SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Uno spazio per tutti, esperti o meno, appassionati o semplicemente incuriositi dall'affascinante mondo del vino: domande, idee, opinioni...
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 10 apr 2017 18:06

gp ha scritto:
zampaflex ha scritto:Ar.Pe.Pe - Valtellina superiore riserva Grumello Sant'Antonio 2009

Minchia che annata in valle! Tutto sembra posizionarsi su un gradino superiore, rinsaldare parentele ampelografiche a volte labili, fare dimenticare il terreno (letteralmente, la terra) frigido e povero per assurgere a vette assolute di polposità e sapore. Mi viene voglia di scomodare IL VATE.

L'hai già fatto...
Ma intendi
essolui ha scritto:polposità uvosa nativa
oppure
essolui ha scritto:polposità balsamicamente sontuosa

:?: :)


Naaah, è nativa. Niente legni qui. :lol:
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 12 apr 2017 11:57

zampaflex ha scritto:Ar.Pe.Pe - Valtellina superiore riserva Grumello Sant'Antonio 2009

Minchia che annata in valle! Tutto sembra posizionarsi su un gradino superiore, rinsaldare parentele ampelografiche a volte labili, fare dimenticare il terreno (letteralmente, la terra) frigido e povero per assurgere a vette assolute di polposità e sapore. Mi viene voglia di scomodare IL VATE.

dimenticate i vini crepuscolari di qualche anno fa, questo è una bomba di frutto e spezia, all'inizio del suo percorso.
Succoso e saporito, di grande equilibrio, suggerisce future complessità sopra correnti agiatezze, senza dimenticare che nessun tessuto dura senza un ordito robusto.

Per GP: lotto 15 275 in commercio da marzo.

Io invece ho assaggiato il

VS Sassella ris. Vigna Regina 2009 Ar.Pe.Pe. (13,5°, L 15 273)
(sottozona diversa dal Grumello Sant'Antonio ma quota analoga: qui 450/550, lì 450/500)

Il naso mescola note più evolute e austere (tra cui fieno e foglie autunnali, a momenti camino spento) con altre più giovanili (tra cui piccoli frutti rossi maturi / in confettura e spezie) che tendono a crescere alla distanza.
La bocca è relativamente potente, con una forza alcolica che mi ricorda la 1999 e una burrosità glicerica che fodera fin troppo l’acidità penetrante e il lato minerale, solo a momenti dispiegato in idrocarburi. Mi è sembrata solida, ma non molto espressiva, almeno in questa fase.

Da risentire con almeno un anno in più di bottiglia sulle spalle (al momento ha fatto solo un anno e mezzo, contro 5 anni in legno, stando alle informazioni riportate nella retro-etichetta).
Prezzo a scaffale (fuori dalla zona di produzione): oltre 60 euro.
gp
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6195
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda il chiaro » 12 apr 2017 20:39

gp ha scritto:
il chiaro ha scritto:Di arpepe le "riservissime" (bottiglia borgognotta: ultimi raggi, vigna regina, rocce rosse, buon consiglio, sesto canto, sant'antonio) nella 2011 non le berrete mai: non esistono.
Nelle annate in cui vengono prodotte le riserve Stella retica, Rocca de piro e Fiamme antiche non vengono prodotte le riservissime.
Disponibili adesso riservissime 2009 ad eccezione di buon consiglio e rocce rosse che sono ancora 2007.
Fino all'annata 2013 le riservissime poi saltano, infatti nel 2010, 2011 e 2012 ci sono stella retica & C.

Tutto giusto fino a ieri, ma adesso con l'uscita dell'annata 2012 di Stella Retica, Rocca de Piro e Fiamme Antiche c'è una novità: questi tre vini tornano a non essere più Riserva, come era fino a una decina di anni fa, quindi restano Riserva solo le "riservissime" in bottiglia borgognotta, prodotte solo nelle migliori annate (salvo eccezioni come la 2002, in cui sono usciti sia il Sassella Riserva Rocce Rosse e il Sassella Ultimi Raggi, sia il Grumello Riserva Rocca de Piro).


