Bevute Maggenghe 2017

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6999
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda zampaflex » 13 mag 2017 17:10

gabresso ha scritto:
zampaflex ha scritto:Due ottimi vini italiani da uve alloctone, davvero sorprendenti per alcuni aspetti.


Poderi San Lazzaro - Bordò 2011

Tuffi il naso nel bicchiere, di un bellissimo granata diafano con cuore rubino, ed esclami RODANO.
Questo è il complimento più grande che si possa fare, per me, a questo vino.
Turbinio di richiami alla carne, alla macchia, ai fruttini, un po' di china, pietra...bocca coerente, chinosa, di buona lunghezza. Gioca sulla leggerezza molto più che sulla concentrazione, non paia fuori luogo il richiamo ai grandi artigiani Bonneau e Reynaud, nello stile, quando magari ci si aspetterebbe un risultato più prossimo ai vini più muscolari di Sardegna, Languedoc, Roussillon, Spagna.
Da provare ad attendere come gli originali francesi, per me, per vederne l'evoluzione.
Bravo, bravo Paolo, e grazie per avermi concesso l'estorsione di due bocce dalla quart'ultima cassa quando andai a trovarlo :D



Sono contento Luciano di leggere queste note,. Bevuta recentemente una anche io...non mi sembrava avesse riscosso lo stesso stupore un anno fa quando la bevemmo da Max . Prova a vedere sul tuo taccuino cosa appuntasti allora. Contento per Paolo ...questa versione di Bordo' , la sua prima, x me rimane la migliore. L'unica tra l'altro affinata solo in acciaio. Dalla 2012 in poi sarà solo barrique. Vedremo. Perché dai campioni di botte assaggiati invece viene fuori una concentrazione maggiore a scapito proprio della leggerezza che jai trovato nel bicchiere. Paolo d'altronde ritiene che per domare questo vitigno sia necessario proprio il legno, staremo a vedere. Io intanto custodisco le ultime 2 :wink:


No, quella boccia fu ben più pesante.
Peccato per la barrique, fa più danni della fillossera.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
AmoSlade
Messaggi: 463
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda AmoSlade » 13 mag 2017 19:09

SP68 2015 - Arianna Occhipinti: piaciuto più del frappato, che non mi aveva del tutto convinto. Terra, mineralità scura e rovi e sì, c'è anche una certa ferinità sotto, ma senza eccedere. Quello che mi ha colpito è stata la bevibilità, rustica ma appagante.

Sassella Vigna Regina 2007 - Ar.Pe.Pe: il solito tripudio di fiori macerati, erbe e spezie dolci, ma ancora più ammaliante e meno austero del solito, con anche qualche richiamo di liquirizia e tamarindo. In bocca è seta pura, più pronto di quanto mi aspettassi, profondo ma senza peso. A voler cercare un neo, ma si tratta di gusto personale, un pizzico di grip tannico in più sul finale non mi sarebbe dispiaciuto. Ho un debole per questa cantina e, pur non potendo fare a meno di dispiacermi per l'aumento dei prezzi, mi sento di dire che vale tutto quel che costa.
Spectator
Messaggi: 3666
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Spectator » 14 mag 2017 11:35

...Domus Caia 2005,Stefano Ferrucci. Bel vino della tipologia Sangiovese di Romagna;materico,prorompente nei profumi e al sorso,scorrevolissimo; tanta frutta rossa matura con una leggera e piacevole nota di vaniglia ; tannino fine..equilibrato e scia..lunghissima.Per me..bella scoperta.
Avatar utente
venicka
Messaggi: 395
Iscritto il: 01 nov 2016 14:14

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda venicka » 14 mag 2017 20:11

NV Cuvée Louis - Tarlant
Blend se non ricordo male a maggioranza '98, sboccato nel 2009: appena aperto agrume, arancia candita netta, poi sale e tabacco biondo, col tempo (e calore) spunta fuori una bella pesca gialla e succosa decisamente puligny.
In bocca è molto presente con bolle non finissime a dire il vero.
Buono, ma niente di più.

2006 Verdicchio di Matelica - Collestefano
Parte mineralissimo tra conchiglie chablisiane e idrocarburo crucco, poi limone, anice, menta e lieve nocciola, in bocca è fresco, sostanzioso e lungo, con vari crostacei ha dato spettacolo, piaciuto tanto.

