Roagna, sono pazzo io, oppure...

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
landmax
Messaggi: 800
Iscritto il: 13 set 2013 17:49

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda landmax » 28 lug 2017 14:27

marcolanc ha scritto:Credo che il produttore e il distributore siano liberi di decidere i prezzi e i clienti di fare le loro scelte. Se in questi anni Crichet Pajè ha avuto questa impennata, la mia impressione è che qualche bottiglia siano riusciti a venderla, altrimenti significa che sono fuori di testa.
Riguardo la "correttezza" del prezzo, la penso come Landmax: l'unico giudice è il mercato. Perché se vogliamo parlare di valore "reale", praticamente tutti i vini che beviamo sono a prezzi folli (provate a convincere un non-malato di vini e non pieno di soldi che pagare oltre 100 euro una bottiglia è una cosa normale...). E allora, visto che stiamo parlando di beni di lusso (o comunque da appassionati disposti a svenarsi), le regole "normali" vanno a farsi friggere. Rimangono solo le scelte personali (e devo dire che anche per me Crichet Pajè è buonissimo) e le sentenze del mercato (a cui partecipano sempre più personaggi - soprattutto fuori dall'Italia - per cui tra spendere 100 o 1000 euro in una bottiglia la differenza è zero... anzi, è preferibile spenderne 1000 perché è sinonimo di esclusività).


Come non quotarti (soprattutto dove dici che la pensi come me... :lol: ).
Avatar utente
giucas
Messaggi: 229
Iscritto il: 23 gen 2012 00:13
Località: bologna

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda giucas » 29 lug 2017 18:26

..Crichet Parantoux :roll: .
Avatar utente
venicka
Messaggi: 333
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda venicka » 31 lug 2017 11:47

Boh, io alla fine non la trovo una cosa così folle.
M'ero incazzato per il loro timorasso (quello sì venduto a prezzi per me folli) ma che, dopo che vendono i loro barbaresco (vini per me della madonna), sia base che vecchie viti, a prezzi alti ma ancora diciamo umani, decidano di fare una selezione ristrettissima di un vigneto storico di famiglia e venderla a prezzi obiettivamente alti, boh, per me ci sta considerato il livello del vino in questione e di quanto costano all'estero vini simili.
Per me vendere un prodotto di punta in edizione superlimitata a prezzi simili è una cosa commercialmente sensata, alla fine io il crichet paje non me lo posso permettere ergo non lo compro ma continuo a comprare e tracannare tutti gli altri loro barbaresco trovandoli semplicemente spettacolari, ergo ben venga un lusso esclusivo come il crichet paje, alla fine non è una cosa concettualmente tanto diversa dai clos di krug, son cose che servono molto ad accrescere il cosiddetto prestigio dell'azienda.
Considerato che l'azienda in questione per me lavora non bene ma benissimo alla fine sono QUASI* contento.

*potessi permettermi il crichet paje sarei ancora più contento ma la felicità non è tutto nella vita ah no quelli erano i soldi vabbè ci siamo capiti :mrgreen:
Avatar utente
videodrome
Messaggi: 3177
Iscritto il: 14 apr 2008 19:25
Località: Mantova

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda videodrome » 31 lug 2017 23:27

giucas ha scritto:..Crichet Parantoux :roll: .

:lol: :lol: :lol: :lol:
dc87
Messaggi: 295
Iscritto il: 28 feb 2012 16:47

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda dc87 » 01 ago 2017 08:58

zampaflex ha scritto:
vinogodi ha scritto:
Smarco ha scritto:... se un privato deve sborsare 800 euro per un crichet allora per un monfortino 2010 che fa si dissangua?
...si ... 8)
PS: Crichet Pajé 2007 è semplicemente , assieme al Monfortino 2010 e Le Rocche di Falletto 2011 di Giacosa Riserva , il miglior Nebbiolo bevuto quest'anno (aggiungo, subito dopo , Monvigliero 2013) . Prezzo? Troppo alto ? ... forse . Ne ha fatto poco più di 800 bottiglie ma è d'un buono da sgarbati . Boh ... c'ho bevuto vicino una volta (col produttore) Chambertin 2007 di Rousseau , che non costa certo meno , e mi è piaciuto decisamente di più Crichet ... ma io sono nebbiolista d'estrazione e la bocca mi piace che venga stimolata... 8)


E le uscite attuali del resto della gamma di Roagna come sono, Marco?