Si, ma la cosa è soltanto formale. Come tempistiche anche stella retica, fiamme antiche e rocca de piro sono riserve. Si è voluto semplificare le cose per l'utente finale che si ritrova sullo scaffale tutte riserve con differenze di prezzo importanti
let me put my love into you babe
let me put my love on the line

let me put my love into you babe
let me cut your cake with my knife

Brian Johnson
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 13 apr 2017 11:22

il chiaro ha scritto:
gp ha scritto:
il chiaro ha scritto:Di arpepe le "riservissime" (bottiglia borgognotta: ultimi raggi, vigna regina, rocce rosse, buon consiglio, sesto canto, sant'antonio) nella 2011 non le berrete mai: non esistono.
Nelle annate in cui vengono prodotte le riserve Stella retica, Rocca de piro e Fiamme antiche non vengono prodotte le riservissime.
Disponibili adesso riservissime 2009 ad eccezione di buon consiglio e rocce rosse che sono ancora 2007.
Fino all'annata 2013 le riservissime poi saltano, infatti nel 2010, 2011 e 2012 ci sono stella retica & C.

Tutto giusto fino a ieri, ma adesso con l'uscita dell'annata 2012 di Stella Retica, Rocca de Piro e Fiamme Antiche c'è una novità: questi tre vini tornano a non essere più Riserva, come era fino a una decina di anni fa, quindi restano Riserva solo le "riservissime" in bottiglia borgognotta, prodotte solo nelle migliori annate (salvo eccezioni come la 2002, in cui sono usciti sia il Sassella Riserva Rocce Rosse e il Sassella Ultimi Raggi, sia il Grumello Riserva Rocca de Piro).


Si, ma la cosa è soltanto formale. Come tempistiche anche stella retica, fiamme antiche e rocca de piro sono riserve. Si è voluto semplificare le cose per l'utente finale che si ritrova sullo scaffale tutte riserve con differenze di prezzo importanti

A oggi è così, per l'annata 2012 ora in circolazione. Ma nulla vieta che in futuro Ar.Pe.Pe. se lo ritiene opportuno possa ridurre i tempi di affinamento di questi tre vini, almeno in certe annate, visto che non sono più tenuti a osservare l'anno ulteriore di affinamento (rispetto ai due anni del Valtellina Sup., almeno uno dei quali in legno) previsti per la tipologia "Riserva".
gp
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 16 apr 2017 14:21

Ar.Pe.Pe. - Valtellina superiore riserva Inferno Sesto Canto 2009
Non mi è piaciuto come il fratellino. Più snello, e non di poco. Naso molto più fine sui fiori, radice di liquirizia, ma la bocca è esile e tannino e sapidità non sono equilibrati da sufficiente ciccia. Mi sarei aspettato il contrario.
Più sullo stile delle altre riserve di casa.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Avatar utente
il chiaro
Messaggi: 6195
Iscritto il: 07 giu 2007 00:24

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda il chiaro » 17 apr 2017 08:46

zampaflex ha scritto:Ar.Pe.Pe. - Valtellina superiore riserva Inferno Sesto Canto 2009
Non mi è piaciuto come il fratellino. Più snello, e non di poco. Naso molto più fine sui fiori, radice di liquirizia, ma la bocca è esile e tannino e sapidità non sono equilibrati da sufficiente ciccia. Mi sarei aspettato il contrario.
Più sullo stile delle altre riserve di casa.


