LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
vinogodi
Messaggi: 26910
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda vinogodi » 01 gen 2018 13:30

...Oggi ho appena stappato un Riesling Trocken di Kunstler 2016 e lo berrò con una tortellata epica di tortelli di zucca mantovana ... poi vi dico... :P
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
docfa0332
Messaggi: 3613
Iscritto il: 20 apr 2009 18:00
Località: cittiglio

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda docfa0332 » 01 gen 2018 17:59

champagne le crane 09 Bereche , molto complesso e gastronomico, abbinato con zampone e cotechino .
buone bevute per il 2018
vinogodi
Messaggi: 26910
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda vinogodi » 01 gen 2018 19:13

vinogodi ha scritto:...Oggi ho appena stappato un Riesling Trocken di Kunstler 2016 e lo berrò con una tortellata epica di tortelli di zucca mantovana ... poi vi dico... :P
...residuo zuccherino minimo, grande acidità, abbinamento delizioso...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Avatar utente
davidef
Messaggi: 7695
Iscritto il: 06 giu 2007 17:23
Località: Vicenza

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda davidef » 04 gen 2018 00:18

vinogodi ha scritto:...Oggi ho appena stappato un Riesling Trocken di Kunstler 2016 e lo berrò con una tortellata epica di tortelli di zucca mantovana ... poi vi dico... :P


per quel tipo di tortelli potrei far cose assurde :mrgreen:

organizza una tortellata tra storici dai, una boccia a testa :roll:
GabrieleB.
Messaggi: 751
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda GabrieleB. » 04 gen 2018 09:40

davidef ha scritto:
vinogodi ha scritto:...Oggi ho appena stappato un Riesling Trocken di Kunstler 2016 e lo berrò con una tortellata epica di tortelli di zucca mantovana ... poi vi dico... :P


per quel tipo di tortelli potrei far cose assurde :mrgreen:

organizza una tortellata tra storici dai, una boccia a testa :roll:

Davide mio papà è di Viadana come Marco,lui lo sa...ormai la gestione del tortello di zucca è passata nelle mie mani ed ho ancora due belle vaschette di ripieno fresco della vigilia nel congelatore,se volete tra un po' posso mettermi a farli :wink:
Vinos
Messaggi: 719
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda Vinos » 05 gen 2018 12:06

bonneau marie beurrier 2004: vino beccato in una fase di chiusura, naso poco espressivo e bocca dal tannino irruento, di grande freschezza ma privo di fusione tra le parti,bisogna dargli ancora tempo.

Amarone Quintarelli 1997: spartito classico Quintarelliano, su note di ciliegia sotto spirito , prugna, tabacco, nobile ossidazione, al sorso la consueta dolcezza glicerica( e zuccherina) è sostenuta da una spina dorsale di grande stabilità che riesce a mantenere in equilibrio un vino fatto di eccessi, trasformando un sorso altrimenti stucchevole, in pura seta pregiata.
Un vino difficilissimo da abbinare che puó non piacere a chi si approccia senza conoscere la storia e la concezione che c'è dietro questo vino( chi ne ha bevuti almeno una decina riesce a seguirmi)

cote rotie la belle helene 2000: ferroso, sanguigno, lievemente animale, speziato.... insomma un cote rotie verace, che farebbe telare chi associa i vini fatti con syrah a bombe fruttate. L'anima della cote rotie è questa e si esprime su registri che raccontano di una propria unicità, fatta di freschezza e sorsi tesi, di una lotta tra eleganza e rusticità, mai potenza, grassezza o morbidezza. Gran vino, anche questo non di facile approccio per chi non conosce la tipologia.

Brunello di montalcino soldera 1993: ieri sera presso l'osteria corte zanella è mancato all'effetto dei suoi cari all'età di solo 24 anni, il brunello di montalcino di Gianfranco Soldera.
Addolorati ne danno l'annuncio gli amici ed i parenti stretti.
Spectator
Messaggi: 3608
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda Spectator » 05 gen 2018 13:51

