...fate tutti finta di niente eh???

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
BarbarEdo
Messaggi: 363
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda BarbarEdo » 09 lug 2018 18:50

lucastoner ha scritto:
Kevmit ha scritto:ieri a pranzo, un bel barbecue in compagnia e l'ho aperta!! molto buona, ma non si discosta molto dalla 2013 annata ...

di sicuro non vale tutto quello che costa di più :D

OOOOOOHHHHH....finalmente un coraggioso che si palesa!!! :mrgreen:
Sei già il mio idolo per l'abbinamento con il bbq.....sarebbe stato il top se lo avessi usato per dare na sfumatina alle cipolle caramellate.....così, a sfregio , urlando "POVERIIIII!!"

:lol: :lol: :lol: questa mi ha fatto cappottare!
Primum bibere deinde philosophari
Kevmit
Messaggi: 290
Iscritto il: 19 ott 2012 12:16

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Kevmit » 09 lug 2018 18:53

lucastoner ha scritto:
Kevmit ha scritto:ieri a pranzo, un bel barbecue in compagnia e l'ho aperta!! molto buona, ma non si discosta molto dalla 2013 annata ...

di sicuro non vale tutto quello che costa di più :D

OOOOOOHHHHH....finalmente un coraggioso che si palesa!!! :mrgreen:
Sei già il mio idolo per l'abbinamento con il bbq.....sarebbe stato il top se lo avessi usato per dare na sfumatina alle cipolle caramellate.....così, a sfregio , urlando "POVERIIIII!!"



le cipolle caramellate te le mangi te :mrgreen:

per sfumare o tenere a " bagno" il cinghiale ( che ho spesso da amici cacciatori ) in realtà uso il tavernello :mrgreen: :mrgreen:
Kevmit
Messaggi: 290
Iscritto il: 19 ott 2012 12:16

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Kevmit » 09 lug 2018 19:07

ZEL WINE ha scritto:
Kevmit ha scritto:ieri a pranzo, un bel barbecue in compagnia e l'ho aperta!! molto buona, ma non si discosta molto dalla 2013 annata ...

di sicuro non vale tutto quello che costa di più :D


che disastro, tra 10 anni potrebbe valere 179euro in piu'



magari fra 10 anni non la vorrà più nessuno :lol:
Kevmit
Messaggi: 290
Iscritto il: 19 ott 2012 12:16

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Kevmit » 09 lug 2018 19:15

vinotec ha scritto:
Kevmit ha scritto:ieri a pranzo, un bel barbecue in compagnia e l'ho aperta!! molto buona, ma non si discosta molto dalla 2013 annata ...

di sicuro non vale tutto quello che costa di più :D


...per ora, ma alla lunga vedrai... 8)



tempo fa, sempre ad un barbecue ho aperto una 2000 e non mi ha per niente entusiasmato... sempre lo stesso giorno abbiamo aperto anche un tignanello 2000 ( i cultori del vino me ne diranno di tutti i colori ) , ma a me è piaciuto molto ma molto di più!!!!
Avatar utente
Jeriko One
Messaggi: 402
Iscritto il: 28 lug 2007 11:56
Località: Brescia

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Jeriko One » 09 lug 2018 19:28

A me hanno proposto uno scambio Pergole Riserva 90 (mio) con Pergole 50 (suo)... però con 250 Euro in più a mio carico :mrgreen:
Risposta data: no, grazie
Risposta pensata: drogati di meno
"Avete mai fatto caso che ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto incazzare?... Quello sono io"
(Clint Eastwood - Gran Torino)
ZEL WINE
Messaggi: 6723
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda ZEL WINE » 09 lug 2018 19:38

Kevmit ha scritto:
ZEL WINE ha scritto:
Kevmit ha scritto:ieri a pranzo, un bel barbecue in compagnia e l'ho aperta!! molto buona, ma non si discosta molto dalla 2013 annata ...

di sicuro non vale tutto quello che costa di più :D


che disastro, tra 10 anni potrebbe valere 179euro in piu'



magari fra 10 anni non la vorrà più nessuno :lol:


Per la solfa menata per sta bottiglia spero diventi diluente alla nitro
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.
alì65
Messaggi: 10698
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda alì65 » 09 lug 2018 20:19