Pensa che a me sesto canto piace di più di sant'Antonio proprio per i motivi per cui tu preferisci il Grumello :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
let me put my love into you babe

let me put my love on the line



let me put my love into you babe

let me cut your cake with my knife



Brian Johnson
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 24 apr 2017 18:12

nel thread sulle bevute di aprile, Sisifo ha scritto:Sassella Sassi Solivi 2010 C. Triasso e Sassella – Ne avevo stappato una l’anno scorso e non mi aveva convinto, soprattutto perché penalizzata da una punta alcolica fastidiosa e da una chiusura rognosamente amaricante. Spero che quella fosse l’eccezione storta e questo lo standard anche per le bottiglie che mi rimangono, perché questa è proprio buona. Nettamente il vino della serata. Rubino tenue e brillante. Naso calligrafico: fiori macerati, buccia di arancia, glicine, anice stellato e liquirizia. Mobilissimo al naso e guizzante in bocca. Ottimo allungo finale. Proprio bello!

Sassella Sassi Solivi 2011 C. Triasso e Sassella da Magnum – Secondo chi lo produce la migliore annata di sempre del Sassi Solivi, tuttavia mi è sembrato meno fine e definito rispetto all’annata precedente (e forse anche rispetto ai ’13 bevuti qualche tempo fa). Il trait d’union indubbiamente c’è: il 2011 ha più frutto ma meno corde da pizzicare. Qualcuno tra i presenti comunque trova più "goduriosa" questa versione un po’ più rotonda e in effetti rimane un vino molto piacevole.

Concordo sulle valuitazioni positive.
La migliore annata di sempre del Sassi Solivi secondo me è la 2005, quando tra l'altro non facevano ancora la Riserva.
A volte i produttori tendono a designare come migliore annata una ancora reperibile piuttosto che una ormai introvabile, ma non so se questo è il caso...
gp
connis
Messaggi: 150
Iscritto il: 06 ott 2013 21:31

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda connis » 24 apr 2017 20:56

sassella del negus Leusciatti?
qualcuno ha assaggiato? come lavora la cantina?
grazie
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 26 apr 2017 12:59

Vino a volte impreciso, per esempio la carbonica può essere presente e non solo in tracce...
Nelle annate riuscite però ha un fascino artigianale, per chi è sensibile all'autenticità dei vini.
gp
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 26 giu 2017 09:20

Up..profittando del fresco della montagna ho aperto questa:

Az. agricola Bana / Càbianche - Valt. Sup. La Tèna 2012 :D :D :D :)
Curioso sto fatto che tutti i piccoli produttori valtellinesi sfoderano delle prime annate davvero riuscite...in questo caso, pur nel carattere estremamente tipico, sfolgora un bel frutto (lampone e fragola), sia al naso che in bocca. Il sorso è abbastanza tondo, piuttosto gradevole, agitato in chiusura da una dote alcoolica e tannica un po' in eccesso. Sentori di boisé da botte nuova affatto spiacevoli (prima annata prodotta 2011).
Vigneti molto alti i suoi: 750 metri di altezza, in frazione Baruffini a Tirano, per lo Sforzato. 650 per questo Superiore.
Altro nome da seguire, anche solo per la diversità geografica rispetto agli altri juniors.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 26 giu 2017 14:36

un annetto fa, gp ha scritto:
cruyff1974 ha scritto:Hai già assaggiato ALESSIO MAGI e CA' BIANCHE? (Ultimi nuovi prodotti del vivaio valt?)

Purtroppo sì. Il VS La Tèna 2011 Cà Bianche l'anno scorso, vino-legno deja vu sbarcato direttamente dagli anni '90.

Come sempre, sul "corretto uso del legno in Valtellina" la vediamo diversamente, a meno che in un anno non siano successi miracoli...
In generale, una fetta di giovani produttori tende ad assecondare l'interventismo in cantina tipico della valle: in questo caso, oltre al legno, dalle informazioni dettagliate presenti nel catalogo di un distributore risulta una filtrazione pre-imbottigliamento con cartone da 3 micron che viene definita "sgrossante", ma secondo alcune tabelle in circolazione sarebbe "semi-brillantante" ("sgrossante" sarebbe 25 micron).
gp
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 26 giu 2017 14:51

gp ha scritto:
un annetto fa, gp ha scritto:
cruyff1974 ha scritto:Hai già assaggiato ALESSIO MAGI e CA' BIANCHE? (Ultimi nuovi prodotti del vivaio valt?)