NV Marsala Vecchio Samperi Ventennale - Marco de Bartoli
A'facc ro kazz.
Appena aperto salmastro da morire, schiaffi di mare proprio, come quando sei in barca e t'arriva na zaffata di vento in faccia, splendido, poi sigaro e vari frutti più o meno canditi, albicocca, agrume e strudel, buccia di mandarino bruciacchiata, lucido da scarpe e petrolio.
Bocca che pare sale tritato, acidissima e intensa, lunga, bevuto dopo un cristal 2006 su cui c'è poco da dire (ovvero ripassare tra una quindicina d'anni per sentire qualcosa di "cristalliano" ma in ogni caso quella bocca sempre così cremosa a me mi manda in estasi) ha fatto scendere il gelo: autoreferenziale è stata la definizione più gettonata, si è smesso di parlare di ciò di cui si stava parlando e ci si è messi a parlare di lui.
Un vino secondo me splendido, impegnativo intellettualmente senza mai essere pesante o cerebrale, territoriale fino al buco del culo, piaciuto da morire e poi resuscitare.
gbaenergiaeco10
Messaggi: 1416
Iscritto il: 24 feb 2015 20:07

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda gbaenergiaeco10 » 14 mag 2017 20:48

Jakot radikon 2006

Non proprio una bevuta maggenga, da mezzina in enoteca....temevo il peggio e invece niente, è stato come ritrovare un vecchio amico..quel naso lievemente smaltato, uva passa, liquirizia, terra rossa..bocca dal finale agrumato, un'acidità rinfrescante, un tannino timido molto piacevole..il naso cambia, evolve, in deboli note speziate..buono buono buono
Lorenzo
AmoSlade
Messaggi: 463
Iscritto il: 18 nov 2014 10:55

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda AmoSlade » 15 mag 2017 15:51

Sauvignon 2015 - Ferlat: paglierino scarico, aromatico e tropicale ai limiti della sfacciataggine, leggera nota verde. Mette d'accordo tutti i commensali e servito bello fresco potrebbe essere pericoloso.

Greco di Tufo Torrefavale 2013 - Cantine dell'Angelo: qui siamo agli antipodi rispetto al precedente, a partire dal colore, giallo dorato, fino ad arrivare ad un naso che di primario ha ben poco: mineralità sulfurea, cereali e lievito, mela rossa. In bocca acidità e sapidità quasi aggressive, sarei curioso di assaggiarlo fra un po' di anni.
stecca
Messaggi: 373
Iscritto il: 01 nov 2008 12:49
Località: BS

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda stecca » 15 mag 2017 22:52

piccola serata sangiovese "maremmano" con carne alla griglia.
I botri di ghiaccioforte - Morellino di Scansano 2005
Sicuramente ha già raggiunto il suo apogeo e sta ha già intrapeso la parabola discendende, ma certamente non è un vino andato anzi, soprattutto in bocca ha ancora la sua da dire.
Il naso è piuttosto sussurrato, la bottiglia è stata aperta stamattina da mio padre e io ho potuto mettere il naso nel bicchiere solo stasera a cena, peccato non aver potuto seguirne l'evoluzione.
Ci sono note di frutta rossa macerata, qualcosa di humus e qualche leggero sbuffo iodato.
Il meglio lo da in bocca, dove il tannino è perfettamente risolto, puro velluto con una sottile scia di sale e di minerale a far da contrappunto.

Arpagone - Prato al Pozzo 2008
e' un vino DOC montecucco, 100 % sangiovese.
Tuttosommato nell'intimo, non molto differente dall'altro, se non nell'età, quindi con note di frutta ancora toniche e turgide e una bocca con un filino in più di tensione, nonostante un tannino già fino e sciolto anche qui

Due belle bevute, pensando soprattutto a quanto avevo pagato le bocce e soprattutto due ottime compagne a tavola
alemusci
Messaggi: 327
Iscritto il: 03 apr 2016 12:24

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda alemusci » 16 mag 2017 23:56

Serata sudamericana 8)

Garzon reserva albarino 2016 (Uruguay):
Bella carica cromatica, paglierino intenso. Finezza olfattiva. Profumi diretti ed evidenti: freschi, floreali e fruttati. Indistinguibili dai grandi albarino spagnoli. Sapido, lungo e piacevole in bocca, pur nella sua semplicità.

