COSA SI BEVE IN APRILE?

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 26215
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda vinotec » 02 apr 2018 06:07

...tutti spariti, fagocitati dalle abbuffate pasquali. Tocca a me l'arduo compito di iniziare le bevute del mese di aprile:
- GIULIO FERRARI RESERVA DEL FONDATORE 2005: GRAN BEL NASO, PERLAGE FINISSIMO E CLASSE DA VENDERE, ANCORA PER ALCUNI LUSTRI...MIELE E SENTORE DI ROSA SLVATICA :D :D :D :D :)
- TIGNANELLO 2004: ORA E' AL TOP, MA DURERA' ANCORA A LUNGO; GRANDE ANNATA; BEL NASO CON I CLASSICI SENTORI DI LIQUERIZIA E FRUTTI ROSSI E BOCCA COME PIACE A ME, BELLA PIENA ED ELEGANTE...GRAN CLASSE: :D :D :D :D :D
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2599
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Ludi » 02 apr 2018 09:17

Tema, Vermentino di Sardegna Silbanis 2013: sempre più convincenti con l’invecchiamento i vini di questa giovane cantina seguita da Angelo Angioi. Nettissimo ed intrigante il dialogo tra la vena salmastra e quella idrocarburica. Molto piaciuto.
Mulleri, Diavolo Cervo 2013: materia eccellente tradita dall’uso eccessivo del legno. Peccato.
Sedilesu, Perda Pinta Sulle Bucce 2012: intrigante, denso, con controllata ossidazione. Certo, i 16 gradi si sentono, e la beva non è facilissima.
Santadi, Terre Brune 2010: internazionale quanto si vuole, ma fatto benissimo e di grandissima eleganza.
Mulleri, Moscato Deserto 2013: buono senza essere trascinante.
Dettori Bianco 2015: al contrario del Perda Pinta, è bevibilissimo e nasconde a meraviglia i suoi 15 gradi. Le note di lievito sono avvertibili e donano complessità ulteriore.
Dettori, Tuderi 2011: un Tenores “declassato” che mantiene però la sua magia fatta di mirto, confettura di mora, erbe selvatiche e cola. Anche qui, magica bevibilita’.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6430
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda zampaflex » 02 apr 2018 09:28

Tardieu laurent - chateauneuf du pape vv 2006
Bombardone senza grande personalità né particolare profondità, sia al naso che in bocca. Pieno e abbastanza ben gestito, ma rigorosamente da abbinare ad una pietanza robusta capace di sostenerlo.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
davidef
Messaggi: 7679
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda davidef » 02 apr 2018 09:42

zampaflex ha scritto:Tardieu laurent - chateauneuf du pape vv 2006
Bombardone senza grande personalità né particolare profondità, sia al naso che in bocca. Pieno e abbastanza ben gestito, ma rigorosamente da abbinare ad una pietanza robusta capace di sostenerlo.


Pure l'annata porta ad avere vini non particolarmente aperti ora
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6430
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda zampaflex » 02 apr 2018 14:54

davidef ha scritto:
zampaflex ha scritto:Tardieu laurent - chateauneuf du pape vv 2006
Bombardone senza grande personalità né particolare profondità, sia al naso che in bocca. Pieno e abbastanza ben gestito, ma rigorosamente da abbinare ad una pietanza robusta capace di sostenerlo.


Pure l'annata porta ad avere vini non particolarmente aperti ora

Eh, mi ero segnato di aprirlo tra almeno 4 anni ma essendo andato in cantina a prendere una boccia alla cieca me lo sono trovato davanti e mi sono detto "perché no?"
:roll:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
alì65
Messaggi: 10698
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda alì65 » 02 apr 2018 18:11

zampaflex ha scritto:
davidef ha scritto:
zampaflex ha scritto:Tardieu laurent - chateauneuf du pape vv 2006
Bombardone senza grande personalità né particolare profondità, sia al naso che in bocca. Pieno e abbastanza ben gestito, ma rigorosamente da abbinare ad una pietanza robusta capace di sostenerlo.