Purtroppo sì. Il VS La Tèna 2011 Cà Bianche l'anno scorso, vino-legno deja vu sbarcato direttamente dagli anni '90.

Come sempre, sul "corretto uso del legno in Valtellina" la vediamo diversamente, a meno che in un anno non siano successi miracoli...
In generale, una fetta di giovani produttori tende ad assecondare l'interventismo in cantina tipico della valle: in questo caso, oltre al legno, dalle informazioni dettagliate presenti nel catalogo di un distributore risulta una filtrazione pre-imbottigliamento con cartone da 3 micron che viene definita "sgrossante", ma secondo alcune tabelle in circolazione sarebbe "semi-brillantante" ("sgrossante" sarebbe 25 micron).


Tu accedi a info ristrette, my dear.
Detto questo, il 12 è meno penalizzato dal legno e piuttosto solare. Ci sta anche che questa gradazione del frutto espresso sia figlia del passaggio in legno piccolo, meno riduttivo. Nel complesso non mi è affatto dispiaciuto, e tieni presente che ho una certa idiosincrasia verso i segni dell'affinamento...
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 26 giu 2017 15:51

Non proprio info ristrette, il catalogo che ho citato si trova qui
www.licinsi.it/wp-content/uploads/2014/ ... o-2017.pdf
gp
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 24 lug 2017 09:13

Coop. Agr. Triasso e Sassella - Valt. Sup. Ris. Sassi Solivi 2013

Finalmente in cantina sono venuti a capo dello spunto acetico che li ha spesso caratterizzati; questa edizione è profumatissima, di fiori spezie (sandalo e cannella) e fruttini rossi (dalla fragolina al succo di melograno). Bocca tesa, scarna, molto fresca (pure troppo), dai sinceri ritorni affumicati. Bene a metà (ci vuole più ciccia) ma sulla strada giusta.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Sisifo
Messaggi: 212
Iscritto il: 07 giu 2007 12:19

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda Sisifo » 30 lug 2017 11:50

Stappato pure io Ris. Sassi Solivi 2013 ieri sera. Concordo sulla descrizione (molto precisa) ma - gusto personale ovviamente - non sulla conclusione "ci vuole più ciccia". Trovo molto apprezzabile proprio la levità e la bevibilità di questo riserva, dati che mi capita di incontrare raramente nei valtellina da VT-appassimento. Secondo me deve ancora metabolizzare un po' il legno, per il resto lo trovo veramente riuscito, anche se continuo a preferire la spiccata mineralità del cru "I Ciazz" 2013.
Sono passato in cantina un paio di giorni fa e credo che anche le annate 2015 e soprattutto 2016, sentite dalle botti, ci potrebbero riservare delle belle soddisfazioni.
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 18 ago 2017 12:32

Ricito il Grisone 2010 di Mozzi che ho stappato qualche giorno fa, una bontà (pur se con legno percepibile, ma d'altronde la botte era nuova).

Martedì invece, in un Rifugio, l'unica cosa potabile era il base 2014 del Sassi Solivi. Magro, un po' puntuto, quasi freddo a partire dal colore tra il grigio ed il violaceo, ma non privo di frutto e tutto sommato molto ben riuscito per l'annata (ha messo dentro tutto quello che ha salvato da un dovuto ed esteso sfoltimento - la riserva infatti non uscirà). Bonus, il produttore era lì e ci ho fatto due chiacchiere. Attenzione alle prossime annate...
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Fedevarius
Messaggi: 220
Iscritto il: 24 mag 2016 14:47
Località: Firenze

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda Fedevarius » 21 ago 2017 23:41

Volendo fare un piccolo riassunto sull'andamento delle annate in zona leggendo il thread mi è parso di capire questo:

2007 e 2009 ottime,
2008 e 2014 non buone salvo qualche eccezione,
2011 un disastro con poche eccezioni,
2010 e 2012 medie,
2013 e 2015 buone

è corretto?