..Signature 2012,Merlot-Chateau Kamnik(Repubblica di Macedonia).Sorpresona ,questo assaggio a volo di vino macedone( mezzo bicchiere/abbondante) .MeRlot 100%,prodotto nel 2012 ma imbottigliato nel 2015.Mediamente Consistente a..rotearlo nel bicchiere,16°e rotti ma n sentirli,fruttato/floreale e di buon equilibrio generale.Tannino buono,saporito ma nn sciropposo.Strana, ma gradevole al naso,una leggera scia affumicata(legno :o ?).Nn so quanto possa costare di preciso,meno di 20eur mi diceva il..donatore,ma il vino e' sicuramente interessante,da..approfondire.Ne ho chiesto un paio di bocce.
vinogodi
Messaggi: 26910
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda vinogodi » 05 gen 2018 14:28

GabrieleB. ha scritto:
davidef ha scritto:
vinogodi ha scritto:...Oggi ho appena stappato un Riesling Trocken di Kunstler 2016 e lo berrò con una tortellata epica di tortelli di zucca mantovana ... poi vi dico... :P


per quel tipo di tortelli potrei far cose assurde :mrgreen:

organizza una tortellata tra storici dai, una boccia a testa :roll:

Davide mio papà è di Viadana come Marco,lui lo sa...ormai la gestione del tortello di zucca è passata nelle mie mani ed ho ancora due belle vaschette di ripieno fresco della vigilia nel congelatore,se volete tra un po' posso mettermi a farli :wink:
... :P ...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vinogodi
Messaggi: 26910
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda vinogodi » 05 gen 2018 14:30

Vinos ha scritto:...Brunello di montalcino soldera 1993: ieri sera presso l'osteria corte zanella è mancato all'effetto dei suoi cari all'età di solo 24 anni, il brunello di montalcino di Gianfranco Soldera.
Addolorati ne danno l'annuncio gli amici ed i parenti stretti.
...non sempre i vini di Soldera datati sono all'altezza delle aspettative, anzi...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Vinos
Messaggi: 719
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda Vinos » 05 gen 2018 16:34

vinogodi ha scritto:
Vinos ha scritto:...Brunello di montalcino soldera 1993: ieri sera presso l'osteria corte zanella è mancato all'effetto dei suoi cari all'età di solo 24 anni, il brunello di montalcino di Gianfranco Soldera.
Addolorati ne danno l'annuncio gli amici ed i parenti stretti.
...non sempre i vini di Soldera datati sono all'altezza delle aspettative, anzi...


Ho letto anche di alleg non pienamente soddisfatto ma questa era proprio andata...
biodinamico
Messaggi: 728
Iscritto il: 02 ago 2008 12:21

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda biodinamico » 05 gen 2018 22:16

Bevute sparse degli ultimi giorni....

BORGO DEL TIGLIO-COLLIO BIANCO 2013
Paglierino,kiwi,bosso,sambuco e agrumi vari.Equilibrato e con buona acidità a rinfrescare,molto elegante considerando che è un vino d'ingresso.Bel vino nonostante non sono un amante degli uvaggi.
FOILLARD-MORGON COTE DU PY 2011
Rubino,ciliegia,lampone,erba falciata e leggero tocco di volatile.Bocca di medio corpo è un po' scomposta,nel finale torna la nota verde avvertita al naso che lo rende amarognolo,assaggiato diverse aziende/denominazioni della zona e di vini convincenti non ne ho trovati molti...limite mio?
BERECHE-CHAMPAGNE BRUT RESERVE
Paglierino scarico,piccoli frutti rossi,agrumi e sale.Fragrante,sapido,bollicina di buona finezza,per me fra i migliori Champagne base,goloso.
TENUTA DELLE TERRE NERE-ETNA BIANCO 2012
Dorato,prugna gialla,cedro e bella nota minerale.In bocca buon connubio tra grassezza e acidità,finale di buona tensione e sapidità.
FALLET GOURRON-CHAMPAGNE EXTRA BRUT (L.31)
Paglierino carico,cedro candito,zenzero,creme,mandorla e nobile ossidazione.Dritto,di buon corpo,lungo finale su note ossidative,una certezza!
SCHLUMBERGER-RIESLING GRAND CRU SEARING 2010
Dorato,agrumi,ananas e passion fruit.Buona tensione in bocca che stempera una certa morbidezza,bottiglia con più vigore di un'altra uguale bevuta un precedenza.
STEFANO AMERIGHI-SYRAH 2012
Rubino carico,ciliegia,mora,pepe e curcuma.Elegante,di buona intensità e finezza,piaciuto parecchio!
GERIN-LA CHAMPINE 2010
Rubino,naso di piccoli frutti rossi,pepe verde e tocco mentolato.Semplice ma con personalità.
SOLOMON-SOUTH AUSTRALIA SHIRAZ BAAN 2010
Cupo,frutto scuro e bastoncino di liquirizia,pepe.Poco carattere in bocca,molle e poco invitante.
AmoSlade
Messaggi: 433
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda AmoSlade » 06 gen 2018 00:02