I prezzi a memoria non me li ricordo tutti....
Il langhe rosso attorno ai 20, timorasso a 56, Paje Vecchie Viti 137... tutto più iva... :mrgreen:
FERRARI
Messaggi: 1256
Iscritto il: 16 mag 2008 16:42
Località: VICENZA

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda FERRARI » 01 ago 2017 10:07

Sommessamente vorrei ricordare che la produzione del Crichet Paje 2007 ( come già scritto da Vinogodi ... ) è di poco più di 800 bottiglie, e in altre annate anche inferiore ....
Commercialmente non fa testo, molto produttori per questa quantità non imbottiglierebbero l'etichetta .....
Ma a livello di immagine; come detto da Venicka, fa da traino incredibile.
Provate a pensare ad un cliente iperfacoltoso ( e ce ne sono molti ) che quando al ristorante vede in carta i vini di Roagna ( e mentalmente si ricorda che è il produttore del super costoso Crichet Paje ....... ) è sicuramente invogliato a ordinare uno dei suoi vini ...
Per farvi un'esempio: quest'anno alcuni miei clienti con buona disponibilità e che prendono tutti gli anni la selezione dei vecchie viti hanno "nicchiato" e saltato visto l'ennesimo aumento ..... mentre alcuni molto più ''sboccioni'' che non hanno mai preso Roagna hanno dimostrato molto interesse per il Crichet Paje ..... ( forse lo prendono )
Sono convinto che non avra' nessuna difficoltà a terminare le bottiglie .....
Sapete tutti chi sono alcuni dei famosi appassionati di questo vino .....
Personalmente l'ho assaggiato solo due volte in passato e da non esperto di piemonte mi è piaciuto moooolto .....
Se mi di chiedessero di ''dividere'' in sei o sette la bottiglia accetterei subito e penso anche molti di voi ....
E poi facendo riferimento ad un post in cui si parlava di molti figli di produttori che decidono di vendere la cantina per incapacità o ingordigia lui mi sembra invece molto impegnato nella crescita, è innegabile che il suo ingresso ha dato grande impulso di costanza qualitativa ....
Concessionario Ufficiale armadi e climatizzatori per vino Eurocave°
Marcozzo
Messaggi: 71
Iscritto il: 11 dic 2015 14:04

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda Marcozzo » 01 ago 2017 13:35

Off topic: quindi fa 800 bottiglie, che però corrispondono a 600 litri, indi per cui barrique?
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 19939
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda pippuz » 01 ago 2017 14:49

Marcozzo ha scritto:Off topic: quindi fa 800 bottiglie, che però corrispondono a 600 litri, indi per cui barrique?

No botte (singola) grande. Con macerazioni lunghissime.

Non mi pare abbia barrique in cantina.
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
alì65
Messaggi: 10108
Iscritto il: 08 giu 2007 15:36
Località: Parma

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda alì65 » 01 ago 2017 14:56

pippuz ha scritto:
Marcozzo ha scritto:Off topic: quindi fa 800 bottiglie, che però corrispondono a 600 litri, indi per cui barrique?

No botte (singola) grande. Con macerazioni lunghissime.

Non mi pare abbia barrique in cantina.


quindi non sono solo 800bt...qualche bt per assaggi vari, qualche mg, arriviamo a 10 ettolitri? chiamare botte grande 10 ettolitro è un po forzato, direi botte media....
è un mondo difficile....futuro incerto...
Avatar utente
pippuz
Messaggi: 19939
Iscritto il: 06 giu 2007 11:05
Località: MilanoMilano

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda pippuz » 01 ago 2017 15:02

No, mi dicono sia l'unico che faccia barrique vecchissime, mi son sbagliato.
Avevo visto solo le botti (medie appunto).
over the mountain watching the watcher
breaking the darkness waking the grapevine
one inch of love is one inch of shadow
love is the shadow that ripens the wine
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6180
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda il chiaro » 01 ago 2017 22:08

Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
scrio
Messaggi: 9416
Iscritto il: 06 giu 2007 18:20

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda scrio » 02 ago 2017 10:12

il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
Tutti i pacchi che spedisco sono assicurati, prima di firmare, controllate ed annotate evnt anomalie sulla lettera di vettura. La merce parte subito dopo aver ricevuto il pagamento.
vinogodi
Messaggi: 25794
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda vinogodi » 02 ago 2017 13:30

scrio ha scritto:
il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
SommelierSardo
Messaggi: 1037
Iscritto il: 26 mar 2015 20:51
Località: Pisa

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda SommelierSardo » 03 ago 2017 11:51

vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge
.


