BEVUTE GIUGNESCHE

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2334
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda Ludi » 19 giu 2017 17:55

Guigal, Condrieu La Doriane 2011: decisamente meno esplosivo e più sommesso che in altre annate. Molto buono, debbo ammettere che se voglio un Condrieu preferisco l'opulenza della 2010.
Lirac Clos de Sixte 2005: sta virando su note autunnali, intriganti, davvero ricche di fascino. Bere ora prima che si cominci ad estinguere....
Hambledon, Prestige Cuvee: buono ed affilato, ma a 50€ bevo ben altro se vado in Champagne.
Nikolaihof, Riesling Smaragd Steiner Hund 2004: davvero splendido, pienamente idrocarburizzato, con quel pizzico di morbidezza non invadente che ne equilibra l'acidita'. Gran bevuta.
Mas Daumas Gassac 1999: il miglior MDG sinora bevuto. Unisce l'leleganza del Cabernet all'animalità del vino naturale, e nessuna delle due straripa e si sovrappone all'altra.
Aalto 2006: molto fruttato, dopo Daumas Gassac è apparso lineare e semplice. Ma è un bel vino.
AmoSlade
Messaggi: 357
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda AmoSlade » 19 giu 2017 18:42

Cuvée Oligocene 2015 - Patrick Javillier : al naso fiori bianchi, pesca, crema pasticcera. In bocca una struttura insolita per un village, ma è più largo e morbido di quel che mi aspettavo (sarà l'annata?), manca un po' di tensione, ma in compenso si beve bene già adesso.

Fiano particella 928 2013 - Cantina del Barone: colore intenso con riflessi ancora verdolini, leggermente torbido. Nei profumi è nettissima l'impronta minerale, affumicata e tostata, poi ci sono agrumi e frutta quasi più rossa che gialla. In bocca un'acidità molto spinta, ma assai rinfrescante, che lo terrà in vita per parecchi anni. Buono!

Ieri giornata alla scoperta, per me, del timorasso. Sono rimasto davvero stupito da come il vino cambia radicalmente con qualche anno di bottiglia, quasi da non sembrare nemmeno parente di ciò che è appena imbottigliato. Tutti i 2015 provati infatti, blasonati compresi, mi hanno detto poco o nulla nonostante a detta di tutti sia un'ottima annata, mentre molto buoni quelli provati con un po' più di tempo sulle spalle...i migliori del giorno Montecitorio 2014 di Massa e il Cantico 2013 di Daglio.
SommelierSardo
Messaggi: 970
Iscritto il: 26 mar 2015 20:51
Località: Pisa

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda SommelierSardo » 21 giu 2017 00:48

...sto provando a caricare una foto di sabato 17/06 ma non mi carica il file :cry:
O meglio, risulterebbe caricato, ma poi non lo vedo :roll:

Immagine
Ultima modifica di SommelierSardo il 21 giu 2017 10:34, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
vinotec
Messaggi: 24805
Iscritto il: 09 giu 2007 14:19
Località: BRISIGHELLA
Contatta:

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda vinotec » 21 giu 2017 05:48

SommelierSardo ha scritto:...sto provando a caricare una foto di sabato 17/06 ma non mi carica il file :cry:
O meglio, risulterebbe caricato, ma poi non lo vedo :roll:


...prova con questo; non sbaglia un colpo:
http://tinypic.com/?t=postupload
UBI MAIOR, MINOR CESSAT !
SommelierSardo
Messaggi: 970
Iscritto il: 26 mar 2015 20:51
Località: Pisa

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda SommelierSardo » 21 giu 2017 10:34

vinotec ha scritto:
SommelierSardo ha scritto:...sto provando a caricare una foto di sabato 17/06 ma non mi carica il file :cry:
O meglio, risulterebbe caricato, ma poi non lo vedo :roll:


...prova con questo; non sbaglia un colpo:
http://tinypic.com/?t=postupload


Grazie Ivo!!!
SommelierSardo
Messaggi: 970
Iscritto il: 26 mar 2015 20:51
Località: Pisa

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda SommelierSardo » 21 giu 2017 10:53

vinogodi ha scritto:
SommelierSardo ha scritto:
vinogodi ha scritto:
videodrome ha scritto:
vinogodi ha scritto:vs Cervaro della Sala 2014 , boteriano , giallo oro carico , materico , mieloso, vaniglioso , con bocca tutt'altro che trascurabile per densità notevole :D :D :D

Marco, disconosci il 98 pts. dato direttamente da Cernilli su Doctor Wine?
...senz'altro la mia una bottiglia sfortunata. Eppoi, anche in redazione sanno che sono poco attendibile sulle valutazioni dei bianchi , io sono nato e cresciuto con Montrachet , che cazzo vuoi che capisca di grandi vini bianchi italiani?...