Chambolle Musigny 2014 - Gerard Raphet:
piccoli frutti rossi, aspri e dolci insieme, una gelée di ribes e lamponi che pare voler saltar fuori dal bicchiere. Tocco floreale di rosa canina, e balsamico di menta fresca.
Tannino non pervenuto, struttura efebica (fin troppo) ma innervata di acidità e sapidità. A conti fatti un vinello, ma un vinello delizioso.
Ha accompagnato, secondo me bene, una pasta con finferle, zucchine e poco sugo rosso con cui invece un rosso più importante avrebbe probabilmente cozzato.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6547
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda zampaflex » 06 gen 2018 14:22

biodinamico ha scritto:FOILLARD-MORGON COTE DU PY 2011
Rubino,ciliegia,lampone,erba falciata e leggero tocco di volatile.Bocca di medio corpo è un po' scomposta,nel finale torna la nota verde avvertita al naso che lo rende amarognolo,assaggiato diverse aziende/denominazioni della zona e di vini convincenti non ne ho trovati molti...limite mio?
.


Ehm...si, limite tuo. Ci sono dei morgon deliziosi, anche dallo stesso cru. E può dare belle soddisfazioni anche con qualche anno sulle spalle.
Va detto che Foillard talvolta sgarra (bevuto un pi greco pessimo, per esempio ).
Cerca Dargaud, per fare un nome che mi ricordo al volo.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Messner
Messaggi: 466
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda Messner » 06 gen 2018 15:43

zampaflex ha scritto:
biodinamico ha scritto:FOILLARD-MORGON COTE DU PY 2011
Rubino,ciliegia,lampone,erba falciata e leggero tocco di volatile.Bocca di medio corpo è un po' scomposta,nel finale torna la nota verde avvertita al naso che lo rende amarognolo,assaggiato diverse aziende/denominazioni della zona e di vini convincenti non ne ho trovati molti...limite mio?
.


Ehm...si, limite tuo. Ci sono dei morgon deliziosi, anche dallo stesso cru. E può dare belle soddisfazioni anche con qualche anno sulle spalle.
Va detto che Foillard talvolta sgarra (bevuto un pi greco pessimo, per esempio ).
Cerca Dargaud, per fare un nome che mi ricordo al volo.


Assolutamente d'accordo. Non è il Pinot Nero dei cugini svinanti ma il Gamay fatto bene è molto elegante. Le sottozone di Morgon e Moulin a Vent tendono a fare dei vini più complessi, strutturati (sembra un eufemismo, ma per essere dei gamay lo sono) da aspettare. Sono stati aperti dei Gamay pluridecennali che hanno tenuto senza problemi, quindi...
Io aggiungerei sempre nella zona di Morgon il grande Bouland (Vieilles Vignes e Corcelette su tutti, ma produce anche vini da altre sottozone). Tra l'altro la 2015 è stata una gran bella annata in zona, quindi fare incetta se uno è interessato. La 2011 annata media, quindi non c'è da aspettarsi grandissimi capolavori come 2009 o 2005 (difficile trovare un annata da 18/20 in Beaujolais, ce ne saranno state 2 negli ultimi 50 anni (tra l'altro 2009 e 2005). Il valore dell'annata ha lo spazio che trova, ma comunque riveste una discreta importanza sul prodotto finale, lasciando sempre immutata la grande capacità del vignaiolo di trattare la vigna e di trasformare il nettare in cantina.
Altro gran produttore è Desvignes, ma anche Burgaud, sempre in Morgon. Ce ne sono tanti, per tutti i gusti, chi usa più legno, chi ne usa meno, chi lo usa nuovo, chi usato, insomma come in tutte le regioni vitivinicole :D
Se per esempio uno pensa al Sagrantino: Caprai e il suo 25 anni, Antano e il suo Colleallodole e Bea con il suo Pagliaro: sono tutti e tre fatti molto bene, ma dalla Barrique nuova e il timbro più internazionale di Caprai(non lo amo particolarmente, la speziatura del legno seppur ben fusa di solito a mio avviso soverchia la materia vinosa) alla botte grande di Antano (rustico ma pur sempre elegante) e sempre botte grande per il Pagliaro (biodinamico fino all'osso eppure molto interessante, da molti considerato Il Sagrantino) ne passa di acqua sotto i ponti. Eppure sono in un fazzoletto di terra molto piccolo (sono tutti in 6-7km). Okkey chiuso l'off topic :lol:
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6547
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda zampaflex » 06 gen 2018 15:51