Come non sottoscrivere...
gpetrus
Messaggi: 2091
Iscritto il: 21 ott 2009 17:41
Località: Trieste

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda gpetrus » 03 ago 2017 15:48

vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.

io sono grande appassionato di nebbiolo da parecchio , mi permetto di pensare di capirne qualcosa.Digerire certi prezzi e' pero' difficile , ormai siamo fuori da ogni buon senso.Peccato...a questi prezzi Roagna non lo berro' piu'
scrio
Messaggi: 9416
Iscritto il: 06 giu 2007 18:20

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda scrio » 03 ago 2017 17:56

vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.


500,00 a bt x il calvari???

Passami il nome del forumista.
Anche in pvt se vuoi :|
Tutti i pacchi che spedisco sono assicurati, prima di firmare, controllate ed annotate evnt anomalie sulla lettera di vettura. La merce parte subito dopo aver ricevuto il pagamento.
vinogodi
Messaggi: 25794
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda vinogodi » 03 ago 2017 18:10

gpetrus ha scritto:
vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.

io sono grande appassionato di nebbiolo da parecchio , mi permetto di pensare di capirne qualcosa.Digerire certi prezzi e' pero' difficile , ormai siamo fuori da ogni buon senso.Peccato...a questi prezzi Roagna non lo berro' piu'
ti capisco . Anch'io sono un "neoappassionato" di Pinot Nero (da quando ho conosciuto Giama , vent'anni fa ... prima solo DRC, Jayer e Leroy...) e ho adorato, di recente, La Romanée di Ligier Belaire da quando la produce di persona. La pagavo qualche centinaia di Euro. Con un certo sacrificio godevo. Oggi che ne costa parecchie migliaia non ne compro più ... devo però aggiungere qualche altra decina di nomi di Borgogna ai quali dobbiamo forzatamente rinunciare in quanto "non sceicchi" ? Mi tengo il mio MOnfortino, Crichet Pajé e CàD'Morissio , apparentemente fuori di testa come prezzo ma straordinari "Q/P" in rapporto alle emozioni che danno e a certi prezzi di Borgogna , sia bianca che rossa . Non dimentichiamoci che anche i ciappini di MOntrachet che si compravano a 180 euro pochi anni fa , ormai hanno superato allegramente i 500 , quando non si parla di 1000 ... e i vari Musigny di chichessia? E tutti i DRC e Leroy ? I Rousseau , Ligier Belair , Rouget ecc . ecc . ecc . ecc ... fra un pò , fra pochissimi intimi , faremo una orizzontale storica di Richebourg (DRC , Leroy , Méo , Anne Gros , Le Moine ecc con ringer Chambertin di Rousseau) ... non propongo neppure una divisione di spesa: la proporranno gli aderenti , io non so più che pesci pigliare ... e dovrei staccarmi dai miei SuperNebbiolo? Forse il mio dubbio l'ho perchè quelli , sommi, che escono ora a prezzi (alti) , per goderli appieno, dovrei aspettare la mia prossima vita ... ma ancora non so in chi o cosa mi reincarnerò per cui sono effettivamente preoccupato.... 8)
Ultima modifica di vinogodi il 03 ago 2017 18:17, modificato 1 volta in totale.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vinogodi
Messaggi: 25794
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda vinogodi » 03 ago 2017 18:14

scrio ha scritto:
vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.


500,00 a bt x il calvari???

Passami il nome del forumista.
Anche in pvt se vuoi :|
...vai tranquillo, è un appassionato del genere e penso anche tu lo conosca , visto che è un vecchio forumista. Solo che voleva dal 1995 al 1999 e me li dava solo a me da bottiglie provenienti dalla mia cantina . Mi ha confessato che da te non comprerebbe a più di 250 ... :lol:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vinogodi
Messaggi: 25794
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda vinogodi » 04 ago 2017 10:16

zampaflex ha scritto:
vinogodi ha scritto:
Smarco ha scritto:... se un privato deve sborsare 800 euro per un crichet allora per un monfortino 2010 che fa si dissangua?
...si ... 8)
PS: Crichet Pajé 2007 è semplicemente , assieme al Monfortino 2010 e Le Rocche di Falletto 2011 di Giacosa Riserva , il miglior Nebbiolo bevuto quest'anno (aggiungo, subito dopo , Monvigliero 2013) . Prezzo? Troppo alto ? ... forse . Ne ha fatto poco più di 800 bottiglie ma è d'un buono da sgarbati . Boh ... c'ho bevuto vicino una volta (col produttore) Chambertin 2007 di Rousseau , che non costa certo meno , e mi è piaciuto decisamente di più Crichet ... ma io sono nebbiolista d'estrazione e la bocca mi piace che venga stimolata... 8)