Wineduck ha scritto:Da qualche settimana non mi affacciavo al forum per ragioni di lavoro ed altri impegni.
Torno e trovo lo stesso vecchio, inossidabile, forum.
Soprattutto specchio perfetto di questa Italia decadente, sicuramente destinata a morire a ridimensionarsi ulteriormente nel panorama economico-finanziario del mondo globalizzato.
I commenti che vegnono fatti sulle iniziative imprenditoriali dei nostri migliori viticoltori sono fra il risibile ed il demoralizzante.
Ci sarebbe molto da scrivere ma avendo pochissimo tempo mi limito a delle affermazioni flash:
1) i produttori di vino sono prima degli imprenditori e poi qualcos'altro (contadini, enologi, agronomi, cantinieri, commercianti, ecc.);
2) la "poesia" come la chiamate voi è una fesseria che qualcuno si è creato nel cervello anni fa, frutto di pura fantasia, forse in fase di decantazione dei fumi dell'alcool. Chi mi legge da molti anni si ricorderà che era il tema principale di discussione con il gruppo AVR a cui cercavo di spiegare che tutti quelli ceh vendono vino hanno una loro strategia di "marketing" perchè per TUTTI la priorità è vendere il vino che hanno in cantina e venderlo ad un prezzo che ritengono sufficientemente remunerativo;
3) il prezzo infatti non è una variabile controllabile dal produttore: il prezzo lo fa l'incontro fra la domanda e l'offerta ed accusare un produttore italiano di essere uno "speculatore" (con un linguaggio degno dei razzolatori di monnezza!) dopo che per decenni vi siete tragugiati migliaia di bottiglie francesi vi rende più ridicoli di clown a fine carriera. Dai 2-5 euro a bt. in su, tutti i prezzi sono determinati dal valore percepito dal cliente, non hanno niente a che fare con il costo della produzione. Quindi l'unica differenza la fanno due fattori: quante bottiglie hai prodotto e quanti sono disposti a pagare un determinato prezzo. Se ci sono 1.500 ricchi disposti a pagare 400 euro per quelle bottiglie (a fronte di 150.000 che le vorrebbero ma non riusciranno ad averle), per quale caz*o di motivo dovrebbero venderle a € 50 cad. a noi barboni?
4) perchè alla fine il problema è tutto qui: una volta ci sentivamo fra i più ricchi del mondo e bevevamo a prezzi, proibitivi per il 99,99% dell'umanità, i nostri migliori vini (oltre a quelli dei "maestri di mercato" francesi), adesso invece il mondo è cambiato alla velocità della luce ed i BARBONI "MORTI DI FAME" SIAMO DIVENTATI NOI. Non ci possiamo permettere i vini da € 500 a bt. esattamente come molti altri non si potevano permettere quelli da € 50 venti anni or sono.
La differenza è che noi siamo rimasti al palo (anzi siamo arretrati) e gli altri sono andati avanti, molto più avanti.

Quindi adesso schiumiamo rabbia accusando i produttori che (finalmente) si muovono bene sul mercato globale e rimangono agganciati al mondo evoluto. Noi invece facciamo ragionamenti tristi (Alì65 in particolare ha una visione sovranista da far paura, la perfetta sintesi di come pensa in modo perdente la maggioranza degli italiani) che ci condanneranno ad essere ancora più sfigati, poveri e marginali nel mondo che conta. Probabilmente l'ondata sovranista ci porterà a chiuderci ancora di più magari a tornare a stampare Lire, anzi fiorini, ducati, sesterzi, poi sempre peggio.... fino al baratto fra beni primari.
I turisti del mondo globale ci verranno ad osservare dall'alto sui loro autobus-mini-jet mentre nelle noi, davanti alle nostre capanne, danzeremo in cerchio e faremo i nostri riti magici contro le malattie infettive (che nel frattempo ci avranno decimati).

Per adesso (purtroppo) quello che avevo pronosticato 15-10 anni or sono si è verificato. Spero tanto di sbagliarmi per i prossimi 10-15 ma temo sempre di più che rischio di azzeccarci anche stavolta...


te e le tue teorie hanno rotto il cazzo, almeno a me
continui a rompere le palle dicendo che siamo retrogadi e decadenti; vai ad abitare in un altro paese così sarai soddisfatto e smetterai di rompere i coglioni con le tue teorie
bevici sopra
io berrò alla tua
prosit
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
davidef
Messaggi: 7677
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda davidef » 09 lug 2018 20:35

alì65 ha scritto:
te e le tue teorie hanno rotto il cazzo, almeno a me


Ma che dici mai...è ammore per il forum :mrgreen:

Sei troppo severo :roll:
Avatar utente
Wineduck
Messaggi: 3981
Iscritto il: 06 giu 2007 15:16

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Wineduck » 09 lug 2018 23:43

alì65 ha scritto:[

te e le tue teorie hanno rotto il cazzo, almeno a me
continui a rompere le palle dicendo che siamo retrogadi e decadenti; vai ad abitare in un altro paese così sarai soddisfatto e smetterai di rompere i coglioni con le tue teorie
bevici sopra
io berrò alla tua
prosit


Anche a me il tuo continuo brontolio sui prezzi e sulle presunte speculazioni ha rotto solennemente il cazzo. Io se fossi uno di loro ti quelererei all'istante! Ma come ti permetti di accausare degli onesti imprenditori di pratiche commerciali scorrette? Chi cazzo sei tu per stabiliire qual è il prezzo "onesto" a cui vendere una bottiglia?
Il vino di livello alto costa molto, fattene una ragione: una volta te lo potevi permettere adesso non più. Non so se per sfortuna, incapacità o poca voglia di lavorare, non sta a me giudicare. Ma non certo per colpa dei produttori che fanno esattamente quello che farebbe ognuno di noi se avesse una richiesta di bottiglie 10 volte superiore alla propria produzione.
Quindi se puoi stare al gioco, ne siamo tutti più contenti, se invece devi stare qui solo a menarci il torrone sui prezzi, non ti lamentare se qualcuno ti fa notare che hai scassato i cabbassisi.
Capisco che a forza di frequentare certi sfigati con la fissa dei soldi e degli "acquisti intelligenti" si rimanga condizionati ma anche certe brutte compagnie potrebbero essere la causa dei tuoi malesseri.
La bevuta alla mia salute risparmiatela. Io farò lo stesso con te, ho persone migliori a cui brindare.
"People call me rude, I wish we all were nude, I wish there was no black and white, I wish there were no rules" [Controversy]

follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/wineleaner/
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6422
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda zampaflex » 10 lug 2018 09:21