Pure l'annata porta ad avere vini non particolarmente aperti ora

Eh, mi ero segnato di aprirlo tra almeno 4 anni ma essendo andato in cantina a prendere una boccia alla cieca me lo sono trovato davanti e mi sono detto "perché no?"
:roll:


Luciano, la prossima volta accendi la luce... :mrgreen:
futuro incerto...ma w la gnocca!!!
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12474
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Kalosartipos » 02 apr 2018 18:14

Non sarebbe stato male, peccato per una chiusura leggermente amara, come se venisse da altre zone particolarmente vocate.. :roll:

Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
BarbarEdo
Messaggi: 363
Iscritto il: 25 apr 2017 23:11

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda BarbarEdo » 02 apr 2018 20:11

Valter Mattoni - Arshura 2014
Fiori rossi, grafite, ferro al naso, espressivo e senza sbavature. Acuminato, verticale al sorso, freschissimo nonostante i 14,5°. È beverino, disimpegnato, ma, complice l'annata, non lascia il segno. Al momento, non il mio tipo di vino.

Francesco Boschis - barbera d'Alba Superiore Vigna la Masseria 2013
Ciliegia croccante, un filo di legno forse, ma ben gestito, (vaniglia, tabacco). Bel ritorno di amarena e lampone al sorso, su toni aciduli ma dalle sfumature gustative interessanti. Non stanca e si presta bene su antipasti di carne e primi piatti leggeri

Vajra - Barolo Bricco Delle Viole 1999
Colore e tappo sembrano a posto ma il vino mi pare troppo evoluto per i suoi anni, con nette sensazioni di funghi e terriccio a coprire un pot pourri appena accennato. Al sorso è spoglio, esile, resta solo la componente acida. Spero si sia solo trattato di una bottiglia storta.
Primum bibere deinde philosophari
dc87
Messaggi: 387
Iscritto il: 28 feb 2012 16:47

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda dc87 » 03 apr 2018 11:17

Opus One 2003 Vino dal colore perfettamente vivido, lucente che si rispecchia in una freschezza da campione per un rosso di 15 anni. Corrispondenza naso bocca pressoché perfetta con il primo davvero intenso e definito ma per contro con un’immobilita permamente ed una complessità non particolarmente incisiva nemmeno in bocca, dove la faceva da padrone il frutto scuro, in diverse versioni ma pur sempre di solo frutto si tratta. Ecco forse da un cab + merlot + petit verdot apprezzerei maggiormente un’evoluzione un tantino più bordolese.
Spezzo una lancia a favore descrivendo una bocca in gran equilibrio nonostante la potenza espressa.
In definitiva, per me, un grande esercizio di stile ma l’emozione la cerco altrove. 89/100.

..in giorno radice però.. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1269
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 03 apr 2018 12:26

Barbera d'alba Boasso 2014
veramente buona, il solito profilo di incenso e pepe già riscontrato in tutta la gamma di vini di codesto produttore..il classico sentore vinoso, quasi di cantina, lo rende riconoscibile alla cieca anche ad un novizio quale il sottoscritto. bocca equilibrata, fresca, scorrevole, lievemente tannica.
bevuta al pranzo pasquale ad accompagnare gli antipasti più disparati (dal salame felino, all'insalata russa, misto di funghi), delle pennette spada pomodorini e melanzane, e il classico capretto al forno.

