Giretto in Toscana

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
alì65
Messaggi: 10603
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda alì65 » 04 lug 2018 18:02

"Nuovo packaging, apertura al pubblico e al consumo al calice, tempi più lunghi di invecchiamento prima di uscire sul mercato, presenza social mirata e attenta. Ecco quali sono le strategie future per Biondi Santi"

Le cose sembra stiano cambiando
profilo, perdente sfigato....l'ha detto wineduck.... :mrgreen:
Ziliovino
Messaggi: 2959
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Ziliovino » 04 lug 2018 18:08

littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
littlewood
Messaggi: 1226
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 04 lug 2018 18:46

Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!
littlewood
Messaggi: 1226
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 04 lug 2018 18:47

Di conseguenza credo che anche la qualita' dei vini possa averne beneficio
BarbarEdo
Messaggi: 283
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda BarbarEdo » 04 lug 2018 22:08

littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!

Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?
littlewood
Messaggi: 1226
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 04 lug 2018 22:20

BarbarEdo ha scritto:
littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!

Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?

Pian dell' orino usa quel sistema anche se nn li ha come consulenti. Intendo nn impianti piu' fitti ma il rispetto del doppio canale della linfa con il doppio sperone nel guyot posizionando i tagli sopra all' inserzione dei tralci evitando i coni di disseccamento. Sembra una banalita' ma l' uso dei "tagli di. ritorno,, e' purtroppo una pratica ancora moolto diffusa
BarbarEdo
Messaggi: 283
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda BarbarEdo » 05 lug 2018 08:48

littlewood ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?

Pian dell' orino usa quel sistema anche se nn li ha come consulenti. Intendo nn impianti piu' fitti ma il rispetto del doppio canale della linfa con il doppio sperone nel guyot posizionando i tagli sopra all' inserzione dei tralci evitando i coni di disseccamento.

Sì, certo. Intendevo dire che le aziende che hanno scelto di piantare le viti a 80/70/60... Qualcuno (a La Morra) anche a 50 :roll: cm di distanza, non hanno spazio per far ramificare lateralmente i due canali linfatici come prevederebbe il metodo S&S, quindi la testa di salice è un po' una soluzione obbligata.
littlewood ha scritto: Sembra una banalita' ma l' uso dei "tagli di. ritorno,, e' purtroppo una pratica ancora moolto diffusa

Un'azienda molto nota ( di prima fascia) di Langa ha messo sul suo sito alcuni video di potatura in cui vengono fatti tagli di ritorno col seghetto su legno a occhio di 7-8 anni... vigne vecchie, tra l'altro, che con quel che costa fare un reimpianto, io un pensiero alla salute della vite ce lo farei.
littlewood
Messaggi: 1226
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 05 lug 2018 09:15

BarbarEdo ha scritto:
littlewood ha scritto:
BarbarEdo ha scritto:Scusate l'OT...
Cosa intendi con "checché se ne pensi"? Hai sentito voci critiche? Io ho quasi sempre trovato unanimità nel considerare il loro modello come molto valido. Personalmente trovo che porti ordine nel vigneto, anche se nei sesti di impianto più fitti non sempre c'è spazio per la ramificazione laterale (parlo del guyot).
Per curiosità, quali altre aziende a Montalcino applicano il loro sistema?

Pian dell' orino usa quel sistema anche se nn li ha come consulenti. Intendo nn impianti piu' fitti ma il rispetto del doppio canale della linfa con il doppio sperone nel guyot posizionando i tagli sopra all' inserzione dei tralci evitando i coni di disseccamento.

Sì, certo. Intendevo dire che le aziende che hanno scelto di piantare le viti a 80/70/60... Qualcuno (a La Morra) anche a 50 :roll: cm di distanza, non hanno spazio per far ramificare lateralmente i due canali linfatici come prevederebbe il metodo S&S, quindi la testa di salice è un po' una soluzione obbligata.
littlewood ha scritto: Sembra una banalita' ma l' uso dei "tagli di. ritorno,, e' purtroppo una pratica ancora moolto diffusa

Un'azienda molto nota ( di prima fascia) di Langa ha messo sul suo sito alcuni video di potatura in cui vengono fatti tagli di ritorno col seghetto su legno a occhio di 7-8 anni... vigne vecchie, tra l'altro, che con quel che costa fare un reimpianto, io un pensiero alla salute della vite ce lo farei.