Wineduck ha scritto:
alì65 ha scritto:[

te e le tue teorie hanno rotto il cazzo, almeno a me
continui a rompere le palle dicendo che siamo retrogadi e decadenti; vai ad abitare in un altro paese così sarai soddisfatto e smetterai di rompere i coglioni con le tue teorie
bevici sopra
io berrò alla tua
prosit


Anche a me il tuo continuo brontolio sui prezzi e sulle presunte speculazioni ha rotto solennemente il cazzo. Io se fossi uno di loro ti quelererei all'istante! Ma come ti permetti di accausare degli onesti imprenditori di pratiche commerciali scorrette? Chi cazzo sei tu per stabiliire qual è il prezzo "onesto" a cui vendere una bottiglia?
Il vino di livello alto costa molto, fattene una ragione: una volta te lo potevi permettere adesso non più. Non so se per sfortuna, incapacità o poca voglia di lavorare, non sta a me giudicare. Ma non certo per colpa dei produttori che fanno esattamente quello che farebbe ognuno di noi se avesse una richiesta di bottiglie 10 volte superiore alla propria produzione.
Quindi se puoi stare al gioco, ne siamo tutti più contenti, se invece devi stare qui solo a menarci il torrone sui prezzi, non ti lamentare se qualcuno ti fa notare che hai scassato i cabbassisi.
Capisco che a forza di frequentare certi sfigati con la fissa dei soldi e degli "acquisti intelligenti" si rimanga condizionati ma anche certe brutte compagnie potrebbero essere la causa dei tuoi malesseri.
La bevuta alla mia salute risparmiatela. Io farò lo stesso con te, ho persone migliori a cui brindare.


Dato che vi conosco personalmente e vi stimo, tutti e due, permettimi un appunto, Ale.
Un conto è capire quale meccanismo a-poetico determini i prezzi via via crescenti (ancora una volta, "it's the economy, stupid"). Fenomeno inarrestabile, va fattorizzato e amen.
Un altro conto è lamentarsene perché, dal punto di vista dell'appassionato, diventa sempre più difficile procurarsi le bottiglie top, quando fino a pochi anni fa ci si poteva permettere quasi di tutto.

Quello del vino è diventato in trent'anni un mercato globalizzato e conosciuto, perciò soggetto alle mire, oltre che di sinceri appassionati (in numero crescente), di ignoranti (enologici) con i soldi, accaparratori, speculatori spiccioli.

Mi pare normale, essendo noi tutti includibili nel gruppo degli appassionati dalle risorse limitate, rimpiangere i bei tempi andati e cercare quindi con rimpianto (in perfetto stile da libro di testo economico) di massimizzare il ritorno scovando il nuovo produttore del futuro.

A meno che non si promuovano gruppi di acquisto per procurarsi un quindicesimo di una boccia di Cuvée Catheline :wink:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Kevmit
Messaggi: 290
Iscritto il: 19 ott 2012 12:16

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Kevmit » 10 lug 2018 09:51

che l'Italia sia un paese decadente mi sembra sotto gli occhi di tutti...

piccoli casi di "successo" o "benessere" non rendono l'Italia quello che era 20-30 anni fa!

non accettare quello che stiamo lentamente diventando è tenere gli occhi chiusi oppure vivere in ambienti ( come possono essere quelli politici ) che sono al di fuori delle logiche dei cittadini "normali" ...


riguardo al costo delle bottiglie, non ho l'esperienza di molti di voi, ma negli ultimi anni ho girato molte cantine, e tutti i produttori esportano la maggior parte della loro produzione in paesi più ricchi e con una cultura sul vino superiore alla nostra ed i prezzi si adeguano di conseguenza... perché non dovrebbero alzare i prezzi se tanto poi da noi rimane poco vino e per di più siamo pure "poveri" con i stipendi fermi a 20 anni fa???
Patatasd
Messaggi: 638
Iscritto il: 23 lug 2012 11:17

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Patatasd » 10 lug 2018 09:55

Bah... io tutta sta povertà non la vedo, piuttosto vedo un sacco di macchine in giro dai 40K in su.
Io ho una Yaris del 2001 pagata 14K e non mi definisco certo povero.
Luca90
Messaggi: 50
Iscritto il: 10 mag 2018 17:39
Località: Novarese

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Luca90 » 10 lug 2018 10:27

Patatasd ha scritto:Bah... io tutta sta povertà non la vedo, piuttosto vedo un sacco di macchine in giro dai 40K in su.
Io ho una Yaris del 2001 pagata 14K e non mi definisco certo povero.