E le uscite attuali del resto della gamma di Roagna come sono, Marco?
...scusa il ritardo, leggo solo ora: veramente tanto buone .... anche in questo caso non a prezzi popolarissimi, ma come ripeto, negli ultimi lustri la marcia è decisamente cambiata ... in meglio.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
scrio
Messaggi: 9416
Iscritto il: 06 giu 2007 18:20

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda scrio » 04 ago 2017 11:41

vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
il chiaro ha scritto:Parliamo di 800 bottiglie, siamo in 7 miliardi sula terra, cosa credete ci voglia a venderle? 800 bottiglie non basterebbero per un quartiere di New York, figuratevi per il mondo intero.
Io penso che per la zona delle langhe sia positivissimo che certi vini decollino con i prezzi, l'effetto Borgogna lo puoi avere imitando la Borgogna: numeri risicati, alta qualità, prezzi impazziti. Non lo compra il cliente x? Lo comprerà il cliente Y più bendisposto alla spesa.
Teniamo presente che quando su questi lidi parliamo di Borgogna facciamo riferimento a meno del 20% della superficie vitata, il resto è batteria.
Uguale in Langa: l'80% delle vigne di Langa sono destinate a prodotti decisamente dozzinali. Il restante 20% ha prezzi in crescita, e una piccola parte di questo 20% può permettersi di spuntare cifre da grandissimi vini: vigneto Francia, Monprivato Crichet Pajè, vigna rionda e pochi altri. Dal punto di vista dei produttori questa politica sarà la loro fortuna, farà da traino e sarà da stimolo a fare sempre meglio, perché chiunque vorrebbe avere 1000 bottiglie da poter vendere a 300/400/500 €.
Certo ai poveracci come me resteranno alcuni buoni barolo senza mai poter toccare le vette dell'enologia mondiale, ma io almeno me ne farò una ragione.



I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.


500,00 a bt x il calvari???

Passami il nome del forumista.
Anche in pvt se vuoi :|
...vai tranquillo, è un appassionato del genere e penso anche tu lo conosca , visto che è un vecchio forumista. Solo che voleva dal 1995 al 1999 e me li dava solo a me da bottiglie provenienti dalla mia cantina . Mi ha confessato che da te non comprerebbe a più di 250 ... :lol:



a 250,00 gliele trovo lo stesso :mrgreen:
Tutti i pacchi che spedisco sono assicurati, prima di firmare, controllate ed annotate evnt anomalie sulla lettera di vettura. La merce parte subito dopo aver ricevuto il pagamento.
vinogodi
Messaggi: 25794
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda vinogodi » 04 ago 2017 11:50

scrio ha scritto:
vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:

I prezzi decollano quando il cliente li accetta, quando c'è incrocio tra domanda e offerta.


Chiunque può prezzare il proprio vino come crede, ma non vuol dire che le quotazioni siano reali.
Per quanto mi riguarda, a 800,00 il crichet 2007(costo aziendale ivato + un 30%, che sarebbe il ricarico minimo su certi prodotti) rimane a prendere polvere sugli scaffali delle cantine.
Hai voglia a paragonarlo(qualitativamente) con i big di francia......se non si vende il paragone rimane campato in aria.

Purtroppo.

Vedi il Calvari di Miani, altro vino IMMENSO, con produzione irrisoria, che sosta nelle liste in vendita, deprezzato e declassato.
... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.


500,00 a bt x il calvari???