Vallisto torrontes 2015 (argentina, salta):
Colore paglierino magnifico. Naso di grande finezza. Note tipiche del moscato. Pesca, spezie, caramelle ai frutti tropicali. Ma anche agrumi e fiori. In bocca è secco e sapido. Alcol ben gestito, aromaticità non invadente. Perfetta corrispondenza gusto-olfattiva.

La reserva di caliboro Erasmo Barbera garnacha 2015 (chile):
Bel colore rubino profondo. Naso un po' alcolico. Note di frutta rossa sotto spirito. Bocca catramosa, lievemente amarognola. Struttura, potenza e semplicità. Ben fatto.

Garzon reserva tannat 2015 (Uruguay):
Magnifica nota rubina. Naso quasi "francese"... confetture ed erbe officinali. Carruba ed origano. Tannino perfettamente gestito. Bocca talcata, ma nulla di allappante. Croccante. Bella persistenza della nota fruttata. Matrimonio perfetto con l'asado.

Fin del mundo reserva pinot noir 2015 (argentina, Patagonia):
Perfetta corrispondenza visiva con il pinot nero. Naso piacevole, un po' coperto dal legno. In bocca le durezze non sono prevalenti. Buona acidità, discreta persistenza. Elegante. A metà tra Nuova Zelanda e Oregon. Uno dei pinot nero più a sud del mondo...

Riglos gran malbec 2012 (argentina, mendoza):
Sottofondo rubino con tonalità granate. Frutta, spezia e floreale al naso. Bordolese. Fine. Bocca chinata, di liquirizia e tannino. Frutta e struttura. Acidità e persistenza.

Vina vik milla cala 2011 (chile):
Grande profondità di colore. Naso di foglie di pomodoro. Confettura di frutta rossa. Spezie, tabacco e liquirizia. Intrigante. Bocca di spezia e oliva.

Vallisto malbec 2011 (argentina, salta):
Mantiene ancora una base rubina ma sta virando verso il granato. Naso bordolese. Peperone. Confettura di frutta. Muscolare, bello. Atipico. Quasi meglio in bocca che al naso. Pulito, lungo. Tannino ben gestito, acidità piacevole.
vacanze immaginarie nella nuova Cambogia, frantumano l'assalto al cielo di Parigi
Smarco
Messaggi: 3294
Iscritto il: 18 nov 2012 15:01
Località: Ascoli Piceno

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Smarco » 18 mag 2017 09:44

ieri sera in quel di Ancona:
Ramonet, bourgogne blanc 2013 :D :D
Bruno Clair, morey s denis "en la rue de vergy" :D :D :)
Raveneau, montee de tonnerre 2008 :D :D :D :)
Raveneau, vaillons 2009 :D :D :D
Bruno Collin, chassagne montrachet:
-MORGEOT 2010 :D :D
-LES CHAUMEES 2009 :D :D :)
-LES VERGERS 2009 :D :D :D
-LA MALTROIE 2009 :D :D :)
-LA BOUDRIOTTE 2009 :D :D :D
Bonneau du Martray, corton charlemagne 2011 :D :D :D
Amiot Servelle, chambolle musigny 2007 :evil:
Mugnier, musigny 2011 :D :D :D :D :)
Vogue, musigny 2011 :D :D :D :D

P.S. c'erano 4 e dico QUATTRO quote rosa 8)
Spectator
Messaggi: 3666
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Spectator » 19 mag 2017 12:43

..Trebbiano 2011,Valentini.Timido e poco espressivo al naso,solo qualche leggera nota sulfurea,agrumi, fiori bianchi, ma gia' tanto buono e godibile al palato. Solita eleganza,materica persistenza e acidita' super,per un radioso futuro. Vino che nn mi ha mai deluso e spesso..emozionato,anche perche' sempre ben..predisponente ad effervescenti dopo/cena!!Piaciuto + :D .
Ultima modifica di Spectator il 19 mag 2017 18:16, modificato 1 volta in totale.
vinogodi
Messaggi: 27655
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda vinogodi » 19 mag 2017 13:00

