sono a pagamento se non sbaglio. Conveniente acquistare in azienda?
Altre idee...

Grazie

Allora sino al 09 il papa' di jessica vendeva le uve . Dal 010 l' azienda l' ha presa in mano lei e vista la passione che si ritrova sta' facendo ottime cose! Le vigne ce le ha nel posto giusto cioe' zona montosoli. Azienda piccola e molto curata con prezzi umani. Se ti servono i cpntatti fammi un fischio. Capitolo Valdicava. Vincenzo di solito nn fa visite , ma se ti riceve ne' vale assolutamente la pena! Vini profondi potenti sangiovese purosangue sino al midollo! E il madonna del piano e' x me ( e nn solo...) nettamemte nella top five. Se poi vuoi fare una bellissima visita vai a pian dell' orino. Oltre a essere nell' olimpo del brunello jan ti fara' fare un viaggio nel mondo della biodinamica con la rigorpaita' pero' di un ricercatore! E costo della visita 0! Ma devi mettere in conto almeno 1 ora e mezza! E aperare che sia a casa.....


Provo a fare una scappata domani... ho fissato solo Fattoi in tarda mattinsta e poi pranzo.. dalle recensioni ero intenzionato per il Leccio o il Giglio..
Ho chiamato Jessica ma aveva qualche problemino familiare.. la richiamerò domani in giornata sperando di incontrarci
CapitoLo Valdicava.. hanno almeno punti vendita con possibilità di degustazioni?
Altre opzioni Le chiuse.. domani ci dovrebbe essere solo il suocero.. proverò a fare uno squillo in giornata
I Cortonesi invece?
Pian dell'orino come sono i prezzi in cantina? Mi sembra siano saliti tanto nelle ultime annate
Alla fine farò una scappata veloce perciò deve ottimizzare i tempi... da visitare ce ne sarebbe...

Uccelliera son vini che possono o nn possono piacere. Andrea comunque e' un bel personaggio e la visita vale. La mannella x me e' uno degli emergenti ma a volte un po' incostante. Dovrebbe avere piu' spazio il figlio x me
littlewood
Messaggi: 1381
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 12 ago 2018 20:20

Dibendf ha scritto:
littlewood ha scritto:
Dibendf ha scritto:
littlewood ha scritto:
Messner ha scritto:
Beh su questo sono d'accordo con te: se voglio provare un grande brunello non passo da Tiezzi, ma ahimè per provare un grande Brunello bisogna girare attorno quei 5-6 soliti noti che oramai hanno dei prezzi considerevolmente alti che per molti bevitori sono uno scoglio troppo alto da superare. Comunque sia hai ragione, gran brunello non si parla di Tiezzi, ma in quella fascia di prezzo lì e anche spendendo il doppio rimane comunque un gran bel prodotto, lungi dalla essere un riferimento della denominazione ma comunque gran bel prodotto. Il 13 è molto buono, sicuramente l'avrai bevuto e difficile dire che non lo sia dai.. Poi se mi dici che ci sono Gianni Brunelli, Le Chiuse, Fuligni, Marroneto, Biondi Santi, Lisini, Baricci, Ragnaie, and so on allora va bene, sicuramente gran bel bere e superiori, ma a parte i soliti noti non sono superiore per distacco cosi come si pensa, e poi prevale sempre la componente soggettiva in questo caso. Se ti piace il profilo nordico del brunello non può non piacerti il Vigna Soccorso, come le Ragnaie VV (non li sto paragonando, molto meglio le Ragnaie, ma è un esempio)

Ti diro' i mie preferiti oltre a oian dell' orino( ma i vini di jan nn fanno testo x me x ovvi conflitti di interesse....)sono valdicava le chiuse( ha un prezzo ridicolo x quello che e'!) baricci salicutti stella salvioni mastrojanni pietroso fornace le origini no gli altri fuligni lisini e sesti( phenomena). Ecco con salvioni orino soldera e valdicava in prima fascia e il resto un po' sotto



Forse riesco a farmi un altra giornata a Montalcino la prossima settimana
Sicuramente volevo passare da Fattoi. Conosco già i loro vini ma mi farebbe piacere fare una visita
Qualche parola in più su Fattoria del Pino? Stile vini etc.
Valdicava sinceramente l'ho sempre un po' snobbato. Volendo fare visita? Sono a pagamento se non sbaglio. Conveniente acquistare in azienda?
Altre idee...

Grazie

Allora sino al 09 il papa' di jessica vendeva le uve . Dal 010 l' azienda l' ha presa in mano lei e vista la passione che si ritrova sta' facendo ottime cose! Le vigne ce le ha nel posto giusto cioe' zona montosoli. Azienda piccola e molto curata con prezzi umani. Se ti servono i cpntatti fammi un fischio. Capitolo Valdicava. Vincenzo di solito nn fa visite , ma se ti riceve ne' vale assolutamente la pena! Vini profondi potenti sangiovese purosangue sino al midollo! E il madonna del piano e' x me ( e nn solo...) nettamemte nella top five. Se poi vuoi fare una bellissima visita vai a pian dell' orino. Oltre a essere nell' olimpo del brunello jan ti fara' fare un viaggio nel mondo della biodinamica con la rigorpaita' pero' di un ricercatore! E costo della visita 0! Ma devi mettere in conto almeno 1 ora e mezza! E aperare che sia a casa.....


Provo a fare una scappata domani... ho fissato solo Fattoi in tarda mattinsta e poi pranzo.. dalle recensioni ero intenzionato per il Leccio o il Giglio..
Ho chiamato Jessica ma aveva qualche problemino familiare.. la richiamerò domani in giornata sperando di incontrarci
CapitoLo Valdicava.. hanno almeno punti vendita con possibilità di degustazioni?
Altre opzioni Le chiuse.. domani ci dovrebbe essere solo il suocero.. proverò a fare uno squillo in giornata
I Cortonesi invece?
Pian dell'orino come sono i prezzi in cantina? Mi sembra siano saliti tanto nelle ultime annate
Alla fine farò una scappata veloce perciò deve ottimizzare i tempi... da visitare ce ne sarebbe...

No valdicava nn ha punti vendita . a vincenzo il mercato italiano interessa poco o nulla. Ma i suoi vini li puoi eventualmente trovare all' enoteca pierangioli in piazza a montalcino a sx scendendo verso la discesa del corso. Sergio e- molto bravo e i prezzi son onesti. I prezzi di pian dell' orino nn son popolari ma il top si paga o no?

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: cascinafrancia71 e 27 ospiti