Giusto, Burgaud, non Dargaud.
Vabbè tra una sciata ed un'altra ci sta non ricordarsi bene qualche nome.
Quoto Desvignes.
Poi c'è il mitologico (per i biopasdaran) Chamonard.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
biodinamico
Messaggi: 728
Iscritto il: 02 ago 2008 12:21

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda biodinamico » 06 gen 2018 17:36

Mi avete convinto :D
Prendo nota e cerco di recuperare qualcosa.
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2615
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda Ludi » 06 gen 2018 20:01

Gita in Borgogna, poche visite (non volevo appallare troppo mia figlia) ma buone.
Da Bonneau du Martray ci hanno proposto un interessante assaggio da botte delle 2016 parcella per parcella, prima dell'assemblaggio; un modo per valutare come, scendendo di quota, il vino perda progressivamente di acidità e acquisti in grassezza e "tropicalità". Comunque davvero convincente, come sempre, così come convincente è stato l'assaggio del 2007, ora in piena maturità. Meno entusiasmante il Corton Rouge 2016, ma da questa denominazione non ho mai avuto grandi soddisfazioni.
Domaine Tortochot: accolti dalla gentilissima e simpaticissima Chantal, abbiamo fatto assaggi da botte della 2017 (in Borgogna giudicata ottima annata). Tutti i vini davvero ottimi, con menzioni speciali per il Mazy Chambertin e per il Lavaux St. Jacques, già strepitosi (malolattica già svolta, i vini sono sicuramente leggibili).
In enoteca abbiamo preso, per curiosità, l'Intransigent 2016 del Domaine Sextant di Julius Altaber, che a St. Aubin fa questo chardonnay macerato. Vino per me incomprensibile, che assomigliava (in peggio) ad alcuni Orvieto macerati. Territorio e vitigno illeggibili. E l'abbiamo pagato 49 €.....
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1296
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 07 gen 2018 01:30

Falerno del massico, masseria Felicia, etichetta bronzo, riserva 2011 (aglianico in prevalenza e piedirosso)

Le incredibili potenzialità dell'aglianico e del territorio che ho nel cuore, il casertano..naso classico di sottobosco e viole macerate, toni minerali di terra rossa e cenere, bocca vibrante, dal tannino ancora muscolare ma senza eccessi..un po' di legnetto che ancora deve rientrare, ma che tutto sommato attenua quelle austerità dell'aglianico in gioventù ammorbidendo la beva e donando un buon equilibrio e una buona corrispondenza naso bocca..i 15 gradi? Boh non pervenuti..si mostra straordinariamente gastronomico..bevuto con una bavetta con porcini e salmone affumicato..sembra un orrore tecnico, invece è una sfida brillantemente superata: la grassezza del salmone impedisce al tannino di guastare il fungo, e al contempo si sposa con le note affumicate e di cenere di quest'aglianico ruspante ; il fungo richiama quei sentori di sottobosco, quasi erbacei sentiti in precedenza al naso..un vino che mi ricorda le mie origini partenopee, i vicoli della vecchia Capua, il cortile di mia nonna, il profumo di mosto nella cantina di mio zio.
Lorenzo
ZEL WINE
Messaggi: 6765
Iscritto il: 06 giu 2007 16:36

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda ZEL WINE » 07 gen 2018 03:03

P.P. MK09: nebbioso e solfureo. Cedro a iosa. Monolitico, granitico ma in divenire rispetto a 6 mesi fa. Sembra poter diventare una bolla interessante. 91+
Soldera intistieti 92 vdt: incredibilmente integro, quasi sfacciato. Fragolona da manuale, pulito con quella volatile sussurrata tanto tanto elegante. Cangiante e dolce da Sangiovese buono. 92
Collestefano06: integro, fiori gialli camomilla e ginestra .
Imprevedibilmente glicerico, quasi dolce. Affascinante 90++
fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa.
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2615
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda Ludi » 07 gen 2018 10:38