...stasera al San Fiorenzo di Fiorenzuola solita serata di bevitori/mangiatori seriali : domani 2 note ...
PS:
Preaperitivo: Champagne Sadi Malot

Batteria Bollone Millesimo 2006 :
- Dom Perignon 2006
- CàDelBosco Riserva Annamaria Clementi 2006
- Champagne LeBrunServeany "Cuvée Exilarante" Millesimé 2006
- Champagne Philipponnat "Clos de Goisses" 2006

BATTERIA "BIANCHINI" :
- Trebbiano D'Abruzzo Valentini 2001 (letto bene? Duemilauno...)
- Chassagne Montrachet 1er Cru "Morgeot" 2010 Bruno Colin
- Puligny Montrachet 1er Cru "Champ Canet" 2009 Domaine Ramonet
- Meursault 1er Cru "Perrieres" 2013 Matrot

ROSSI:
- Vosne Romanée "Echezaux" Grand Cru 2007 Domaine Gros Freres
- Barolo Cascina Francia 2007 Conterno
- Chateau Neuf du Pape 2003 "Les Crau" Vieux Thélegraphe
- Clos Rougeard "Clos" Saumur Champigny

FINALE: Auslese di Schloss Lieser
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Vinos
Messaggi: 851
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Vinos » 20 mag 2017 15:22

Alcuni vini bevuti nell'ultimo periodo, li avevo postati su Facebook quindi alcune frasi potrebbero non avere apparentemente senso.

Oggi confronto tra due produttori a cui sono particolarmente legato, più uno champagne finale,imprevisto, di cui anche se non conosco personalmente il produttore , credo o meglio voglio credere abbia un legame con gli altri due in quanto concerne a stile di vita e tecnica di produzione.

Barolo accomasso rocche 2007:
Colore rosso granato con unghia lievemente aranciata, trasparente , da manuale,al naso concede fiori e frutti rossi, una lieve nota terrosa che ci avvisa di un inizio di terziarizzazione,in bocca i tannini sono eleganti,accarezzano il palato e riempiono il centro bocca di un peso leggero, l'acidità da spinta e la lunghezza è ragguardevole.

Il vino di Zeno ha un profilo più fruttato, ampio,marasca, spezie, l'affinamento in legno si percepisce ma non disturba troppo, in bocca è materico, austero, largo, il finale molto lungo con chiusura leggermente amara, in via retro olfattiva ritornano le note legnose, ha bisogno di qualche anno di vetro a conferma della mia tesi il giorno dopo il vino era più rilassato ed il legno sparito.

Fallet prevostat extra brut: adoro questo champagne, anche nella versione nature,il corredo aromatico e di tutto rispetto per ampiezza di profumi ed intensità, note di gesso e fiori, ma anche una lieve nota di pasticceria, in bocca le bollicine solleticano il palato, l'acidità è altissima, una lama, per alcuni puó essere squilibrio per me è carattere.

Tenuta terre nere santo spirito 2013: ottimo vino, naso leggermente sussurrato, di bei fruttini rossi, buona struttura buona acidità, da attendere qualche anno, ho preferito il 2014 feudi di mezzo.

Barbaresco montestefano serafino rivella 2004: rose macerate, liquirizia, goudron, bocca sapida, tannino risolto,carezzevole per i miei gusti al top della forma adesso, nn aspetterei oltre.

chambertin denis mortet vieilles vignes 2012:finalmente 50 euro spesi bene in Borgogna, bel naso che parte vinoso ma vira su note floreali,alcune note boisè a ricordare la giovane età, in bocca è freschissimo, teso, di bel impatto, finale lungo leggermente sfuocato, necessita di ancora qualche anno in bottiglia.

Domaine Jean Foillard Morgon "Eponyme - Les Charmes" 2013 : parte su toni animali che svaniscono con un po' ossigeno per far posto ad un bel frutto croccante,poi foglie di tè nero, spezie ,in bocca è succosissimo, non riesci a staccarti dal bicchiere,una delizia.
11,5 alcool.