Essere noti nn vuol dire essere bravi in vigna! Uno che fa' quelle cose e' un' asino x me!
spatangide
Messaggi: 23
Iscritto il: 05 ott 2017 23:10

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda spatangide » 07 lug 2018 12:30

Dibendf ha scritto:Dopo pranzo, avendo voglia di trovare qualcosa di nuovo, mi imbatto casualmente nella più piccola cantina del Chianti classico. Suoniamo e ci riceve un anziano signore di 81 anni.. la cantina è molto vicina a Montevertine... i vini mi sono sembrati ben fatti, grande sorpresa... prezzi commoventi... mi sono preso un assaggio di tutte le annate dal 2007 alla 2014... qualcuno di voi conosce la cantina Della Villa?


Qualche indicazione in più per trovarla?

Mi hai fatto venire voglia di andarci.
Dibendf
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 07 lug 2018 15:48

spatangide ha scritto:
Dibendf ha scritto:Dopo pranzo, avendo voglia di trovare qualcosa di nuovo, mi imbatto casualmente nella più piccola cantina del Chianti classico. Suoniamo e ci riceve un anziano signore di 81 anni.. la cantina è molto vicina a Montevertine... i vini mi sono sembrati ben fatti, grande sorpresa... prezzi commoventi... mi sono preso un assaggio di tutte le annate dal 2007 alla 2014... qualcuno di voi conosce la cantina Della Villa?


Qualche indicazione in più per trovarla?

Mi hai fatto venire voglia di andarci.


Non è difficile trovarla... da Radda paese vai in direzione di Montevertine. Prima di arrivare a Montevertine trovi località Campaccio. Logicamente è una casa ... il nome è Della Villa..
Se vai fammi sapere... a me non sono sembrati male ... prezzi intorno ai 7 euro
pudepu
Messaggi: 1163
Iscritto il: 06 giu 2007 18:09

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda pudepu » 09 lug 2018 17:08

littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!


mah , la gestione delle vigne non sara' stata esemplare :roll:
Le riserve 99 01 04 06 08 10 sono dei vini immensi. Saranno venuti buoni per caso, sicuramente con Simonit e Sirch arrivera' la qualita'
patetico valutatore di etichette
littlewood
Messaggi: 1226
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32
Località: Valpollicella

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda littlewood » 09 lug 2018 17:49

pudepu ha scritto:
littlewood ha scritto:
Ziliovino ha scritto:
littlewood ha scritto: Su bs sospendo i giudizio in attesa del nuovo corso. In vigna hanno cambiato alcune cose direi anche in meglio vedremo


ovvero? tanto per avere qualche info in più...

Allora diciamo che negli ultimi anni la gestione delle vigne nn era esemplare. Ora so che hanno dato in mano la gestione a sirch e simonit. Ora checche' se ne pensi il loro sistema e' molto valido. Quest' anno io x poter risistemare qui in valpo delle vecchie vigne che erano messe piuttosto male mi sono affidato alla consulenza di una ragazza che ha lavorato con loro x anni e devo dire che ho imparato ancora molto!


mah , la gestione delle vigne non sara' stata esemplare :roll:
Le riserve 99 01 04 06 08 10 sono dei vini immensi. Saranno venuti buoni per caso, sicuramente con Simonit e Sirch arrivera' la qualita'

Nn ho detto questo riccardo altrimenti avrei bestemmiato! Dico solo che per quel che ho potuto vedere in vigna potevano far meglio il che la dice lunga sul valore di quelle vigne....
Dibendf
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 16 lug 2018 20:16