Champagne philipponat reserve royale, vendange 2013, sboccatura settembre 2017, 36 mesi sui lieviti, 65% pinot noir.
godurioso, un naso di pesca, pere cotte, erba bagnata, fiori appassiti..spunta ogni tanto una nota affumicata molto interessante. la finezza della bolla forse è eccessiva, si perde un po' via nel calice, ma rimane estremamente elegante, carezzevole. la cosa più interessante al palato è questa persistenza veramente importante, fresca, che pecca forse di una chiusura leggermente amarognola.
bevuto a pasquetta con una semplice pennetta al salmone affumicato e olive tagiasche..lo finirò stasera con dei bastoncini di baccalà fritti :mrgreen: :mrgreen:
Lorenzo
Spectator
Messaggi: 3594
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Spectator » 03 apr 2018 13:14

...Le Pergole Torte,2008.Vi e' mai capitato di aprire un vino dal colore rosso vivido,solo leggermente..opaco ma completamente andato?Eccolo qua.Ci si poteva condire na..bella insalata con finocchi e ravanelli,volendo :mrgreen: :evil: . Sapeva..splendidamente di aceto.Preso su questo forum da persona..fidatissima :shock: .
landmax
Messaggi: 896
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda landmax » 03 apr 2018 15:12

Due bei sangiovesi bevuti tra Pasqua e pasquetta:

Rhod 2015 Terre di Macerato
Franco Dal Monte non ha mai considerato il Rhod il secondo vino aziendale, nonostante faccia solo acciaio (l'altro è l'Audace, con passaggio in barrique). In questo momento è un vino molto gradevole all'olfatto, con un frutto dolce quanto basta, un accenno di viola e una speziatura intrigante. In bocca è agile ma non magro, non è un vino complesso, tuttavia è molto "pulito", con tannini ricamati e di bella freschezza, assai gastronomico (con primi a base di ragù e ciccia in generale).

Chianti Classico Ris. Bucciarelli 2011 Antico Podere Casanova
Questo mi è parso davvero un sangiovese di razza. Il frutto è nero e dolce, con una speziatura di ginepro evidente e ammaliante. Col tempo escono sentori di carne frolla molto "solderiani". Vino gustosissimo, di grande energia e "presa" al palato, con tannini forse un pò rustici, ma che a me son piaciuti proprio per questo, in quanto funzionali a dare "grip" al vino (che nonostante l'annata calda, in cui si avverte la maturità del frutto, riesce a gestire perfettamente l'alcol). Lungo e anch'esso molto gastronomico (con pici al ragù di agnello ci stava che è una meraviglia).

Bonus track
Sforzato di Valtellina 2015 Dirupi
Molto profumato, con ciliegia matura in evidenza, seguita dalle "classiche" note di castagna cotta che ritrovo in molti Valtellina e speziatura dolce (cannella direi). Rotondo all'assaggio, ma non "seduto", di estrazione tannica molto misurata, con finale di buona lunghezza e "corrispondenza". Ne ho bevuto un solo bicchiere, ma mi è parso piuttosto buono (credo il primo sforzato che mi sia piaciuto, ma non sono un esperto della tipologia).
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12474
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Kalosartipos » 04 apr 2018 10:25

Non molto amato su queste pagine, ma questa 2015 era una bottiglia davvero fenomenale... e la foto non rende onore all'affascinante colore

Immagine

Immagine
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
lucastoner
Messaggi: 209
Iscritto il: 20 giu 2009 09:59

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda lucastoner » 04 apr 2018 10:33

Dalla foto effettivamente pareva na bella birretta :D
Baloo1926
Messaggi: 31
Iscritto il: 15 gen 2018 12:13
Località: Arezzo

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Baloo1926 » 04 apr 2018 11:06

Bolgheri Rosso 2015 - Michelle Satta
Colore rosso rubino brillante, al naso si percepiscono note fresche di frutti rossi e pure spezie. In bocca è ottimo, sapido e fresco, si fa bere che è una meraviglia (piaciuto anche ai commensali, non certo esperti sommelier).
Abbinato a delle lasagne al sugo, bottiglia evaporata.