Carasuolo valentini 2014: nonostante non abbia feeling col il produttore, troppe le bottiglie con deviazioni aromatiche, devo ammettere che questa volta il naso era "pulito", non troppo complesso ma intenso, la bocca davvero stimolante per un rosato, bellissima freschezza e grande potenza e persistenza, non è un rosato comune devo ammettelo.

Alexander filane couvèe dmy: si cambia registro rispetto alla cuvee speciale, più complesso e ricco di sfumature, in bocca più cremoso e ampio, persino di beva maggiore Conviene decisamente spendere pochi eurini in più e comprare il DMY.

Cornas la geynal 2014 vincent paris. Parte
Fruttatissimo, more, mirtilli, pepe, cannella, in bocca è un bimbo in fasce, il tannino anestetizza le gengive, ma la percezione a centro bocca non è fastidiosa( estrazione magistrale).

Questi non non preso note perchè ero in vacanza, metto solo indicazioni di gradimento.
LARMANDIER BERNIER VERTUS 2010 ++++ ( buonissimo)
LAHERTE BLANC DE BLANCS NATURE +++
LAHERTE ULTRADITION EXTRA BRUT ++,

OZZANNE FALLON +++,

Mancano alcune note su bevute fatte in giro tipo quella sui sancerre della loira fatta con Fabio videodrom( che se vuole postarla magari...), ho deciso di impegnarmi di più, questo forum mi da molto, mi ha fatto conoscere molti vini e amici, un minimo di sforzo per contribuire bisogna farlo.
Avatar utente
arnaldo
Messaggi: 8590
Iscritto il: 07 giu 2007 08:21
Località: Bassano del Grappa

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda arnaldo » 20 mag 2017 15:37

Vinos ha scritto:

Il vino di Zeno ha un profilo più fruttato, ampio,marasca, spezie, l'affinamento in legno si percepisce ma non disturba troppo, in bocca è materico, austero, largo, il finale molto lungo con chiusura leggermente amara, in via retro olfattiva ritornano le note legnose, ha bisogno di qualche anno di vetro a conferma della mia tesi il giorno dopo il vino era più rilassato ed il legno sparito.

.


Suppongo MONTE DEI RAGNI......Valpo...amarone?.. annata??? Many thanks.
follow my tasting notes and pics on http://instagram.com/ARNALDO2262/
vinogodi
Messaggi: 27655
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda vinogodi » 20 mag 2017 16:22

vinogodi ha scritto:...stasera al San Fiorenzo di Fiorenzuola solita serata di bevitori/mangiatori seriali : domani 2 note ...
PS:
Preaperitivo: Champagne Sadi Malot Blanc de Blanc in doppia bottiglia :D :D :D :) (delizioso aperitivo)

Batteria Bollone Millesimo 2006 :
- Dom Perignon 2006 :D :D :D :)
- CàDelBosco Riserva Annamaria Clementi 2006 :D :D :D :)
- Champagne LeBrunServeany "Cuvée Exilarante" Millesimé 2006 :D :D :D :D (grande e bellissima sorpresa. Bocca splendida, ricco , potente ... muy bueno)
- Champagne Philipponnat "Clos de Goisses" 2006 :D :D :D :D :) (migliore della serata)

BATTERIA "BIANCHINI" :
- Trebbiano D'Abruzzo Valentini 2001 M.E.R.A.V.G.L.I.O.S.O . Fra i migliori Trebbiano Valentini dell'ultimo decennio di bevute. :D :D :D :D
- Chassagne Montrachet 1er Cru "Morgeot" 2010 Bruno Colin :D :D :D :)
- Puligny Montrachet 1er Cru "Champ Canet" 2009 Domaine Ramonet :D :D :D :D :) (vino incredibile: sembrava un Bienvenues)
- Meursault 1er Cru "Perrieres" 2013 Matrot :D :D :D :D (ma quanto è buono?)

ROSSI:
- Vosne Romanée "Echezaux" Grand Cru 2007 Domaine Gros Freres :D :D :D :D :) (esplosivo)
- Barolo Cascina Francia 2007 Conterno :D :D :D :D
- Chateau Neuf du Pape 2003 "Les Crau" Vieux Thélegraphe :evil:
- Clos Rougeard "Clos" Saumur Champigny 2006 :D :D :D :D ...beh , tutti a bocca aperta incrduli fosse un Cabernet Franc . Alla cieca si sparavano Borgogne di ogni genere...