A proposito di giretti... ho fatto una veloce capatina in Irpinia sabato pomeriggio. Tutto molto improvvisato.. qualche telefonata veloce ma in zona Fiano (Summonte, Montefredane) tutti chiusi. Giustamente hanno preferito il mare... di conseguenza mi butto in zona Taurasi ed arrivo a Castelfranci subito dopo pranzo obiettivo Perillo.
Vista l'ora mi fermo nell'osteria vicino la cantina Perillo per mangiare un boccone.. tutto molto trascurabile ad eccezione del prezzo sicuramente competitivo.
Arrivo davanti l'nsegna Perillo e faccio la salitella che mi porta dopo pochi metri a casa Perillo. Mi riceve la mamma è subito dopo il figlio... Michele non c'è... pazienza... la mia esperienza con i loro vini è abbastanza limitata, qualche annata di Taurasi e Taurasi riserva ma sempre grandi bevute...
Visita abbastanza veloce.. assaggiato il taurasi riserva 2012 da botte sinceramente ingiudicabile... voglia di aprire bottiglie per fare assaggiare qualcosa non l'ho vista... vini disponibili alla vendita pochi... gli unici vini disponibili erano Taurasi riserva 2007 e la Coda di Volpe 2014. La 2008 non ancora vendibile e comunque non etichettata.. prezzi a mio avviso molto competitivi rispetto agli ultimi prezzi visti nelle enoteche di Roma...
Porto via qualche boccia ma comunque mi aspettavo qualcosa di più nella visita. Proviamo a chiamare Colle di Castelfranci ma anche lì tutti via....
Allora qualche centinaio di metri e arrivo da Boccella. Anche qui nessun assaggio... ma non si usa in Campania far assaggiare i vini? Lui sicuramente gentile e mi ha mostrato un po' tutti i locali della cantina. Rispetto a Perillo erano disponibili quasi tutte le annate di Taurasi (06-07-08-09-10) il loro Rasot ed il Fiano Casefatte.. anche qui porto via qualche boccia, prezzi sicuramente competitivi...
In linea generale vado via senza entusiasmi... forse meglio tornare con più calma durante la settimana e testare la zona culla del Fiano
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8378
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda arnaldo » 16 lug 2018 20:47

E magari se chiami qualche giorno prima..forse e' meglio....siamo a luglio..se speri che tutti siano li ad aspettarti ..soprattutto in aziende a livello famigliare...la vedo dura..,. 8) :wink:
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
Dibendf
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 giu 2018 14:16

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda Dibendf » 16 lug 2018 21:50

arnaldo ha scritto:E magari se chiami qualche giorno prima..forse e' meglio....siamo a luglio..se speri che tutti siano li ad aspettarti ..soprattutto in aziende a livello famigliare...la vedo dura..,. 8) :wink:

SincerAmente chiamare molto prima non sempre funziona... le mie visite migliori sempre improvvisate... dici che se chiamavo una settimana prima mi facevano trovare una bella verticale da stappare?
maxer
Messaggi: 1159
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda maxer » 16 lug 2018 23:39

Dibendf ha scritto:
arnaldo ha scritto:E magari se chiami qualche giorno prima..forse e' meglio....siamo a luglio..se speri che tutti siano li ad aspettarti ..soprattutto in aziende a livello famigliare...la vedo dura..,. 8) :wink:

Sinceramente chiamare molto prima non sempre funziona... le mie visite migliori sempre improvvisate... dici che se chiamavo una settimana prima mi facevano trovare una bella verticale da stappare?

Se in una giornata di luglio, a casa tua, 32,5 gradi sll' ombra, magari hai le palle girate o stai dormendo della grossa o non hai voglia di fate un c..zo o non vuoi vedere nessuno o stai avendo una accesa discussione con moglie (o figlio-a, amante, parente stretto-a) e improvvisamente ti suonano il campanello e si palesa dal nulla, non dico uno sconosciuto, ma un amico, che ti chiede di fargli bere alcuni vini della tua cantina, tu, che fai ?
1) lo mandi affanculo di getto e, se è un vero amico, capisce lui di aver fatto una caz..ta nei tuoi confronti a presentarsi all' improvviso
2) se non vuoi rompere l' amicizia con un amico permaloso, ti scusi ma lo saluti e mentre se ne va gli dici che la prossima volta ti telefoni per organizzare una bella bevuta assieme
3) se sei un buono, ma proprio buono e sai restare molto calmo, gli fai visitare la tua cantina (che magari almeno è sicuramente più fresca, sotto i 32,5 gradi), ma non di più e non vedi l' ora che se ne vada : ci sarà sempre una prossima occssione migliore