Regalatimi per Natale da clienti una magnum di Raccontami di Bruno Vespa: aperta più che altro per curiosità, ha confermato tutto quello che ci si poteva aspettare: vino banale, marmellatoso, dalla beva faticosa. Tecnicamente ineccepibile, per carità, ma senza anima nè gioia.
maxer
Messaggi: 1603
Iscritto il: 10 lug 2017 10:38
Località: nordico

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda maxer » 07 gen 2018 11:35

Ludi ha scritto:Raccontami di Bruno Vespa
banale, marmellatoso, dalla beva faticosa, tecnicamente ineccepibile, ma senza anima nè gioia

Ulteriore chiaro esempio di come un vino 'racconti' la personalità del suo produttore ... :mrgreen:
carpe diem 8)
Avatar utente
gianni femminella
Messaggi: 1856
Iscritto il: 26 nov 2010 14:43
Località: Castiglione della Pescaia - Finale Emilia

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda gianni femminella » 07 gen 2018 12:55

C. C. Riserva le Baroncole 2012 San Giusto a Rentennano, Martini di Cigala - 14 gradi

L'età avanza e la smania di stappare bottiglie senza attenderle anni e anni aumenta. Questo genera errori come l'apertura di questo Chianti, sprecato nella sua folle gioventù.
Carico di un tannino che più aggressivo non si può, ferroso e sanguigno all'inverosimile, è una tale mazzata al palato che mi chiedo quanto tempo dovrò ancora attendere le altre due bottiglie che ho in cantina.
AAA cedesi a giovane forumista due bottiglie di Riserva le Baroncole 2012 - prezzo modico...
Messner
Messaggi: 466
Iscritto il: 05 lug 2017 12:05
Località: Mantova

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda Messner » 07 gen 2018 13:50

Etna Rosso Vecchie Vigne Calabretta 2007: Vino di una gioventù inaspettata, ancora tannino scalpitante, seppur ben amalgamato con la struttura del vino. Gradazione alcolica sempre molto elevata, sui 15°, ma a conti fatti, data la mano eccellente di Calabretta, sembrava di bere un vino da 13,5/14°. L'ho trovato addirittura più buono della 2006, bevuta qualche mesetto fa.
Arancia rossa, ciliegia sotto spirito, cannella, nota ferruginosa e fumè, veramente una bellissima bevuta.

Domaine Gauby Vieilles Vignes Rouge 2012: Vino che impiega tempo a concedersi, buona bevibilità ora ma avrei dovuto aspettare almeno altri 2 annetti per aprirlo. Nota legnosa ben integrata con la materia vinosa, non l'avrei mai detto, fa due anni di Barrique nuove. Acidità discreta, molto glicerico, balsamico, frutti neri quali more e cassis, cacao e liquirizia. Mi aspettavo qualcosina in più, ma non è il Muntada, ma neanche a livello economico :lol:
MANUZ
Messaggi: 2133
Iscritto il: 12 ago 2008 17:47

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda MANUZ » 07 gen 2018 14:51

ZEL WINE ha scritto:P.P. MK09: nebbioso e solfureo. Cedro a iosa. Monolitico, granitico ma in divenire rispetto a 6 mesi fa. Sembra poter diventare una bolla interessante. 91+

Scusa mi dici cos e qst?
Perché pp mk09 mi sembra il nome di un collega di James bond :mrgreen:
Avete bisogno di barbatelle?
Sono qui...
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6547
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: LE BEVUTE DI GENNAIO ....2018

Messaggioda zampaflex » 07 gen 2018 18:14

Due ottimi (non eccellenti) bianchi francesi da zone non frequentate.

Labet - Cotes du Jura Chardonnay Varrons 2013
Da vecchie vigne, un gioiellino di cesello, molto floreale, mineralità spiccata, bella fusione dell'acidità. Media lunghezza, grande bevibilità.

Pithon - Cotes Catalanes La D18 2013
Empireumatico netto (pareva un Timorasso), tanta sapidità, chiusura grassa con stile e scioltezza.

Maxer: polpo con patate e orata al sale ;-)
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: BarbarEdo, Biavo, divino59, quellocheaspetta, stefanor e 26 ospiti