FINALE: Auslese Goldkapsel 2015 Merckelbach in doppia bottiglia (su richiesta : la prima seccata) :D :D :D :D
...mangiato davvero bene e bevuto direi benissimo . Vieux Telegraphe decrepito con tappo secchissimo, un vero peccato (sostituito con ChateauneufduPape Pierre André 2010 :D :D :D , bella boccia ma assolutamente sotto le altre qualitativamente. Per il resto grandissimo godimento
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Vinos
Messaggi: 851
Iscritto il: 09 feb 2015 23:26

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Vinos » 20 mag 2017 17:42

arnaldo ha scritto:
Vinos ha scritto:

Il vino di Zeno ha un profilo più fruttato, ampio,marasca, spezie, l'affinamento in legno si percepisce ma non disturba troppo, in bocca è materico, austero, largo, il finale molto lungo con chiusura leggermente amara, in via retro olfattiva ritornano le note legnose, ha bisogno di qualche anno di vetro a conferma della mia tesi il giorno dopo il vino era più rilassato ed il legno sparito.

.


Suppongo MONTE DEI RAGNI......Valpo...amarone?.. annata??? Many thanks.


Hai ragione, non ho messo le foto.... amarone annata 2008
GabrieleB.
Messaggi: 822
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda GabrieleB. » 20 mag 2017 18:05

Ciao Marco solo una cortesia al volo:CF 2007 come lo hai visto?Può stare lì ancora o berresti a breve?Grazie :)
vinogodi
Messaggi: 27655
Iscritto il: 13 giu 2007 15:20
Località: nord

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda vinogodi » 20 mag 2017 18:24

GabrieleB. ha scritto:Ciao Marco solo una cortesia al volo:CF 2007 come lo hai visto?Può stare lì ancora o berresti a breve?Grazie :)
...straordinariamente pronto . Qualche anno lo dura. Mooooolto bello già da subito , gran naso e bocca che ha tenuto testa all'Echezaux... e qualcosa in più.
....Magari ricaviamo un altro piccolo appoggio un po' meno liscio e scivoloso su cui zompettare per attraversare le rapide dell'incomprensione, ed evitare di precipitare nel baratro delle cascate del conflitto perenne...

Avatar
Spectator
Messaggi: 3666
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Spectator » 21 mag 2017 11:53

..Guercio 2015 , O' Callaghan , Rosso igt -Sangiovese 100%. Bel rosso rubino luminoso,per un vino dall'apparenza efebico ma nella sostanza..materico. Naso sussurrato di ciliegia,mirtillo,viola ,rosa,agrume. Freschezza a iosa,portentosa e golosa bevibilita', eleganza e carattere. Boccia finita in 2 in meno di 15 minuti. Poche volte ho assaggiato un Sangiovese cosi' particolare e goloso dalle mani del buon Roland. E' vero che a volte si e' particolarmente..predisposti al bere,ma,quando c'e'..c'e' :) .
Avatar utente
Pot
Messaggi: 2067
Iscritto il: 15 lug 2010 13:59
Località: Roma

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Pot » 21 mag 2017 12:42

Spectator ha scritto:..Guercio 2015 , O' Callaghan , Rosso igt -Sangiovese 100%. Bel rosso rubino luminoso,per un vino dall'apparenza efebico ma nella sostanza..materico. Naso sussurrato di ciliegia,mirtillo,viola ,rosa,agrume. Freschezza a iosa,portentosa e golosa bevibilita', eleganza e carattere. Boccia finita in 2 in meno di 15 minuti. Poche volte ho assaggiato un Sangiovese cosi' buono dalle mani del buon Roland. E' vero che a volte si e' particolarmente..predisposti al bere,ma,quando c'e'..c'e' :) .