Chianti Classico Riserva 2012 - Badia a Coltibuono
Da uve Sangiovese, Canaiolo, Ciliegiolo e Colorino. Forse un infanticidio, sicuramente avrebbe saputo dare di più tra qualche anno.
Naso giocato soprattutto su note balsamiche e qualche accenno floreale. Poi ciliegia e liquirizia, che si fanno ritrovare anche in bocca. Al palato caldo e piacevole, buon equilibrio tra corpo e freschezza. A braccetto con l'arrosto fa il suo dovere egragiamente.
Alessio
Avatar utente
venicka
Messaggi: 373
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda venicka » 04 apr 2018 11:47

Kalosartipos ha scritto:Non molto amato su queste pagine, ma questa 2015 era una bottiglia davvero fenomenale... e la foto non rende onore all'affascinante colore

Immagine

Immagine


come no, io da sorbarista convinto ne tracanno a tonnellate in ogni contesto possibile e immaginabile, gran lama.

un paio di bocce recenti così, ad minchiam.

2016 3 Miradas El Garrotal Montilla Moriles - Alvear
Boccia scrausissima servita alla cieca che ha fatto impazzire i presenti: trattasi di pedro ximenez secco con breve macerazione sulle bucce e lieve ossidazione sotto flor. :shock:
Buono.
Uno splendido naso dove oltre alla classica salinità tipica di quelle zone si alternano canditi, agrume amaro, tanti fiori, da rose a fiori secchi, un'erbaceo di origano netto sparato e sorbetto al mandarino, bocca di corpo e sostanza, astenersi lamalovers, è un vino aperto e goduriosissimo già da ora.
Scrausissimo ma nella sua scrausità m'è piaciuto tanto

2017 Vin Noveau de France - Clos du Tue Bous
Vino da enogay che più enogay c'è solo malgioglio ubriaco a ibizia ma che bel gluglu, tutto fragoline, charms ai lamponi e gerani, dolce di fruttino e esile anche in bocca ma fresco e dissetante.
Per un aperitivo diverso dice la sua, delizioso.

NV Clos du Moulin - Cattier
Io sono tutto tranne che un enosborone da ace of spades e via dicendo ma questa è una gran bolla.
50% chardonnay e 50% Pinot nero, blend di 1982,83 e 85.
Naso iperespressivo da subito con gesso e calcare sparati, nocciole tostate, fiori gialli e mela golden si alternano con le (belle e assolutamente non monopolizzanti) note ossidative, ma è la bocca che stupisce: freschissima.
Acida da morire, giovanile, energica, piena di tensione, lunga e di grandissima densità gustativa.
Frutto maturo azzannato direttamente dall'albero ma con le bolle.
Ha accompagnato perfettamente degli involtini di sogliola con lardo e nocciole.
Piaciuto taaaanto.
Avvinazzato1970
Messaggi: 79
Iscritto il: 01 feb 2018 22:50

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Avvinazzato1970 » 04 apr 2018 12:26

Kalosartipos ha scritto:Non molto amato su queste pagine, ma questa 2015 era una bottiglia davvero fenomenale... e la foto non rende onore all'affascinante colore

Immagine

Immagine



Favoloso!
Unica pecca è la variabilità da bottiglia a bottiglia... ma sui rifermentati è un po' così...
Grande Paltrinieri!
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 10588
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Alberto » 04 apr 2018 12:32

Avvinazzato1970 ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:Non molto amato su queste pagine, ma questa 2015 era una bottiglia davvero fenomenale... e la foto non rende onore all'affascinante colore

Immagine

Immagine



Favoloso!
Unica pecca è la variabilità da bottiglia a bottiglia... ma sui rifermentati è un po' così...
Grande Paltrinieri!

Stappato pure io il giorno di Pasqua: confermo il colore assurdo (in senso buono :D ), e bottiglia veramente interessante.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
stefanor
Messaggi: 22
Iscritto il: 27 gen 2014 14:51

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda stefanor » 04 apr 2018 13:07

Alberto ha scritto:
Avvinazzato1970 ha scritto:
Kalosartipos ha scritto:Non molto amato su queste pagine, ma questa 2015 era una bottiglia davvero fenomenale... e la foto non rende onore all'affascinante colore

Immagine

Immagine



Favoloso!
Unica pecca è la variabilità da bottiglia a bottiglia... ma sui rifermentati è un po' così...
Grande Paltrinieri!