Perché spendi in vino, quel che gli altri spendono in macchine, fai bene e ti seguo :D
Luca90
Messaggi: 50
Iscritto il: 10 mag 2018 17:39
Località: Novarese

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Luca90 » 10 lug 2018 10:34

Kevmit ha scritto:che l'Italia sia un paese decadente mi sembra sotto gli occhi di tutti...

piccoli casi di "successo" o "benessere" non rendono l'Italia quello che era 20-30 anni fa!

non accettare quello che stiamo lentamente diventando è tenere gli occhi chiusi oppure vivere in ambienti ( come possono essere quelli politici ) che sono al di fuori delle logiche dei cittadini "normali" ...


riguardo al costo delle bottiglie, non ho l'esperienza di molti di voi, ma negli ultimi anni ho girato molte cantine, e tutti i produttori esportano la maggior parte della loro produzione in paesi più ricchi e con una cultura sul vino superiore alla nostra ed i prezzi si adeguano di conseguenza... perché non dovrebbero alzare i prezzi se tanto poi da noi rimane poco vino e per di più siamo pure "poveri" con i stipendi fermi a 20 anni fa???


Si e no, è vero che i produttori di vino come i produttori in generale vendono sempre di più all'estero visto che siamo in un mondo globalizzato, ho qualche dubbio sul fatto che vendano in paesi più ricchi in senso assoluto; è vero che noi da vent'anni cresciamo meno degli altri ma è altrettanto vero che il cinese medio, così come il brasiliano o indiano medio è ancora più povero, talvolta molto più povero, dell'italiano medio.

Quindi, più che in paesi più ricchi chi può vende sempre di più ai ricchi, indipendentemente dalla nazionalità. E non è che all'estero non ci sia un problema di crescita della classe media, la polarizzazione della ricchezza è un dato di fatto; di conseguenza il mondo luxury del vino sarà sempre di più rivolto a quel famoso 1%.

Sulla cultura del vino superiore all'estero bah, mi pare un po' una boutade, probilmente in qualche paese, ma non nella maggior parte sicuramente,e non nei mercati principali di esportazione
Luca90
Messaggi: 50
Iscritto il: 10 mag 2018 17:39
Località: Novarese

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Luca90 » 10 lug 2018 10:41

l'oste ha scritto:Conterno fa poesia?
Masseto fa poesia?
Sassicaia fa poesia?
Rayas fa poesia?

Mi fa sorridere che in un mondovino dove la speculazione ormai è il mercato si parli di poesia.
Lino Maga allora è Dante Alighieri.


Fermo restando che come ha detto qualcuno le situazioni, anche tra i produttori da te citati, sono molto diverse, ti risponderei:

forse tra loro no, ma girando per i produttori, cercandone sempre di nuovi, magari piccoli, magari non conformati perfettamente al mercato contemporaneo del vino, c'è un sacco di poesia.

Lino Maga è uno di quelli ma ce ne sono moltissimi, tanti mai citati sul forum ad esempio.

Io sono uno di quelli che cerca ancora la poesia del vino, ma certo non la cerco in Masseto
AedesLaterani2012
Messaggi: 1477
Iscritto il: 31 gen 2013 17:01
Località: Centro

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda AedesLaterani2012 » 10 lug 2018 11:32

zampaflex ha scritto:
Wineduck ha scritto:
alì65 ha scritto:[

te e le tue teorie hanno rotto il cazzo, almeno a me
continui a rompere le palle dicendo che siamo retrogadi e decadenti; vai ad abitare in un altro paese così sarai soddisfatto e smetterai di rompere i coglioni con le tue teorie
bevici sopra
io berrò alla tua
prosit


Anche a me il tuo continuo brontolio sui prezzi e sulle presunte speculazioni ha rotto solennemente il cazzo. Io se fossi uno di loro ti quelererei all'istante! Ma come ti permetti di accausare degli onesti imprenditori di pratiche commerciali scorrette? Chi cazzo sei tu per stabiliire qual è il prezzo "onesto" a cui vendere una bottiglia?
Il vino di livello alto costa molto, fattene una ragione: una volta te lo potevi permettere adesso non più. Non so se per sfortuna, incapacità o poca voglia di lavorare, non sta a me giudicare. Ma non certo per colpa dei produttori che fanno esattamente quello che farebbe ognuno di noi se avesse una richiesta di bottiglie 10 volte superiore alla propria produzione.
Quindi se puoi stare al gioco, ne siamo tutti più contenti, se invece devi stare qui solo a menarci il torrone sui prezzi, non ti lamentare se qualcuno ti fa notare che hai scassato i cabbassisi.
Capisco che a forza di frequentare certi sfigati con la fissa dei soldi e degli "acquisti intelligenti" si rimanga condizionati ma anche certe brutte compagnie potrebbero essere la causa dei tuoi malesseri.
La bevuta alla mia salute risparmiatela. Io farò lo stesso con te, ho persone migliori a cui brindare.


Dato che vi conosco personalmente e vi stimo, tutti e due, permettimi un appunto, Ale.
Un conto è capire quale meccanismo a-poetico determini i prezzi via via crescenti (ancora una volta, "it's the economy, stupid"). Fenomeno inarrestabile, va fattorizzato e amen.
Un altro conto è lamentarsene perché, dal punto di vista dell'appassionato, diventa sempre più difficile procurarsi le bottiglie top, quando fino a pochi anni fa ci si poteva permettere quasi di tutto.