Volevo aprire la stessa bottiglia un paio di sere fa, poi ho optato per Misco 2010 Tavignano, verdicchio veramente spettacolare: naso cristallino ed ampio nei profumi, ed una bocca rotonda ed equilibrata,di grande acidità. Uno di quei vini dal rapporto qualità prezzo incredibile, di cui bisognerebbe aver piena la cantina e da bere almeno per i prossimi dieci anni.
Ora però mi hai messo voglia di assaggiare questo Guercio :D
...La vita va corretta, eccome, è troppo dura da buttare giù liscia
GabrieleB.
Messaggi: 822
Iscritto il: 02 lug 2012 14:57

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda GabrieleB. » 21 mag 2017 14:57

vinogodi ha scritto:
GabrieleB. ha scritto:Ciao Marco solo una cortesia al volo:CF 2007 come lo hai visto?Può stare lì ancora o berresti a breve?Grazie :)
...straordinariamente pronto . Qualche anno lo dura. Mooooolto bello già da subito , gran naso e bocca che ha tenuto testa all'Echezaux... e qualcosa in più.

Grazie... :wink:
Ziliovino
Messaggi: 3068
Iscritto il: 10 giu 2007 17:48
Località: (Bg)

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Ziliovino » 21 mag 2017 19:18

Vinos ha scritto:
Domaine Jean Foillard Morgon "Eponyme - Les Charmes" 2013 : parte su toni animali che svaniscono con un po' ossigeno per far posto ad un bel frutto croccante,poi foglie di tè nero, spezie ,in bocca è succosissimo, non riesci a staccarti dal bicchiere,una delizia.
11,5 alcool.


Morgon Eponyme Les Charmes 2014 - Domaine Jean Foillard. Il mio portafogli insiste: “Morgon is MY new Cote de Nuits”. Questo non ha sicuramente la struttura di altri Morgon, ma il naso irresistibile di macedonia di frutti rossi e fiori a go-go appaga alquanto.

Soave Classico le Rive 2007 – Suavia. L’ho acquistato piuttosto scettico vista la notevole quota di legno ai tempi dell’uscita, che anche oggi si fa sentire, ma ha trovato una sua dimensione, seppur molto più simile ad uno chardonnay in barrique, è pettinato e piacione, ma si lascia bere piuttosto bene.

Cortona Syrah Smeriglio 2014 – Baracchi. Primo assaggio, quindi non saprei se è colpa dell’annata, comunque vino piuttosto semplice e cortino, senza slanci. Mi è parso interessante invece il suo metodo classico da uve trebbiano 2013, piacevole e di carattere.

Passando da Cortona e Montepulciano ho fatto visita ad Amerighi: è sempre un personaggio, lanciatissimo nella biodinamica, appassionato, tra vigneti a candelabro, chianine al pascolo, contenitori sferici in ceramica ed altro si è assaggiato diverse cose da vasca e bottiglia. Sempre ottimi vini. Qualcuno ha provato il suo rosato? L’ho comprato a scatola chiusa. A Montepulciano sono passato invece da Crociani, qui meritano le riserve, saporite e dall’anima toscana.
"Il successo di tavernello invita a riflettere"
(Anonimo, bomboletta spray su muro)

"Il vino non lo scegli... è lui che sceglie te"
Avatar utente
Ludi
Messaggi: 2691
Iscritto il: 22 lug 2008 10:02
Località: Roma

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Ludi » 21 mag 2017 21:12

Mastroberardino, Greco di Tufo 2010: onestissimo Greco, grasso e minerale come deve essere, pur senza grandi voli pindarici.
Praesidium, Montepulciano d' Abruzzo Riserva 2007: produttore che apprezzo davvero molto, naturale senza insistere su improbabili puzzette. Frutto maturo e goloso, grande speziatura, stoffa da puledro scalpitante. Davvero piaciuto.
Domaine de l'Ecu, Muscadet Sevre et Maine Gneiss 2009: timidissimo al naso, con sbuffi ostricosi che farebbero dire Chablis; la bocca, invece, è decisamente giocata sulla salinità estrema, mentre la freschezza resta in secondo piano.
Vollenwieder, Wolfsgrube Riesling Auslese Lange Goldkapsel 2007: Preciso ed affilato come un bisturi, con al sua sferzante acidità a temperare la dolcezza. Moltissima botrytis.
S. Horiot, Seve Rosé de Saignée 2009: uno Champagne di gran carattere, vicino ad un Rosé de Riceys per le note di carcadé, rabarbaro e persino petrolio. Ottimo l'equilibrio fresco-sapido. Bella bolla.
Chateau de Fosse Seche, Saumur Reeserve du Pigeonnier 2006: un cabernet franc da manuale, con grafite, legno di sambuco, ribes rosso e felce. Note piraziniche di troppo non pervenute.
Zind Humbrecht, Riesling Brand VT 2006: non dolcissimo, davvero analogo ad uno Spatlese non solo nel nome. Abbinamento da sogno con un Castelmagno leggermente erborinato.