Qualcuno mi sa dare qualche info (o indicarmi dove cercare su internet) sulle annate meno recenti??
L'unica cosa che ho trovato è lo schema dei vini usciti in ogni annata sul sito di Arpepe...

ps bevuto recentemente Rainoldi Ca' Rizzieri 97, piaciuto davvero molto
"E poi se la gente sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita, e ti piace lasciarti ascoltare…"
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 22 ago 2017 11:03

Fedevarius ha scritto:Volendo fare un piccolo riassunto sull'andamento delle annate in zona leggendo il thread mi è parso di capire questo:

2007 e 2009 ottime,
2008 e 2014 non buone salvo qualche eccezione,
2011 un disastro con poche eccezioni,
2010 e 2012 medie,
2013 e 2015 buone

è corretto?

Qualcuno mi sa dare qualche info (o indicarmi dove cercare su internet) sulle annate meno recenti??
L'unica cosa che ho trovato è lo schema dei vini usciti in ogni annata sul sito di Arpepe...

ps bevuto recentemente Rainoldi Ca' Rizzieri 97, piaciuto davvero molto


2011 non lo definirei affatto un disastro, a differenza della 2014 dove si faticherà a trovare vini buoni.
Nella '11 ci sono stati vini caldi e talvolta con imperfetta maturazione fenolica, un po' come in Langa, ma almeno non sono algidi o crudi come nella '14.
'08 in effetti è cattiva assai, in Valle.

Quindi, generalizzando (ma attenzione che la Valgella, essendo sposata più a est e con esposizioni talvolta meno orientate a sud, si comporta un po' per conto suo):

2007 ottima
2008 evitare
2009 ottima
2010 buona
2011 media
2012 media
2013 buona + (ancora da testare pienamente)
2014 scarsa
2015 buona + (ancora da testare pienamente)
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 22 ago 2017 13:10

Sisifo ha scritto:Stappato pure io Ris. Sassi Solivi 2013 ieri sera. Concordo sulla descrizione (molto precisa) ma - gusto personale ovviamente - non sulla conclusione "ci vuole più ciccia". Trovo molto apprezzabile proprio la levità e la bevibilità di questo riserva, dati che mi capita di incontrare raramente nei valtellina da VT-appassimento. Secondo me deve ancora metabolizzare un po' il legno, per il resto lo trovo veramente riuscito, anche se continuo a preferire la spiccata mineralità del cru "I Ciazz" 2013.
Sono passato in cantina un paio di giorni fa e credo che anche le annate 2015 e soprattutto 2016, sentite dalle botti, ci potrebbero riservare delle belle soddisfazioni.

D'accordo su tutto, anche sulla preferenza per "I Ciaz". Peraltro sono tutti Sassella, precisazione importante, anche quello che Zampaflex chiama "base" (cioè il Sassella Sassi Solivi), come se fosse un Rosso di Valtellina.

Più che gusto personale, sul quale ovviamente non si discute, ci sono in ballo interpretazioni critiche: con la 2014, la Cooperativa Triasso Sassella è ormai alla 11ma annata prodotta, e si capiva fin dall'inizio (in particolare dalla 2005) che si trattava di vini "a levare" pittosto che "a mettere", in controtendenza rispetto all'approccio dei negociant, interventisti in cantina per compensare i deficit delle uve che acquistano (a basso prezzo), con esiti tendenzialmente burrosi-confetturati-sovraspeziati-mentolati-gallici.

Comunque un recoltant manipulant che ha fatto un 2014 atipicamente potente, azzardato ma secondo me riuscito, è Boffalora con il VS Pietrisco (vicino ai confini della Sassella). Se Zampaflex lo prova, ci potrà dire se anche in questo caso c'è qualcosa che gli manca...
gp
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 22 ago 2017 15:24

gp ha scritto:Più che gusto personale, sul quale ovviamente non si discute, ci sono in ballo interpretazioni critiche: con la 2014, la Cooperativa Triasso Sassella è ormai alla 11ma annata prodotta, e si capiva fin dall'inizio (in particolare dalla 2005) che si trattava di vini "a levare" piuttosto che "a mettere", in controtendenza rispetto all'approccio dei negociant, interventisti in cantina per compensare i deficit delle uve che acquistano (a basso prezzo), con esiti tendenzialmente burrosi-confetturati-sovraspeziati-mentolati-gallici.