P.S. : Io ho SEMPRE telefonato prima, per fissare la visita. Mai nessuna sorpresa negativa, tutto è filato liscio, degustazioni comprese, se non con due-tre produttori che in ogni caso si sarebbero dimostrati inospitali per predisposizione genetica
carpe diem 8)
Avatar utente
alexer3b
Messaggi: 10489
Iscritto il: 06 giu 2007 11:45
Località: Roma

Re: Giretto in Toscana

Messaggioda alexer3b » 17 lug 2018 00:15

Dibendf ha scritto:A proposito di giretti... ho fatto una veloce capatina in Irpinia sabato pomeriggio. Tutto molto improvvisato.. qualche telefonata veloce ma in zona Fiano (Summonte, Montefredane) tutti chiusi. Giustamente hanno preferito il mare... di conseguenza mi butto in zona Taurasi ed arrivo a Castelfranci subito dopo pranzo obiettivo Perillo.
Vista l'ora mi fermo nell'osteria vicino la cantina Perillo per mangiare un boccone.. tutto molto trascurabile ad eccezione del prezzo sicuramente competitivo.
Arrivo davanti l'nsegna Perillo e faccio la salitella che mi porta dopo pochi metri a casa Perillo. Mi riceve la mamma è subito dopo il figlio... Michele non c'è... pazienza... la mia esperienza con i loro vini è abbastanza limitata, qualche annata di Taurasi e Taurasi riserva ma sempre grandi bevute...
Visita abbastanza veloce.. assaggiato il taurasi riserva 2012 da botte sinceramente ingiudicabile... voglia di aprire bottiglie per fare assaggiare qualcosa non l'ho vista... vini disponibili alla vendita pochi... gli unici vini disponibili erano Taurasi riserva 2007 e la Coda di Volpe 2014. La 2008 non ancora vendibile e comunque non etichettata.. prezzi a mio avviso molto competitivi rispetto agli ultimi prezzi visti nelle enoteche di Roma...
Porto via qualche boccia ma comunque mi aspettavo qualcosa di più nella visita. Proviamo a chiamare Colle di Castelfranci ma anche lì tutti via....
Allora qualche centinaio di metri e arrivo da Boccella. Anche qui nessun assaggio... ma non si usa in Campania far assaggiare i vini? Lui sicuramente gentile e mi ha mostrato un po' tutti i locali della cantina. Rispetto a Perillo erano disponibili quasi tutte le annate di Taurasi (06-07-08-09-10) il loro Rasot ed il Fiano Casefatte.. anche qui porto via qualche boccia, prezzi sicuramente competitivi...
In linea generale vado via senza entusiasmi... forse meglio tornare con più calma durante la settimana e testare la zona culla del Fiano

Diciamo che l'Irpinia in generale non è il posto più ospitale, dimentica la Toscana.
Lo dimostra anche il fatto che solo adesso alcune aziende si stanno muovendo per creare un minimo di ospitalità (per esempio Cantina del Barone e i Favati a Cesinali) e gli episodi da Perillo e Boccella, gente contadina vera, ti descrivono il ritratto di un territorio che dal punto di vista della "malizia" e del saper coinvolgere l'appassionato ha ancora troppo da imparare.
Certo è che ti consiglio anche io di chiamare preventivamente, diciamo che almeno li predispone in maniera diversa nei tuoi confronti. L'ho provato sulla mia pelle in anni di frequentazioni. :wink:

Alex

PS: se vai in cerca di Fiano un salto a Lapio devi farlo. Come venire a Roma la prima volta e non vedere il Colosseo. :mrgreen:
Oggi, in latino...l'ha pijata ar culo. (Romano ad honorem 08-10-2008)

... a Nossiter (come ai suoi compaesani) bisognerebbe spiegare che quando avrà capito l’importanza di usare il bidet sarà sempre troppo tardi… :lol: (anonimo 07-02-2012)

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: ORSO85 e 17 ospiti