Passami il nome del forumista.
Anche in pvt se vuoi :|
...vai tranquillo, è un appassionato del genere e penso anche tu lo conosca , visto che è un vecchio forumista. Solo che voleva dal 1995 al 1999 e me li dava solo a me da bottiglie provenienti dalla mia cantina . Mi ha confessato che da te non comprerebbe a più di 250 ... :lol:



a 250,00 gliele trovo lo stesso :mrgreen:
...compro io :lol:
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
scrio
Messaggi: 9416
Iscritto il: 06 giu 2007 18:20

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda scrio » 04 ago 2017 17:36

vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
vinogodi ha scritto:
scrio ha scritto:
vinogodi ha scritto:... Nonmi risulta ma accetto le tue fonti d'informazione. Calvari, in teoria, non esiste più. In privato mi hanno chiesto di venderlo, forse attirati da una conservazione maniacale, a 500 euro la bottiglia, soprattutto in annate del millennio scorso. Chiaramente ho riso come un matto alla richiesya. Chi vuole berlo in amicizia, è vino che va condiviso per corrispondenza di umani sensi . Mi rimangono poche centinaia di bottiglie da bere con i veri amici o veri appassionati
Come Crichet Paje. Solo chi sa di Nebbiolo può capirlo. Chi non lo capisce può astenersi senza problema. E non si offendano i forumisti o chi legge.


500,00 a bt x il calvari???

Passami il nome del forumista.
Anche in pvt se vuoi :|
...vai tranquillo, è un appassionato del genere e penso anche tu lo conosca , visto che è un vecchio forumista. Solo che voleva dal 1995 al 1999 e me li dava solo a me da bottiglie provenienti dalla mia cantina . Mi ha confessato che da te non comprerebbe a più di 250 ... :lol:



a 250,00 gliele trovo lo stesso :mrgreen:
...compro io :lol:


Compri tu e poi vendi a lui?? :lol: :lol:

Ok, appena rientro ti giro l'offerta. :mrgreen:
Tutti i pacchi che spedisco sono assicurati, prima di firmare, controllate ed annotate evnt anomalie sulla lettera di vettura. La merce parte subito dopo aver ricevuto il pagamento.
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6697
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda Palma » 04 ago 2017 17:44

Crichet 07 grande vino senza meno, anche se la versione migliore per me rimane il 06, autentico carro armato. Costa un botto, ma se lo vendono han ragione loro. Non mi pare peró piaccia solo a chi ne capisce di Nebbiolo :mrgreen:
ex Victor
Extreme fighet du chateau
Avatar utente
Palma
Messaggi: 6697
Iscritto il: 06 giu 2007 12:29

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda Palma » 04 ago 2017 17:51

Anzi appena rinfresca ad un 07 gli tirò il collo, mi è venuta voglia :mrgreen:
ex Victor

Extreme fighet du chateau
Patatasd
Messaggi: 551
Iscritto il: 23 lug 2012 11:17

Re: Roagna, sono pazzo io, oppure...

Messaggioda Patatasd » 04 ago 2017 18:08

vinogodi ha scritto:ti capisco . Anch'io sono un "neoappassionato" di Pinot Nero (da quando ho conosciuto Giama , vent'anni fa ... prima solo DRC, Jayer e Leroy...) e ho adorato, di recente, La Romanée di Ligier Belaire da quando la produce di persona. La pagavo qualche centinaia di Euro. Con un certo sacrificio godevo. Oggi che ne costa parecchie migliaia non ne compro più ... devo però aggiungere qualche altra decina di nomi di Borgogna ai quali dobbiamo forzatamente rinunciare in quanto "non sceicchi" ? Mi tengo il mio MOnfortino, Crichet Pajé e CàD'Morissio , apparentemente fuori di testa come prezzo ma straordinari "Q/P" in rapporto alle emozioni che danno e a certi prezzi di Borgogna , sia bianca che rossa . Non dimentichiamoci che anche i ciappini di MOntrachet che si compravano a 180 euro pochi anni fa , ormai hanno superato allegramente i 500 , quando non si parla di 1000 ... e i vari Musigny di chichessia? E tutti i DRC e Leroy ? I Rousseau , Ligier Belair , Rouget ecc . ecc . ecc . ecc ... fra un pò , fra pochissimi intimi , faremo una orizzontale storica di Richebourg (DRC , Leroy , Méo , Anne Gros , Le Moine ecc con ringer Chambertin di Rousseau) ... non propongo neppure una divisione di spesa: la proporranno gli aderenti , io non so più che pesci pigliare ... e dovrei staccarmi dai miei SuperNebbiolo? Forse il mio dubbio l'ho perchè quelli , sommi, che escono ora a prezzi (alti) , per goderli appieno, dovrei aspettare la mia prossima vita ... ma ancora non so in chi o cosa mi reincarnerò per cui sono effettivamente preoccupato.... 8)


Si può fare anche a meno di entrambi

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: AmoSlade, biodinamico, oregon e 24 ospiti