I négociant più che "mettere", "correggono" :mrgreen:
Sono curioso di provare il Pietrisco 14 da quanto dici. Entro un paio di settimane lo recupero.
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
gp
Messaggi: 2632
Iscritto il: 22 apr 2008 11:39

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda gp » 22 ago 2017 17:07

zampaflex ha scritto:
Fedevarius ha scritto:Volendo fare un piccolo riassunto sull'andamento delle annate in zona leggendo il thread mi è parso di capire questo:

2007 e 2009 ottime,
2008 e 2014 non buone salvo qualche eccezione,
2011 un disastro con poche eccezioni,
2010 e 2012 medie,
2013 e 2015 buone

è corretto?


2011 non lo definirei affatto un disastro, a differenza della 2014 dove si faticherà a trovare vini buoni.
Nella '11 ci sono stati vini caldi e talvolta con imperfetta maturazione fenolica, un po' come in Langa, ma almeno non sono algidi o crudi come nella '14.
'08 in effetti è cattiva assai, in Valle.

Quindi, generalizzando (ma attenzione che la Valgella, essendo sposata più a est e con esposizioni talvolta meno orientate a sud, si comporta un po' per conto suo):

2007 ottima
2008 evitare
2009 ottima
2010 buona
2011 media
2012 media
2013 buona + (ancora da testare pienamente)
2014 scarsa
2015 buona + (ancora da testare pienamente)

Sostanzialmente d'accordo, con piccoli aggiustamenti:
2007 buona/ottima
2008 scarsa
2009 ottima
2010 buona
2011 discreta
2012 discreta/buona *
2013 ottima *
2014 scarsa *
2015 buona/ottima *

* ancora da testare pienamente

La valutazione si riferisce in prevalenza all'andamento climatico e tiene conto dell'attitudine all'invecchiamento. Riguardo alla qualità dei vini, l'andamento climatico è ovviamente importante, ma singoli vini o anche gruppi di vini possono discostarsene verso l'alto o verso il basso. Nel caso del 2014, per esempio, alcuni vini sono di qualità discreta/buona (VS Pietrisco, Sassella Sassi Solivi, Sassella Terrazzi Alti), anche grazie al lavoro di selezione della materia prima.
gp
Avatar utente
pier2559
Messaggi: 1011
Iscritto il: 19 feb 2009 20:24
Località: Romagna

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda pier2559 » 24 ago 2017 19:00

Mi chiedevo, avendo rimasto qualche boccia di Arpepe Stella Retica e Rocca de Piro: com'è la 2006? E' il momento di stappare?
Riempi il tuo cranio di vino, prima che si riempia di terra. (Nazim Hikmet)
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 25 ago 2017 09:08

pier2559 ha scritto:Mi chiedevo, avendo rimasto qualche boccia di Arpepe Stella Retica e Rocca de Piro: com'è la 2006? E' il momento di stappare?


Male non fa :D
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita
Fedevarius
Messaggi: 220
Iscritto il: 24 mag 2016 14:47
Località: Firenze

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda Fedevarius » 30 ago 2017 19:51

Metto due note per dare il mio piccolo (e poco competente) contributo a questo thread, che ho usato come guida durante qualche giorno in Valtellina.
5 giorni, 4 cantine visitate, qualche bottiglia aperta a cena, quindi una panoramica di assaggi limitata.
Come idea generale i vini risultano meno tannici e leggermente più pronti e godibili subito rispetto ai nebbioli di Langa.
Aggiungo che a volte i vini, anche in base ai produttori e/o alle annate un po' più sfigate, risultano buoni e ben fatti ma un po' freddi, come fossero chiusi e chissà se in grado oppure no di aprirsi dopo adeguato riposo in bottiglia.