...quelle 5-6 volte che ho bevuto la 2014, ero sempre senza occhiali, perchè questo giallo oro carico (simil Muffato per rimanere in tema) proprio non sono riuscito a vederlo :wink:
Lo riberrò sabato a pranzo, metterò gli occhiali, e poi vedrò se abbinarlo ad un bel primo o attendere il dolce per accompagnarlo.
Ho la sensazione che non abbiamo bevuto lo stesso vino :roll:
...so di essere incapace di valutare certi capolavori (ma anche in generale) ; infatti se fossi stato da solo a berlo per la prima volta , come minimo avrei avuto una serie di dubbi cosmica prima di scrivere , ci mancherebbe. Essendo , questa annata , la quarta in un mese (ne ho aperte 1 anche alla Scottina, che AVEVA un suo perchè, e 2 in una serata a Reggio Emilia dove eravamo in una ventina ...e comunque è trent'anni che bevo Cervaro , mica ho preconcetti ) e in quella descritta eravamo in una decina , dove io ero quello più possibilista in termini di accostamento con qualche "base" borgognona , mentre altri l'hanno stroncato senza appello , alcuni pensandoa ddirittura ad un vino di molti più anni proprio per il colore. Diciamo che ormai rinuncio a pensare ad una svolta epocale di questo totem italiano, che mantiene inalterato nel tempo uno stile assolutamente costante e riconoscibilissimo . Ti ripeto, non ho la tua competenza né quella di altri amici molto più inclini alla bevuta della tipologia, per cui con grande sacrificio penso di avere dato , in termini di acquisto personale , per questa annata (2 bocce residue le tengo , come al solito, per una valutazione nel tempo) . Quindi te lo lascio tutto e io me ne torno a bere quello schifo di Borgogna bianca a cui sono affezionato immagino soprattutto per ragioni evocative e ipotalamiche ...
PS: secondo il concetto che "la maggioranza vince" , essendo in un contesto dove anche alcuni colleghi critici hanno supervalutato non solo l'annata ma anche il vino in generale , ho la netta sensazione , ripeto, di essere io incapace di intendere e volere quando si tratta di bianchi , soprattutto italiani e , soprattutto , con un determinato stile ...
PPS: vedi che scemo che sono . A pensarci bene potevo metterlo domenica nella giornata dedicata ai bianchi di Borgogna (stupidate , neh , leggi il thread ...) e con un bel 98/100 avrebbe sbaragliato (seppur di poco) tutte le bocce bevute... 8)
PPPS : senza spiritosaggini che vengono istintive : se per te il Cervaro è giallo canarino chiaro, forse sei abituato ai cromatismi dello Chardonnay di Planeta oppure ai GW Traminer dell'Alsazia di qualche decennio...


Immagine

Questa è l'immagine di due bottiglie diverse di Cervaro 2014 aperte sabato 17/06.
Il colore è emblematico: il bicchiere di sinistra presenta riflessi dorati evidenti, seppur non un giallo oro carico come descritto da Marco, mentre il bicchiere di destra è il vero Cervaro 2014 con un classico giallo paglierino brillante.
Al naso ed in bocca abbiamo coerenza con il colore: bicchiere di sinistra abbiamo un vino più evoluto e strutturato, con toni impegnativi e complessi, mentre il vero Cervaro del bicchiere di destra risponde alla descrizione di Cernilli sul Dottore del Vino.
Problema di tappo? Di lotto? Di imbottigliamento? Di conservazione? Boh.... :roll:
Le due bottiglie erano della stessa cassa.
Purtroppo mi è capitato su altre annate di Cervaro, di trovare bottiglie più o meno performanti.
Su 6-7 0,75 bevute dall'uscita della 2014, ho finalmente trovato il Cervaro che descrivete Voi... ma non è quello il Cervaro 14!!!
Avatar utente
Alberto
Messaggi: 9542
Iscritto il: 06 giu 2007 13:59
Località: Graticolato Romano (noto anche come Centuriazione)

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda Alberto » 21 giu 2017 11:42

Bianchini estivi sparsi...