Quello del vino è diventato in trent'anni un mercato globalizzato e conosciuto, perciò soggetto alle mire, oltre che di sinceri appassionati (in numero crescente), di ignoranti (enologici) con i soldi, accaparratori, speculatori spiccioli.

Mi pare normale, essendo noi tutti includibili nel gruppo degli appassionati dalle risorse limitate, rimpiangere i bei tempi andati e cercare quindi con rimpianto (in perfetto stile da libro di testo economico) di massimizzare il ritorno scovando il nuovo produttore del futuro.

A meno che non si promuovano gruppi di acquisto per procurarsi un quindicesimo di una boccia di Cuvée Catheline :wink:


Verissimo, Luciano! Personalmente non vi conosco, cari Alessandro e Claudio, ma, leggo con acribia e rispetto (quasi) ogni vostro intervento e, sinceramente parlando, mi dispiace dover scorrere i toni di una disfida così cedevole alla reciproca insofferenza ed al facile turpiloquio. Non mi sembra che a monte ci siano (o ci siano stati) casi irrisolti di penose incomprensioni tra voi due.
Suvvia, rilassiamo gli animi: le tensioni con questo caldo non fanno bene a nessuno!
Siete due fantastici "dispensatori di cultura enogastronomica" e da attenti studiosi delle sovrastrutture ideologiche e culturali del 'mondovino', non potete desistere dal rappresentarci, in una forma che non sia quella dialettica (pur nelle vostre peculiari 'visioni'), i soggetti reali dello scibile enoico e quelle logiche commerciali e di mercato all'origine di ogni comunicazione "autonoma" d'impresa. Forse il caso di un prodotto "nuovo" (bis ab ovo) da parte di un'azienda con una lunga esperienza, qual è Montevertine, lo vedrei più come una ulteriore creazione di valore attraverso un marchio d'identità storica da associare al territorio di Radda in Chianti.
Sempre sommessamente parlando e condividendo appieno la perfetta analisi economica di Luciano sulla massimizzazione del profitto da parte dell'azienda in un mercato internazionale ad altissima concentrazione dal lato della domanda.
Honni soit qui mal y pense
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 26215
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda vinotec » 10 lug 2018 11:33

Luca90 ha scritto:
Kevmit ha scritto:che l'Italia sia un paese decadente mi sembra sotto gli occhi di tutti...

piccoli casi di "successo" o "benessere" non rendono l'Italia quello che era 20-30 anni fa!

non accettare quello che stiamo lentamente diventando è tenere gli occhi chiusi oppure vivere in ambienti ( come possono essere quelli politici ) che sono al di fuori delle logiche dei cittadini "normali" ...


riguardo al costo delle bottiglie, non ho l'esperienza di molti di voi, ma negli ultimi anni ho girato molte cantine, e tutti i produttori esportano la maggior parte della loro produzione in paesi più ricchi e con una cultura sul vino superiore alla nostra ed i prezzi si adeguano di conseguenza... perché non dovrebbero alzare i prezzi se tanto poi da noi rimane poco vino e per di più siamo pure "poveri" con i stipendi fermi a 20 anni fa???


Si e no, è vero che i produttori di vino come i produttori in generale vendono sempre di più all'estero visto che siamo in un mondo globalizzato, ho qualche dubbio sul fatto che vendano in paesi più ricchi in senso assoluto; è vero che noi da vent'anni cresciamo meno degli altri ma è altrettanto vero che il cinese medio, così come il brasiliano o indiano medio è ancora più povero, talvolta molto più povero, dell'italiano medio.

Quindi, più che in paesi più ricchi chi può vende sempre di più ai ricchi, indipendentemente dalla nazionalità. E non è che all'estero non ci sia un problema di crescita della classe media, la polarizzazione della ricchezza è un dato di fatto; di conseguenza il mondo luxury del vino sarà sempre di più rivolto a quel famoso 1%.

Sulla cultura del vino superiore all'estero bah, mi pare un po' una boutade, probilmente in qualche paese, ma non nella maggior parte sicuramente,e non nei mercati principali di esportazione


...Luca, devi pensare però che se in Italia siamo 60mln., in India ed in Cina passano il miliardo ed il miliardo e mezzo di persone; se fai un rapporto ci sono senza dubbio più ricchi o ricchissimi in questi due Paesi(vogliamo aggiungerci anche la Russia?) che in Italia e quindi il mercato del lusso, vino compreso, ha uno sbocco maggiore anche solo per un fatto di numeri...
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
Luca90
Messaggi: 50
Iscritto il: 10 mag 2018 17:39
Località: Novarese

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Luca90 » 10 lug 2018 11:56

vinotec ha scritto:
Luca90 ha scritto:
Kevmit ha scritto:che l'Italia sia un paese decadente mi sembra sotto gli occhi di tutti...

piccoli casi di "successo" o "benessere" non rendono l'Italia quello che era 20-30 anni fa!

non accettare quello che stiamo lentamente diventando è tenere gli occhi chiusi oppure vivere in ambienti ( come possono essere quelli politici ) che sono al di fuori delle logiche dei cittadini "normali" ...


riguardo al costo delle bottiglie, non ho l'esperienza di molti di voi, ma negli ultimi anni ho girato molte cantine, e tutti i produttori esportano la maggior parte della loro produzione in paesi più ricchi e con una cultura sul vino superiore alla nostra ed i prezzi si adeguano di conseguenza... perché non dovrebbero alzare i prezzi se tanto poi da noi rimane poco vino e per di più siamo pure "poveri" con i stipendi fermi a 20 anni fa???


Si e no, è vero che i produttori di vino come i produttori in generale vendono sempre di più all'estero visto che siamo in un mondo globalizzato, ho qualche dubbio sul fatto che vendano in paesi più ricchi in senso assoluto; è vero che noi da vent'anni cresciamo meno degli altri ma è altrettanto vero che il cinese medio, così come il brasiliano o indiano medio è ancora più povero, talvolta molto più povero, dell'italiano medio.

Quindi, più che in paesi più ricchi chi può vende sempre di più ai ricchi, indipendentemente dalla nazionalità. E non è che all'estero non ci sia un problema di crescita della classe media, la polarizzazione della ricchezza è un dato di fatto; di conseguenza il mondo luxury del vino sarà sempre di più rivolto a quel famoso 1%.

Sulla cultura del vino superiore all'estero bah, mi pare un po' una boutade, probilmente in qualche paese, ma non nella maggior parte sicuramente,e non nei mercati principali di esportazione


...Luca, devi pensare però che se in Italia siamo 60mln., in India ed in Cina passano il miliardo ed il miliardo e mezzo di persone; se fai un rapporto ci sono senza dubbio più ricchi o ricchissimi in questi due Paesi(vogliamo aggiungerci anche la Russia?) che in Italia e quindi il mercato del lusso, vino compreso, ha uno sbocco maggiore anche solo per un fatto di numeri...


Assolutamente vero, quel che contestavo era il fatto che noi come italiani non possiamo più permetterci certi vini; non siamo noi in quanto italiani a non poter più permetterceli, ma noi (o almeno parlo per me) in quanto classe media.

Come dicevo prima, la polarizzazione della ricchezza non è un problema italiano, ed è ovvio che se produci poche bottiglie di altissima qualità, lo sbocco naturale saranno i pochi clienti internazionali che possono permettersela. Ed è proprio questa differenza rispetto al passato è proprio, la possibilità di intercettare i pochi facoltosi ovunque si trovino e, visto che questi facoltosi lo sono sempre più, i prezzi aumentano ulteriormente.

Niente di nuovo comunque, è un trend che va avanti da almeno trent'anni.

Quel che da fastidio all'appossionato medio è assistere a scene che suscitano un misto tra la rabbia e lo sconforto come quelle che purtropo ho visto nel lussuosi alberghi di Stresa (o abito vicino al Lago Maggiore), dove ricchi stranieri ordinano costosissime e pregiatissime bottiglie che vengono trangugiate senza la minima consapevolezza e spesso abbandonate mezze piene dopo il pasto.
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12105
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda l'oste » 10 lug 2018 12:16

Luca90 ha scritto:
l'oste ha scritto:Conterno fa poesia?
Masseto fa poesia?
Sassicaia fa poesia?
Rayas fa poesia?

Mi fa sorridere che in un mondovino dove la speculazione ormai è il mercato si parli di poesia.
Lino Maga allora è Dante Alighieri.


Fermo restando che come ha detto qualcuno le situazioni, anche tra i produttori da te citati, sono molto diverse, ti risponderei:

forse tra loro no, ma girando per i produttori, cercandone sempre di nuovi, magari piccoli, magari non conformati perfettamente al mercato contemporaneo del vino, c'è un sacco di poesia.

Lino Maga è uno di quelli ma ce ne sono moltissimi, tanti mai citati sul forum ad esempio.

Io sono uno di quelli che cerca ancora la poesia del vino, ma certo non la cerco in Masseto

Sono completamente d'accordo, come ho scritto qui in qualche thread: grazie all'impennata dei "noti" (produttori e tipologie), il vero appassionato girerà per cantine e terroir "minori" per scoprire realtà da seguire.
Personalmente, a parte le varie doc del nord Piemonte, per i rossi ultimamente sono in fissa con Taurasi.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Avatar utente
l'oste
Messaggi: 12105
Iscritto il: 06 giu 2007 14:41
Località: campagna

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda l'oste » 10 lug 2018 12:23

Kevmit ha scritto:
lucastoner ha scritto:
Kevmit ha scritto:ieri a pranzo, un bel barbecue in compagnia e l'ho aperta!! molto buona, ma non si discosta molto dalla 2013 annata ...

di sicuro non vale tutto quello che costa di più :D

OOOOOOHHHHH....finalmente un coraggioso che si palesa!!! :mrgreen:
Sei già il mio idolo per l'abbinamento con il bbq.....sarebbe stato il top se lo avessi usato per dare na sfumatina alle cipolle caramellate.....così, a sfregio , urlando "POVERIIIII!!"



le cipolle caramellate te le mangi te :mrgreen:

per sfumare o tenere a " bagno" il cinghiale ( che ho spesso da amici cacciatori ) in realtà uso il tavernello :mrgreen: :mrgreen:

Senza polemica per caritá, ma usare il Tavernello in cucina è un delitto, sempre.
Se apri un Pergole 50 per un bbq, per marinare un sangiovese igt farebbe di certo più felice il cinghiale.
Non importa chi sarà l'ultimo a spegnere la luce. E' già buio.


Iir Boon Gesùuu/ ciii/ fuuur/ mini
Ziliovino
Messaggi: 2984
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Ziliovino » 10 lug 2018 13:41

Wineduck ha scritto:Da qualche settimana non mi affacciavo al forum per ragioni di lavoro ed altri impegni.
Torno e trovo lo stesso vecchio, inossidabile, forum.
Soprattutto specchio perfetto di questa Italia decadente, sicuramente destinata a morire a ridimensionarsi ulteriormente nel panorama economico-finanziario del mondo globalizzato.
I commenti che vegnono fatti sulle iniziative imprenditoriali dei nostri migliori viticoltori sono fra il risibile ed il demoralizzante.
Ci sarebbe molto da scrivere ma avendo pochissimo tempo mi limito a delle affermazioni flash:
1) i produttori di vino sono prima degli imprenditori e poi qualcos'altro (contadini, enologi, agronomi, cantinieri, commercianti, ecc.);
2) la "poesia" come la chiamate voi è una fesseria che qualcuno si è creato nel cervello anni fa, frutto di pura fantasia, forse in fase di decantazione dei fumi dell'alcool. Chi mi legge da molti anni si ricorderà che era il tema principale di discussione con il gruppo AVR a cui cercavo di spiegare che tutti quelli ceh vendono vino hanno una loro strategia di "marketing" perchè per TUTTI la priorità è vendere il vino che hanno in cantina e venderlo ad un prezzo che ritengono sufficientemente remunerativo;
3) il prezzo infatti non è una variabile controllabile dal produttore: il prezzo lo fa l'incontro fra la domanda e l'offerta ed accusare un produttore italiano di essere uno "speculatore" (con un linguaggio degno dei razzolatori di monnezza!) dopo che per decenni vi siete tragugiati migliaia di bottiglie francesi vi rende più ridicoli di clown a fine carriera. Dai 2-5 euro a bt. in su, tutti i prezzi sono determinati dal valore percepito dal cliente, non hanno niente a che fare con il costo della produzione. Quindi l'unica differenza la fanno due fattori: quante bottiglie hai prodotto e quanti sono disposti a pagare un determinato prezzo. Se ci sono 1.500 ricchi disposti a pagare 400 euro per quelle bottiglie (a fronte di 150.000 che le vorrebbero ma non riusciranno ad averle), per quale caz*o di motivo dovrebbero venderle a € 50 cad. a noi barboni?
4) perchè alla fine il problema è tutto qui: una volta ci sentivamo fra i più ricchi del mondo e bevevamo a prezzi, proibitivi per il 99,99% dell'umanità, i nostri migliori vini (oltre a quelli dei "maestri di mercato" francesi), adesso invece il mondo è cambiato alla velocità della luce ed i BARBONI "MORTI DI FAME" SIAMO DIVENTATI NOI. Non ci possiamo permettere i vini da € 500 a bt. esattamente come molti altri non si potevano permettere quelli da € 50 venti anni or sono.
La differenza è che noi siamo rimasti al palo (anzi siamo arretrati) e gli altri sono andati avanti, molto più avanti.

Quindi adesso schiumiamo rabbia accusando i produttori che (finalmente) si muovono bene sul mercato globale e rimangono agganciati al mondo evoluto. Noi invece facciamo ragionamenti tristi (Alì65 in particolare ha una visione sovranista da far paura, la perfetta sintesi di come pensa in modo perdente la maggioranza degli italiani) che ci condanneranno ad essere ancora più sfigati, poveri e marginali nel mondo che conta. Probabilmente l'ondata sovranista ci porterà a chiuderci ancora di più magari a tornare a stampare Lire, anzi fiorini, ducati, sesterzi, poi sempre peggio.... fino al baratto fra beni primari.
I turisti del mondo globale ci verranno ad osservare dall'alto sui loro autobus-mini-jet mentre nelle noi, davanti alle nostre capanne, danzeremo in cerchio e faremo i nostri riti magici contro le malattie infettive (che nel frattempo ci avranno decimati).

Per adesso (purtroppo) quello che avevo pronosticato 15-10 anni or sono si è verificato. Spero tanto di sbagliarmi per i prossimi 10-15 ma temo sempre di più che rischio di azzeccarci anche stavolta...