MAMETE PREVOSTINI
Visitata la cantina mentre ero di passaggio, si visita solo la cantina di affinamento in Val Chiavenna perchè quella di vinificazione in Valtellina è nuova ed ancora in allestimento
per essere adatta ai visitatori.
La visita è condotta da una ragazza MOLTO carina ma a parte questo non è molto interessante. Traspare comunque la voglia di fare bene e migliorarsi come produzione.

I VINI:
Santa Rita Rosso di Valtellina 2015 - Fruttoso, croccante e fresco come ci si aspetta da un vino base. Piacevole.
Valtellina sup. Sassella 2014 - Il vino è corretto ma si concede poco o nulla, la sensazione di chiusura e incompiutezza che descrivevo in apertura qui è presente. Piaciuto poco.
Valtellina sup. Sassella Sommarovina 2014 - Selezione di uve provenienti da un unica vigna, leggermente più speziato ed elegante del precedente risulta però altrettanto "freddo".
Sfursat Corte di Cama 2013 - Qualcuno lo definirebbe un vino "da donna": naso molto dolce principalmente di frutta rossa e nera stramatura o in confettura, alcol leggermente in evidenza. Eccessivamente "piacione" per i miei gusti.
Sfursat Albareda 2013 - Leggendo qui mi aspettavo un vino decisamente marcato dal legno che, invece, c'è ma non è così eccessivo. Meno dolce e più complesso del precente, non lo comprerei visto il prezzo che ha ma non mi è dispiaciuto.

BALGERA
Valtellina superiore Sassella Riserva 2004 - Preso al ristorante perchè proposto a un prezzo conveniente (intorno ai 18 euro al tavolo) ricordavo che qui sul forum non se ne era parlato
benissimo ma a qualcuno il produttore piaceva, quindi ho voluto provare.
Leggera volatile che con il tempo si attenua senza mai scomparire del tutto. Il vino sembra molto più giovane di quello che è, al naso concede leggere note di frutta rossa mentre in bocca risulta
algido e decisamente poco espressivo.
Difficile andare oltre un paio di bicchieri, dispiace dirlo ma piaciuto proprio poco.

CANTINA SCERESINI
Castel Grumello riserva 2009 - Questo pure preso al ristorante a prezzo molto accessibile, forse non è un gran vino ma è piacevole.
Bel naso caldo di frutta matura, in bocca è giustamente fresco con un bel tannino e un allungo pulito che invoglia a versarsi un altro bicchiere.
Ha accompagnato egregiamente i piatti di zona.

PIETRO TRIACCA
Terraretica IGT 2009 - Prodotto con uve parzialmente appassite. Oltre al fatto che questo è un IGT se ho ben capito il produttore vinifica in svizzera, fattori che potrebbero lasciare intuire una certa dose di "libertà" in cantina.
Il vino comunque è buono, non complessissimo, l'appassimento benchè parziale si fa sentire e di nuovo troviamo note di frutta molto matura, una componente alcolica importante ma gestita abbastanza bene, note di vaniglia e cioccolato.
Per quel che vale aggiungo che il giorno dopo il vino risulta abbastanza "stanco", con sentori quasi liquorosi.