Sabato sera cena (ottima) da Vissani, con la possibilità di portarci i nostri vini. Tra le tante bottiglie seccate hanno spiccato una bellissima versione del Cornas La Louvée 2007 di Colombo (magnum portata da me) con un frutto incredibilmente integro. Un po' stanco Faro Palari 2004, terziarizzato ma sempre validissimo Percristina 2001.
Spectator
Messaggi: 3666
Iscritto il: 06 giu 2007 11:36

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Spectator » 22 mag 2017 07:56

Pot ha scritto:
Spectator ha scritto:..Guercio 2015 , O' Callaghan , Rosso igt -Sangiovese 100%. Bel rosso rubino luminoso,per un vino dall'apparenza efebico ma nella sostanza..materico. Naso sussurrato di ciliegia,mirtillo,viola ,rosa,agrume. Freschezza a iosa,portentosa e golosa bevibilita', eleganza e carattere. Boccia finita in 2 in meno di 15 minuti. Poche volte ho assaggiato un Sangiovese cosi' buono dalle mani del buon Roland. E' vero che a volte si e' particolarmente..predisposti al bere,ma,quando c'e'..c'e' :) .


Volevo aprire la stessa bottiglia un paio di sere fa, poi ho optato per Misco 2010 Tavignano, verdicchio veramente spettacolare: naso cristallino ed ampio nei profumi, ed una bocca rotonda ed equilibrata,di grande acidità. Uno di quei vini dal rapporto qualità prezzo incredibile, di cui bisognerebbe aver piena la cantina e da bere almeno per i prossimi dieci anni.
Ora però mi hai messo voglia di assaggiare questo Guercio :D


..Sono un bevitore compulsivo e..ignorante,indi,poco affidabile nei giudizi e nelle descrizioni. Ma penso che piacera' anche a Te :wink: :!: .
Rabona
Messaggi: 996
Iscritto il: 04 nov 2013 22:49

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda Rabona » 22 mag 2017 19:26

Paul Bara 2006 gc
Parte chiuso sia al naso che in bocca,evolve poi in una bella mineralita',sostenuta dalla nota acida ( forse pompelmo?) finendo con una bella forza da p.nero maturo.
Abbinato, goduriosamente,ad hamburger con cipolle caramellate e misto di peperoni spadellati
Ancora 3 in cantina....
Papo ma il vino e' il latte dei grandi?!
Certo amore! :mrgreen:
Avatar utente
and.car
Messaggi: 889
Iscritto il: 14 mar 2011 17:47
Località: Padova

Re: Bevute Maggenghe 2017

Messaggioda and.car » 23 mag 2017 08:44

Vinos ha scritto:
arnaldo ha scritto:
Vinos ha scritto:

Il vino di Zeno ha un profilo più fruttato, ampio,marasca, spezie, l'affinamento in legno si percepisce ma non disturba troppo, in bocca è materico, austero, largo, il finale molto lungo con chiusura leggermente amara, in via retro olfattiva ritornano le note legnose, ha bisogno di qualche anno di vetro a conferma della mia tesi il giorno dopo il vino era più rilassato ed il legno sparito.

.


Suppongo MONTE DEI RAGNI......Valpo...amarone?.. annata??? Many thanks.


Hai ragione, non ho messo le foto.... amarone annata 2008


non una buona riuscita la 2008 per Zeno...anche a detta sua..ho avuto modo di provarlo un paio di volte ma non è scattato il feeling
Lo spreco della vita si trova nell’amore che non si è saputo dare, nel potere che non si è saputo utilizzare, nell'egoistica prudenza che ci ha impedito di rischiare e che, evitandoci un dispiacere, ci ha fatto mancare la felicità. [Oscar Wilde]

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti