Moscato d'Asti

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
lloyd142
Messaggi: 477
Iscritto il: 20 feb 2008 15:31
Località: legnano

Moscato d'Asti

Messaggioda lloyd142 » 24 apr 2018 14:03

Domenica in giro per cantine a Nizza, sul crinale tra San Marzano e Canelli, che divide idealmente la zona della Barbera da quella del Moscato, due diversi produttori mi parlavano di come questo vino lasciato invecchiare, evolva in maniera particolare, assumendo le caratteristiche dei Riesling teutonici. Uno dei due si sbilanciava raccontandomi di mineralita' ,idrocarburi, pietra focaia e quant'altro faccia parte del corredo dei blasonati tedeschi... :shock: :shock:
Qualcuno tra Voi ha qualche riscontro in merito??
marcolanc
Messaggi: 644
Iscritto il: 19 nov 2007 17:40

Re: Moscato d'Asti

Messaggioda marcolanc » 24 apr 2018 14:30

Non dico niente di nuovo, ma il Ca’d’Gal Vigna Vecchia è di longevità impressionante. E personalmente sto provando a tenere da parte anche qualche Sant’Ilario, ché ho il dubbio possa regalare soddisfazioni mica da ridere. :D
maxer
Messaggi: 2441
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: Moscato d'Asti

Messaggioda maxer » 24 apr 2018 15:50

Ho trovato quei sentori di Riesling alcuni anni fa con una bottiglia del 2003 di La Galeisa, un moscato della cantina La Caudrina della famiglia di Romano Dogliotti, dimenticata in cantina per oltre dieci anni :shock:
Stessa cosa mi è successa più di recente con una La Morandina relativamente più giovane (sei anni).
La carbonica era quasi svanita per entrambe, ma profumi e bocca ricordavano inaspettatamente un Riesling.
Per cui ho deciso di lasciar invecchiare per altri cinque anni due bottiglie di Fol 2013, l' elegante moscato secco di Ezio Cerruti: penso proprio che mi darà delle piacevoli sorprese.
carpe diem 8)
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2719
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: Moscato d'Asti

Messaggioda Ludi » 24 apr 2018 16:56

lloyd142 ha scritto:Domenica in giro per cantine a Nizza, sul crinale tra San Marzano e Canelli, che divide idealmente la zona della Barbera da quella del Moscato, due diversi produttori mi parlavano di come questo vino lasciato invecchiare, evolva in maniera particolare, assumendo le caratteristiche dei Riesling teutonici. Uno dei due si sbilanciava raccontandomi di mineralita' ,idrocarburi, pietra focaia e quant'altro faccia parte del corredo dei blasonati tedeschi... :shock: :shock:
Qualcuno tra Voi ha qualche riscontro in merito??


quoto chi ha detto Ca’ d’Gal. Riesling più cedrata....e comportamento incredibile in abbinamento a piatti di mare (ostriche, ad esempio)
lloyd142
Messaggi: 477
Iscritto il: 20 feb 2008 15:31
Località: legnano

Re: Moscato d'Asti

Messaggioda lloyd142 » 24 apr 2018 17:47

[/i]
Ludi ha scritto:
lloyd142 ha scritto:Domenica in giro per cantine a Nizza, sul crinale tra San Marzano e Canelli, che divide idealmente la zona della Barbera da quella del Moscato, due diversi produttori mi parlavano di come questo vino lasciato invecchiare, evolva in maniera particolare, assumendo le caratteristiche dei Riesling teutonici. Uno dei due si sbilanciava raccontandomi di mineralita' ,idrocarburi, pietra focaia e quant'altro faccia parte del corredo dei blasonati tedeschi... :shock: :shock:
Qualcuno tra Voi ha qualche riscontro in merito??


quoto chi ha detto Ca’ d’Gal. Riesling più cedrata....e comportamento incredibile in abbinamento a piatti di mare (ostriche, ad esempio)


[quote=Maxer] Ho trovato quei sentori di Riesling alcuni anni fa con una bottiglia del 2003 di La Galeisa, un moscato della cantina La Caudrina della famiglia di Romano Dogliotti, dimenticata in cantina per oltre dieci anni :shock:
Stessa cosa mi è successa più di recente con una La Morandina relativamente più giovane (sei anni).
La carbonica era quasi svanita per entrambe, ma profumi e bocca ricordavano inaspettatamente un Riesling.
Per cui ho deciso di lasciar invecchiare per altri cinque anni due bottiglie di Fol 2013, l' elegante moscato secco di Ezio Cerruti: penso proprio che mi darà delle piacevoli sorprese
.[/quote]

Grazie a tutti...
Mi sa che provo a metterne via qualche bottiglia.. :D :D
BarbarEdo
Messaggi: 717
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: Moscato d'Asti

Messaggioda BarbarEdo » 24 apr 2018 18:02

Moscato meno noto e da pochi anni prodotto: il Selezione di Erik (uscite la 2011 e la 2012 se non sbaglio) dell' azienda Dogliotti 1870 di Castagnole Lanze. Selezione in vigna, macerazione a freddo, affinamento misto (acciaio e botte grande), quindi assemblaggio e lungo riposo sulle fecce e in bottiglia (18 mesi).
A tutto un altro prezzo (fin esagerato...), Segnalo anche le selezioni "Canè " e "Crivella" di Mongioia: alcune annate escono sul mercato dopo molti anni ( tipo Canè 1999 o Crivella 2003).
Primum bibere deinde philosophari

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: alleg, Baloo1926, Belluccio, cskdv, Hurdygurdypav, littlewood, maxer, Postino, vinogodi e 13 ospiti