Colli Euganei Moscato Secco, Villa Sceriman, 2015 (13%)
100% moscato bianco (a differenza di altri moscati secchi locali che sono invece a base moscato fior d'arancio). Vista l'annata, me lo sarei aspettato più fruttato e goloso, soprattutto in bocca (al naso invece le note floreali bianche ed aromatiche erano quelle che mi attendevo) ed invece è risultato essere bello scarno e verticale, finanche rigidino nelle sue note verdi e mentolate molto fresche. Bel sale in chiusura.

Lugana Arilica, Pilandro, 2014 (13%)
Qui invece il sale c'è ovunque: in apertura, a centro bocca, sul finale, assieme al classico frutto giallo che in precedenza caratterizzava al naso, assieme a note leggermente cremose/burrose (fa legno). Un po' cremoso anche inizialmente al palato, ma chiude bello asciutto. Non troppo complesso, sicuramente non ha la spalla delle annate migliori, però una turbiana molto ben fatta e territoriale.

A.A. Riesling, Plonerhof, 2013 (14%)
Questo non mi è piaciuto granché, invece. "Giallo" e un po' ciccione al naso, bel profilo acido in bocca e sicuramente la stoffa c'è (e anche l'alcol devo dire che non si sente)...ma il riesling, dov'è? Troppo generico, quasi trasfigurato...scambiabile facilmente per uno dei tanti weissburgunder maturi e lavorati in legno. :roll:
Bevitore, tra un raglio e l'altro...HI-HOOOOO...HI-HOOOOO...


Signora Libertà, Signorina Fantasia
così preziosa come il vino
così gratis come la tristezza...

F. De Andrè
gp
Messaggi: 2479
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda gp » 21 giu 2017 13:09

SommelierSardo ha scritto:Questa è l'immagine di due bottiglie diverse di Cervaro 2014 aperte sabato 17/06.
Il colore è emblematico: il bicchiere di sinistra presenta riflessi dorati evidenti, seppur non un giallo oro carico come descritto da Marco, mentre il bicchiere di destra è il vero Cervaro 2014 con un classico giallo paglierino brillante.
Al naso ed in bocca abbiamo coerenza con il colore: bicchiere di sinistra abbiamo un vino più evoluto e strutturato, con toni impegnativi e complessi, mentre il vero Cervaro del bicchiere di destra risponde alla descrizione di Cernilli sul Dottore del Vino.
Problema di tappo? Di lotto? Di imbottigliamento? Di conservazione? Boh.... :roll:
Le due bottiglie erano della stessa cassa.

Per sapere se poteva essere un problema di lotto, bisognerebbe sapere se il lotto era diverso... :roll:
"Stessa cassa" vuol dire cassa almeno apparentemente integra acquistata dal rivenditore?
Comunque il caso di bottiglie contenenti un bianco di colore diverso e consistenza diversa a parità di annata mi era capitato anni fa con la Tenuta Le Quinte e ci poteva anche stare. Con tutte le arie che si dà Antinori in particolare sul Cervaro non mi sembra accettabile.
Riguardo ai 98 points di Cernilli, penso che in Francia si sganascino al pensiero di un vino che viene più o meno dal nulla come questo che prendendo per buone certe valutazioni dovrebbe sfidare alla pari i migliori Grand Cru di Borgogna...
Ultima modifica di gp il 21 giu 2017 14:01, modificato 1 volta in totale.
gp
Marcozzo
Messaggi: 57
Iscritto il: 11 dic 2015 14:04

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda Marcozzo » 21 giu 2017 13:12

Riguardo ai 98 points di Cernilli


Guardando alle valutazioni di questo ed altri vino, mi sembra che Cernilli sia ora più allineato al metro Wine Enthusiast che non a quello di Parker, pure questo oggetto di grade inflation notevole negli anni...

Basta tararsi...

La domanda che spesso mi pongo è se le valutazioni su doctorwine siano più o meno allineate tra i vari recensori o meno, giusto per non tralasciare magari ottimi spunti e viceversa per evitare attese esagerate verso altri vini
vinogodi
Messaggi: 25163
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda vinogodi » 21 giu 2017 13:51

Marcozzo ha scritto:
Riguardo ai 98 points di Cernilli


Guardando alle valutazioni di questo ed altri vino, mi sembra che Cernilli sia ora più allineato al metro Wine Enthusiast che non a quello di Parker, pure questo oggetto di grade inflation notevole negli anni...

Basta tararsi...