Stappato pure io il giorno di Pasqua: confermo il colore assurdo (in senso buono :D ), e bottiglia veramente interessante.


grande sorbara, effettivamente variabile, ma spesso, per me uno tra i migliori !!
Avatar utente
Kalosartipos
Messaggi: 12474
Iscritto il: 07 giu 2007 13:57
Località: Cremona
Contatta:

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Kalosartipos » 04 apr 2018 13:16

lucastoner ha scritto:Dalla foto effettivamente pareva na bella birretta :D

Ti garantisco che era un'affascinante tonalità rosa pallido.
"La vita è breve e bisogna che uno se la beva tutta".
Osvaldo Soriano - "L'ora senz'ombra"
lucastoner
Messaggi: 209
Iscritto il: 20 giu 2009 09:59

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda lucastoner » 04 apr 2018 13:50

Alberto ha scritto:Stappato pure io il giorno di Pasqua: confermo il colore assurdo (in senso buono :D ), e bottiglia veramente interessante.


Alberto eri tu che l'avevi in vendita vero? Mi avete fatto venir sete porcaccia...
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 10588
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Alberto » 04 apr 2018 15:02

lucastoner ha scritto:
Alberto ha scritto:Stappato pure io il giorno di Pasqua: confermo il colore assurdo (in senso buono :D ), e bottiglia veramente interessante.


Alberto eri tu che l'avevi in vendita vero? Mi avete fatto venir sete porcaccia...

:wink:
Ultima modifica di Alberto il 04 apr 2018 15:43, modificato 1 volta in totale.
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1269
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 04 apr 2018 15:19

landmax ha scritto:Due bei sangiovesi bevuti tra Pasqua e pasquetta:



Chianti Classico Ris. Bucciarelli 2011 Antico Podere Casanova
Questo mi è parso davvero un sangiovese di razza. Il frutto è nero e dolce, con una speziatura di ginepro evidente e ammaliante. Col tempo escono sentori di carne frolla molto "solderiani". Vino gustosissimo, di grande energia e "presa" al palato, con tannini forse un pò rustici, ma che a me son piaciuti proprio per questo, in quanto funzionali a dare "grip" al vino (che nonostante l'annata calda, in cui si avverte la maturità del frutto, riesce a gestire perfettamente l'alcol). Lungo e anch'esso molto gastronomico (con pici al ragù di agnello ci stava che è una meraviglia).



bevuto di recente e mi ci rivedo molto nella tua descrizione.. "ancora giovanissimo per acidità e tannino, maestoso nei profumi, ciliegia scura.."
Lorenzo
Ziliovino
Messaggi: 2984
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Ziliovino » 06 apr 2018 13:04

Soave Il Selese 2016 - I Stefanini. Sapido, fresco e floreale, veramente un gioiellino di Soave nella sua semplicità, energico e dissetante.

Soave 2008 - Tamellini. Bottiglia molto più in forma di una gemella bevuta un annetto fa: pesche sciroppate e albicocche, frutta matura, bocca di buona struttura e grassezza senza essere pesante, gran bella prova di resistenza per un base.

Vin de Pays de L'Ardeche Granit Blanc 2014 - Vincent Paris. Preso più che altro perchè piaceva alla moglie, invece devo dire che il paio d'anni di cantina hanno smorzato l'esuberanza aromatica: anice, finocchietto, leggero sedano, scorza di cedro, bocca d'impatto glicerico bilanciata da una buona scia acida. Interessante.