Apprezzo sempre il modo di vedere le cose di Wineduck, a prescindere dal fatto di essere d'accordo o meno, danno comunque modo di riflettere, in questo caso però non capisco cosa gli piacerebbe leggere su queste pagine:

Appassionato pezzente: "evvai, un altro italico vino che può competere per blasone e prezzo con i più grandi vini mondiali, un altro produttore storico e che ha fatto la storia finalmente valorizzato come si deve, sono felicissimo di aver comprato fino a ieri tutte le annate, pagandole anni fa 20.000 lire, fino a qualche anno fa 40/50 euro, e da oggi potrò solo guardare gli altri che le stappano, ed al massimo trastullarmi davanti a qualche nota di degustazione, evvai"

appassionato ricco sfondato: "evvai, un altro italico vino che può competere per blasone e prezzo con i più grandi vini mondiali, un altro produttore storico e che ha fatto la storia finalmente valorizzato come si deve, finalmente non dovrò più nascondermi in cantina a tracannare pergole torte come un pezzente, sfoggiando invece P3 e Petrus con gli amici per fare bella figura, da oggi potrò portarlo sullo Yacht e sciabolarlo senza vergogna..."

qui se non sbaglio siamo tutti appassionati di vino, credo che nessuno sia felice di non poter comprare ed assaggiare questo vino, cosa dovremmo mai scrivere?
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
davidef
Messaggi: 7677
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda davidef » 10 lug 2018 14:02

Ziliovino ha scritto:
qui se non sbaglio siamo tutti appassionati di vino, credo che nessuno sia felice di non poter comprare ed assaggiare questo vino, cosa dovremmo mai scrivere?


Sul vino specifico ho una curiosità pari a zero ma sul concetto comunque posso solo applaudirti :D

Diverso tempo fa discutevo di prezzi, mercati ed acquisti mirati e dall'esigenza di diversificare e venivo perculato...vedo che sedersi ed aspettare in riva al fiume funziona ancora...
Luca90
Messaggi: 50
Iscritto il: 10 mag 2018 17:39
Località: Novarese

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Luca90 » 10 lug 2018 14:11

l'oste ha scritto:
Luca90 ha scritto:
l'oste ha scritto:Conterno fa poesia?
Masseto fa poesia?
Sassicaia fa poesia?
Rayas fa poesia?

Mi fa sorridere che in un mondovino dove la speculazione ormai è il mercato si parli di poesia.
Lino Maga allora è Dante Alighieri.


Fermo restando che come ha detto qualcuno le situazioni, anche tra i produttori da te citati, sono molto diverse, ti risponderei:

forse tra loro no, ma girando per i produttori, cercandone sempre di nuovi, magari piccoli, magari non conformati perfettamente al mercato contemporaneo del vino, c'è un sacco di poesia.

Lino Maga è uno di quelli ma ce ne sono moltissimi, tanti mai citati sul forum ad esempio.

Io sono uno di quelli che cerca ancora la poesia del vino, ma certo non la cerco in Masseto

Sono completamente d'accordo, come ho scritto qui in qualche thread: grazie all'impennata dei "noti" (produttori e tipologie), il vero appassionato girerà per cantine e terroir "minori" per scoprire realtà da seguire.
Personalmente, a parte le varie doc del nord Piemonte, per i rossi ultimamente sono in fissa con Taurasi.



E si scopre anche che talvolta i terroir minori sono tali più per motivi storico-culturali che non per quelli strettamente qualitativi..

Va bè tra Boca, Ghemme e Gattinara io ci sono nato e cresciuto perciò non faccio testo :D
Avatar utente
davidef
Messaggi: 7677
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda davidef » 10 lug 2018 14:18

Comunque , aldilà di analisi socioeconomiche condivisibili o meno, mi sembra anche logico che l'arrivo sul mercato di una bottiglia ad hoc che grazie al giusto tam-tam veleggia già oltre i 400€ qualche perplessità lo possa generare

Non è che nei paesi pieni di nuovi ed intelligentissimi nonchè illuminati ricchi ci siano cordate di persone che aspettano con ansia che Montevertine faccia uscire la riserva del cinquantenario, chi compra vino seriamente si mette a ridere di queste operazioni, poi ovvio una manciata di bottiglie si vende e quindi il problema non esiste ma penso che alla fine, numeri alla mano, sarà la classica operazione premiata dal mercato ma molto meno da chi beve seriamente
Nebbiolino
Messaggi: 6718
Iscritto il: 06 feb 2008 21:53

Re: ...fate tutti finta di niente eh???

Messaggioda Nebbiolino » 10 lug 2018 14:39

Wineduck ha scritto:Il vino di livello alto costa molto,


Il vino di livello alto, col tempo dovrebbe arrivare a costare molto.

Non dico che i nostri non siano ottimi vini (l'ho sempre sostenuto, sui rossi in particolare), però è un dato di fatto che i prezzi si sono quintuplicati (in certi casi, anche di più) non per un progressivo apprezzamento del mercato mondiale maturato nel corso di lustri e lustri (come fu in buona parte per i francesi), ma per bolle speculative che hanno del folle.

Un 100 punti appioppato da un critico in voga, et voilà... e una volta che questo sistema è innescato, si perde ogni logica. Vedasi 2014 in langa.

Concordo con chi dice che il prezzo lo fa il mercato, ma quando certi fenomeni accadono in uno strettissimo lasso di tempo, più che essere di fronte al riconoscimento della bontà del vino italiano, si ha la sensazione di trovarsi di fronte a speculazioni ben progettate.
Per carità, fa parte del gioco anche questo, intendiamoci, ma un filo di perplessità può suscitarla.

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: gpetrus, landmax, MARAUDER, markov, supersonic76 e 15 ospiti