La domanda che spesso mi pongo è se le valutazioni su doctorwine siano più o meno allineate tra i vari recensori o meno, giusto per non tralasciare magari ottimi spunti e viceversa per evitare attese esagerate verso altri vini
... È un tema destinato a far discutere. Daniele è indiscutibilmente uno dei più grandi assaggiatori che io conosca. La sua è però una logica "relativistica" , quindi riferita ad una categorizzazione. Inoltre è un assertore indefesso della democratizzazione del gusto. Lui conosce i grandi vini , ma anche la contestualizzazione dove inserirli. Pur avendo, io, una logica diversa , conoscendone i presupposti non ne rimango cosi turbato.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
vinogodi
Messaggi: 25163
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda vinogodi » 21 giu 2017 13:54

...tornando allo specifico del Cervaro, ringrazio per la risposta assai urbana di sommelier sardo perché la ritengo di grande equilibrio che mi ha fatto riflettere. Rimane da parte mia qualche perplessità , ma ci può stare...
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
gp
Messaggi: 2479
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda gp » 21 giu 2017 14:04

vinogodi ha scritto:La sua è però una logica "relativistica" , quindi riferita ad una categorizzazione. Inoltre è un assertore indefesso della democratizzazione del gusto. Lui conosce i grandi vini , ma anche la contestualizzazione dove inserirli.

La traduzione in italiano di questi due concetti? Ho provato con un traduttore automatico, ma non riconosce la lingua di partenza :D
gp
SommelierSardo
Messaggi: 970
Iscritto il: 26 mar 2015 20:51
Località: Pisa

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda SommelierSardo » 21 giu 2017 15:07

vinogodi ha scritto:...tornando allo specifico del Cervaro, ringrazio per la risposta assai urbana di sommelier sardo perché la ritengo di grande equilibrio che mi ha fatto riflettere. Rimane da parte mia qualche perplessità , ma ci può stare...


Capiterà occasione di vederci in qualche bevuta, e proveremo a berlo da magnum, formato più affidabile... :idea:
Senza dibattito e confronto, con toni pacati e qualche battuta, il nostro giochino è bello, costruttivo ed aiuta tutti noi a crescere e migliorare nell'infinito campo enologico, il quale avrebbe bisogno di tre vite per avere una conoscenza solamente discreta.
Il muro contro muro non porta da nessuna parte, siamo persone di buon senso :wink:
gp
Messaggi: 2479
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda gp » 21 giu 2017 15:43

Anfatti, volemose bbene
un paio d'anni fa, c'è stato chi ha scritto:DElusione della serata, soprattutto da chi ne incensava le doti all'apparire perchè massimo bianco bevuto fino a quel momento nella loro enobanale vita di bevitori, il Cervaro della Sala 2010 ( :D :D :) ) che scompariva di fronte a tutti , dico tutti, i vini presenti [un paio di Batard Montrachet, un Meursault PC, un paio di Chablis GC, un Trebbiano Valentini ecc.]. ... e lì a tirar fuori le sciocchezze della bottiglia sottoperformante, dei dubbi di conservazione, dell'annata ... palle, era l'ultima di tre bocce dalla mia cantinetta ed era sempre lui: solo che, certi confronti, diventano impietosi e bisogna renderesene conto. Enorme ma senza grip, boisé, monocorde...si , insomma , da solo fa presa , ma in certi contesti...

Ah, a proposito di Batard e della volontà o capacità di "contestualizzare" di Cernilli ecco l'inizio 'dico - non dico' della sua recensione da 98 puntoni del Cervaro 2014:
Cernilli ha scritto:Un famoso enologo francese in degustazione coperta ha giurato che fosse un Batard Montrachet, ma che non riusciva a collocarlo bene, forse un nuovo produttore. Invece era il Cervaro
gp
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 5310
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda zampaflex » 21 giu 2017 16:55

gp ha scritto:Anfatti, volemose bbene
un paio d'anni fa, c'è stato chi ha scritto:DElusione della serata, soprattutto da chi ne incensava le doti all'apparire perchè massimo bianco bevuto fino a quel momento nella loro enobanale vita di bevitori, il Cervaro della Sala 2010 ( :D :D :) ) che scompariva di fronte a tutti , dico tutti, i vini presenti [un paio di Batard Montrachet, un Meursault PC, un paio di Chablis GC, un Trebbiano Valentini ecc.]. ... e lì a tirar fuori le sciocchezze della bottiglia sottoperformante, dei dubbi di conservazione, dell'annata ... palle, era l'ultima di tre bocce dalla mia cantinetta ed era sempre lui: solo che, certi confronti, diventano impietosi e bisogna renderesene conto. Enorme ma senza grip, boisé, monocorde...si , insomma , da solo fa presa , ma in certi contesti...

Ah, a proposito di Batard e della volontà o capacità di "contestualizzare" di Cernilli ecco l'inizio 'dico - non dico' della sua recensione da 98 puntoni del Cervaro 2014:
Cernilli ha scritto:Un famoso enologo francese in degustazione coperta ha giurato che fosse un Batard Montrachet, ma che non riusciva a collocarlo bene, forse un nuovo produttore. Invece era il Cervaro


Produttori modernisti anche sulla divina collina? :mrgreen:
Abbiamo i Montrachet Boys? :lol:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
SommelierSardo
Messaggi: 970
Iscritto il: 26 mar 2015 20:51
Località: Pisa

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda SommelierSardo » 21 giu 2017 17:41

Marcozzo ha scritto:
Riguardo ai 98 points di Cernilli


Guardando alle valutazioni di questo ed altri vino, mi sembra che Cernilli sia ora più allineato al metro Wine Enthusiast che non a quello di Parker, pure questo oggetto di grade inflation notevole negli anni...

Basta tararsi...

La domanda che spesso mi pongo è se le valutazioni su doctorwine siano più o meno allineate tra i vari recensori o meno, giusto per non tralasciare magari ottimi spunti e viceversa per evitare attese esagerate verso altri vini


I punteggi lasciano il tempo che trovano: non rimane altro che assaggiare personalmente, unica e vera cartina tornasole!
Marcozzo
Messaggi: 57
Iscritto il: 11 dic 2015 14:04

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda Marcozzo » 21 giu 2017 19:43

I punteggi lasciano il tempo che trovano: non rimane altro che assaggiare personalmente, unica e vera cartina tornasole!


100% d'accordo. E' che non potendo assaggiare tutto, magari tra tasting notes e voti (specialmente di critici dal palato affine) cerco di assaggiare un po' più focalizzato, anche perchè preferisco godermi una bottiglia in due rispetto alle bicchierate sterminate, e quindi il numero di assaggi annuali non può che essere più limitato.
jopen
Messaggi: 2
Iscritto il: 21 giu 2017 19:49

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda jopen » 21 giu 2017 19:53

Ciao ragazzi, sono nuovo del Forum, da poco mi sono imbattuto in enoteche online, qualcuno di voi conosce be-wine.com ? ho trovato questo vino e ne parlano bene: https://www.be-wine.com/prodotto/cantin ... -igt-2015/ qualcuno lo conosce? il sito è affidabile?
littlewood
Messaggi: 856
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda littlewood » 21 giu 2017 19:56

Me pare un po' caretto.....
jopen
Messaggi: 2
Iscritto il: 21 giu 2017 19:49

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda jopen » 21 giu 2017 20:20

Il sito o il vino?
littlewood
Messaggi: 856
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda littlewood » 21 giu 2017 21:01

Entrambi
littlewood
Messaggi: 856
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda littlewood » 21 giu 2017 21:11

BIONDI SANTI brunello annata 012
Provato ieri sera l' ultimo brunello prodotto dal grande Franco
Naso molto mobile speziato all' inizio poi su note terrose infine nette note di cioccolato fondente. In bocca si sente l' alcool frutto di un' annata nn facile da gestire sotto questo aspetto.nn largo in bocca si concentra soprattutto al centro e manca un filino di profondita' E' un giovanotto che si puo' fare , ma nn mi sembra na' versione memorabile. Di memorabile ha sicuramente il prezzo!! :shock:
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 5310
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda zampaflex » 22 giu 2017 10:22

Skerk - Vitovska 2012
Fase di chiusura? Ho trovato un naso limitato, su note di buccia, fumé, poco altro. Bocca semplice pur nella finezza tipica di Sandi. Buono ma non da strapparsi i capelli.
Esperienza analoga, coincidenza, per un mio amico con la 2013 sempre ieri.
Mah.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
littlewood
Messaggi: 856
Iscritto il: 04 mag 2010 10:32

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda littlewood » 22 giu 2017 13:04

Skerk e' cosi' ... Del quartetto di prepotto x me e' sempre stato il meno convincente
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 5310
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: BEVUTE GIUGNESCHE

Messaggioda zampaflex » 22 giu 2017 15:22

littlewood ha scritto:Skerk e' cosi' ... Del quartetto di prepotto x me e' sempre stato il meno convincente


Pensa che quando li ho assaggiati giovani, agli eventi, li ho trovati sempre molto ben fatti, puliti e profumati. Forse cedono molto velocemente col passare del tempo. :roll:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: andrea413, pie2014, Smarco e 13 ospiti