Chianti Classico Riserva Borro del Diavolo 1999 - Ormanni. Stramaledetto tappazzo... una delle prime bottiglie che acquistai per conservarle un po' di anni, parte con lamponi, note ematiche e sigaro, ma poco dopo il TCA la fa da padrone. Davvero peccato, le premesse erano ottime.

Barbera d'Alba Superiore Bricco Appiani 2006 - Roddolo. Ancora perfettamente integra, con una ciliegia netta e scintillante, ha acquisito parecchia eleganza ed equilibrio, anche al sorso è precisa e senza sbavature. Mi aspettavo più rusticità, mi ha stupito. Ottima barbera.

Chianti Classico 2004 - Catell'in Villa. Chiuso a riccio ed anche un po' scomposto in bocca, la sera appena stappato e aspettato un paio d'ore è decisamente una delusione, il giorno dopo recupera almeno in parte, arriva la frutta scura, note ferruginose e si distende al sorso dove è teso e con tannini decisi ma levigati. Diciamo mezza-delusione.

Barolo Cannubbio 2005 - Francesco Rinaldi e figli. Frutto rosso, piuttosto solare, cenni ferruginosi, cuoio e spezie, bocca di buon corpo ed energia tannino deciso ma un poco polveroso. Non farà sobbalzare ma è un bel Barolo classico e didascalico.

Brunello di Montalcino 2012 - Baricci. Frutto più scuro rispetto all'assaggio fatto un annetto fa, c'è sempre la bella arancia sanguinella, un po' di cuoio, sorso succoso e piacevole. La prossima da stappare tra un altro anno sperando che ritorni a toni più solari.

Moscato d'Asti Cascina Fiori 2016 - Oddero Poderi e Cantine. Preciso e pennellato: bella nota aromatica di fiori e agrumi, bocca cremosa, residuo piuttosto marcato ma la freschezza c'è. Non ha il carattere dei top di categoria ma è fatto bene.

Alsace Gewurztraminer Cuvée del la Premiére Neige 2007 - Aimé Stentz. Da vendemmia tardiva, domina la scena un litchi maturo e polposo, pasticceria, qualche spezia dolce, bocca dalla dolcezza molto misurata che lascia però emergere l'amarognolo finale.
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 10588
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: COSA SI BEVE IN APRILE?

Messaggioda Alberto » 06 apr 2018 18:29

A pranzo con uno spaghetto al pomodoro, 'nduja, origano e pecorino, che qualcuno forse definirebbe ignorantissimo:
Vino Rosso, Casa Wallace (13%)
Vino che in altre annate dovrebbe essere uscito come Monferrato Rosso: 75% dolcetto di Ovada, 25% tra merlot e cabernet con passaggio in legno di 9 mesi, annata non dichiarata (forse 2008? ipotizzo decriptando il lotto di imbottigliamento, ma non ne ho certezza... :roll: ), tappo in vetro :shock: , azienda in regime biodinamico. Vi è venuta un po' di strizza, eh? :lol:
Che dire, sentendolo nel bicchiere...bel colore rubino scuro scuro e integro, naso che al netto di una passeggera riduzione iniziale si apre su un interessante profilo "ombroso" con una certa maturità di frutto, con apporti terziari un po' vegetali (si sente la quota di uve bituriche), tendenti addirittura al goudron e al balsamico scuro nel tempo; sorso rusticano, senza dubbio molto "naturalista" con un filino di volatile in agguato, ma con dentro una notevole profondità di materia e di sapore. Tannino bene estratto, assolutamente non amaro, e chiusura un po' sbilanciata sulle durezze, sapidità soprattutto.
Mi ha ricordato non poco i vecchi Ovada del fu Ratto Giuseppe, detto Pino, e per me non è cosa da poco.
Stasera si replica con lumache alla veneta reinterpretate (chiedetemi pure la ricetta, però domani perché prima le voglio provare :mrgreen: ) e polenta gialla...staremo a vedere...
Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Alberto, Baloo1926, gabresso, lucastoner, paolik e 17 ospiti