RAINOLDI
Visita in cantina da Rainoldi, ancora una volta non si visita nè vigneto nè cantina di vinificazione ma solo la zona di affinamento.
Premetto che il produttore è l'unico di cui avevo già assaggiato qualcosa e, il mio preferito ad oggi (mai assaggiato nulla di Arpepe, provvederò)
I VINI
Sassella riserva 2013 - Colore scarico, naso di frutta rossa e con un po' d'aria si aggiungono note agrumate e mentolate. Molto giovane in bocca, bella mineralità, pulizia ed eleganza. Piaciuto molto
Inferno riserva 2013 - Tra i vini assaggiati è quello che mi è piaciuto meno, più "carico" del precedente, sotto tutti gli aspetti. Colore pieno, naso intenso di frutta matura e speziatura dolce, alcol e tannini ben presenti in bocca.
Grumello riserva 2010 - Piaciuto molto anche questo, rubino pieno, naso intenso di frutta nera e leggermente balsamico. In bocca è equilibrato, con tannini ben fatti. L'impressione è che sia da bere ora o nei prossimi 3, massimo 5, anni.
Sfursat Ca' Rizzeri 2013 - Tanta materia per questo sforzato, tra note dolci di fragola e legno e alcol un po' troppo marcati. (Bevuta recentemente una versione eccellente di fine anni '90, il che mi fa pensare che ci sia bisogno di qualche anno di bottiglia per farlo distendere e far uscire un bel vino).
Sfursat 2013 - Questo risulta invece più godibile ora, molto più leggero sia al naso che in bocca, al naso note dolci ma non stucchevoli, si ritrovano le note mentolate. Una buona freschezza e un bel finale pulito e giustamente lungo.

ANTONIO MOZZI
Come spesso accade con i piccoli produttori la visita in cantina è estremamente piacevole e istruttiva.
Accolto da Antonio in casa, visitiamo insieme le vigne e la cantina di produzione. Il panorama delle vigne da vicino è incredibile, un muro degno di uno scalatore.
Recentemente è stata impiantata una nuova vigna, posizionata perpendicolarmente rispetto alle altre della valle e (se ho ben capito) usato un clone di nebbiolo diverso.
Assaggi da botte del 2015 che verrà imbottigliato a breve ed è, tutto considerato, già abbastanza pronto. Fruttato e fresco, bei profumi e ottima bevibilità.
Presa e bevuta a casa la versione 2014 che, pur essendo la migliore delle 2014 che ho assaggiato, secondo me risulterà molto inferiore alla 2015. Si beve bene anche questo ma il naso regala molte meno soddisfazioni e in bocca è più scarno.
Presa senza assaggiare anche la riserva 2013, vedremo.

COOPERATIVA TRIASSO E SASSELLA
Visita un po' frettolosa perchè era tardi e, dopo un'intero pomeriggio passato per cantine, la famiglia mi reclamava a casa.
La cantina è una serie di cunicoli labirintici, scavati nella montagna e risultato di recenti aperture che hanno unito locali preesistenti.
Il produttore è simpaticissimo e ogni tanto lascia andare a divagazioni in dialetto.
Si perde a raccontarmi dei suoi nipoti, della sua vita da ferroviere, di come un giorno di qualche hanno fa,
insieme con altri produttori-conferitori di zona, abbiano deciso di provare a imbottigliare il proprio vino. Prosegue parlando dei trattamenti in vigna e
delle idee che ha per migliorare la sala assaggi e la parte commerciale. C'è voglia di fare e migliorarsi e ingrandirsi.
Assaggio solo il Ciaz 2015 da botte e il Sassisolivi 2014. I vini sono ben fatti anche se non si grida al miracolo, forse avevo troppa aspettativa per quello che avevo letto qui.
Presa comunque la riserva 2013, anche qui staremo a vedere.


PS. ho mangiato bene da Trippi, così così da San Carlo a Chiuro, bene a il Poggio a Poggiridenti e molto bene alla trattoria Altavilla.
"E poi se la gente sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita, e ti piace lasciarti ascoltare…"
Avatar utente
zampaflex
Messaggi: 6542
Iscritto il: 25 ago 2010 15:26
Località: Brianza

Re: SFURSAT e Valtellina Sup. - Quali secondo i forumisti

Messaggioda zampaflex » 30 ago 2017 21:28

Fedevarius ha scritto:
ANTONIO MOZZI



ALFIO! :D
Sezione ignoranti, educande e quinta colonna maronita

Torna a “Vino&Co.: polemiche e opinioni”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: andrea, Baloo1926, BarbarEdo, Biavo, gp, littlewood, Messner, paoly, spatangide, teo777full e 23 ospiti